Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Trieste

Comunicati Stampa

 

 Protocollo di Legalità Hub Portuale di Trieste

Questa mattina, presso la Prefettura U.T.G. di Trieste, e’ stato sottoscritto il protocollo di legalita’ relativo alla costruzione dell’hub portuale di Trieste - piattaforma logistica tra lo scalo legnami e il punto franco di minerali – 1° stralcio funzionale.

Il protocollo è stato sottoscritto dal Prefetto di Trieste, dal Presidente dell’Autorità Portuale di Trieste e dal legale rappresentante del raggruppamento temporaneo di operatori economici formato da:

-          Impresa di costruzioni I.C.O.P. s.p.a.,

-          Francesco Parisi casa di spedizioni s.p.a.,

-          Interporto Bologna s.p.a.,

-          Cosmo Ambiente s.r.l..

 
L’opera rientra nel programma delle infrastrutture strategiche di cui alla legge 443/2001 approvato dal CIPE con delibera 21 dicembre 2001 n. 121.

L’intesa, che integra il precedente protocollo sottoscritto con l’Autorità Portuale il 17 dicembre 2012, prevede l’attivazione di un monitoraggio continuo di tutte le attività connesse alla realizzazione della importante infrastruttura portuale.

A tale fine sarà realizzata una piattaforma informatica per la trasmissione dei dati alla Prefettura di Trieste che procederà a tutte le verifiche finalizzate alla prevenzione di tentativi di infiltrazione mafiosa nella catena degli appalti con un monitoraggio continuo di tutta la filiera delle imprese, anche attraverso la costituzione di una “anagrafe degli esecutori” e la possibilita’ di effettuare controlli coordinati sui cantieri.

Il concessionario dovra’ nominare un proprio “referente di cantiere” che dovra’ redigere il “settimanale di cantiere” contenente tutte le informazioni sui lavori programmati.

 
Altre misure sono previste per il controllo dei flussi finanziari per garantirne la piena tracciabilita’. Apposita sezione e’ dedicata alla prevenzione della corruzione e alla attuazione della trasparenza amministrativa secondo le  linee guida  concertate tra il Ministero dell’Interno e l’Autorità Nazionale Anticorruzione.
 

L’atto, espressamente previsto da specifiche norme di legge, rappresenta un importante momento di collaborazione interistituzionale e con le imprese. Il sistema di prevenzione delineato, in quanto volto alla prevenzione di fenomeni che possono gravemente danneggiare il tessuto socio-economico, e’ finalizzato a tutelare e favorire l’imprenditoria sana della regione.
 
Pubblicato il :

 
Torna su