Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Venezia

NOTIZIE

 

 Sciopero dei personale della Polizia Municipale del Comune di Venezia - ordinanza di precettazione

Si è svolto in data odierna un incontro con l’Amministrazione Comunale di Venezia e le Organizzazioni Sindacali, allo scopo di esperire il tentativo di conciliazione previsto dall’art. 8 - comma 1 - della legge 12 giugno 1990, n. 146, come modificata dalla legge 11 aprile 2000, n. 83, in relazione allo sciopero degli operatori della Polizia Municipale, proclamato per il giorno 31 gennaio 2016.
Nel corso dell’incontro, il Prefetto ha richiamato al senso di responsabilità gli esponenti sindacali, invitandoli a desistere dalla predetta iniziativa, rimarcando, nell’ambito del dispositivo di sicurezza predisposto per il Carnevale di Venezia, l’indispensabile attività degli operatori della Polizia Locale, volta ad assicurare una mirata azione di filtraggio, deviazione e gestione del traffico pedonale, per garantire una corretta ed ordinata gestione dei flussi, atta a prevenire concrete situazioni di criticità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, in considerazione del notevole afflusso di persone, stimato in circa un milione di presenze, con punte giornaliere di centocinquantamila visitatori, che giungeranno a Venezia in occasione delle iniziative del Carnevale.
Il Prefetto ha invitato le parti a riprendere il dialogo per individuare, in un’ottica di leale confronto e dialettica costruttiva, ogni utile azione finalizzata alla risoluzione delle problematiche oggetto della vertenza.
Dopo ampia discussione, tenuto conto che i rappresentanti sindacali non hanno accolto l’invito a revocare lo sciopero indetto, stante il fondato pericolo di un pregiudizio grave ai diritti della persona costituzionalmente tutelati di cui all'articolo 1, comma 1, della legge 12 giugno 1990, n. 146, che potrebbe essere cagionato dalla predetta azione di protesta, il Prefetto ha disposto il differimento dell’astensione collettiva degli agenti della Polizia Municipale del Comune di Venezia ad una data successiva al 9 febbraio 2016, giornata conclusiva delle manifestazioni del Carnevale di Venezia, dopo la quale, potrà essere proclamata una nuova azione di sciopero, nel rispetto delle disposizioni della legge n. 146/1990, come modificata dalla legge n. 83/2000.

 
Pubblicato il 27/01/2016 ultima modifica il 27/01/2016 alle 14:38:25

 Cerimonia di consegna delle medaglie in occasione della celebrazione della Giornata della Memoria

Si è svolta stamani, in Prefettura, la cerimonia di consegna delle medaglie d’onore in occasione della celebrazione del “Giorno della Memoria”, in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Sono intervenute le autorità civili, militari e religiose, il rappresentante della comunità ebraica veneziana ed una delegazione di studenti del Liceo Classico Franchetti di Venezia-Mestre, che hanno rievocato i drammatici momenti della Shoah, attraverso la lettura di brani e l’esecuzione di pezzi di musiche ebraiche.
Sono state consegnate, da parte del Prefetto e dei Sindaci dei Comuni di residenza, undici medaglie, di cui una al Sig. Emilio Zanetti, il quale è intervenuto personalmente, rendendo ancora più toccante la cerimonia, e le altre alla memoria delle vittime, ritirate dai familiari.
Nel suo intervento di saluto, il Dr. Cuttaia ha evidenziato l’importanza che, soprattutto presso le giovani generazioni, si conservi e rigeneri la memoria storica di un evento così tragico per l’umanità, affinché quella negazione violenta ed inaudita del rispetto della vita e della dignità degli uomini non possa mai più ripetersi.
Pubblicato il 27/01/2016 ultima modifica il 28/01/2016 alle 17:08:25

 Sottoscritti i Protocolli operativi per il monitoraggio dei flussi finanziari relativi alle Grandi opere

Questa Prefettura, in linea con le indicazioni ministeriali, ha richiamato l’attenzione di tutte le stazioni appaltanti responsabili delle opere inserite nel Programma Infrastrutture Strategiche, sulla necessità di dare urgente attuazione alle nuove disposizioni in materia di monitoraggio dei flussi finanziari, attraverso la stipula di un Protocollo operativo, secondo quanto indicato dalle Linee guida del CIPE con delibera del 28 gennaio 2015.
Le “Grandi opere” del territorio della provincia per le quali sono stati stipulati appositi protocolli diretti al monitoraggio dei flussi finanziari sono il MO.S.E., l’Autostrada A4-Passante autostradale, la riqualificazione del Palazzo del Cinema - Palazzo del Casinò e relative aree pertinenziali. E’ in corso la sottoscrizione del protocollo operativo anche per le opere aventi ad oggetto l’ampliamento dell’Autostrada A4, con la realizzazione della terza corsia-tratto Quarto d’Altino – S. Donà di Piave.
Per assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari, finalizzata a prevenire possibili infiltrazioni criminali, il Protocollo operativo di cui alla delibera CIPE 15/2015, prevede, ai sensi dell’art. 36 del d.l.90/2014, l’aggiornamento delle prescrizioni in tema di monitoraggio dei flussi finanziari a carico delle amministrazioni aggiudicatrici, dell’impresa aggiudicataria e degli operatori economici della filiera che intervengono a qualsiasi titolo nella realizzazione dell’opera pubblica. In particolare, il sistema di monitoraggio finanziario si basa sul principio dell’apertura obbligatoria, da parte di ciascun operatore della filiera, di uno o più conti dedicati in via esclusiva ai singoli progetti. Le movimentazioni dei conti dedicati devono avvenire esclusivamente tramite bonifico unico europeo (SEPA), bancario o postale salvo alcune eccezioni previste dal protocollo stesso. Nello specifico, tutte le informazioni vengono inviate alla Banca dati MGO (monitoraggio grandi opere), la cui gestione e manutenzione è affidata al Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della Politica economica (DIPE). La stazione appaltante è tenuta a vigilare sull’attuazione del protocollo, applicando anche specifiche sanzioni a carico dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell'opera pubblica che violino le disposizioni sopradescritte in tema di monitoraggio finanziario.
Pubblicato il :

 Sorteggio revisore dei conti per il comune di San Donà di Piave

Giovedì 4 febbraio alle ore 10.30 presso questa Prefettura, terzo piano, verrà effettuato il sorteggio per la scelta del revisore dei conti per il comune di San Donà di Piave.
Tale sorteggio è aperto al pubblico.
Pubblicato il :

 Carnevale 2016

Il Prefetto ha presieduto nella giornata odierna una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, dedicata all’edizione 2016 del Carnevale di Venezia, in programma dal 23 gennaio al 9 febbraio.
All’incontro sono intervenuti, oltre ai vertici delle Forze dell’Ordine e dei Vigili del Fuoco, i rappresentanti del Comune di Venezia, del SUEM 118 e della società Trenitalia, che hanno esaminato le problematiche che il noto evento, di risonanza internazionale, pone soprattutto in termini di tutela della sicurezza pubblica.
Per consentire il regolare svolgimento delle manifestazioni, in analogia con quanto disposto negli anni scorsi, sono state decise misure idonee a garantire la sicurezza delle migliaia di persone che parteciperanno alle varie iniziative, definendo i criteri per la predisposizione dei servizi di polizia, quelli di natura sanitaria ed organizzativa, ipotizzando per il deflusso anche l’utilizzazione di treni straordinari in uscita da Venezia, nonché la sospensione della circolazione stradale sul Ponte della Libertà, in caso di necessità.
Nella circostanza, considerato il complessivo scenario internazionale e gli eventi verificatisi in Germania, che hanno creato preoccupazioni presso l’opinione pubblica, si è convenuto di implementare ulteriormente i servizi di prevenzione, vigilanza e controllo, con la gestione dei flussi turistici, attraverso l’attivazione di 5 accessi in Piazza San Marco, che verrà suddivisa in 4 quadranti, con delle aree di rispetto e dei corridoi, per garantire il regolare accesso dei mezzi di soccorso, anche con l’impiego dei volontari della Protezione Civile.
Sarà attivato un posto di comando avanzato, nell’ambito dell’area marciana, quale cabina di regia, in stretto collegamento con le centrali operative delle Forze dell’Ordine.
Per la circostanza, saranno resi disponibili dal Ministero dell’Interno ulteriori rinforzi di personale appartenente alle diverse Forze di Polizia statale a supporto dei reparti territoriali.
Particolare implementazione verrà data ai servizi di vigilanza in borghese.
Non soltanto l’Amministrazione Comunale, ma anche gli Enti e gli Uffici Statali e le Forze di Polizia, sosterranno un significativo impegno finanziario ed un ingente sforzo organizzativo con l’impiego di risorse umane e strutturali, funzionali alla buona riuscita del Carnevale, il cui svolgimento oltre a costituire un momento importante di valorizzazione della città di Venezia nel mondo, contribuisce a mettere in moto positive dinamiche economiche.
Pertanto, si confida nella sensibilità delle persone, cittadini e turisti, auspicando che si rendano perfettamente conto della delicatezza del momento e comprendano che le finalità di sicurezza possano comportare qualche limitato disagio.
Nei successivi tavoli tecnici, presso la Questura, saranno definite tutte le modalità operative.

 
Pubblicato il :

 Denunce per violenza sessuale

In relazione ad alcuni servizi televisivi e giornalistici dei giorni scorsi, si ricorda che, al verificarsi di situazioni in cui siano ipotizzabili reati, tentati o consumati, di violenza, molestie sessuali e analoghi, occorre rivolgersi immediatamente agli organi di polizia giudiziaria o, se ritenuto, alla stessa Autorità Giudiziaria.
La denuncia (o comunque la segnalazione) non costituisce un adempimento burocratico, bensì lo strumento imprescindibile attraverso il quale attivare meccanismi di indagine e accertamento per appurare la sussistenza di eventuali fattispecie criminose, individuare i responsabili ed evitare che possibili comportamenti delittuosi siano portati a ulteriori conseguenze.
Sulla base dei dati in possesso della Prefettura, risulta negli ultimi mesi un andamento decrescente di tale fenomenologia criminosa, peraltro, già anche in passato limitata a singoli episodi, grazie alla costante operatività della Magistratura e delle Forze dell’Ordine, nonché agli esiti positivi di iniziative di partecipazione e sensibilizzazione svolte d’intesa con gli Enti Locali.
Comunque, atteso il vivo allarme suscitato sarà convocata nei prossimi giorni un’apposita riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, alla presenza della Procura della Repubblica, per l’esame congiunto di ogni aspetto ritenuto rilevante in ordine alla problematica in argomento.
 

 
Pubblicato il :

 
Torna su