Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Terni

NOTIZIE

 

 Accolti in 3 Comuni della provincia 40 stranieri di origine subsahariana

Tavolo tecnico in Prefettura per coordinare gli interventi necessari alla gestione dell’emergenza. Bellesini “Umbria modello di eccellenza”
 
Sono 40, tutti maggiorenni, 39 maschi e 1 femmina, provengono in prevalenza dai Paesi dell'Africa subsaharianae da sabato scorso sono ospitati in tre strutture nei Comuni di Ferentillo, Giove e San Venanzo, dalle quali in futuro potrebbero transitare – nei limiti dei posti disponibili in provincia – alle realtà del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR).

Fanno parte dei migranti appena sbarcati sulle coste siciliane ed accolti sul territorio nazionale secondo un piano straordinario di distribuzione messo a punto dal Ministero dell’Interno.

La loro sistemazione è stata pianificata in via d’urgenza dalla Prefettura d’intesa con le amministrazioni interessate, le Forze dell’ordine e le associazioni locali del privato sociale.

Per gestire gli interventi necessari alla gestione dell’emergenza, si è svolta questa mattina una riunione convocata dal Prefetto, Gianfelice Bellesini, ed alla quale hanno partecipato Provincia, Comuni di Terni, Narni, Amelia, Orvieto, Ferentillo, Giove e San Venanzo, Forze dell’ordine, Curia, Azienda USL Umbria 2, Azienda Ospedaliera di Terni, Caritas Diocesana di Terni-Narni-Amelia, Arci di Terni, Protezione civile di Narni, Gruppo comunale di protezione civile di Orvieto, Associazioni La Ferriera di Terni e Misericordia di San Venanzo

A fronte dell’eccezionalità degli arrivi – ha spiegato Bellesini – legati al verosimile intensificarsi degli sbarchi sulle nostre coste durante la stagione estiva, è di fondamentale importanza organizzarsi per tempo così da poter gestire in modo sinergico e programmato tutti gli aspetti legati all’accoglienza cui l’Italia è tenuta in base alla normativa nazionale ed europea.”

Nel corso dell’incontro, sono stati, quindi, definiti gli attori ed il percorso di accoglienza sul territorio a partire dai primi, necessari accertamenti (screening sanitario e fotosegnalazione); è stata, inoltre, sottolineata l’importanza di ricercare ulteriori strutture che in caso di necessità potrebbero offrire ospitalità ai migranti.

Ringrazio tutti per la grande disponibilità e la professionalità dimostrate anche in questa occasione.”- ha concluso il Prefetto – “ Quello umbro è un modello di eccellenza; ciò non toglie che le difficoltà ci sono, sono tante e richiedono uno sforzo ulteriore per il quale mettere in campo tutte le risorse disponibili ”.

Terni, 25 marzo 2014                                                     L’ADDETTO STAMPA

                                                                                              (Rosiello)
 
Pubblicato il :

 Al via le celebrazioni della Grande Guerra

1914-2014, 100 anni dalla prima guerra mondiale; in Prefettura una riunione per coordinare le iniziative di commemorazione dell’anniversario. Bellesini: “Esperienza che ha segnato profondamente la memoria collettiva dell’Occidente”
 
 
Convocata dal Prefetto,Gianfelice Bellesini, si è svolta stamane in Prefettura una riunione della Conferenza provinciale delle pubbliche amministrazionicon la partecipazione deglienti edei soggetti interessati alle celebrazioni per i cento anni dallo scoppio del primo conflitto mondiale che avranno inizio quest’estate in tutti i Paesi coinvolti.

In apertura dei lavori, Bellesini ha ricordato che, come già per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il Governo vuole porre al centro dellaricorrenza un piano di manifestazioni a carattere storico e culturale in grado di coinvolgere soprattutto famiglie e scuole e che preveda la “ valorizzazione dei luoghi della memoria ” nonché del patrimonio, storico, artistico e documentario, insieme all’arricchimento della rete museale e del sistema espositivo.

Tra gli obiettivi di questo tavolo – ha sottolineato il Prefetto – quello di dare impulso ad un’attività ricognitiva dei vari siti e monumenti commemorativi dei personaggi e dei momenti più significativi della Grande Guerra, ed il monitoraggio delle varie iniziative, come convegni, mostre, dibattiti, che verranno organizzate in provinciaper ricordare quella che è stata una tragica esperienza, i cui orrori hanno segnato profondamente la memoria collettiva dell’Occidente ”.

Dopo avere fatto il punto sui progetti già ideati ed in via di definizione, si è decisa la costituzione di una “cabina di regia” per approfondire e promuovere in maniera coordinata e sinergica le varie proposte legate alle celebrazioni.

Sono intervenuti all’incontro rappresentanti di Provincia, Comune capoluogo, Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco, Polo Mantenimento Armi Leggere, Camera di Commercio, Ufficio Scolastico Regionale, Direzione regionale MIBACT, Archivio di Stato, Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici, Deputazione di Storia Patria, Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, Centro Studi Storici di Terni, Istituto per la Storia del Risorgimento italiano, Associazione Garibaldina Pietro Faustini, Associazione Mazziniana Italiana, Centro Studi Culturali e di Storia Patria di Orvieto, Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti, Istituto per le ricerche storiche sull’Umbria meridionale.

Terni, 21marzo 2014                                                                L’ADDETTO STAMPA

                                                                                                   (Rosiello)
 

           La riunione per le celebrazioni del Centenario della Grande Guerra
Pubblicato il :

 
Torna su