Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Udine

NOTIZIE

 

 Prevenzione e controllo dell'influenza stagionale - circolare del Ministero della Salute

La Circolare Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2016-2017, elaborata dalla Direzione Generale della Prevenzione sanitaria, contiene informazioni sulla sorveglianza epidemiologica e virologica durante la stagione 2015-2016 e fornisce raccomandazioni per la prevenzione dell'influenza attraverso la vaccinazione e le misure di igiene e protezione individuale.

L'influenza è una malattia che ricorre in ogni stagione invernale; essa può avere un andamento imprevedibile e, ogni anno, impegna importanti risorse del SSN.

La stagione influenzale 2015-2016 è stata caratterizzata da una bassa incidenza cumulativa (82 casi per 1.000 assistiti). Sono stati segnalati 89 casi gravi e 32 decessi da influenza confermata da 13 regioni e province autonome (contro i 485 casi gravi, dei quali 160 deceduti, della stagione precedente). Questa stagione rispetto alle precedenti è stata caratterizzata da un numero di casi gravi e decessi sovrapponibile a quanto osservato nelle stagioni 2011-2012 e 2013-2014. Solo il 9,7% dei casi gravi segnalati riferiva di essersi vaccinato contro l'influenza dall'inizio della stagione. Tre donne erano in gravidanza al momento della segnalazione, tutte sono state ricoverate in terapia intensiva, due presentavano una condizione di rischio preesistente, nessuna era vaccinata.

Si raccomanda l'avvio tempestivo della vaccinazione antinfluenzale a tutti i soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, ai pazienti a rischio, il cui elenco è contenuto nella circolare, e agli operatori sanitari che hanno contatto diretto con i pazienti a più alto rischio di acquisizione/trasmissione dell'infezione.

Si ricorda l'importanza della vaccinazione antinfluenzale nelle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, la vaccinazione è loro offerta gratuitamente e l'OMS nel suo position paper più recente sull'influenza ritiene le gravide come il più importante dei gruppi a rischio per loro stesse e per il feto.
 
 
Pubblicato il 12/08/2016 ultima modifica il 12/08/2016 alle 15:55:29

 
Torna su