Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Venezia

NOTIZIE

 

 Carnevale di Venezia - domenica 4 febbraio Piazza San Marco - disposizioni di sicurezza previste dal C.P.O.S.P.

In ottemperanza alle recenti normative sulla sicurezza, la capienza di posti in Piazza San Marco in occasione dell'evento di domenica 4 febbraio, il "Volo dell'Angelo", non potrà essere superiore a 20.000 persone - numero di gran lunga inferiore alle presenze dello scorso anno (40.000 persone).
Allo scopo, di favorire l'accesso allo spettacolo dei residenti e dei turisti soggiornanti a Venezia, si è concordato di anticipare l'orario di inizio dell'avvenimento alle ore 11.00.
Il Comune di Venezia, attraverso la società Vela, ha programmato contemporaneamente al Volo dell'Angelo lo svolgimento di ulteriori eventi nei principali campi per coloro che non potranno assistere allo spettacolo di Piazza San Marco.
Si invitano, pertanto, coloro che si troveranno impossibilitati a raggiungere Piazza San Marco per assistere al Volo dell'Angelo ad approfittare delle innumerevoli altre possibilità di svago o di approfondimento culturale della città, riservando eventualmente al pomeriggio la visita di Piazza San Marco.
Un particolare richiamo d'attenzione viene, inoltre, rivolto alle famiglie con bimbi nei passeggini, in considerazione della possibilità che una situazione di affollamento potrebbe determinare delle difficoltà nella mobilità.
L'Amministrazione Comunale assicura che fornirà costanti notizie sulla situazione in atto, tramite aggiornamenti sui canali ufficiali di comunicazione del Carnevale di Venezia, tradotti in più lingue.
Confidando nel senso di responsabilità dei cittadini veneziani non interessati al Carnevale e che potranno subire disagi da quello che è comunque un vanto e una bellezza di questa straordinaria città, si forniscono di seguito alcune indicazioni di servizio:
- inizio del volo: ore 11.00 (anticipato di un'ora rispetto al tradizionale orario delle ore 12.00);
- dalle ore 7.00 verranno attivate i dispositivi di security e safety in Piazza San Marco per i necessari controlli e per la predisposizione delle misure e degli apparati di sicurezza;
- all'interno delle Piazza sarà previsto un congruo numero di moduli di esodo, appositamente segnalati e presidiati, per garantire il regolare deflusso delle persone;
- verrà mantenuto un corridoio centrale di sicurezza, con l'individuazione di un'area di decompressione e di una zona dedicata alle persone con disabilità;
- il conteggio delle persone verrà effettuato da specifici addetti dotati di palmari, per cui, una volta raggiunto il limite massimo di capienza stabilito, verrà disposta la temporanea chiusura degli accessi alla Piazza, con l'attivazione delle deviazioni del flusso pedonale individuate e adeguatamente pubblicizzate;
- verrà costituito un posto di comando avanzato, quale cabina di regia, per il coordinamento degli interventi, in situazioni di emergenza;
- saranno presenti 200 operatori delle Forze dell'Ordine, 250 della Polizia Locale, 60 del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, 100 stewards, 40 unità del personale sanitario del SUEM e della Croce Verde, 40 della Protezione Civile al fine di predisporre una cornice di massima sicurezza, atta a garantire il regolare svolgimento dell'evento e la tutela delle persone per un numero complessivo di 690 persone impiegate.
Verranno, infine, potenziati i servizi di navigazione e automobilistici di ACTV.

 

 

Pubblicato il :

 Sorteggio organo di revisione economico finanziaria dei comuni di Cona e Martellago

Venerdì 26 gennaio alle ore 10:30 presso questa Prefettura, terzo piano, verrà effettuato il sorteggio per la scelta dell'organo di revisione economico finanziaria del comune di Martellago, a seguire, alle ore 11:00, verrà effettuato il sorteggio per la scelta dell'organo di revisione economico finanziaria del comune di Cona.
Tali sorteggi sono aperti al pubblico.
Pubblicato il :

 Protocollo d'intesa prevenzione e contrasto dipendenze giovanili, devianze minorili e bullismo

In attuazione del Protocollo d'intesa per la prevenzione ed il contrasto delle dipendenze giovanili da sostanze stupefacenti, nonché delle diverse forme di devianza minorile, con particolare riferimento al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, anche quest'anno verranno avviate, su tutto il territorio della Città Metropolitana di Venezia, diverse iniziative di informazione e formazione rivolte agli alunni degli istituti scolastici di 1° e 2° grado, al personale docente, nonché ai genitori.
Il programma, che coinvolge gli Istituti Scolastici dell'intera area metropolitana della Città di Venezia di ogni ordine e grado, Statali e Paritari, è stato presentato in data odierna presso l'Istituto Guggenheim (sede di via Rielta - ex Mozzoni) di Mestre, in occasione di una giornata di formazione e informazione rivolta agli alunni e ai docenti.
L'Accordo, che vede impegnati, in un'ottica di cooperazione interistituzionale, la Prefettura di Venezia, l'Ufficio Scolastico Territoriale, le ULSS della provincia, la Città Metropolitana, il Comune di Venezia, la Polizia di Stato, con la Questura di Venezia e la Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Veneto, il Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri ed il Comando Provinciale della Guardia di Finanza, persegue l'obiettivo comune di promuovere, attraverso una strategia di rete ed un'azione coordinata ed unitaria, una sana crescita dei giovani, ispirata alla condivisione dei valori fondamentali della vita e della salute e dei principi di legalità sanciti dalla Carta Costituzionale.
Un approccio multidisciplinare ed integrato alle problematiche del disagio giovanile, con il coinvolgimento diretto delle famiglie, degli studenti, delle istituzioni scolastiche, riveste un ruolo di fondamentale importanza per pianificare e realizzare mirati e più efficaci interventi di prevenzione e di contrasto, creando momenti di confronto e di dibattito su tali delicate tematiche, sui maggiori fattori di rischio, sugli effetti dannosi causati dall'assunzione di sostanze stupefacenti, sugli aspetti sanzionatori che ne conseguono, sui rischi derivanti da un inappropriato utilizzo della rete e sugli eventuali profili di carattere penale, sulle misure educative e sui corretti comportamenti da adottare per la prevenzione e la gestione delle molteplici situazioni correlate, soprattutto in ambito scolastico, nonché sull'annoso fenomeno della violenza di genere.
I percorsi di informazione e formazione realizzati, su tutto il territorio della provincia, dalla Polizia di Stato, dal Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, dalla Polizia Locale del Comune di Venezia, dagli assistenti sociali della Prefettura e dai responsabili dei SerD delle ULSS, presso i diversi istituti scolastici, con il coordinamento dell'Ufficio Scolastico Territoriale e il supporto della Città Metropolitana di Venezia, riguarderanno, nello specifico, 233 classi, per un totale di 8424 studenti.
Nello specifico, per il suo territorio, il Comune di Venezia, Settori Coesione Sociale e Servizi Educativi, integra la progettualità generale, presidiando costantemente tutti i 18 Istituti comprensivi e i 14 Istituti Superiori della città, con una serie di interventi, di dieci tipologie diverse, rivolti ai gruppi classe, agli insegnanti e ai genitori. Con questi interventi, si persegue l'obiettivo di favorire l'instaurarsi di relazioni positive tra i pari, capaci di contrastare l'insorgere di fenomeni di bullismo e, nel contempo, di intercettare precocemente eventuali situazioni di disagio, che potrebbero trasformarsi in forme di devianza minorile.
Dai dati in possesso dell'Ufficio NOT della Prefettura di Venezia, risulta che il fenomeno delle dipendenze da droga sta assumendo diverse e più pericolose connotazioni, sia per la sempre maggiore diffusione di sostanze ed in particolare di quelle chimiche/sintetiche che per la costante tendenza all'abbassamento dell'età dei ragazzi, coinvolgendo anche le fasce adolescenziali.
Nel 2017, sono pervenute 989 segnalazioni di competenza di questa Prefettura (+42 di competenza di altri U.T.G., per un totale di 1031 segnalazioni), con un aumento del 20,7% rispetto al 2016 (819), delle quali 839 relative alla violazione ex art. 75 - uso personale di sostanze stupefacenti con sequestro accertato (+18,7% rispetto al 2016) - e 150 ex art. 121 - segnalazione d'uso (+37,61 rispetto al 2016).
I consumatori per uso personale di sostanze stupefacenti risultano maggiormente segnalati nella fascia d'età superiore ai ventiquattro anni (45%); seguono le segnalazioni di consumo nella fascia compresa tra i venti e ventiquattro anni (29%) e la fascia d'età compresa tra i quindici e i diciannove anni (25%).
I consumatori che rientrano nella fascia d'età compresa tra i venti e i ventiquattro anni sono 284 per il 2017, contro i 250 del 2016, i 221 del 2015 e i 196 del 2014.
I cannabinoidi costituiscono le sostanze d'uso maggiormente rilevate per tutte le fasce d'età, sia per il 2017 che per il 2016. 
Il numero dei decreti di formale invito e sanzioni amministrative nell'anno 2017 risulta in aumento del 20,4% e pari a 816, rispetto ai 678 del 2016.
Il numero delle patenti ritirate nel 2017 è in aumento rispetto al 2016 del 32,1% (da 56 a 74).
Con riferimento agli atti di cyberbullismo, che spesso non vengono avvertiti come gravi da parte degli autori, si registra un aumento del fenomeno, soprattutto da parte dei minori, che sempre più condividono immagini a sfondo sessuale, con tutte le situazioni di rischio e il profilo di reati a cui possono dare origine, come l'adescamento in rete.
Sempre di più, infatti, i minori sono connessi, non solo durante il giorno, ma anche durante le ore notturne, per rispondere a messaggi, partecipare a discussioni e anche solo per giocare.
Si rileva, inoltre, che spesso i giovanissimi sono  iscritti su facebook prima dei 13 anni, età richiesta per registrarsi sui social network, avendo peraltro a disposizione uno smartphone già prima dei 12 anni.
In tale quadro, il Liceo Michelangelo Guggenheim sarà coinvolto nella realizzazione di una campagna di sensibilizzazione contro il bullismo e il cyberbullismo.
Nello specifico, gli alunni delle classi del triennio, all'interno dell'esperienza Alternanza Scuola-Lavoro, saranno direttamente impegnati a sperimentare quello che avviene a livello professionale in un'agenzia grafico-pubblicitaria, con la produzione di un logo, l'elaborazione di un visual e i relativi titoli da applicare su locandine, manifesti e siti web per la campagna di sensibilizzazione.
Il predetto materiale verrà utilizzato dagli Enti facenti parte del sistema di rete istituzionale contro le dipendenze e le devianze giovanili per la prossima campagna informativa anno scolastico 2018/2019.
In ordine ai casi conclamati di bullismo nelle scuole, sono pervenute all'Ufficio Scolastico Territoriale, da settembre ad oggi, 5 segnalazioni (4 scuole medie e un istituto superiore), mentre sono stati comunicati allo Sportello Bullismo del CTS, istituito e attivo presso l'Istituto Luzzatti di Mestre, 2 casi segnalati dai singoli alunni e 6 richieste di azione informativa con genitori e insegnanti.

 

Pubblicato il :

 Calendario 2018 delle Festività Ortodosse

La Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia ed Esarcato per l'Europa Meridionale ha comunicato il calendario delle festività ortodosse per l'anno 2018, calendario che di seguito si riporta:

7 gennaio Natale del Signore

8 gennaio Sinassi della Madre di Dio

14 gennaio Circoncisione del Signore

19 gennaio Santa Teofania

7 aprile Sabato Santo

8 aprile Domenica della Santa Pasqua

28 maggio Domenica della Pentecoste

28 agosto Dormizione della Madre di Dio

Si segnala che il calendario si applica al personale dipendente da Pubbliche Amministrazioni, da Enti pubblici e privati, nonché allo svolgimento di prove di concorso e di esami scolastici
Pubblicato il :

 
Torna su