Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Trieste

Droga e Problematiche Giovanili

Detenzione per consumo personale

 

La detenzione per consumo personale di sostanze stupefacenti e psicotrope costituisce un illecito amministrativo, che comporta la sospensione o il divieto di conseguire documenti personali quali la patente di guida, il porto d’armi, il passaporto o ogni altro documento equipollente e il permesso di soggiorno per motivi turistici.

Competente a comminare la sanzione è il Prefetto. Data la particolare delicatezza della problematica, la normativa prevede diverse modulazioni nella decretazione della sanzione e possibilità differenziate nella conclusione del procedimento, che sono valutate in concreto nelle singole situazioni. A tale riguardo si rimanda al link “come fare per - droga”

 

Prevenzione, informazione e progettualità al servizio del cittadino

 

Il nucleo operativo tossicodipendenze organizza e attua progetti in favore delle scuole secondarie di primo e secondo grado relativi a:

 

  • Educazione alla legalità e prevenzione consumo droghe legali e illegali
  • Educazione alla cittadinanza attiva e al rispetto dell’altro ( prevenzione alle discriminazioni e ai comportamenti di stolking e bullismo)
  • Formazione di peer educator e peer mentoring
 

I progetti sono ideati e condotti dalle dott.sse Fantasia e Onofrio e vengono attivati su richiesta.

OBIETTIVI

Rispondere all’esigenza formativa ed educativa in relazione al significato della legalità, del rispetto dell’altro e delle conseguenze giuridiche e sociali connesse al consumo di sostanze alcoliche, stupefacenti e psicotrope.

TARGET

Ragazzi frequentanti le Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado (classi del terzo anno) della provincia di Trieste 

 MODALITA’ & CONTENUTI

Sono previsti due incontri con i singoli gruppi classe della durata di due ore ciascuno (laddove si ravvisassero congiuntamente ai docenti necessità di ulteriore approfondimento, potrà essere ampliato ).

Viene concordato con l’insegnante referente, nell’ambito di un incontro preliminare, il contenuto ed il taglio dell’intervento rispetto al singolo gruppo classe, anche tenendo presente eventuali esigenze curricolari.

Negli incontri viene adottata la metodologia della discussione partecipata e vengono ricontestualizzate le conoscenze già in possesso dei ragazzi, rinforzate con ulteriori informazioni, partendo, dove è possibile, da contesti di vita quotidiana; a tal fine vengono utilizzati anche giochi di ruolo e situazioni di simulata.

E’ prevista la somministrazione di un breve questionario anonimo, elaborato a cura di questo Ufficio, che ha la funzione di orientamento nelle discussioni in classe.

I progetti per le scuole partecipanti sono a costo zero. Per maggiori informazioni sull’adesione si rimanda al link “come fare per - droga”

Data pubblicazione il 30/06/2014
Ultima modifica il 30/06/2014 alle 09:47

 
Torna su