Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Udine

COVID-19

 

 D.P.C.M. 17 MAGGIO 2020 E D.L. 16 MAGGIO 2020: OBBLIGO DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Con il D.P.C.M. 17 maggio 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il medesimo giorno e in vigore dal 18 maggio 2020, è venuto meno l'obbligo di qualunque comunicazione al Prefetto da parte delle attività economiche e produttive.

Pertanto le predette attività, ai sensi del Decreto Legge 16 maggio 2020, n. 33, dal 18 maggio 2020 possono riprendere ma devono svolgersi nel rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali. In assenza di quelli regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale.

Si segnala, al riguardo, che il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida, regionali, o, in assenza, nazionali, che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell'attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.
Pubblicato il 18/05/2020
Ultima modifica il 19/05/2020 alle 18:59:27

 D.P.C.M. 26 APRILE 2020: QUADRO NORMATIVO E COMUNICAZIONE PROSECUZIONE ATTIVITA' AL PREFETTO DI UDINE

 
Con il D.P.C.M. 26 aprile 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 aprile 2020 e in vigore dal 4 maggio 2020, sono state nuovamente modificate le misure di contenimento del contagio per lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive industriali e commerciali.
 
 
 
In particolare, si prevede che si possano proseguire liberamente le attività espressamente indicate e che le altre debbano rimanere sospese, ferma la possibilità per queste ultime - previa comunicazione al Prefetto territorialmente competente - di accedere ai locali aziendali per lo svolgimento di determinate attività specificatamente previste dalla legge.
 
 
 
  ATTUALE QUADRO NORMATIVO IN SINTESI
  
 
 
  • ATTIVITA' CHE POSSONO PROSEGUIRE
 
 
Possono proseguire liberamente - e quindi senza necessità di comunicazione/autorizzazione alcuna - tutte le attività previste espressamente dalla legge.
 
 
Più esattamente, si tratta delle seguenti:
  
  • attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici, nonché di prodotti agricoli e alimentari ( art. 2, comma 3 );
  • attività che erogano servizi di pubblica utilità e servizi essenziali di cui alla legge 12 giugno 1990, n. 146 ( art. 2 comma 4 );
  • attività commerciali al dettaglio di cui all' allegato 1 ;
  • servizi alla persona di cui all' allegato 2 ;
  • attività produttive industriali e commerciali aventi i codici ATECO espressamente indicati nell' allegato 3 .
  
Occorre considerare  che le suddette attività rimangono soggette a sospensione ove la mancata attuazione dei protocolli di regolamentazione delle misure per il contenimento della diffusione del Covid 19 non assicuri adeguati livelli di protezione.
 
  
  • ATTIVITA' SOSPESE
  
Tutte le attività non espressamente ricomprese fra quelle citate al punto precedente rimangono sospese.
 
Per tali attività sospese, il nuovo D.P.C.M. prevede, in ogni caso, che:
  
  • l'attività può essere proseguita solo se organizzata in modalità a distanza o in lavoro agile (art. 2, comma 2)
 
  • è sempre ammesso - previa comunicazione al Prefetto territorialmente competente in base all'ubicazione dell'attività - l'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per:
- lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti, nonché attività di pulizia e sanificazione  (art. 2, comma 8 prima parte) ;
 
- la spedizione verso terzi di merci giacenti i magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture  (art. 2, comma 8 seconda parte) .
 
 
 
 
MODALITA' OBBLIGATORIA DI EFFETTUAZIONE DELLA COMUNICAZIONE
 
  
SOLO ove, trattandosi di attività sospesa, si renda necessario accedere ai locali aziendali per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti, nonché attività di pulizia e sanificazione, ovvero la spedizione verso terzi di merci giacenti i magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture, la comunicazione al Prefetto territorialmente competente in base all'ubicazione dell'attività va effettuata - A PENA DI IRRICEVIBILITÀ - secondo le modalità di seguito indicate.
  
 
Occorre anzitutto compilare, in ogni sua parte, il modulo presente al seguente link:  https://forms.gle/9bLYh6paN9agKt7L8   (operativo dalle 00.00 del 4 maggio 2020).
  
 
A compilazione ultimata, cliccando sul pulsante "Invia", il modulo compilato verrà trasmesso all'indirizzo e-mail (di posta elettronica ordinaria o un indirizzo P.E.C. che accetti e-mail ordinarie) che verrà indicato dal compilatore.
 
 
Tale modulo in formato pdf dovrà essere salvato sul proprio pc e firmato con firma digitale o con firma autografa del titolare o dal legale rappresentante (in quest'ultimo caso allegando obbligatoriamente copia del documento di identità in corso di validità).
 
 
Quindi, il modulo - unitamente agli allegati necessari a dimostrare quanto dichiarato - dovrà essere trasmesso via P.E.C. ai due seguenti indirizzi: protocollo.prefud(at)pec.interno.it e continuazioneaziende(at)gmail.com , indicando nell'oggetto la DENOMINAZIONE DELL'IMPRESA e la parola CONTAZIENDE .
 
 
 
Si precisa che LE COMUNICAZIONI EFFETTUATE IN MODO DIVERSO DA QUELLO SOPRA INDICATO SARANNO CONSIDERATE IRRICEVIBILI .
 
 
 
 
QUESITI
 

Per eventuali quesiti di carattere tecnico sull'applicazione del D.P.C.M. 26 aprile 2020 e/o sull'inoltro della comunicazione, è possibile scrivere  ESCLUSIVAMENTE  all'indirizzo e-mail  continuazioneaziende(at)gmail.com   , indicando nell'oggetto la  DENOMINAZIONE DELL'IMPRESA  e la parola  QUESITI  .
 
 
Udine, 2 maggio 2020
 
Pubblicato il 02/05/2020
Ultima modifica il 02/05/2020 alle 20:31:18

 
Torna su