Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Vibo Valentia

NOTIZIE

 

 Rifiuti. Lo sciopero viene revocato. Decisivo l'intervento del Prefetto

È stata una giornata di tensioni, quella vissuta ieri dagli operai dell ’ Eurocoop, trascorsa tra pro- teste, assemblee e riunioni ristrette. Ma nel tardo pomeriggio tutti hanno potuto tirare un piccolo sospiro di sollievo grazie alla mediazione del prefetto Giovanni Bruno che, affiancato dal vice capo di gabinetto Sergio Raimondo, ha ricevuto il segretario provinciale dello Slai Cobas Nazzareno Piperno, una folta delegazione di lavoratori, il dirigente dell ’ Eurocoop Dino Garrì e il sindaco Nicola D ’ Agostino, riuscendo, nell'arco di poche ore a sbloccare completamente la situazione. Situazione che era diventata delicata sia per i lavoratori, la cui forma di protesta risultava un pò impropria, essendo lo sciopero non in una attività che è un servizio pubblico essenziale, sia per la collettività, che in poche ore si era vista la città riempita di rifiuti. Al termine dell ’ incontro, nel corso del quale è stata presa in esame la questione legata al mancato pagamento degli stipendi, le parti hanno trovato un accordo. L'azienda, infatti, a seguito dell'intervento prefettizio versa immediatamente il 50 % delle spettanze, promettendo di dare il resto entro martedì. Non finisce qui, però. Il Prefetto Bruno ha già fissato un nuovo incontro per mercoledì in Prefettura, per dare seguito a quelle richieste ancora inattese e rivendicate dai lavoratori.
Pubblicato il :

 Mare sporco. Il Prefetto Bruno presiede un vertice in Prefettura.

Non sono bastate due ore di riunione per individuare le cause delle evidenti chiazze marroni che caratterizzano il mare nicoterese in alcuni giorni. Tante le interpretazioni date al perché della comparsa delle sgradevoli “ chiazze marroni ” ma nessuno dei presenti è riuscito ad esibire una valida teoria chiarificatrice. Eppure al tavolo tecnico organizzato ieri mattina dallo stesso prefetto Giovanni Bruno erano presenti alcune delle individualità più importanti preposte a risolvere l ’ annoso problema. Oltre al Prefetto e al Commissario straordinario della Provincia Mario Ciclosi, sono intervenuti, tra gli altri, il comandante Paolo Marzio della Capitaneria di porto di Vibo Marina, la dirigente dell ’ Arpacal, Angela Maria Diano, Salvatore Epifanio, dirigente della Regione, i capitani Luca Bonatesta e Basilio Palma della Guardia di Finanza, nonché i rappresentanti di alcune associazioni. Il prefetto Giovanni Bruno e ha ascoltato con vivo interesse tutti gli interventi dei presenti demandando ogni decisione al prossimo incontro, nel quale saranno convocati tutti i sindaci della costa, in modo da trovare le giuste soluzioni e porre rimedio alla situazione creatasi.
Pubblicato il :

 Mercato coperto in via delle clarisse. Slitta ancora l’avvio dei lavori. Nuovo vertice in Prefettura.

Ieri, sulla scia dell’ormai consolidata prassi che vede coinvolto l’Ufficio di governo anche per problemi legati alla gestione dell’ordinaria manutenzione, l’ennesimo incontro in Prefettura richiesto dalla Cisal che, a tutela dei venditori, sin dallo scorso anno segue la questione del Mercato Copero di via Delle Clarisse. Al termine del vertice, è giunta una nuova proposta: entro dieci-quindici giorni verrà adottata la determina per l’appalto dei lavori del progetto, finanziato per 170mila euro. Quindi il passaggio degli atti alla Suap la stazione unica appaltante per il successivo iter. Poi sarà possibile parlare di avvio dei lavori.
L’incontro, presieduto dal vice capo di gabinetto, dott. Sergio Raimondo, a cui il prefetto Giovanni Bruno ha affidato l’incarico di seguire la vicenda, ed a cui hanno partecipato anche l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Lino Vartuli, assistito dal tecnico comunale Claudio Decembrini, il comandante dei vigili del fuoco Antonio Casella, una delegazione della Cisal composta dal segretario provinciale aggiunto Filippo Curtosi e dai dirigenti provinciali Eleonora Cavallaro e Salvatore Franzè, da una rappresentanza degli stessi lavoratori agricoli, si è, dunque, concluso con l’approvazione di un nuovo crono programma e che continua a non far fare salti di gioia agli interessati.
Pubblicato il :

 Vibo Marina. Pericolo straripamento torrente S. Anna in Bivona. La Prefettura ordina lo sgombero dei piani bassi.

La Prefettura di Vibo Valentia, a seguito degli ingenti piovaschi abbattutisi sul capoluogo nell'odierno  pomeriggio, che hanno determinato un grave rischio di straripamento del torrente Sant’Anna di Bivona, che richiede “lavori di pulitura dell’alveo del torrente, anche nella parte a monte del tratto interessato, al fine di evitare esondazioni”, e
“nelle more dell’esecuzione dei predetti lavori”, dispone lo sgombero dei piani terra e interrati delle abitazioni esistenti in prossimità del torrente nel tratto interessato”.
 
Pubblicato il :

 White List

Dal 14 agosto 2013, in concomitanza con l’entrata in vigore del D.P.C.M. 18 Aprile 2013, che disciplina le modalità relative alla istituzione e all'aggiornamento dell'elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, le cosiddette "WHITE LIST", operanti nei settori esposti maggiormente a rischio, sarà possibile la presentazione, per via telematica, dell’istanza di iscrizione, collegandosi al sito della Prefettura ed accedendo all’apposita sezione.
L’iscrizione potrà essere richiesta dal titolare dell’impresa o dal suo legale rappresentante anche per via telematica, ovvero attraverso la posta elettronica certificata, indicando i settori di attività alla Prefettura della Provincia in cui ha sedel'impresa.
Al termine dell’istruttoria la Prefettura rilascerà il relativo nullaosta disponendo la pubblicazione dell’iscrizione nella white list.
L’iscrizione negli elenchi è volontaria, conserva efficacia per 12 mesi, e potrà essere chiesta da fornitori, prestatori di servizi ed esecutori operanti nell’ambito delle attività ritenute più a rischio: “trasporto di materiali a discarica per conto di terzi; trasporto, anche transfrontaliero, e smaltimento di rifiuti per conto terzi; estrazione, fornitura e trasporto di terra e materiali inerti; confezionamento, fornitura e trasporto di calcestruzzo e di bitume; noli a freddo di macchinari;   fornitura di ferro lavorato; noli a caldo; autotrasporti per conto di terzi, guardiania dei cantieri”.
L’inserimento nell’elenco velocizzerà notevolmente le procedure, dato che le imprese che ne faranno parte saranno esonerate per tutto il periodo di efficacia dello stesso, 12 mesi, dal produrre la documentazione comprovante lo status di azienda libera da infiltrazioni mafiose.
Le stazioni appaltanti non dovranno più chiedere l’informazione antimafia per le imprese inserite nell’elenco che sarà reso disponibile sul sito della Prefettura nella sezione “ Amministrazione Trasparente ”, articolato in sezioni corrispondenti alle predette attività.
La Prefettura ha l'obbligo di concludere il procedimento nel termine di novanta giorni dalla data di ricevimento dell'istanza di iscrizione.
Pubblicato il :

 Il saluto del Prefetto Bruno alla comunità

Nell’assumere le funzioni di Prefetto della provincia di Vibo Valentia, sento il dovere di rivolgere il mio saluto all’intera comunità ed a quanti operano in questo territorio nei diversi livelli istituzionali, sociali, produttivi.Mi accingo, con gioia e determinazione, ad affrontare un nuovo percorso in una splendida terra, ricca di cultura e tradizione, ove è forte il desiderio di riscatto ed è viva l’esigenza di intraprendere, con vigore e convinzione, itinerari di legalità, nella consapevolezza che solo in questo modo si può essere autentici soggetti di diritto e protagonisti delle proprie scelte.Sarò, per questo, costantemente a fianco delle Istituzioni locali, della Magistratura, delle Forze di Polizia, per concorrere a garantire sempre maggiori condizioni di sicurezza e di legalità ed a superare le difficoltà che si frappongono ad una crescita sana e sostenibile del territorio e della comunità.Sarò vicino ai cittadini, lavorando al servizio del bene comune e nel rispetto della dignità di ciascuno.Questa la prospettiva che segnerà il percorso che, insieme a voi, sono chiamato a compiere in questa provincia, nella convinzione che il raggiungimento di positivi traguardi passa necessariamente attraverso un’azione sinergica, mai isolata, e praticando quotidianamente l’esercizio dell’ascolto dei bisogni e delle ragioni di tutti.Con questi sentimenti rivolgo un saluto cordiale ed un augurio sincero.F.to Giovanni Bruno
Pubblicato il :

 Italcementi ed Eni, il Prefetto incontra i sindacati

Faccia a faccia, per un cordiale saluto e un primo approccio sulle problematiche di cui soffre il territorio vibonese, tra il prefetto Giovanni Bruno e i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil, Cisal e Ugl. Al centro dell ’ incontro, svoltosi ieri mattina nella Prefettura, la difficile situazione che sta vivendo il territorio vibonese sempre più impantanato nelle sabbie mobili della crisi economica. In particolare, sotto la lente di ingrandimento del rappresentante territoriale del Governo e delle forze sindacali soprattutto la perdita di centinaia di posti di lavoro che rendono la provincia di Vibo Valentia sempre più fragile nel settore industriale. L ’ incontro, dopo il saluto del neo Prefetto, è scivolato inevitabilmente sulle vertenze Eni e Italcementi che, negli ultimi mesi, hanno caratterizzato il dibattito politico provinciale e regionale. Il Prefetto, nel suo intervento, ha affermato che lavorerà con lo stesso impegno del suo predecessore per dare risposte al territorio vibonese che non può permettersi di perdere realtà industriali come il deposito Eni e lo stabilimento dell ’ Italcementi che, da anni, danno lavoro a centinaia di persone. Per rendere ancora più visibile e incisiva la sua azione ha assicurato la sua partecipazione all ’ incontro che le forze sindacali e una delegazione di lavoratori dell’Italcementi avranno sabato prossimo a Roma con il sottosegretario all ’ Economia, Stefano Fassina. Il Prefetto, in questo primo confronto con i sindacati, ha mostrato grande interesse alle richiesta arrivate dai sindacati i quali hanno espressamente di fare fronte comune per salvare un ’ intera provincia dalla debacle economica.
Il prefetto Bruno, infine, dopo aver ascoltato i diversi interventi dei rappresentanti sindacali, ha assicurato la sua costante attenzione su ogni vertenza che si aprirà sul territorio vibonese che aspetta un rilancio a 360 gradi.
A conclusione dell'ascolto delle parti sociali, nella mattinata odierna, incontrerà il presidente della camera di Commercio e della Confindustria.
 
Pubblicato il :

 l prefetto incontra i sindacati.

È FISSATO per la mattinata odierna l’incontro che il neo prefetto Giovanni Bruno avrà con le organizzazioni sindacali della provincia. Sarà un’occasione per far conoscere al rappresentante
territoriale del governo tutte le problematiche che caratterizzano il Vibonese, specialmente quelle relative alla disoccupazione sempre più attuali con l’organizzazione di sitin, manifestazioni e quant’altro. Si discuterà, seppure brevemente, in questa presa di contatto reciproca, delle vertenze Italcementi ed Eni.
Pubblicato il :

 Prefetto Bruno. Dopo l'insediamento le prime visite

GIORNATA d’insediamento e primi giri istituzionali per il nuovo prefetto Giovanni Bruno. Ieri pomeriggio è stato ricevuto dal sindaco Nicola D’Agostino e dalla sua giunta a palazzo Luigi Razza, dopo un viaggio fatto in treno per raggiungere la città di Vibo. Viene da Ventimiglia, realtà complessa che vive problemi solo in parte analoghi a quelli diffusi in Calabria, a cominciare dalla pervasività della ’ndrangheta, che ha conosciuto e affrontato in qualità di commissario prefettizio del Comune del Ponente ligure. «Certo una sostanziale diversità c’è tra il territorio ventimigliese e quello vibonese in termini di penetrazione della ’ndrangheta - ha chiarito il prefetto Bruno -. La ’ndrangheta locale ha un legame diverso, e forse più fine, certamente andranno poi man mano verificate le singole situazioni». Il nuovo capo dell’Ufficio territoriale del governo ha poi proseguito alla volta della Provincia per incontrare il commissario straordinario Mario Ciclosi. Anche qui situazione particolare. Ciclosi è un tecnico chiamato a traghettare un ente giovane ma destinato a scomparire in ragione del riordino istituzionale programmato dal governo Letta. Per concludere la sua prima giornata di visite istituzionali, il prefetto Bruno si è recato a Mileto per rendere omaggio al vescovo della Diocesi di Mileto, Nicotera e Tropea Luigi Renzo. Anche in questo caso tanta voglia di collaborare, nel solco del percorso intrapreso dal prefetto Michele Di Bari, suo predecessore appena insediatosi a Modena, che anche con la Chiesa ha saputo innestare una virtuosa sinergia. Nella giornata odierna il prefetto Giovanni Bruno renderà visita ai vertici delle forze di polizia, con i quali, oltre ai saluti di rito, si inizierà a discutere anche delle questioni afferenti l’ordine e la sicurezza pubblico.
Pubblicato il :

 Giovanni Bruno nuovo Prefetto di Vibo Valentia

Si è insediato stamane il nuovo Prefetto della provincia di Vibo Valentia, S.E. dott. Giovanni Bruno.

Pubblicato il :

 
Torna su