Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Venezia

NOTIZIE

 

 D.P.C.M. 10 aprile 2020 ... Indicazioni per gli operatori economici

Per effetto del  D.P.C.M. 10 aprile  2020 sull'intero territorio nazionale sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 3 del Decreto stesso e nei commi 4 e 5 dell'art. 2 (servizi di pubblica utilità, servizi essenziali di cui alla legge 146/90, produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari).
Per queste attività  non deve essere effettuata alcuna comunicazione.

Restano sempre consentite, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l'unità  produttiva, le attività:

1- che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all'allegato 3 (mod. 1);
2- che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività dell'industria dell'aerospazio, della difesa e delle altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale (mod. 1);
3- che sono funzionali ad assicurare la continuità dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali (mod. 1);
4- degli impianti a ciclo produttivo continuo  dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti (mod. 2);
5- dell'industria dell'aerospazio e della difesa, incluse le lavorazioni, gli impianti, i materiali, i servizi e le  infrastrutture essenziali per  la sicurezza nazionale e il soccorso pubblico, nonché  le altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale (mod. 3).
Inoltre, per le attività produttive sospese, previa comunicazione, è ammesso l'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti, attività di pulizia e sanificazione ed è consentita la spedizione verso terzi di merci giacenti e la ricezione in magazzino di beni e finiture (mod. 4).
I modelli  sono scaricabili dal sito di questa Prefettura, sezione  "Coronavirus" - Avvisi e Comunicazioni all'utenza " e dovranno essere indirizzati esclusivamente all'indirizzo protocollo.prefve(at)pec.interno.it avendo cura di indicare nell'oggetto "DPCM 10 aprile 2020 comunicazione attività".

SI PRECISA CHE LE IMPRESE CHE HANNO GIA' INVIATO LE COMUNICAZIONI AI SENSI DEL D.P.C.M. DEL 22.3.2020 NON DOVRANNO RIPRESENTARE UN'ALTRA COMUNICAZIONE, SALVO CHE NON INTENDANO ESTENDERE  LE PROPRIE ATTIVITA' A FILIERE CHE FANNO CAPO AI CODICI ATECO INDICATI NELL'ALLEGATO 3 DEL D.P.C.M. 10.4.2020 PRIMA NON PREVISTI (2-16 COMPLETO - 25.73.1 - 26.1 - 26.2 - 46.49.1 - 46.75.01 - 81.3 -  99 COMPLETO).


Si informa, infine,  che in qualsiasi momento il Prefetto, che si avvale per il controllo delle comunicazioni del supporto del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e della Camera di Commercio, potrà disporre la sospensione delle attività, sentito il Presidente della Regione Veneto, qualora  emergessero  discordanze o irregolarità rispetto alla norma e a quanto dichiarato nella comunicazione.

 

 

 
Pubblicato il
:

 COVID-19 - Festività pasquali

I controlli per evitare la diffusione del contagio COVID 19 sono stati svolti in modo costante e diffuso nell'intero territorio della Città Metropolitana di Venezia.
Però, l'avvicinarsi delle festività pasquali e le notizie un po' più rassicuranti sulla riduzione dei contagi potrebbero indurre numerosi cittadini ad organizzare nel prossimo week end riunioni di famiglia e con amici, in casa e in campagna, gite in barca o raggiungere le spiagge ed eventualmente riaprire le case di vacanza sul litorale.
Tutto ciò creerebbe un aumento delle possibilità di contagio ed una vanificazione degli sforzi e dei sacrifici finora imposti a tutta la cittadinanza, senza considerare il rischio di incorrere in sanzioni pecuniarie per la violazione del divieto di spostamento.
Per questo motivo, nel corso della riunione in videoconferenza del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, è stato decisa una intensificazione dei controlli delle Forze dell'Ordine durante le festività pasquali.
Infatti, domenica e lunedì di Pasquetta i negozi alimentati saranno chiusi e quindi gli spostamenti consentiti saranno solo quelli motivati da documentate esigenze  di salute.
Pertanto, verranno attivate ulteriori verifiche lungo le principali direttrici stradali in uscita dai centri abitati verso la campagna, il mare e la montagna.
La laguna, le spiagge e il mare saranno controllati dall'alto con l'utilizzo di elicotteri e droni e grande attenzione verrà dedicata ai controlli in mare e in laguna.
Il divieto assoluto di spostamento riguarda anche l'uso di barche e natanti.

 

Pubblicato il
:

 
Torna su