Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Udine

Cartella esattoriale

CARTELLE ESATTORIALI PER VIOLAZIONE AL C.d.S.
 
  Dirigente Area III : vedi voce Dirigenti e posizioni organizzative 
Orario di apertura al pubblico : Lun - Merc - Ven  10.00 - 12.00
Addetti : SABBADINI Graziella graziella.sabbadini(at)interno.it
Tel. 0432594476 - Fax : 0432 - 594497
Indirizzo di posta elettronica :   depenalizzazione.pref_udine(at)interno.it 
Indirizzo di posta elettronica certificata : protocollo.prefud(at)pec.interno.it  
 
Artt.202 - 203/3° comma Codice della Strada - Qualora nei termini previsti (60gg), non sia stato proposto ricorso o non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta o con modalità agevolata, prevista con l'entrata in vigore della  Legge n. 98 del  9.8.2013 ( riduzione del 30 per cento) il verbale di contestazione debitamente notificato, costituisce titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo della sanzione amministrativa edittale oltre alle spese  di notifica.
Art. 204 Codice della Strada - Qualora sia stata emessa l'ordinanza ingiunzione del Prefetto e, trascorso inutilmente il termine per il pagamento della sanzione amministrativa (30gg), il provvedimento costituisce titolo esecutivo per l'ammontare della somma ingiunta e delle relative spese.
Art. 27 Legge 24/11/1981 n. 689 - Decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento dell'ordinanza ingiunzione, l'Autorità che ha emesso il provvedimento, procede alla riscossione coattiva delle somme dovute .  
 
Tutto ciò per affermare che:
- Quando il trasgressore e/o gli obbligati in solido  non provvedono a pagare la cifra indicata sul verbale entro il termine  fissato,  sarà emessa una cartella di pagamento  per un importo pari alla metà del massimo edittale, più le spese e più la maggiorazione prevista dall'art. 27 della legge 689/81 (10% al semestre).
- Quando è stata notificata un'ordinanza ingiunzione e non si  provvede al pagamento della somma ingiunta, sarà emessa una cartella di pagamento a nome delle persone indicate nel provvedimento prefettizio stesso,  per la stessa cifra, aumentata delle spese e della maggiorazione prevista dall'art. 27 della legge 689/81 (10% al semestre).
 La Prefettura/ U.T.G. di Udine predispone i ruoli  per la stampa delle cartelle di pagamento  per i verbali elevati da organi di Polizia Stradale e ANAS (indicati nella cartella come STR_CC_GDF ecc..) tenendo conto che il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate nella L. 689/81 si estingue nel termine di cinque anni, dalla notifica dell'atto che ha originato la cartella stessa, salvo i casi di interruzione regolati dal Codice Civile.
Per maggior chiarezza si evidenzia come  nella cartella di pagamento vengono comunicate al contribuente le somme risultanti dal ruolo (elenco dei tributi) da pagare entro il termine di 60 gg. dalla data di notifica della stessa, con l'avvertenza che in mancanza si procederà ad esecuzione forzata.
La cartella è notificata dall'Agente della Riscossione,  a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno, e/o P.E.C.  presso la residenza  del contribuente e nella stessa  vengono riportati:
- I dati dell'Agente della Riscossione competente :
- Il numero di cartella (un codice dal quale è possibile rilevare il numero della concessione, l'anno di  emissione ed il progressivo) al riguardo si precisa che detto numero è lo stesso sia per l'intestatario (trasgressore) che per l'obbligato in solido e che quest'ultimo  avrà come elemento distintivo l'aggiunta, a tale numero, del codice identificativo"001" ;
- Il nominativo del trasgressore o obbligato in solido comprensivo di codice fiscale;
- La somma totale da pagare ed alcune informazioni legate al ritardo del pagamento (interessi di mora).
- In intestazione l'Ente Creditore (cui il trasgressore deve far riferimento per eventuali chiarimenti) ed il responsabile del procedimento;
- Il dettaglio delle violazioni compiute e gli importi scorporati per voce (sanzione principale, maggiorazioni, spese di notifica);
- L'importo totale della cartella ed il tempo utile per pagare (60gg. tenendo conto che se il giorno di scadenza è sabato o festivo la scadenza stessa è posticipata al primo giorno lavorativo successivo);
- Dove e come pagare (in dettaglio le varie modalità previste, banca, poste, telefono, presso gli sportelli del concessionario);
- I dati identificativi della cartella (codici dei tributi, l'anno di riferimento, i progressivi di ruolo, gli estremi degli atti di verbalizzazione, ecc.);
- Alcune comunicazioni del concessionario circa le modalità informative e di pagamento semplificato.
Infine  vengono riportati:
 Le modalità per il ricorso ai sensi dell' art. 22 Legge n. 689/81, che  dovrà essere proposto al Giudice di Pace del luogo ove la violazione è stata commessa, entro 30 giorni ,a pena di decadenza, decorrenti  dalla data della notifica della cartella stessa.
 
 Si precisa inoltre che: 
Nel caso di verbali di sanzioni amministrative, redatti nei confronti di conducente e del soggetto previsto dall'art.196 C.d.S. che risponde  in solido con il medesimo per la violazione posta in essere, qualora  non si provveda al pagamento in misura ridotta (dalla contestazione immediata ovvero entro 60 giorni dalla notifica), salvo i casi in cui non sia ammesso, l'iscrizione a ruolo viene richiesta in solido, ai sensi dell'art. 1292 C.C., ai soggetti precedentemente indicati. Si precisa, quindi, che il Concessionario procederà all'emissione di due cartelle di pagamento di pari importo (una a carico del conducente ed una a carico dell'obbligato in solido (in genere il proprietario del veicolo che servì a compiere la violazione), in quanto relative ad un unico procedimento, delle quali una sola deve essere pagata. Se per errore vengono pagate entrambe le cartelle di pagamento, il secondo ad aver adempiuto potrà ottenere il rimborso dal Concessionario della Riscossione.
 
I soggetti nei cui confronti è stata emessa e notificata la cartella di pagamento possono chiedere, l'annullamento direttamente all'Amministrazione che ha disposto il ruolo nei casi previsti o presentare ricorso dinanzi all'Autorità giudiziaria competente. .
I soggetti che intendono contestare la cartella di pagamento devono proporre opposizione di fronte al Giudice di Pace competente territorialmente, per importi inferiori a  €. 20.000. al Tribunale competente territorialmente.
E' obbligatorio allegare al ricorso la cartella impugnata da cui risulti la data della notifica.
E' possibile chiedere l'annullamento della cartella di pagamento direttamente a all'Ente impositore (Prefettura di Udine) nei casi sottoelencati:
- veicolo venduto in data antecedente all'accertamento della violazione;
- decesso;
-veicolo compendio di furto;
- verbale pagato regolarmente entro i termini previsi per legge;
- verbale pagato oltre i 60gg (in questo caso si avrà un discarico parziale pari alla somma già pagata con un ricalcalo degli interessi dovuti;
- prescrizione (cartella notificata oltre il termine di 5 anni dalla data di accertamento e contestazione o notifica del verbale art. 28 l.689/81) che deve essere sempre richiesta  dal contribuente per l'annullamento in quanto non è rilevabile d'ufficio;
 - mancata o non regolare notifica dell'atto che ha originato il ruolo
- altre motivazioni documentabili.
 
Inoltre è  possibile formulare la domanda di sospensione legale della riscossione   per tutti i casi  previsti dall'art.1 cc. 537-549 della legge  24 dicembre 2012 n. 228  inoltrando documentata domanda   allo stesso Agente della Riscossione.
 Si evidenzia come le istanze presentate direttamente alla Prefettura/UTG  non interrompano né i  termini previsti per il ricorso al giudice di pace e né sospendono le procedure di competenza del concessionario.
  Documentazione richiesta:
 1. Domanda
 2. Documentazione probatoria necessaria a verificare la fondatezza della richiesta di annullamento della cartella esattoriale di pagamento
 
 
Riferimenti normativi:
 
  • D. L.vo 30.4.1992, n. 285 (artt., 203 e 206);
  • D.P.R. 16.12.1992, N. 495;
  • Legge 24.11.1981, n. 689.
 
 
 

Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 04/11/2019 alle 16:29

 
Torna su