Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Terni

Comunicati Stampa

 

 RINGRAZIAMENTI DEL PREFETTO

A conclusione della bonifica dell'area di Cesi dall'ordigno bellico rinvenuto negli scorsi giorni desidero esprimere a tutti coloro che hanno collaborato alla piena riuscita delle operazioni e vivissimi complimenti e sinceri ringraziamenti.

Un ringraziamento agli Ufficiali e agli artificieri del 6░ Reggimento Genio Pionieri di Roma che hanno condotto i delicati interventi di messa in sicurezza e successivamente di brillamento del pericoloso ordigno.

Un grazie sincero al Comune di Terni, al sistema di protezione civile della Regione, alla Provincia, a tutte le Forze di Polizia, ai Vigili del Fuoco, all'AutoritÓ Sanitaria nelle varie articolazioni intervenute, alla Croce Rossa Italiana, ai gestori dei servizi pubblici coinvolti, al Comune di Narni e al proprietario della cava in cui Ŕ stata fatta brillare la bomba, all'ENAC e, in particolare, a tutti i volontari che ancora una volta hanno fornito un esempio di grande disponibilitÓ, generositÓ e competenza.

Grazie ai cittadini che, sollecitati per la seconda volta nell'arco di pochi mesi, hanno collaborato con senso civico sopportando gli inevitabili disagi connessi agli interventi e grazie agli organi di informazione che hanno commentato con equilibrio le operazioni, fornendo preziose notizie di servizio alla popolazione coinvolta.

Una nota di merito anche per i dirigenti e il personale della Prefettura che, impegnati su pi¨ fronti (oltre alla bonifica dell'ordigno anche l'organizzazione delle cerimonie del 4 novembre) hanno dimostrato impegno e professionalitÓ.

Ancora una volta, la comunitÓ ternana ha dimostrato capacitÓ organizzativa, spirito di adattamento e compattezza, prerogative che hanno consentito di superare brillantemente le difficoltÓ connesse alla situazione di emergenza.

 

Terni, 4 novembre 2018

                                                                     IL PREFETTO
                                                                    Paolo De Biagi 
Pubblicato il :

 4 novembre. Giorno dell'UnitÓ Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Si sono svolte oggi a Terni le celebrazioni previste per la ricorrenza del 4 novembre, "Giorno dell'UnitÓ Nazionale" e "Giornata delle Forze Armate".

Il programma ha avuto inizio alle ore 10.00 in Piazza Briccialdi, ove alla presenza del Prefetto di Terni, Paolo De Biagi, e di altre autoritÓ regionali e provinciali hanno avuto luogo l'alzabandiera e la deposizione delle corone d'alloro presso il Monumento ai Caduti.

Le celebrazioni sono proseguite in Piazza della Repubblica ove il Prefetto, accompagnato dal Comandante del Presidio Militare della Regione Umbria, ha passato in rassegna il Picchetto, le Rappresentanze, i Labari e i Gonfaloni.

 ╚ stata data lettura della "Preghiera per la Patria", del messaggio del Capo dello Stato alle Forze Armate, del messaggio del Ministro della Difesa e di un brano commemorativo da parte di uno studente del Liceo Scientifico "G. Galilei" di Terni

Nel corso della cerimonia, sono state consegnate le onorificenze "Al Merito della Repubblica Italiana" alla presenza dei Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti. ╚ stata consegnata l'onorificenza di "Commendatore" al Gen. D. Giorgio Baldacci, Capo del 5░ Reparto Comunicazione dello Stato Maggiore dell'Aeronautica e Generale del Ruolo delle Armi, mentre il Primo Maresciallo Fabio Gigli, in servizio presso il Polo di Mantenimento delle Armi Leggere di Terni, Ŕ stato insignito dell'onorificenza di "Cavaliere".

L'Istituto Superiore di Studi Musicali "G. Briccialdi" di Terni ha accompagnato la celebrazione ed ha concluso la cerimonia con l'esecuzione di alcuni brani.

Nell'adiacente Piazza dei Bambini e delle Bambine, inoltre, sono stati allestiti stand espositivi di Forze Armate, Forze di Polizia, Vigili del Fuoco e Croce Rossa Italiana.

Terni, 4 novembre 2018
                                                                               L'ADDETTO STAMPA
                                                                                       (D'Amico)
 
 
 
 
  Foto 4 cerimonia 4 novembre 2018
 
  Foto 5 cerimonia 4 novembre 2018
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Ordigno bellico a Terni, concluse le operazioni di bonifica.

╚ terminata alle ore 16,15 l'operazione di brillamento dell'ordigno bellico del peso di 250 libbre (125 kg), risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto nei giorni scorsi a Terni.

L'ordigno, reso inerte nel luogo del ritrovamento mediante il despolettamento, Ŕ stato trasportato e fatto brillare in una cava di Narni dagli artificieri del 6░ Reggimento Genio Pionieri di Roma.

Anche questa fase dell'intervento Ŕ stata coordinata dall'UnitÓ di crisi costituita in Prefettura alla quale hanno partecipato tutti gli enti e le strutture interessate, in stretto raccordo con il Centro operativo comunale di Terni.

Grazie alla perfetta sinergia tra i militari dell'Esercito, le Forze di polizia, il Comune, la Regione, gli organi sanitari, il volontariato e gli altri soggetti coinvolti, tutti i passaggi della procedura si sono svolti regolarmente e senza problemi per la sicurezza, contenendo gli inevitabili disagi alla collettivitÓ.

                                                         

Terni, 4 novembre 2018

                                                                       L'ADDETTO STAMPA
 
ordigno bellico      
Pubblicato il :

 Pianificazione delle procedure di bonifica della bomba d'aereo rinvenuta in localitÓ Cesi

Si Ŕ svolta questa mattina in Prefettura una nuova riunione per pianificare le operazioni di bonifica dell'ordigno bellico rinvenuto il 31 ottobre scorso in LocalitÓ Cesi di Terni, con l'obiettivo di conciliare la maggior rapiditÓ di intervento con il minor impatto sulle normali condizioni di vita della zona la quale, secondo le indicazioni tecniche fornite dagli artificieri, in occasione delle operazioni di bonifica dovrÓ essere oggetto di evacuazione in un raggio di 1.680 metri dal punto di stazionamento dell'ordigno; il tutto ovviamente per garantire le massime condizioni di sicurezza per persone, animali e cose.

Nella medesima zona sarÓ interdetto il traffico aereo, a cura dell'ENAC, nello spazio sovrastante fino ad una altitudine di 1.261 metri.

Per la bonifica della bomba, contenente 58,5 kg di amatolo (miscela di tritolo e nitrato di ammonio) sarÓ necessaria l'evacuazione di circa 10.750 cittadini dalle proprie abitazioni e, per le ragioni suindicate, si Ŕ ritenuto opportuno programmare le relative operazioni nella mattinata di domenica 4 novembre .

L'evacuazione avrÓ inizio alle ore 6.00 e dovrÓ essere completata entro le ore 9.00. Solo quando sarÓ completata l'evacuazione , gli artificieri procederanno al despolettamento dell'ordigno e al suo trasporto presso la cava San Pellegrino di Narni ove, sempre in condizione di massima sicurezza, sarÓ fatto brillare.

Si raccomanda la massima collaborazione della popolazione coinvolta per completare l'evacuazione entro i tempi previsti in modo da consentire il rientro nelle abitazioni entro le ore 13.00. Per tale motivo, eventuali ostacoli alle operazioni non potranno essere tollerati, a beneficio di tutta la popolazione.

Le operazioni saranno coordinate dal Centro Coordinamento Soccorsi, costituito dai rappresentanti di tutti i Comandi, Enti e Uffici interessati e presieduto dal Prefetto, che si riunirÓ nella Sala Operativa di Protezione Civile della Prefettura di Terni dalle ore 6.00.

Sul sito della Prefettura sarÓ possibile seguire, in tempo reale, lo svolgimento delle operazioni.

Terni, 2 novembre 2018

                                                               L'ADDETTO STAMPA
                                                                      (D'Amico)
Pubblicato il :

 
Torna su