Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Venezia

D.P.C.M. 10.4.2020 - indicazioni a operatori economici

 
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 aprile 2020 ha parzialmente modificato le misure di contenimento dell'epidemia da Covid-19 disposte nei riguardi del mondo imprenditoriale abrogando espressamente i  D.P.C.M.  8, 9, 11 e 22 marzo e 1 aprile 2020.
Per effetto del  D.P.C.M.  sono sospese sull'intero territorio nazionale tutte le attività produttive industriali e commerciali ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 3 del decreto e nei commi 4 e 5 dell' art.  2.  In tali casi non deve essere effettuata alcuna comunicazione.
Restano consentite, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l'unità  produttiva, le attività:
1- che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all'allegato 3 (mod. 1); 
2- che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività dell'industria dell'aerospazio, della difesa e delle altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale (mod. 1); 
3- che sono funzionali ad assicurare la continuità dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali (mod. 1); 
4- degli impianti a ciclo produttivo continuo  dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti (mod. 2); 
5- dell'industria dell'aerospazio e della difesa, incluse le lavorazioni, gli impianti, i materiali, i servizi e le  infrastrutture essenziali per  la sicurezza nazionale e il soccorso pubblico, nonché  le altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale (mod. 3).
Si conferma la validità di tutte le comunicazioni formulate ai sensi dei precedenti decreti e già pervenute all'indirizzo  P.E.C.  di questa Prefettura, precisando che non è assolutamente necessario ripeterne l'invio.
Ciò vale anche con riferimento alle richieste concernenti l'attività dell'industria dell'aerospazio e della difesa nonché le altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale per la cui prosecuzione non è più prevista un'autorizzazione preventiva ma una comunicazione che si perfeziona mediante silenzio assenso come nelle altre ipotesi.
Le comunicazioni di prosecuzione dell'attività devono essere fornite utilizzando i modelli allegati e trasmesse all'indirizzo  protocollo.prefve(at)pec.interno.it  evitando gli invii plurimi e l'inoltro di documentazione non necessaria ai fini dell'istruttoria.
 
Inoltre il  comma 12 dell'art 2  prevede che  per le attività produttive sospese  è ammesso, previa comunicazione al Prefetto, l'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonché attività di pulizia e sanificazione; è consentita inoltre la spedizione di merci giacenti in magazzino e la ricezione di beni e forniture. La comunicazione non è dovuta quando le attività sono svolte direttamente dal titolare dell'impresa o da un amministratore della società e non è necessaria per le attività di commercio al dettaglio, diverse da quelle riportate nell'allegato 1, per le quali resta  consentita l'attività di vendita con consegna a domicilio.
Le comunicazioni devono essere inviate una sola volta per l'intero periodo, esclusivamente compilando il form on line raggiungibile attraverso il link:   
 
Non è necessario inviare alcuna ulteriore comunicazione alle caselle di posta elettronica della Prefettura.
 

Data pubblicazione il 10/04/2020
Ultima modifica il 17/05/2020 alle 12:40

 
Torna su