Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Udine

Notizie Protezione Civile

 

 Fatta brillare una bomba d’aereo da 1000 libbre rinvenuta nel Comune di Codroipo.

 
Si è conclusa nella tarda mattinata di oggi 2 aprile l’operazione, iniziata alle 8.30, di brillamento della bomba d’aereo di fabbricazione inglese, risalente alla seconda guerra mondiale, rinvenuta nel territorio del Comune di Codroipo, sul greto del fiume Tagliamento.

Si trattava, in particolare, di un ordigno da 1000 libbre, contenente 170 Kg di alto esplosivo, già posto in sicurezza dalle Forze dell’ordine.

La complessità delle operazioni, svoltesi sotto il coordinamento della Prefettura di Udine, è derivata dalla rilevante carica esplosiva caratterizzante il manufatto e dalla circostanza che l’ordigno, di cui era sconsigliabile per motivi di sicurezza lo spostamento, era contiguo al pilone di un ponte ferroviario (a circa 40 metri).

Inoltre, le condizioni idrogeologiche sfavorevoli del sito, a causa delle piogge degli scorsi giorni e dell’innalzamento del livello del fiume, hanno determinato più volte il rinvio delle operazioni.

Nelle riunioni di coordinamento tenutesi nella Prefettura di Udine erano state concordate le modalità di neutralizzazione dell’ordigno e le misure di sicurezza da adottare durante le operazioni.

In particolare, le procedure tecniche di bonifica hanno fatto capo al 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, che, al fine di ridurre il raggio dell’area di rischio in caso di deflagrazione (stimato in 1800 metri), ha provveduto negli scorsi giorni ad approntare, sopra la bomba, una struttura di contenimento degli effetti generati dall’esplosione, che ha consentito di ridurre l’area di rischio ad un raggio di 400 metri.

In questa maniera, è stato possibile evitare la chiusura temporanea della la S.R. 13 Pontebbana, posta al limite dell’area di attenzione, e disporre lo sgombero di un numero molto limitato di persone residenti nella medesima area (una decina di famiglie).

Non è stato, invece, possibile evitare la sospensione della circolazione ferroviaria sul ponte ricadente nell’area di rischio, che, tuttavia, è stata limitata allo stretto tempo necessario alle operazioni di brillamento e alla verifica di assenza di danni alle strutture della rete ferroviaria (dalle 10.35 alle 12.20).

La bonifica del residuato bellico è stata portata a termine con successo anche grazie all’assistenza garantita dai Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Udine, dalla Croce Rossa Italiana, dal personale volontario messo a disposizione dalla Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia, dai referenti di Terna S.p.a., nonché da personale dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Polizia locale dei Comuni di Codroipo e San Vito al Tagliamento.

Udine, 2 aprile 2015

                                                                                                            Il Viceprefetto Aggiunto

                                                                                                                        (G.M. LEO)
Pubblicato il 02/04/2015 ultima modifica il 22/04/2015 alle 11:40:51

 
Torna su