Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Udine

Ufficio ricongiungimenti familiari - Familiari al seguito

Dirigente:
Dott.ssa Maria Egle BRUNO         e-mail: mariaegle.bruno(at)interno.it

Funzionario responsabile:  
Gabriele Berti    e-mail: gabriele.berti(at)interno.it
 
 
Addetti allo sportello per l'immigrazione: 

Dott.ssa Concetta Italia Maria Torchia
Sig.ra  Maria Adriana Friscioni
 
 
LO SPORTELLO PER L'IMMIGRAZIONE
 
 
Lo sportello riceve esclusivamente i convocati per il deposito dei documenti originali.
Eventuali informazioni relative alle istanze sono reperibili sul portale del Ministero dell'Interno con le apposite credenziali o presso i patronati a mezzo dei quali l'istanza può essere presentata
Lo Sportello per l'Immigrazione si trova in via della Prefettura n.18

Telefono:   0432 594602 
 
                     
 
 

 
  1.MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E RITIRO DELLA COMUNICAZIONE DEL RILASCIO DEL NULLA OSTA
 
La domanda di nulla osta al ricongiungimento familiare, corredata dalla documentazione inerente il possesso dei requisiti di cui al comma 3 dell'art. 29 del T.U. sull' immigrazione ( D. Lgs. 286/98 ), deve essere inviata con modalità informatiche utilizzando l'apposita procedura informatizzata disponibile sul sito del Ministero dell'Interno ( https://nullaostalavoro.dlci.interno.it ) dopo essersi muniti delle apposite credenziali SPID.
La documentazione atta a dimostrare il possesso del reddito e di un alloggio idoneo deve essere scannerizzata dall'interessato ed inviata allegata alla domanda di nulla osta al ricongiungimento familiare. Potranno essere richiesti, tradotti e legalizzati, i documenti atti a verificare il legame di parentela con le persone da ricongiungere.
Qualora la pratica dovesse risultare carente di documentazione, verrà richiesta un'integrazione tramite l'invio di un messaggio di posta elettronica. L'integrazione richiesta dovrà essere inviata con le stesse modalità informatiche e sul medesimo portale a mezzo del quale è stata inviata la domanda di ricongiungimento, integrando così il fascicolo informatico già presente. Non sono ammesse diverse modalità.
Al momento della convocazione presso lo Sportello per la consegna dei documenti in originale, se gli stessi risulteranno congruenti con quelli inviati telematicamente verrà rilasciata la comunicazione di avvenuto rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare. Solo in caso di ricezione di un preavviso di rigetto ex art. 10 bis Legge 241/90 le osservazioni, eventualmente corredate da documenti, potranno essere inoltrate a mezzo posta raccomandata o via P.E.C. all'indirizzo protocollo.prefud(at)pec.interno.it .
Le istruzioni da seguire e la documentazione da presentare sono indicate dettagliatamente nella sezione documenti scaricabili. 
Per la procedura di inoltro della domanda è possibile avvalersi dell'assistenza delle associazioni nazionali rappresentative dei datori di lavoro, dei patronati, delle associazioni autorizzate ad accedere al sistema e quindi a presentare le domande, anch'esse dovranno essere munite delle credenziali SPID secondo le istruzioni contenute nel portale del Ministero e nel manuale del portale SUI. 
 
Documenti scaricabili
 
 
3. RICHIESTA DI RILASCIO DI PERMESSO DI SOGGIORNO
Lo  Sportello provvede entro 8 giorni dall'ingresso in Italia dei ricongiunti alla richiesta del rilascio del permesso di soggiorno e alla consegna del codice fiscale.
Per la consegna della suddetta documentazione è necessario fissare un appuntamento via e-mail all'indirizzo immigrazione.pref_udine(at)interno.it  .
Il giorno dell'appuntamento i ricongiunti dovranno presentarsi presso lo Sportello per l'immigrazione con:
  •  originale del passaporto,
  •  fotocopia del passaporto con le pagine contenenti i dati personali,
  •  marca da bollo da € 16,00.
Per il ricongiungimento dei figli minori degli anni 14 il sistema provvede a richiedere l'aggiornamento del permesso o della carta di soggiorno del genitore richiedente.
Lo Sportello per l'Immigrazione provvede a consegnare all'interessato la documentazione nell'apposita busta da inoltrare alla Questura tramite lo Sportello Amico di Poste Italiane.
 
 
MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI FAMILIARE AL SEGUITO
 
Per i familiari al seguito, si applica la medesima procedura telematica prevista per il ricongiungimento .
In aggiunta alla documentazione necessaria a dimostrare il possesso del reddito e di un alloggio idoneo, dovrà essere prodotta delega ( mod. S4) a favore di un cittadino italiano o straniero regolarmente soggiornante sul territorio nazionale a presentare l'istanza firmata presso le competenti autorità locali, debitamente tradotta e legalizzata dalla rappresentanza diplomatica consolare italiana all'estero.
Qualora il delegante si trovi in Italia, la delega può essere effettuata dal notaio.
 
Il familiare straniero di cittadino italiano o comunitario non deve richiedere il nulla osta allo Sportello unico, ma direttamente il visto in Ambasciata

Data pubblicazione il 15/12/2008
Ultima modifica il 18/10/2019 alle 10:38

 
Torna su