Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Treviso

Comunicato Stampa

 

 PERCORSI DI LEGALITA' - WORKSHOP 'UNITI PER L'EDUCAZIONE PREVIDENZIALE SCUOLA/LAVORO" 26 aprile 2017

I "Percorsi di Legalità" avviati dal Prefetto Lega già dal 2015 si sono arricchiti oggi di un nuovo importante tassello con l'avvio, alla presenza di 100 studenti, di un'iniziativa di formazione in materia di previdenza e mercato del lavoro, tematiche di particolare attualità e delicatezza e di sicuro interesse per i giovani in procinto di lasciare la scuola.

Il workshop rappresenta l'avvio di un progetto congiunto (Prefettura/INPS/Ufficio Scolastico) voluto dal prefetto di Treviso che punta ad educare ed informare correttamente i ragazzi che stanno concludendo il ciclo scolastico e che, nell'approssimarsi al mercato del lavoro, li renda maggiormente consapevoli in materia.

"La conoscenza dei propri diritti e dei propri doveri legati alla prestazione lavorativa costituisce un punto di partenza essenziale per garantire una cittadinanza attiva e consapevole ed evitare il proliferare di forme di mercato del lavoro illegale non più sostenibile e dannoso per il nostro sistema economico e sociale" ha detto il Prefetto di Treviso nell'aprire il workshop che ha visto gli interventi del Direttore Provinciale dell'I.N.P.S. dr. De Sabbata, del Tenente Polidori del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e della dr.ssa Gaeta dell'Ispettorato del Lavoro.

Un incontro formativo snello ed efficace che ha avuto come focus principale l'illustrazione degli strumenti normativi vigenti in materia previdenziale e contrattualistica fornendo un bagaglio di conoscenze preziose agli studenti invitati ad approfondire e ad avviare se necessario ogni ulteriore verifica con gli uffici competenti.

L'obiettivo è di generare curiosità della tematica proposta e nello stesso tempo produrre effetti formativi di base finalizzati a promuovere principi di educazione previdenziale oggi completamente assenti nel mondo giovanile.

Ovviamente, come detto poc'anzi, è stato individuato il target degli alunni delle scuole che si apprestano a concludere il loro ciclo scolastico superiore e che affacciandosi sul mercato del lavoro, hanno bisogno di un'informazione corretta in materia, che gli consenta di evitare trappole occupazionali fuori dalla legalità e li renda consapevoli dei propri diritti ma anche dei doveri.

Un'iniziativa importante per far crescere nella provincia di Treviso una cittadinanza attiva e consapevole del valore della legalità che verrà replicata in tutte le scuole nel prossimo autunno.

 

Giornata informativa sulla Previdenza
 
Pubblicato il :

 Ritrovamento di un portafoglio da parte di un richiedente asilo di nazionalità nigeriana

Il Prefetto Laura Lega ha ricevuto il 13 aprile un cittadino trevigiano ed un ragazzo nigeriano, protagonisti di un edificante episodio accaduto a Treviso.

Il giovane, di 23 anni, richiedente asilo ed attualmente alloggiato presso l'ex Caserma Serena, si è infatti ieri positivamente distinto per essersi presentato presso gli uffici della locale Questura per consegnare, senza indugio, un portafoglio contenente circa 2300 euro, che aveva appena rinvenuto in centro storico e che si è potuto prontamente restituire al legittimo proprietario.

Durante l'incontro, il Prefetto ha inteso rivolgere il proprio apprezzamento per gli atteggiamenti particolarmente significativi tenuti da entrambi nella circostanza, che vanno equamente evidenziati e commisurati.

Infatti, la bellissima iniziativa di onestà compiuta dal giovane nigeriano, ha trovato pari nobile riscontro presso il cittadino trevigiano, che ha inteso significare la propria gratitudine attraverso la donazione di una somma in denaro.

Pubblicato il :

 6 aprile 2017 - Camera di Commercio di Treviso Convegno sul tema 'Educare alla legalità"

Sottoscrizione Protocollo di legalità per la "prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nei contratti pubblici".
 

Il Prefetto Laura Lega ha accolto l'Onorevole Rosy Bindi, Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia ed il Consigliere Adelchi D'Ippolito, Coordinatore della Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Venezia al convegno "Educare alla legalità" organizzato con la Camera di Commercio di Treviso-Belluno.

L'evento, che ha avuto un'alta partecipazione tra parlamentari, Sindaci ed Amministratori locali, operatori economici e sociali del territorio e numerosi studenti, è stato di particolare interesse per i temi trattati che hanno avuto riguardo alla diffusione della cultura della legalità ed alla lotta alle mafie ed ha rappresentato un importante momento di riflessione al fine di consolidare sinergiche strategie di prevenzione per il contrasto ai fenomeni d'infiltrazione criminale sul territorio.

Il convegno ha fatto da sfondo alla sottoscrizione del Protocollo di legalità per la "Prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nei contratti pubblici", stipulato tra la Prefettura, la Camera di Commercio, la Provincia, la USL unica della provincia, e numerosi Comuni.

Nel corso dell'incontro è stato sottolineato come il preminente interesse pubblico alla legalità, quale presupposto ineludibile per garantire il crescere di una società civile sana, forte e democratica, imponga di mettere in campo strategie sinergiche che puntino ad una costante e crescente implementazione della cultura della legalità, anche al fine di garantire uno sviluppo sociale ed economico del territorio solido e duraturo.

In tale direzione, sia da parte della Presidente Bindi che del Procuratore d'Ippolito, è stato evidenziato come il Protocollo predisposto dalla Prefettura di Treviso rappresenti un passo importante per il territorio poiché costituisce un mezzo di prevenzione capace di interporre un'efficace cordone contro le interferenze illecite nelle procedure di affidamento dei contratti pubblici. Al riguardo non si è mancato di evidenziare infatti che nessun territorio, specie in questa stagione di difficile congiuntura finanziaria, può ritenersi immune dal rischio d'infiltrazione e che pertanto è strategica l'azione preventiva su cui è impegnata la Prefettura e l'azione delle Forze dell'Ordine e della Magistratura per arginare ogni fenomeno di rischio.

Il Prefetto Lega ha evidenziato come la stipula del Protocollo concorra alla strategia messa in campo per garantire maggiori condizioni di legalità per i cittadini e le imprese e punti a rafforzare la rete Stato/Enti locali nel contrasto al rischio infiltrativo, impegnando le stazioni appaltanti ad aumentare la vigilanza ed il controllo. Il Patto infatti amplia la sfera delle aree sottoposte ai controlli ed alle informazioni antimafia e prevede una serie di clausole finalizzate a rafforzare gli impegni di trasparenza e legalità. Il Protocollo, nel consolidare il lavoro che la Prefettura sta operando da tempo sull'argomento, avvia un processo virtuoso di prevenzione dai rischi di infiltrazione della criminalità organizzata essenziale per il bene del territorio provinciale, anche alla luce dei provvedimenti interdittivi già adottati.

 

 

Foto della sala
 

 

Pubblicato il :

 Treviso 10 aprile 2017 cerimonia per il 165° Anniversario della Polizia di Stato

In occasione del 165° Anniversario della Polizia di Stato il Prefetto di Treviso Dr.ssa Laura Lega con il Questore Dr. Maurizio Dalle Mura ha deposito in Questura, alla presenza dei familiari delle vittime, una corona di alloro al monumento dedicato ai caduti della Polizia di Stato.

Il Prefetto successivamente ha partecipato alla Cerimonia organizzata dal Sig. Questore nel corso della quale sono stati consegnati vari riconoscimenti al personale della Polizia di Stato che si è particolarmente distinto nello svolgimento del proprio servizio.

Pubblicato il :

 12 aprile 2017 ... Treviso, Palazzo dei Trecento Convegno 'L'azzardo non vince mai ... le regole del gioco"

  Il Prefetto Laura Lega ha partecipato nel tardo pomeriggio odierno al convegno in materia di ludopatia svoltosi presso il Palazzo dei Trecento dal titolo "L'azzardo non vince mai - le regole del gioco".

All'incontro, oltre al Prefetto di Treviso, sono altresì intervenuti il Sindaco di Treviso, la Presidente dell'Anci Veneto ed il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

La ludopatia è una dipendenza e va affrontata come una patologia ed è uno dei temi che sta generando crescente allarme sociale per la crescita esponenziale che sta avendo.

Si tratta in realtà di un tema delicato e molto complesso che attraversa trasversalmente la nostra società riguarda fasce di età molto diverse dagli adolescenti agli anziani, dal disoccupato all'imprenditore e necessità pertanto di una risposta multidisciplinare e soprattutto, di un approccio non segmentato territorialmente.

Si tratta di un problema che non solo c'interroga eticamente ma che pone oggettivi problemi di sostenibilità' per le famiglie e quindi, in caso di nuclei monoreddito, dei Comuni e che ha ulteriori gravi risvolti in termini di criminalità e di sicurezza sociale.

Le ludopatie alimentano infatti mercati paralleli di micro e macrocriminalità, e favoriscono il fenomeno dell'usura-ed i dati oggi in evidenza in altre regioni sono sotto questo profilo preoccupanti.

La ludopatia non conosce confini e circoscrzioni/amministrative e quindi va affrontata con una capacità di risposta globale di distretto.

Per tali motivazioni la Prefettura, in termini di prevenzione e contrasto del fenomeno, ha istituito un tavolo interistituzionale con la Conferenza dei Sindaci, l'Anci, la Usi, la Camera di Commercio, le Associazioni di categoria (Federtabaccai), l'Agenzia dei monopoli, l' Ufficio provinciale scolastico, le Forze di Polizia per promuovere concrete iniziative di prevenzione e contrasto ed ha predisposto un protocollo d'Intesa di cui si aspetta il nulla osta del Ministero per la stipula che prevede:

1)monitoraggio del fenomeno

2) incentivare i controlli sugli esercizi;

3) - promuovere formazione degli operatori

   - promuovere percorsi di legalità - iniziative capillari d'informazione nelle scuole e per adulti; 4) supporto ai Sindaci - fare rete per la disciplina di regolamentazione

 
Pubblicato il :

 5 aprile 2017 - Il Prefetto di Treviso riceve gli studenti del Liceo Da Vinci autori del Progetto in materia di migrazione

Nel primo pomeriggio odierno, il Prefetto Laura Lega ha ricevuto una delegazione composta da una trentina di studenti del triennio del Liceo Da Vinci di Treviso, accompagnati da alcuni insegnanti e dal Dirigente Scolastico prof. Luigino Clama.

L'incontro è stato voluto dal Prefetto Lega all'indomani della Tavola Rotonda in materia di migrazione e profugato, svoltasi lo scorso 30 marzo presso l'Istituto Da Vinci, che rappresenta il momento culminante dell'encomiabile lavoro di ricerca e studio svolto dagli studenti coordinati da 6 insegnanti.

Durante l'incontro, che si è svolto in maniera molto cordiale, il Prefetto ha inteso complimentarsi con ragazzi e docenti per l'ottimo lavoro svolto attraverso un prezioso percorso che ha saputo tracciare, a tutto campo, il fenomeno della migrazione e del profugato.

 

  Studenti del liceo Da Vinci Studenti del liceo Da Vinci  
 

 

 
Pubblicato il :

 4 aprile 2017 ... Prefettura di Treviso Il Prefetto di Treviso Dr.ssa Laura Lega incontra gli alunni dell'Istituto Fermi

Nella mattinata odierna hanno fatto visita alla Prefettura due classi seconde dell'Istituto Superiore Fermi di Treviso, nell'ambito di un progetto formativo volto all'avvicinamento degli studenti alle istituzioni pubbliche.

I ragazzi e le relative insegnanti sono stati accolti nel Salone degli Stemmi dal Prefetto Laura Lega che si è lungamente soffermata con loro parlando, tra l'altro, dell'importanza della cultura della legalità quale elemento di coesione e di garanzia della sicura convivenza civile.

Nel corso dell'intervento il Prefetto ha spiegato agli alunni dell'Istituto Fermi le funzioni e l'organizzazione dei servizi della Prefettura soffermandosi sulle competenze proprie del Rappresentante del Governo.

I giovani alunni del Fermi hanno poi rivolto al Prefetto molteplici domande mostrando vivo interesse per la vita politico - amministrativa provinciale e per i più vari campi di esercizio delle competenze prefettizie, dall'ordine e la sicurezza pubblica alla protezione civile, dalla mediazione delle vertenze sociali e lavorative sino ai rapporti con gli enti locali.

Il Prefetto ha poi concluso l'incontro sensibilizzando i ragazzi sull'importanza della prevenzione della corruzione, considerata una metastasi del sistema che ove presente è foriera di elementi distorsivi del sistema economico e sociale con conseguenze devastanti. Ha, quindi invitato i ragazzi ad essere da subito solerti e attenti cultori della meritocrazia intervenendo anche nel proprio ambito per la prevenzione di quei comportamenti che, non improntandosi alla cultura della legalità, possono tendenzialmente costituire la patogenesi in età adulta per le fenomenologie corruttive.
 
 
 
Pubblicato il :

 Provvedimenti di espulsione emessi a carico di cittadini extracomunitari nella provincia di Treviso dal 1 gennaio 2015 ad oggi

Lo scorso 24 marzo è stato firmato dal Prefetto Laura Lega il provvedimento di espulsione nei confronti di un cittadino marocchino privo dei titoli per il legittimo soggiorno nel territorio italiano.

A tal proposito, si rende noto che nell'ambito dell'attività di contrasto dell'immigrazione illegale svolta in provincia di Treviso, sono stati emessi dal 1 gennaio 2015 ad oggi n. 359 decreti di espulsione a carico di altrettanti cittadini extracomunitari irregolarmente presenti nel territorio nazionale o il cui titolo di permanenza è venuto meno.

Nello specifico, i provvedimenti di espulsione emessi nell'arco del 2016 e del 2015 sono stati rispettivamente n. 178 e n. 147, mentre quelli adottati dal primo gennaio 2017 alla data odierna ammontano a n. 34.

Pubblicato il :

 Uniti per l'educazione previzenziale scuola/lavoro

Si è svolto oggi in Prefettura un incontro tra il Prefetto Laura Lega, la Direttrice Scolastica Provinciale dr. ssa Sardella ed il Direttore provinciale dell'I.N.P.S. dr. De Sabbata per l'avvio di un progetto congiunto che punta ad educare i ragazzi che stanno concludendo il ciclo scolastico e quindi sono prossimi all'inserimento nel mondo del lavoro, sul tema previdenziale.

 L'iniziativa nasce dalla consapevolezza della necessità di fornire ai giovani che si affacciano nel mercato del lavoro un'informazione corretta in materia, che gli consenta di evitare trappole di lavori fuori dalla legalità e li renda consapevoli dei propri diritti ma anche dei doveri.

 Il progetto partirà con una giornata formativa che si terrà nelle prossime settimane in Prefettura e coinvolgerà il primo gruppo di studenti.
Pubblicato il :

 
Torna su