Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Treviso

Comunicato Stampa

 

 Il Festival della Statistica e della Demografia a Treviso

 Torna a Treviso per il terzo anno il "StatisticAll - Festival della Statistica e della Demografia" presso l'Aula Magna dell'Università Cà Foscari a Treviso.

 L'evento, unico in Italia, si aprirà domani 29 settembre con gli interventi del Presidente dell'Istat Prof. Giorgio Alleva, della Prof.ssa Monica Pratesi Presidente del SIS e del Prefetto di Treviso Dr.ssa Laura Lega.

 Il Festival si svilupperà in molteplici occasioni di confronto sulle tematiche della statistica e della demografia e chiuderà i battenti il prossimo 1 ottobre.
Pubblicato il :

 Il Prefetto in visita alle scuole Trevigiane per l'inizio del nuovo anno scolastico

Nel corso della mattinata del 19 settembre il Prefetto di Treviso, Dr.ssa Laura Lega, accompagnata dalla Prof.ssa Barbara Sardella., Dirigente dell'Ufficio Scolastico Territoriale ha visitato l'Istituto Turistico Mazzotti di Treviso e incontrato gli studenti in occasione dell'inizio del nuovo anno scolastico.

Il messaggio rivolto dal Prefetto agli studenti ha voluto essere testimonianza dell'attenta presenza delle Istituzioni nei confronti del mondo giovanile; ecco perché nel corso del suo discorso, la Dr.ssa Lega ha affrontato, con la giovane ed attenta platea, delicati e altrettanto attuali problemi legati alla tossicodipendenza, all'alcool e al cyberbullismo.

Congedandosi, il Prefetto ha sottolineato come sia fondamentale da parte dei giovani "esigere il rispetto dei diritti, ma anche rispondere ai nostri doveri".
Pubblicato il :

 PROSEGUE L'AZIONE DEL PREFETTO PER LA SICUREZZA A TREVISO INTENSIFICATE LE MISURE DI SICUREZZA SULLA CITTA'

COMITATO ORDINE E SICUREZZA del 6 settembre 2017

 

Disposto dal Prefetto di Treviso Laura Lega il rafforzamento delle misure di sicurezza a Treviso.

Prosegue l'azione forte della Prefettura in tema di sicurezza e di antiterrorismo.

Di seguito ai numerosi incontri già tenutisi con i Sindaci ed alle diverse circolari esplicative diramate in questi mesi per richiamare l'attenzione sulla necessità che vengano adottate tutte le misure di security e di safety, e da ultimo alla prima "Conferenza provinciale Permanente per la disamina congiunta dei profili d'interesse relativamente all'adeguamento dei livelli di sicurezza" che ha visto riuniti, oltre agli Enti locali, all'Anci alla USL, anche i ceti produttivi, le OO.SS., il Prefetto Lega ha convocato il Comune di Treviso in Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica dando specifiche indicazioni in ordine alla necessità di garantire anche con presidi fisici le aree urbane a maggior flusso e più esposte a rischi potenziali per la sicurezza.

Il Comitato ha analizzato le zone di maggior interesse (mercato infrasettimanale, aree di shopping, ecc.) ed è stato chiesto al Comune di adottare con ogni tempestività idonee misure di protezione.

In particolare il Prefetto, che ha proceduto personalmente ad effettuare i necessari sopralluoghi, ha evidenziato la necessità che tali iniziative coniughino le esigenze di massima sicurezza con quelle di fruizione delle aree urbane da parte dei cittadini senza arrecare, in sostanza, intralcio in primis ai mezzi di soccorso ed a quelli delle FF.PP., nonché ai residenti ed agli esercizi commerciali.

Al riguardo il Prefetto Lega ha confermato la necessità che si operi con particolare sensibilità assicurando che il rafforzamento dei livelli di sicurezza della città, già peraltro ampiamente presidiata, non interferisca negativamente sullo svolgersi della vita dei cittadini. In tale direzione ha evidenziato l'opportuno utilizzo, nelle more di ulteriori iniziative, di misure che s'inseriscano nell'arredo urbano (ad es. fioriere) disposte in modo utile a garantire comunque la viabilità necessitata.

In Comitato sono intervenuti sia il Sindaco di Treviso avv. Manildo, che il Vice Sindaco prof. Grigoletto, che hanno confermato l'attenzione dell'Amministrazione comunale ai temi della sicurezza e la piena collaborazione con la Prefettura al riguardo.

In proposito il Prefetto, nel ringraziare le Forze di Polizia per l'azione serrata svolta sul territorio quotidianamente, ha ribadito la fondamentale importanza del ruolo dei Sindaci e delle Polizie municipali nell'azione di prevenzione e la necessità di un loro ampio e diretto coinvolgimento.

Il Prefetto ha ribadito peraltro che non si registrano specifici segnali di allarme, ma che è assolutamente necessario per il bene della Comunità agire in via preventiva adottando ogni opportuna misura di protezione.

 
Pubblicato il :

 Crisi azienda ELLETI Group

In data odierna il Prefetto di Treviso ha incontrato le Parti sociali per approfondire le problematiche sorte in merito alla vertenza di lavoro avviata dai dipendenti nei confronti della Ditta ELLETI Group srl sita in Vedelago.

Alla riunione hanno partecipato per le parti sindacali, i rappresentanti della UilTec, CislFemca e FilgtemCgil, unitamente alle RSU aziendali, mentre in nome e per conto della Ditta hanno partecipato l'Amministratore Delegato, il Direttore Generale, un libero professionista consulente di parte, unitamente al rappresentante di Unindustria.

La discussione, a tratti accesa, ma pur sempre rispettosa dei ruoli, ha evidenziato una netta contrapposizione tra la decisione dell'azienda (di chiudere l'unità produttiva di Vedelago e trasferirne la produzione in altri stabilimenti, proponendo piccoli incentivi economici sia ai dipendenti disposti a trasferirsi nelle sedi di Verona e Bologna (1000 euro) che a coloro che accettano il licenziamento (2000 euro), e le parti sindacali che si oppongono alla chiusura dello stabilimento di Vedelago.

Preso atto della grave contrapposizione instauratasi tra le Parti e che ha determinato l'occupazione a tutt'oggi dello stabilimento da parte dei dipendenti e la proclamazione dello stato di agitazione, il Prefetto ha convocato un apposito tavolo allo scopo di mediare ed assicurare al territorio, pur nel rispetto dell'attività di impresa e delle decisioni assunte, la salvaguardia dei livelli occupazionali, ed un minimo di garanzie che compensino il disagio dei dipendenti legato al trasferimento.

All'esito della riunione, il Prefetto ha ottenuto dai vertici aziendali l'impegno a valutare nell'immediato l'accoglibilità delle seguenti richieste sindacali, che sono state in larga parte condivise da tutti i partecipanti alla riunione:

  1. Messa a disposizione dei dipendenti disposti al trasferimento, di apposite navette o mezzi di trasporto a carico dell'azienda, unitamente all'incentivo economico quantificato in precedenza;
  2. Previsione di eventuali forme di retribuzione, del tempo impiegato dal personale di Vedelago per il trasferimento presso le altre unità produttive del gruppo;
  3. Incremento dell'incentivo economico previsto a favore dei dipendenti dell'azienda che, non accettando il trasferimento, verranno licenziati.I sindacati, a loro volta, unitamente alle RSU, si sono impegnati a far cessare da subito l'occupazione dello stabilimento, nonché a sospendere lo stato di agitazione.
  4. Entrambi le parti hanno ringraziato il Prefetto per la sensibilità mostrata nella convocazione urgente delle parti per una bonaria e costruttiva composizione della delicata controversia in essere.
  5. Infine l'azienda si è impegnata a valutare il differimento della chiusura dello stabilimento di Vedelago per un ulteriore periodo breve necessario alla direzione aziendale a valutare le proposte di composizione della vertenza emersa nel tavolo odierno.
Pubblicato il :

 Rafforzamento del controllo del territorio con personale dell'Esercito - Precisazione

Prosegue con ampi consensi nel comune capoluogo l'attività avviata lo scorso 28 luglio operazione "Strada Sicure".

L'attività in questione vede il concorso attivo di 20 unità dell'Esercito Italiano che affiancano e collaborano con le Forze dell'Ordine nello svolgimento dei servizi di controllo e vigilanza del territorio, peraltro già consuetamente attenzionato.

 Pare doveroso precisare che detta aliquota militare attivamente impegnata sul nostro territorio, presta servizio presso il 33° Reggimento EW Falzarego di stanza a Treviso, mentre il Comando dell'Operazione "Strade Sicure" è del Raggruppamento Tattico Triveneto dell'Esercito, appartenente al Reggimento Lagunari "Serenissima".
Pubblicato il :

 
Torna su