Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Treviso

Comunicato Stampa

 

 30 maggio 2016 insediamento del Comitato Provinciale di Coordinamento per la Prevenzione dei Reati di Truffa

Si è insediato il 30 maggio 2016 il Comitato Provinciale di Coordinamento per la prevenzione dei reati di truffa, in particolare di natura finanziaria, nei confronti della popolazione di età più avanzata e con educazione finanziaria contenuta.

Tale organismo, presieduto e coordinato dal Prefetto di Treviso, è composto dai rappresentanti delle Forze dell'Ordine e dal Segretario della Commissione Regionale dell'ABI Veneto, come previsto dall'apposito protocollo stipulato il 3 maggio scorso dal Ministero dell'Interno e dall'ABI.

La prima riunione del Comitato si è svolta in un clima di grande disponibilità e impegno a collaborare per mettere a punto una serie di iniziative di grande rilevanza sociale per il territorio trevigiano.

La collaborazione tra banche, Istituzioni e Forze dell'Ordine non nasce certamente oggi. E tuttavia, iniziative come questo nuovo Comitato sono importanti perché ci ricordano, una volta di più, che non si puo' abbassare la guardia, continuando a lavorare insieme per tutelare il bene comune della sicurezza.

Le attività del Comitato riguarderanno in particolare: precauzioni specifiche da adottare quando si preleva contante o si fanno operazioni allo sportello; suggerimenti e piccoli accorgimenti per usare in tutta sicurezza internet, mobile banking e sportelli automatici; numeri utili e comportamenti da adottare in caso di frode, furto o smarrimento delle carte di pagamento, ecc; possibili eventi e incontri di formazione da organizzare a Treviso sui temi della sicurezza antifrode e dell'educazione finanziaria. Grazie all'attento monitoraggio e al contributo delle Forze dell'Ordine e delle banche che operano nella provincia di Treviso, infine, il Comitato avrà a disposizione una mappa sempre aggiornata di tutti gli eventuali nuovi fattori di rischio che possano tradursi in eventi criminosi e di tutte le buone pratiche da mettere a sistema nel territorio trevigiano.
Pubblicato il :

 23 maggio 2016 il Prefetto Dr. Laura Lega interviene al seminario formativo di Telefono Azzurro 'Bambini, adolescenti e rischi dei Nuovi Media: prevenzione e intervento"

In data 23 maggio 2016 il Prefetto Lega ha aperto i lavori del seminario formativo organizzato da Telefono azzurro sul tema del "Bambini, adolescenti e rischi dei Nuovi Media: prevenzione e intervento".

 

L'intervento è stato occasione per sottolineare la necessità di presidiare l'uso da parte dei giovani e dei giovanissimi della Rete, in modo da garantire che questa rimanga uno strumento potentissimo di comunicazione globale e d'informazione, senza peraltro diventare veicolo inconsapevole di siti come la pedopornografia, cyber bullismo ed il sexting.

 

Fondamentale al riguardo la partenership tra il Ministero dell'Interno e Telefono Azzurro ed il Prefetto Lega ha in particolare ringraziato il Presidente Prof. Caffo del prezioso e costante lavoro svolto a fianco delle Istituzioni delle Forze di Polizia.
Pubblicato il :

 Ricordare Capaci

In occasione del 24* anniversario della strage di Capaci è stata celebrata ieri 23 maggio 2016 presso la Questura di Treviso, una breve cerimonia alla presenza dei vertici delle FF.PP. nel corso della quale il Prefetto di Treviso Laura Lega ha ricordato oltre al giudice Falcone ed alla moglie, gli uomini della scorta che hanno perso tragicamente la vita servendo il proprio Paese nella lotta alla mafia. Al riguardo è stato altresì ricordato il sacrificio dei tanti uomini e delle donne delle Forze di Polizia che hanno dedicato la propria esistenza al servizio dello Stato.
Pubblicato il :

 il Prefetto di Treviso interviene al Roadshow 'Italia per le Imprese ... con le PMI verso i Mercati Esteri"

In apertura del convegno in materia di "Internazionalizzazione delle Imprese" è intervenuto oggi il Prefetto di Treviso Dott.ssa Laura Lega, che ha sottolineato come catturare nuova domanda mantenendo quella già in essere è la sfida delle imprese trevigiane. In questa direzione, l'apertura verso i mercati esteri anche no U.E., costituisce non più solo una grande opportunità che va consolidata e sostenuta, ma una vera soluzione strategica.

Lo scenario economico mondiale presenta segnali di ripresa anche se con molte dismogeneità, evidenziando notevoli differenze tra Paesi emergenti ed avanzati.

Nel contesto competitivo attuale non è quindi più sufficiente muoversi con i tradizionali modelli di impresa, occorre invece far "rete", specie per supportare le P.M.I. che sono la vera "tessitura" imprenditoriale del nostro Paese ed in particolare di questo territorio.

L'accompagnamento delle imprese se è fondamentale già nel mercato domestico, è ancora più essenziale all'estero.

In tale quadro è necessario rafforzare la partnership Pubblico-Privato, garantendo a partire da questo territorio come poi nei Paesi esteri, il pieno supporto alle aziende, per assicurare in un quadro di legalità il massimo dinamismo ed un posizionamento strategico anche nei mercati stranieri delle nostre imprese.

Pubblicato il :

 Prefettura di Treviso, Violenza Domestica e sulle Donne

Stamane, presieduto e promosso dal Prefetto di Treviso, Laura Lega, si è riunito un Tavolo interistituzionale sulla Violenza Domestica e sulla Violenza nei confronti delle donne.

Il fenomeno della violenza fisica, psicologica e/o economica consumata nei confronti delle donne e dei soggetti deboli, rappresenta un tema di particolare delicatezza e gravità, come risulta dall'analisi delle statistiche nazionali e locali sulla delittuosità; su questo tema, forte è l'esigenza, da un lato, di implementare l'azione complessiva dei soggetti preposti al contrasto del fenomeno e le risposte ad opera dei servizi interessati, ottimizzando risorse ed energie, per l'altro, di mantenere un rapporto di costante interlocuzione tra le diverse componenti che operano nel settore.

Alla presenza dei firmatari del "Protocollo d'Intesa per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti  delle donne" (sottoscritto nel 2009) e dei soggetti gestori dei Centri Antiviolenza operanti nella provincia di Treviso sono state oggi studiate, alla luce delle esperienze fin qui maturate sul territorio, le migliori strategie per affrontare la problematica e poter garantire un reale sostegno alle persone oggetto di violenza, spesso donne, spesso minori.

Il Tavolo, su input del Prefetto Lega, ha convenuto sull'opportunità di muoversi su tre direttrici fondamentali: formazione, maggiore raccordo tra istituzioni e informazione capillare alle persone.

In tali direzioni si muoveranno le attività congiunte dei vari attori istituzionali del territorio  per mettere a fattor comune le esperienze e per costruire una rete di protezione e tutela, che è insieme medica, assistenziale e giuridica.

Pubblicato il :

 SEGNALAZIONE TELEFONICA PER L'ATTIVAZIONE RICERCHE DI PERSONE IRREPERIBILI (RINPI)

Si comunica che dal 16 febbraio scorso il Ministero dell'Interno ha attivato una nuova procedura di segnalazione elettronica in caso di ingiustificata irreperibilità di una persona. 

Detta procedura consente al cittadino, telefonicamente prima di formalizzare la denuncia, di fornire i dati essenziali della persona da rintracciare a qualsiasi Ufficio o Comando di Polizia. 

Detti elementi verranno inseriti in una banca dati delle Forze di Polizia, permanendo nel sistema per 72 ore, entro le quali dovrà essere formalizzata la denuncia di scomparsa. 

Tali segnalazioni non sono pertanto sostitutive della denuncia di scomparsa, che dovrà in ogni caso essere formalizzata presso un Ufficio o Comando di Polizia. 

Tale sistema consentirà una più immediata attivazione delle ricerche, elemento determinante per il buon esito delle indagini. 

Pubblicato il :

 Continua l'impegno della Prefettura sulla sicurezza stradale d'intesa con Polstrada e in collaborazione con le Polizie Locali

L'impegno forte del Prefetto di Treviso in tema di sicurezza stradale continua su più fronti. Dopo le iniziative dedicate alla sensibilizzazione degli studenti, l'attenzione ora si concentra sui rischi del trasporto scolastico balzati anche alla cronaca negli scorsi mesi con i drammatici fatti accaduti in Spagna.

Questa mattina, organizzata dalla Prefettura di Treviso d'intesa con la Polizia Stradale di Treviso, si è tenuta presso la sede prefettizia una giornata formativa dedicata alle Polizie Locali in materia di controlli sul trasporto degli studenti in occasione delle gite scolastiche.

L'iniziativa nasce da un progetto congiunto tra Ministero dell'intero e Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (M.I.U.R.) volto ad incrementare il livello di sicurezza di tali trasporti sia, a monte, garantendo una maggiore attenzione e selezione, da parte degli istituti scolastici, dei soggetti con cui stipulare i contratti, sia, a valle, con più penetranti controlli agli autisti e alle condizioni tecniche dei veicoli.

A tal fine, i dirigenti scolastici hanno ricevuto un vademecum, messo a punto dalla polizia Stradale riassuntivo delle principali norme sul trasporto collettivo, vademecum sulla base del quale richiedere la collaborazione e l'intervento della Polizia stradale ove ritenuto opportuno in relazione alla condotta dell'autista o all'inidoneità del mezzo di trasporto.

Nel primo mese di avvio del progetto in provincia di Treviso, numerosissime sono state le segnalazioni alla Polizia Stradale e non rare le irregolarità riscontrate.

La formazione delle Polizie Locali, avvenuta a cura della Polizia Stradale di Treviso, consentirà di garantire un più capillare controllo in materia nell'ottica di assicurare il massimo impegno per scongiurare il ripetersi dei noti tragici eventi verificatisi in Italia e da ultimo in Spagna.

Hanno partecipato alla giornata formativa le Polizie Locali di cui all'allegato elenco.

 
 
POLIZIA LOCALE /SERVIZIO ASSOCIATO
 
SERV.ASS. POLIZIA LOCALE ASOLANO E PEDEMONTANA
  
SERV. ASS. CAPPELLA MAGGIORE/SARMEDE/FREGONA
 
CASTELFRANCO VENETO
 
CASTELLO DI GODEGO
 
CONEGLIANO
 
CORNUDA
 
GODEGA DI S. URBANO
 
ISTRANA - MORGANO
 
MOGLIANO VENETO
 
MORIAGO DELLA BATTAGLIA
 
SERV. ASS. PIEVE DI SOLIGO/ REFRONTOLO
 
PONTE DI PIAVE
 
PREGANZIOL
 
QUINTO DI TREVISO
 
SALGAREDA
 
SERV. ASS. S. BIAGIO DI CALLALTA/ MONASTIER/ ZENSON
 
S. LUCIA DI PIAVE
 
S. VENDEMIANO
 
SUSEGANA
 
TREVISO
 
SERV. ASS. VEDELAGO/ALTIVOLE/RESANA/
 
SERV. ASS. VILLORBA/CARBONERA /BREDA DI PIAVE
 
VOLPAGO DEL MONTELLO
 
ZERO BRANCO
 
 
 
Pubblicato il :

 Il Prefetto di Treviso riceve l'Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia

 
Il Prefetto di Treviso Laura Lega ha ricevuto il 29 aprile in visita di cortesia l'Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia S.E. Dott.ssa Stela Stingaci.

L'incontro è stato occasione per esaminare i temi di attualità di comune interesse per i due Paesi con specifico riferimento ai temi dello sviluppo, dell'integrazione e della sicurezza.

Durante l'incontro è stato ribadito che la comunità moldova, che in provincia conta circa 3740 presenze, risulta in generale ben inserita nel contesto territoriale italiano e nello specifico in questo ambito provinciale.
Pubblicato il :

 18 aprile 2016 - CONSIGLIO TERRITORIALE PER L'IMMIGRAZIONE

Si è tenuto in data 18 aprile scorso il Consiglio Territoriale per l'Immigrazione (CTI) per un approfondimento delle problematiche sulla gestione dell'immigrazione.

All'incontro erano presenti rappresentanti dell'Amministrazione Provinciale, delle Forze dell'Ordine, degli Amministratori locali dei Comuni Capoluogo, dell'ANCI Veneto, dell'Associazione Comuni della Marca Trevigiana, della Direzione Provinciale  del Lavoro, dell'Ufficio Scolastico Provinciale, oltre che I.N.P.S., I.N.A.I.L., Azienda Locali Socio Sanitarie, delle Associazioni di Categoria, dei Sindacati, della Croce Rossa e degli Enti Gestori.

Il Consiglio Territoriale è stato un momento  proficuo di confronto ed analisi delle iniziative in corso. In particolare è stato analizzato il tema dell'impiego dei richiedenti asilo nell'attività di volontariato sulla scorta del Protocollo stipulato dalla Prefettura in data 29 settembre 2015.

Al riguardo è stato fatto il punto su progetti già avviati ed è stata evidenziata la necessità di spingere l'acceleratore sull'avvio di iniziative che vedano coinvolti i richiedenti asilo in attività di pubblica utilità soprattutto da parte dei Comuni in  partnership con il mondo del volontariato.

Il Prefetto Lega ha ringraziato i presenti per il contributo fornito nella gestione del fenomeno che ha assunto proporzioni rilevanti e che ha comportato un'attività impegnativa da parte dello Stato in tutte le sue articolazioni, delle Forze di Polizia, delle strutture socio-sanitarie, degli Enti locali e del volontariato.

 

E' stata inoltre sollecitata la massima adesione ai corsi di italiano pregiudiziali per qualunque forma di integrazione nel nostro Paese e per un successivo eventuale inserimento lavorativo, nonché il rispetto delle norme vigenti.

Infine, il Prefetto ha ribadito che continua ad essere svolta una costante attività di vigilanza affinchè i servizi prestati siano rispettosi degli indirizzi previsti dalle convenzioni ed ha richiamato l'attenzione al riguardo degli Enti Gestori.

Pubblicato il :

 
Torna su