Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Venezia

NOTIZIE

 

 Nuove indicazioni operative concernenti le modalità di iscrizione all'Anagrafe antimafia degli esecutori degli interventi nelle aree terremotate del Centro Italia.

Si rende necessario procedere ad alcune innovazioni operative, per rendere più semplici e veloci le procedure di iscrizione presso l'Anagrafe degli esecutori da parte degli operatori economici interessati a partecipare, a qualsiasi titolo e per qualsiasi attività, agli interventi di ricostruzione pubblica e privata nei Comuni del "cratere" sismico.
È stata, a tal fine, predisposta una modalità di caricamento dello specifico modello di domanda di iscrizione indirizzato alla Struttura di Missione, attraverso l'accesso diretto degli operatori economici interessati ad una specifica Piattaforma informatica, elaborata d'intesa con il Commissario Straordinario del Governo per la ricostruzione.
Dal 30 gennaio 2017 , pertanto, le domande di iscrizione all'Anagrafe non dovranno più essere trasmesse all'indirizzo P.E.C. della Struttura di Missione , bensì dovranno essere caricate esclusivamente nell'apposita maschera accessibile all'indirizzo web https://anagrafe.sisma2016.gov.it , corrispondente alla citata Piattaforma informatica.
Le eventuali P.E.C. che dovessero pervenire a questa Prefettura o alla Struttura di Missione in data successiva a quella di entrata in vigore della nuova procedura saranno, pertanto, restituite al mittente, con l'indicazione esplicita di provvedere all'inoltro della domanda di iscrizione tramite Piattaforma informatica.
Pubblicato il :

 Servizi interforze per il contrasto all'immigrazione irregolare

In attuazione della Direttiva del Ministro dell'Interno concernente il contrasto all'immigrazione illegale, nella riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 10 gennaio u.s., si era stabilito di rafforzare ulteriormente l'attività di rintraccio dei cittadini dei Paesi terzi in posizione irregolare, attraverso l'attivazione di piani straordinari di controllo del territorio, da parte delle diverse Forze di Polizia, con il coinvolgimento delle Polizie Locali, volti al contrasto dell'immigrazione irregolare, nonché allo sfruttamento della manodopera e alla varie forme di illegalità che attingono dal circuito della clandestinità.
Nello specifico, si era convenuto di attivare un apposito Tavolo tecnico presso la Questura, per la pianificazione dei servizi interforze da espletare a Venezia e nella terraferma, nonché di istituire, nell'ambito della Città Metropolitana, presso i locali presidi di sicurezza, analoghi tavoli, allo scopo di stabilire, in relazione alle peculiarità di ciascun territorio, il dispositivo straordinario di controllo, in stretto raccordo con l'Ufficio Immigrazione della Questura.
Nell'ambito del predetto Tavolo Tecnico, sono state definite le aree urbane operative e le disposizioni di coordinamento, che hanno permesso di suddividere le zone di intervento tra le diverse forze di Polizia.
Le attività di controllo, poste in essere in data 19 gennaio 2017, hanno consentito di identificare complessivamente 116 persone, di cui 81 stranieri, 13 dei quali in posizione irregolare sul territorio nazionale, per i quali sono stati adottati i relativi provvedimenti di espulsione.
In tale contesto, è stato, altresì, disposto l'accompagnamento di uno straniero al CIE di Caltanissetta. Sono state denunciate 13 persone, di cui 2 arrestate, in esecuzione all'ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia per i reati connessi alla detenzione ai fini di spaccio delle sostanze stupefacenti.
Nel corso dell'attività sono stati, infine, emessi tre fogli di via obbligatori.
Nel pomeriggio di ieri, dalle ore 13.00 alle ore 19.00, sono stati effettuati nella terraferma veneziana diversi servizi di controllo interforze, con il supporto della Polizia Locale del Comune di Venezia, con l'impiego di n. 50 unità, che hanno consentito di identificare complessivamente 191 persone, tra questi 144 stranieri, di cui 10 irregolari, per i quali sono stati adottati 8 decreti di espulsione, con l'accompagnamento di uno straniero al CIE e di un minore presso la struttura preposta.
Nell'ambito delle predette operazioni, sono state denunciate 7 persone per i reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti e immigrazione, di cui una tratta in arresto, nonché sequestrati 140 grammi di cocaina e 100 grammi di marijuana.
Sono stati inoltre controllati 19 veicoli e 4 esercizi pubblici.

   

Pubblicato il :

 Incontro in Prefettura tra le organizzazioni sindacali e WFS Ground Italy S.r.l. - FILT CGIL e UILT UIL sospendono lo stato di agitazione

Nella giornata odierna, si è svolto in Prefettura un incontro tra le organizzazioni sindacali FILT CGIL, FIT CISL, UILT UIL e UGL Trasporto Aereo e WFS Ground Italy S.r.l., convocato ai sensi della legge n. 146/1990, come modificata dalla legge n. 83/2000, in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali.
Nel corso della riunione, si è discusso in merito al mancato accordo sulla flessibilità, che ha portato l'azienda ad adottare degli atti unilaterali, fortemente contestati dalle Organizzazioni Sindacali.
La Prefettura ha richiamato le parti al senso di responsabilità, invitandoli a riprendere il dialogo, nel rispetto delle corrette relazioni industriali, attraverso l'attivazione di un percorso finalizzato alla stipula dell'accordo sulla riorganizzazione, con gli opportuni correttivi, secondo criteri condivisi, tenuto conto anche della situazione di difficoltà economica in cui versa la società.
Si è convenuto, pertanto, di sottoscrivere, dopo il breve percorso aziendale, l'intesa, presso la Prefettura di Venezia.
Le predette organizzazioni sindacali hanno, quindi, deciso di sospendere lo stato di agitazione, considerando conclusa negativamente la procedura conciliativa, qualora, all'esito del percorso delineato, non si dovesse pervenire ad una soluzione condivisa.
FIT CISL e UGL Trasporto Aereo, invece, non hanno accolto la predetta proposta, ritenendo non sussistenti i presupposti per concludere positivamente la vertenza.
Pubblicato il :

 Sorteggio revisore dei conti comune di Chioggia

Giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 11:00 presso questa Prefettura, terzo piano, verrà effettuato il sorteggio per la scelta del revisore dei conti per il Comune di Chioggia.
Tale sorteggio è aperto al pubblico.
Pubblicato il :

 Festività Dipavali Unione Induista Italiana Sanatana Dharma Samgha - calendario 2017

Sulla base dell'intesa stipulata nel 2007,è stata emanata la L. 246/2012 recante le norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione Induista Italiana (UII) Sanatana Dharma Samgha.

L'art. 25 della citata legge,riconosce agli organismi rappresentati dall'UII,su loro richiesta,di osservare la festa Indù Dipavali,diritto esercitabile nel quadro della flessibilità dell'organizzazione del lavoro,fermo restando salve le imprescindibili esigenze dei servizi essenziali previsti dall'ordinamento giuridico.

Ciò premesso,l'UII ha comunicato il calendario delle festività per l'anno 2017,calendario contenuto nel comunicato del Ministero dell'Interno pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 4 gennaio 2017,visualizzabile anche sul sito WEB del Ministero dell'Interno (Religioni e Stato).

Il calendario è il seguente:



Anno 2017 19 OTTOBRE 2017
Pubblicato il :

 ACTV - esito positivo del tentativo di raffreddamento in Prefettura

Stamane, in Prefettura, si è svolto un incontro allo scopo di esperire il tentativo di raffreddamento e conciliazione ai sensi della Legge n. 146/1990, modificata dalla Legge n. 83/2000, in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali, come richiesto da FIT CISL, UILT, FAISA CISAL, FILT CGIL e UGL AFT, al fine di discutere in merito ad alcune questioni, oggetto della vertenza in atto con ACTV S.p.A.
Dopo ampio dibattito, le Organizzazioni Sindacali hanno dichiarato di sospendere le azioni di protesta, in attesa di approfondire i punti tecnici, oggetto delle vertenze, stabilendo l'avvio della discussione in azienda a partire dal 21 gennaio 2017, significando che tale confronto dovrà concludersi entro un termine congruo e comunque non oltre 60 giorni.
Qualora, durante il confronto ovvero al termine del percorso delineato, non dovessero esserci più le condizioni del mantenimento del dialogo tra le parti, queste, previa comunicazione alla Prefettura di Venezia ed agli enti competenti, saranno libere di intraprendere le azioni di protesta consentite.
L'azienda ha preso atto della richiesta e ha confermato che, dall'incontro del 20 gennaio p.v., convocato dall'Assessore alle società partecipate del Comune di Venezia e dagli eventuali successivi, il confronto con le Organizzazioni Sindacali rimarrà sempre aperto.
 
Pubblicato il :

 Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 10 gennaio 2017 - Piani straordinari di controllo del territorio

Si è svolta stamane, in Prefettura, la riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto di Venezia, alla presenza dei Vertici delle Forze dell'Ordine e del Sindaco del Comune di Venezia, al fine di definire, in attuazione a quanto disposto dal Ministero dell'Interno, dei piani straordinari di controllo del territorio, con il coinvolgimento dei Corpi delle Polizie Locali, volti al contrasto dell'immigrazione irregolare, nonché allo sfruttamento della manodopera e alla varie forme di illegalità che attingono dal circuito della clandestinità.
Nello specifico, si è convenuto di attivare, da subito, un apposito Tavolo tecnico presso la Questura, per la pianificazione dei servizi interforze da espletare a Venezia e nella terraferma, nonché di istituire, nell'ambito della Città Metropolitana, presso i locali presidi di sicurezza, analoghi tavoli, allo scopo di stabilire, in relazione alle peculiarità di ciascun territorio, il dispositivo straordinario di controllo, in stretto raccordo con l'Ufficio Immigrazione della Questura, cui spetta l'avvio delle procedure per l'adozione dei provvedimenti di espulsione.
Nella stessa riunione, a seguito della proroga del piano di impiego del contingente di personale militare delle Forze Armate, con l'assegnazione alla Città Metropolitana di Venezia di 110 unità, dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 (10 unità in più rispetto all'anno scorso), è stato predisposto il piano di impiego per l'espletamento dei servizi di vigilanza ai siti ed agli obiettivi ritenuti sensibili, le cui modalità tecnico-operative saranno stabilite con ordinanza del Questore.

 

Pubblicato il :

 Bando di gara per la vendita all'asta di n. 1 immobile del FEC a Venezia

Vendita all'asta appartamento di proprietà del FEC a Venezia San Marco 3852 al primo piano SCADENZA giorno 9 febbraio 2017 ore 11.
Pubblicato il :

 
Torna su