Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Torino

F.A.Q.

Argomenti disponibili

  • Immigrazione

  • [07/08/2015 11:35] Qual'è l'orario di ricevimento dell'Ufficio Legalizzazione?
    martedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 (escluso festivi infrasettimanali) L'ufficio è in Piazza castello 199 (sotto i portici) Si fa presente che gli orari di ricevimento sono pubblicati nell'apposita sezione di questo sito "Orari di ricevimento".
  • [15/06/2015 15:21] Apprendo dai giornali che la prefettura è impegnata ad affrontare un' emergenza di immigrati profughi. In special modo su dove accoglierli. Desidero proporre il mio complesso immobiliare in Torino città. Come famiglia siamo disposti alla cessione in caso servisse alla Città di Torino.
    Sul sito della Prefettura di Torino è pubblicato il bando di gara per l'affidamento di servizi di accoglienza ed assistenza a cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale. La Prefettura di Torino richiede non solo la disponibilità di immobili, ma la garanzia che i migranti accolti possano intraprendere percorsi di accoglienza ed integrazione, con particolare riferimento all'insegnamento della lingua italiana, all'insegnamento dei diritti e doveri del nostro Paese, alla formazione professionale, ...
  • [12/05/2014 14:38] Il minore di anni 17, di cittadinanza Moldava con regolare permesso di soggiorno illimitato, può viaggiare in UE a mezzo aereo - non accompagnata ( Belgio) per motivi di vacanza?
    Deve rivolgersi all'Ambasciata della Repubblica Moldava, perchè ogni Paese ha delle disposizioni proprie per far viaggiare dei minori soli, ancorchè in possesso di regolare passaporto. Per quel che riguarda l'Italia il possesso della carta di soggiorno UE gli consente di muoversi nei Paesi Europei aderenti all'Area Schenghen.
  • [16/08/2013 09:31] Consultando sul sito del Ministero dell'Interno lo stato della domanda di cittadinanza, appare il messaggio:"l'istruttoria è completa, la domanda è in fase di valutazione". Cosa significa? Quanto tempo si deve ancora aspettare per la definizione della pratica? A chi ci si può rivolgere per saperne di più?
    Nel caso della richiesta di cittadinanza per residenza ex art. 9, per la quale è competente il Ministero dell’Interno: la dicitura “l’istruttoria è completa; la domanda è in fase di valutazione” significa che l’ufficio Cittadinanza del Ministero dell’Interno che si occupa di queste domande (Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione – Direzione Centrale per i Diritti Civili, la Cittadinanza e le Minoranze) dispone di tutti gli elementi, compresi quelli forniti dalla Prefettura di Torino, per poter valutare le condizioni per il rilascio della cittadinanza italiana. Se la valutazione fosse negativa, il Ministero dell’Interno, farà pervenire una comunicazione scritta di “preavviso di rigetto” con le motivazioni del diniego. L’interessato potrà, entro dieci giorni dall’arrivo di questa comunicazione, far presente le sue ragioni che verranno considerate dal Ministero per la decisione finale. Ogni informazione relativa alle richieste di cittadinanza per residenza dovrà essere chiesta all’Ufficio Cittadinanza del Ministero dell’Interno, tramite fax 06/46529614. Nel caso della richiesta di cittadinanza per matrimonio ex art. 5, per la quale è competente Prefettura di Torino, valgono analoghe indicazioni, salvo per il fatto che sarà la Prefettura a contattare l’interessato nel caso di una valutazione negativa, indicando le motivazioni del diniego. Ogni ulteriore informazione dovrà essere chiesta all’Ufficio Cittadinanza della Prefettura di Torino, tramite mail cittadinanza.pref_torino@interno.it o tramite il sito www.nuovicittadini-prefto.it “Sportello cittadinanza on line”
  • [10/07/2013 16:42] Dopo aver superato il test di italiano come devo procedere per ottenere il permesso di soggiorno a tempo indeterminato? E dove ci si può rivolgere per il certificato casellario?
    La domanda va presentata presso gli uffici postali compilando il relativo kit, oppure ci si può recare presso i Comuni o presso i Patronati che offrono questo servizio. Alla domanda è necessario allegare: copia del passaporto o documento equipollente, in corso di validità; copia della dichiarazione dei redditi (il reddito deve essere superiore all'importo annuo dell'assegno sociale); per i collaboratori domestici (colf/badanti): esibizione dei bollettini INPS o estratto contributivo analitico rilasciato dall'INPS; certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali; un alloggio idoneo documentato se la domanda è presentata anche per i familiari; copie delle buste paga relative all'anno in corso; documentazione relativa alla residenza e allo stato di famiglia; bollettino postale di pagamento del permesso di soggiorno elettronico (€ 27,50) contrassegno telematico da € 16,00 Il costo della raccomandata è di € 30. A Torino l'ufficio locale del Casellario Giudiziale si trova presso il Palazzo di Giustizia. - Procura della Repubblica - Ufficio Casellario Giudiziale - Piano Terra- ingresso n° 2. Orario: dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,30 alle ore 13,00; il sabato dalle ore 9,00 alle ore 12,00. E’ possibile avere informazioni contattando i numeri 011/4327413 in orario di ufficio 8,30 - 13,00 o scrivendo all’indirizzo: casellario.procura.torino@giustizia.it
  • [29/05/2013 08:59] Come posso conoscere l'esito del mio test di italiano?
    Può verificare l'esito del suo test di conoscenza della lingua italiana dal sito di questa Prefettura. In home page è visibile la sezione Servizi On Line, che contiene le informazioni utili. Altre informazioni sul test sono contenute nella cartella Immigrazione raggiungibile dalla sezione Attiività. Gli uffici della Prefettura, invece, non danno informazioni sull'esito del test e neppure le scuole dove si è svolto l’esame.Ci si può rivolgere al Patronato o al Caf dove è stata presentata la domanda oppure se l’interessato ha presentato personalmente la domanda sul sito http://testitaliano.interno.it può conoscere l’esito inserendo le sue credenziali ottenute al momento della registrazione della domanda.
  • [22/02/2013 15:16] Quali sono i documenti necessari per richiedere la cittadinanza italiana dove devo recarmi?
    Per chiarimenti può rivolgersi allo “sportello telefonico” della Prefettura operativo nei giorni di martedì e giovedì, dalle ore 10,00 alle ore 13,00 ai seguenti numeri: 011/5589498 – 0115589550. E' inoltre consultabile la cartella Cittadinanza, pubblicata in questo sito nella sezione Attività alla voce Immigrazione.
  • [10/07/2012 14:37] Voglio sostenere il test di italiano.
    Per sostenere il test di conoscenza di lingua italiana, deve rivolgersi a un Patronato o a un CAF oppure andare al sito http://testitaliano.interno.it e, dopo essersi registrato, compilare il modulo di domanda in tutte le sue parti. Successivamente, verrà convocato tramite lettera o SMS o mail e le verrà indicato il giorno, l'ora e la scuola dove recarsi per sostenere il test. La scuola comunicherà alla Prefettura l'esito del test, che verrà inserito sul sito http://testitaliano.interno.it , per metterlo a disposizione attraverso web service alla questura per le verifiche finalizzate al rilascio del permesso di soggiorno di lungo periodo.
  • Sequestro, confisca e alienazioni veicoli

  • [03/11/2008 09:57] Per ottenere la restituzione del veicolo posso presentare solo la copertura assicurativa e poi entro 60 giorni pagare il verbale?
    No, la restituzione del veicolo è subordinata al pagamento della sanzione amministrativa e della copertura assicurativa R.C. entro 60 giorni dalla contestazione della violazione ovvero dalla notifica della stessa.
  • [03/11/2008 09:56] La custodia del veicolo può essere affidata a me?
    Ai sensi dell'art. 213 del C.d.S., come modificato dall'art. 38 del D.L. n. 269 del 30/09/2003 convertito nella legge n. 326 del 24/11/03, all'atto della contestazione della violazione, il proprietario o in alternativa il conducente del veicolo o altro soggetto obbligato in solido, è nominato custode con l'obbligo di depositare il veicolo in un luogo di cui abbia la disponibilità o di custodirlo, a proprie spese, in un luogo non sottoposto a pubblico passaggio, provvedendo al trasporto in condizioni di sicurezza per la circolazione stradale. Al trasgressore o al proprietario o altro soggetto obbligato in solido che si rifiuti di trasportare o custodire, a proprie spese, il veicolo, secondo le prescrizioni fornite dall'organo di polizia, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 1549,37 a € 6197,48 nonché la sanzione amministrativa della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.
  • [03/11/2008 09:55] La sanzione si può pagare a rate?
    La sanzione pecuniaria indicata nel verbale di accertamento della violazione non può essere rateizzata. Solo in caso di documentate precarie condizioni economiche è previsto il pagamento rateizzato dell'ordinanza ingiunzione adottata a seguito di presentazione di ricorso.
  • [03/11/2008 09:55] Mi hanno sequestrato la macchina cosa devo fare per riaverla?
    Il trasgressore o il proprietario o altro soggetto obbligato in solido possono ottenere la restituzione del veicolo, recandosi presso l'organo di polizia che ha elevato il verbale di accertamento e dimostrando di aver effettuato, nei termini previsti dalla legge, il pagamento della sanzione pecuniaria nonché del premio assicurativo per almeno sei mesi.

 
Torna su