Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Treviso

Comunicato Stampa

 

 Il Prefetto di Treviso incontra la Imoco Volley

Il Prefetto di Treviso, Laura Lega, ha incontrato nella mattinata odierna, nel salone degli Stemmi della Prefettura, le ragazze della squadra dell'Imoco Volley di Conegliano per esprimere i più vivi complimenti per la conquista dello scudetto della stagione 2017-18, il secondo nella storia del club.

Sono intervenuti anche il Sindaco di Conegliano, il Presidente provinciale del CONI, il Presidente della Federazione italiana pallavolo di Treviso, il Presidente ed il Vice Presidente della Società e lo staff tecnico.

La Imoco, che a ragione costituisce motivo di orgoglio per la comunità della Marca, ha dato ancora un eccellente esempio del "fare squadra" a tutti i livelli, da quello gestionale a quello preparatorio atletico. Il segreto di tale successo è nato, oltre che dalla straordinaria qualità degli atleti, anche dalla capacità, di cui occorre essere grati anche ai dirigenti, di esprimere valori attorno ai quali creare la coesione del gruppo e la sua passione, un positivo modello di comportamento per tutti i giovani amanti dello sport, ha sottolineato il Prefetto che ha augurato di potere festeggiare ulteriori successi nel prossimo anno.

L'incontro si è concluso con la consegna di una targa ricordo alla squadra.
 
 

IL CAPO DI GABINETTO

(De Stefano)

Il Prefetto di Treviso incontra la Imoco Volley

 

 
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Il Prefetto Laura Lega è intervenuta oggi alla celebrazione dei 50 anni della Comunità di Sant'Egidio officiata da S.E.R. Monsignor Gardin Vescovo di Treviso alla Chiesa di San Martino Urbano ed alla quale erano presenti oltre alle Autorità civili, i rappresentanti della Comunità e numerosi cittadini.

A conclusione della cerimonia e dopo gli interventi significativi di taluni presenti, il Prefetto Lega ha voluto sottolineare come "la Comunità di Sant'Egidio sia espressione autentica di un cammino di solidarietà che accompagna concretamente chi ha più bisogno come gli anziani soli, famiglie in difficoltà, detenuti, senza fissa dimora e rifugiati. Un'esperienza cinquantennale che con impegno quotidiano affianca le Istituzioni nel costruire quelle risposte necessarie per dare sostegno alle fragilità della nostra epoca". Il Prefetto ha sottolineato infine come "quello della Comunità è un concorso prezioso che va nella direzione della coesione sociale e della effettiva realizzazione del principio di solidarietà che deve vederci impegnati tutti, Istituzioni e società civile, non in un mero esercizio teorico e retorico, bensì in un concreto percorso di attenzione verso chi è più in difficoltà nella nostra società" .

 

Pubblicato il :

 
Torna su