Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Varese

NOTIZIE

 

 Varese - Esercitazione della colonna Mobile Regionale della Lombardia del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

 
Dal 24 novembre si è svolta a Varese una importante esercitazione della colonna mobile regionale della Lombardia del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, finalizzata a testare sul campo, in due momenti distinti, le procedure di gestione di emergenze relative ai rischi sismico ed idraulico.

Sono oltre circa 130 le unità di personale che, giornalmente, secondo criteri di rotazione, hanno partecipato alle due suindicate operazioni di soccorso, per la cui esecuzione, nei giorni 24 e 25 novembre, i Vigili del Fuoco dei Comandi di Milano, Varese e Bergamo hanno anche provveduto, in località Schiranna, al montaggio di una struttura logistica insistente su di una superficie di circa 1000 metri quadrati composta dal c.d. “MSL” (Modulo di Supporto Logistico) e tendone mensa con relativa  cucina da campo.

 
Nella giornata di mercoledì 26 novembre è stata simulata, alla presenza del Prefetto di Varese Giorgio Zanzi, del Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco  Dante  Pellicano e del Sindaco di Varese Attilio Fontana, la risposta del sistema di soccorso predisposto nel caso di un evento di carattere sismico, con interessamento della Colonna Mobile Regionale della Lombardia e l’impiego sul sito delle Sezioni Operative dei Comandi dei Vigili del Fuoco di Brescia, Bergamo, Lodi, Milano, Mantova e Varese, con l’utilizzo di oltre 20 mezzi speciali. 

Nella successiva giornata di oggi, inoltre, si è svolta l’esercitazione per rischio idraulico con l’interessamento delle Sezioni Operative dei Comandi dei Vigili del Fuoco di Brescia, Como, Cremona, Lecco, Milano, Sondrio, Pavia e Varese, con l’impiego di oltre 30  mezzi speciali attrezzati per le alluvioni.

In tale occasione ha presenziato anche il personale del Servizio Protezione Civile della Provincia di Varese e del Comune di Varese, al fine di prendere visione del dispositivo di soccorso sistemico attivabile in caso di eventi alluvionali, secondo le linee operative del Ministero dell’Interno,  dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco-Direzione Regionale Lombardia.

Nell’ambito dell’iniziativa, d’intesa tra il Prefetto di Varese Giorgio Zanzi e il Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco Ing.  Dante  Pellicano, si è tenuto anche un incontro operativo con la componente locale del volontariato di protezione civile.

L’incontro, coordinato dal Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Varese Ing. Paolo Maurizi, a cui hanno preso parte il Responsabile del Servizio protezione civile della Provincia di Varese Angelo Gorla e  Responsabili dei diversi Gruppi  Comunali e Intercomunali dei volontari della protezione civile,  ha costituito l’occasione per affinare le sinergie da attivarsi nel territorio durante le situazioni di emergenza, secondo le esigenze di intervento connesse alle diverse tipologie di rischio.


L’esercitazione, infine, ha anche permesso di testare positivamente la funzionalità del sito -collocato vicino ad una uscita dell’autostrada A8 e ad importanti vie di comunicazione della viabilità ordinaria provinciale- individuato come riferimento per l’installazione del campo base della colonna mobile regionale dei Vigili del Fuoco, durante emergenze estese ricadenti nell’area centrale del territorio della provincia di Varese.

 

27 novembre 2014

 

                                                                  IL CAPO DI GABINETTO

                                                                           (Bolognesi)

 
 
Pubblicato il 28/11/2014
Ultima modifica il 03/12/2014 alle 08:20:50

 Saluto di commiato in Prefettura a Varese del Generale di Corpo d'Armata Giorgio Battisti, Comandante del Corpo di Reazione Rapida NATO di stanza a Solbiate Olona (VA).

Saluto di commiato in Prefettura a Varese del Generale di Corpo d'Armata Giorgio Battisti,  Comandante del Corpo di Reazione Rapida NATO di stanza a Solbiate Olona (VA).

L’incontro ha costituito l’occasione per ripercorrere le collaborazioni instaurate e condividere l’apprezzamento per l’eccellente rapporto esistente con il territorio varesino dell’importante Comando militare del Reparto NATO, in prevalenza composto da militari dell’Esercito Italiano e di cui fanno parte anche componenti degli altri Paesi NATO.

Il Gen. C.A.  Battisti, che assumerà un importate incarico presso il Ministero della Difesa,  ha inoltre consegnato al Prefetto Giorgio Zanzi la statuetta riproducente un guerriero medievale simbolo del Reparto militare.

 
20 novembre 2014

                                                                     IL CAPO DI GABINETTO
                                                                             (Bolognesi)
Pubblicato il :

 Possibilità di nevicate e gelate sulla rete viabilistica autostradale e ordinaria della provincia di Varese

nevicata  
Possibilità di nevicate e gelate sulla rete viabilistica autostradale e ordinaria della provincia di Varese – La Prefettura promuove l’implementazione delle attività finalizzate ad assicurarne la percorribilità nel periodo invernale – Verifica preliminare in Prefettura delle direttrici operative in caso di intense nevicate o formazioni di ghiaccio fissate in vista della prossima apertura al traffico  della nuova ”Autostrada Pedemontana”,già realizzata nel trattoCassano Magano- Lomazzo.

 
Dopo le intense precipitazioni atmosferiche che hanno interessato il territorio della provincia di Varese, anche in considerazione dei possibili fenomeni di formazione di ghiaccio sulle arterie stradali in conseguenza dell’abbassamento delle temperature ed in vista del periodo invernale, si è tenuta oggi una riunione presso la Prefettura di Varese, presieduta dal Prefetto Giorgio Zanzi, finalizzata a promuovere l’attuazione, da parte delle diverse componenti tecniche interessate,  delle attività finalizzate ad assicurare,nel periodo invernale,la percorribilità della estesa e trafficata rete viabilistica autostradale e ordinaria.

A seguito dell’incontro, al quale hanno preso parte i rappresentanti dell’Amministrazione provinciale,  dei maggiori dei 139 Comuni della provincia, della Società Autostrade per l’Italia (per i tratti A8, A9 e A26), del Compartimento ANAS Lombardia, delle Forze di Polizia territoriali e dei Vigili del Fuoco, è stata possibile affrontarela verifica preliminare delle direttrici operative inerenti i casi di intense nevicate o formazioni di ghiaccio fissate in vista della prossima apertura dell’Autostrada Pedemontana, già realizzata nel tratto Cassano Magnago-Lomazzo.

 
Durante la riunione,inoltre, è stata possibile promuovere e verificare:

-           l’implementazione degli approntamenti stabiliti per le impegnative attività di pulizia delle strade e autostrade in caso di intense nevicate, anche con  riguardo alla viabilità di collegamento con l’Aeroporto intercontinentale di Malpensa;

-           l’aggiornamento di una rete di referenti che assicuri gli opportuni interscambi informativi-operativi, in raccordo con il COV provinciale, tra i diversi gestori delle arterie stradali;

-           lo svolgimento delle preventive attività di verifica di possibili criticità derivanti da rami sporgenti che, appesantiti dalla neve, potrebbero recare pericolo alla viabilità, al fine di attuare preventivamente gli interventi del caso.

 
Attenzione, infine, è stata riservata anche al monitoraggio delle aree di accumulo degli autotreni nei casi in cui si rendesse necessario, a causa di intense nevicate o forti gelate,  la chiusura dei tratti veresini delle quattro autostrade insistenti sul territorio o dell’importante valico doganale di confineitalo-elevtico  del “Gaggiolo”.

 

20 novembre 2014
 

                                                     IL CAPO DI GABINETTO

                                                              (Bolognesi)

 
Pubblicato il :

 Monitoraggio della Prefettura di Varese per l'innalzamento del Lago Maggiore

Il maltempo non dà tregua nella provincia di Varese. E’ da circa due giorni infatti che quel territorio è interessato da consistenti piogge che vengono attentamente monitorate dalla prefettura di Varese, in stretto raccordo con la provincia, la regione e l’Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo).

Le strutture del sistema di protezione civile sono allertate e seguono costantemente la situazione. L’innalzamento dei livelli idrometrici dei fiumi è generalizzato e in particolare per il Tresa e il Margorabbia, che nella serata di ieri hanno richiesto attività di sorveglianza in loco attivate dai sindaci di Germignaga e Montegrino Valtravaglia, presenti sul posto con volontari anche durante i sopralluoghi svolti dal prefetto di Varese Giorgio Zanzi che ha poi tenuto un meeting di aggiornamento presso il vicino distaccamento dei Vigili del fuoco di Luino.

A partire dalla tarda mattinata di oggi particolare attenzione è stata riservata all’innalzamento del Lago Maggiore che, secondo le più recenti previsioni, potrebbe raggiungere i livelli di piena registrati nell’anno 2002 (oltre 197 m slm.). Stretto è il raccordo attuato dalla prefettura con i sindaci dei comuni rivieraschi del Lago per l’attivazione delle misure del caso anche in collaborazione con il comando provinciale dei Vigili del fuoco.

Sacchetti di sabbia sono già pronti per limitare gli effetti del previsto innalzamento del Lago. Sospesi i mercati commerciali ambulanti settimanali di Luino e Sesto Calende, che si tengono in zone vicine alla sponda del Lago. Vigilati anche i corsi d’acqua della provincia, compreso il fiume Olona e la diga di Ponte Gurone.
Pubblicato il :

 “Giornata dell’Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate” - Cerimonia provinciale a Varese

           La deposizione delle corone

 
Si è svolta stamane a Varese la cerimonia provinciale organizzata dalla Prefettura -in collaborazione con il Comune e la Provincia di Varese e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma- per ricordare l’Anniversario della fine della prima guerra mondiale “Giornata dell’Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate”.

L’iniziativa è stata decisa al fine di commemorare con la richiesta solennità una ricorrenza che ha costituito un momento fondamentale della nostra storia Patria, con la perdita della vita e gravi menomazioni per centinaia di migliaaia di soldati e drammatiche conseguenze per la popolazione civile.

Nella provincia di Varese le passate generazioni si sono distinte, come testimoniano le decine di monumenti presenti su tutto il territorio, per particolare sensibilità e memoria verso coloro che durante la guerra hanno manifestato fino all’estremo sacrificio l’attaccamento alla Patria.

La partecipata cerimonia, che ha avuto come principale momento all’aperto la deposizione di corone da parte delle Autorità al monumento ai caduti di Piazza Repubblica, si è svolta secondo le modalità indicate nell’allegato programma.

Presenti anche  i militari della caserma “Ugo Mara” sede del Comando della Forza di Intervento Rapido NATO Italiana –RDC di Solbiate Olona (VA)impiegati in numerose missioni internazionali.
 
 

       L’incontro con gli studenti
 
 
Successivamente, considerata la ricorrenza del centenario dello scoppio della pima guerra mondiale in ambito europeo, presso il principale Teatro del Comune capoluogo si è tenuta una prolusione di approfondimento storico del Prof. Livio Ghiringhelli  a cui hanno assistito circa 900 studenti delle scuole medie e superiori, che hanno cantato l’Inno Nazionale eseguito per la circostanza.
 

    L’Inno Nazionale

  Al fine di contestualizzare e ravvivare la sensibilità sulla memoria storica dell’avvenimento è stato anche diffuso il messaggio radio originale del “Bollettino della Vittoria” letto dal Generale Armando Diaz.

4 novembre 2014

 

                                                                  IL CAPO DI GABINETTO

                                                                          (Bolognesi)
Pubblicato il 04/11/2014
Ultima modifica il 05/11/2014 alle 13:28:08

 
Torna su