Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Varese

Si.Ce.Ant. - B.D.N.A. (Banca Dati Nazionale Antimafia)

La vigente normativa antimafia ( D. Lgs. 159/2011) prevede che le Pubbliche Amministrazioni, gli Enti pubblici e le aziende vigilate dallo Stato debbano acquisire idonea documentazione informativa, relativamente alle aziende ed ai soggetti con cui intendono stipulare contratti, circa la sussistenza di una delle cause di decadenza o sospensione di cui all' art. 67 del D. Lgs. 159/2011 o dei tentativi di infiltrazione mafiosa di cui all' art. 84, comma 4 e art. 91 del D. Lgs. 159/2011, avendo come criterio di riferimento quello della competenza territoriale.

Si.Ce.Ant. (Sistema Certificazione Antimafia) - B.D.N.A. (Banca Dati Nazionale unica per la documentazione Antimafia) è il progetto che si propone di rendere maggiormente efficiente l'azione dello Stato contro la criminalità organizzata semplificando ma, soprattutto, migliorando in termini di tempistica e di attendibilità il processo di rilascio delle comunicazioni e informazioni antimafia, da parte delle Prefetture e delle Stazioni Appaltanti, alle imprese, alle persone fisiche, alle amministrazioni e agli enti che ne fanno richiesta.
 
Banca Dati Nazionale unica per la documentazione Antimafia.
 
La Banca dati nazionale unica per la documentazione antimafia (B.D.N.A.) ha il compito, nel rispetto delle garanzie a tutela del trattamento dei dati sensibili, di semplificare e accelerare il rilascio delle comunicazioni e informazioni antimafia.
Per effetto del comma 2-bis dell'articolo  99 del Codice delle leggi antimafia (D. Lgs. 6/9/2011, n. 159 e s.m.i.), presso il Ministero dell'interno - Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie,  è istituita la Banca dati Nazionale Unica della Documentazione Antimafia.
Il sistema informativo e la relativa infrastruttura tecnologica sono stati realizzati dall'Ufficio IV-Innovazione tecnologica per l'Amministrazione generale entro i dodici mesi decorrenti dal Regolamento attuativo adottato con il D.P.C.M. 30 ottobre 2014, n. 193, pubblicato sulla G.U. - Serie Generale - n. 4 del 7 gennaio 2015.
La B.D.N.A., ai sensi della normativa vigente, consente il rilascio della certificazione antimafia liberatoria in modalità automatica.
La banca dati è attiva dal 7 gennaio 2016 .
 
Accreditamento al Si.Ce.Ant. - B.D.N.A.
 
L'accesso e l'accreditamento alla banca dati del Sistema Certificazione Antimafia può avvenire solo ed esclusivamente per finalità istituzionali e per ragioni strettamente connesse alla propria attività di servizio.
L'operatore, procedendo nel collegamento, dichiara di conoscere le vigenti norme a tutela della riservatezza delle informazioni contenute nella banca dati, e di essere pienamente consapevole delle responsabilità connesse all'accesso ai dati illegittimo o non autorizzato o non determinato da ragioni di servizio, e alla comunicazione dei dati o al loro utilizzo indebito.
Ogni operazione effettuata viene memorizzata dal sistema informativo.
 
Richiesta delle credenziali di accesso
 
L'ente richiedente (articoli 97, comma 1, e 99, comma 1, lettere c) e d), del decreto legislativo n. 159 del 2011), scarica e compila i 2 modelli predisposti (vedere la Sezione con gli allegati di seguito riportata).
I due modelli debitamente compilati, firmati e scansionati, insieme alla fotocopia del documento di ogni operatore, vanno inviati con un messaggio di Posta Elettronica Certificata ( P.E.C. ) all'indirizzo P.E.C. della Prefettura:


Attenzione: Il messaggio di posta elettronica certificata ha valore legale solo quando il mittente ed il destinatario sono entrambi certificati.
Pertanto, per avere da parte del proprio Gestore della Posta Elettronica Certificata una ricevuta di accettazione e di avvenuta (o mancata) consegna, si prega di inviare messaggi solo da mittenti CERTIFICATI.
 
Il Mod. 1 e Mod. 2 devono essere allegati al messaggio P.E.C. di invio in formato PDF (non allegare altri tipi di file .eml, .html o altro).
 
La Prefettura, ricevuti i modelli compilati, procederà alla registrazione degli utenti nell'applicativo.
 
Il singolo utente della Struttura Appaltante, alla registrazione del proprio nominativo, riceverà automaticamente all'indirizzo e-mail indicato nel Mod. 2 la Password scaduta al primo accesso (che dovrà essere prontamente modificata); successivamente, verrà contattato per fissare un appuntamento ai fini del ritiro dell'Utenza e delle informazioni sulle attività necessarie alla certificazione della propria postazione.
 
Per la registrazione degli utenti delle Stazioni Appaltanti e istruzioni operative ,   si raccomanda di seguire attentamente le istruzioni riportate negli allegati sotto.
 
Per problemi tecnici, recupero pin e certificati visitare questa pagina >>
 
 
 

Ultima modifica il 22/06/2016 alle 11:18

 
Torna su