Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Terni

Comunicati Stampa

 

 Riunione del Consiglio Territoriale per l'Immigrazione

Nella mattinata odierna, si è riunito il Consiglio Territoriale per l'Immigrazione, con il coordinamento della Prefettura e la partecipazione degli enti a vario titolo competenti in materia (Questura, Regione Umbria, Provincia, Comune di Terni, Ufficio Scolastico Provinciale, associazioni sindacali dei lavoratori, Caritas di Terni e Orvieto, Croce Rossa Italiana, Ambiti sociali, associazioni degli stranieri).

Il Consiglio ha esaminato il nuovo bando per l'attivazione di progetti SPRAR da parte dei Comuni, attraverso i quali le Autorità Locali possono diventare protagoniste autonome dell'accoglienza.

Il secondo argomento all'ordine del giorno è stato l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, tema sul quale il territorio dovrà realizzare la massima collaborazione istituzionale, attese le peculiari esigenze dei giovanissimi migranti privati anche del supporto genitoriale.

Nel corso dell'incontro è stata anche definita la composizione del tavolo tecnico previsto dal Protocollo d'intesa sull'attività di volontariato dei migranti sottoscritto in Prefettura il 14 settembre scorso.

Il Consiglio ha, inoltre, analizzato le indicazioni operative ai fini del rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare a seguito dell'entrata in vigore della legge 20 maggio, n. 76 recante "Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze".

Terni, 30 settembre 2016

                                                                               L'ADDETTO STAMPA
                                                                                       (D'Amico)
Pubblicato il :

 Prefettura e Acciai Speciali Terni S.p.A.: un Protocollo d'intesa per il contrasto della illegalità

Martedì 4 ottobre prossimo, alle ore 10.00 , sarà sottoscritto, alla presenza del Sottosegretario di Stato all'Interno, on. Gianpiero Bocci, un Protocollo d'intesa tra la Prefettura di Terni e la S.p.A. Acciai Speciali Terni finalizzato all'attuazione di politiche interne di contrasto all'illegalità nei diversi ambiti della lotta alla criminalità organizzata, della prevenzione dei fenomeni corruttivi e del rispetto delle regole della concorrenza e del mercato.

La collaborazione vedrà la Prefettura e la Acciai Speciali Terni S.p.A. impegnate nell'organizzazione di molteplici iniziative finalizzate alla più ampia diffusione della cultura della legalità sul territorio provinciale, a beneficio dell'intera popolazione, con particolare attenzione alle giovani generazioni.

I rappresentanti degli organi di informazione sono invitati a partecipare all'evento. Palazzo del Governo, I piano, Sala riunioni .

Terni, 29 settembre 2016

                                                                              L'ADDETTO STAMPA
                                                                                     (D'Amico)
Pubblicato il :

 Abbandono e roghi di rifiuti. Nuova riunione in Prefettura

Particolare attenzione della Prefettura all'abbandono e ai roghi di rifiuti: si è svolta oggi una nuova riunione per fare il punto della situazione sulle iniziative già in essere e da porre in campo per monitorare e contrastare il fenomeno.

Erano presenti, oltre ai vertici provinciali delle Forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Provinciale e della Polizia Municipale, anche i rappresentanti della Regione Umbria, dell'A.R.P.A. Umbria, dell'A.U.S.L. Umbria 2, dell'A.S.M. di Terni S.p.A. e di Confindustria di Terni.

Molteplici gli aspetti del fenomeno emersi ed analizzati con attenzione nel corso dell'incontro, come il trasporto abusivo, l'abbandono e lo smaltimento illecito di rifiuti, anche provenienti da fuori regione.

È stata rafforzata l'attività di prevenzione attraverso l'intensificazione di controlli mirati da parte di tutte le Forze di Polizia presenti sul territorio.

Coinvolti gli organismi tecnici di ARPA e A.S.M. che collaboreranno con le Forze di Polizia per la classificazione e lo smaltimento dei rifiuti abbandonati

Il Prefetto ha invitato tutti i soggetti alla massima reciproca collaborazione, richiamando in particolare la necessità di coinvolgere tempestivamente il Sindaco per l'adozione dei provvedimenti di competenza previsti dalla normativa in vigore che consentano la rimozione immediata dei rifiuti abbandonati anche al fine di evitare il rogo degli stessi.

Le attività di vigilanza, repressione e monitoraggio del fenomeno verranno coordinate nell'ambito di un apposito tavolo tecnico che il Prefetto ha voluto istituire per consentire un più rapido raccordo dei soggetti competenti ad intervenire per il contrasto dell'abbandono di rifiuti.

"Il problema - ha dichiarato il Prefetto - continuerà ad essere posto sotto la lente d'ingrandimento della Prefettura".

Terni, 23 settembre 2016

                                                                     L'ADDETTO STAMPA
                                                                              (D'Amico)
Pubblicato il :

 Secondo incontro del Comitato per la prevenzione dei reati di truffa, in particolare di natura finanziaria agli anziani e alle persone dotate di bassa educazione finanziaria

Mercoledì 21 settembre u.s. a Terni si è riunito, per la seconda volta, il Comitato costituito dai rappresentanti di Prefettura, Forze dell'ordine e ABI con l'obiettivo di prevenire il fenomeno delle truffe ai danni degli anziani e di quanti sul territorio hanno scarsa educazione finanziaria.

Nel corso della riunione è stato concretizzato un pacchetto di iniziative di formazione e informazione da mettere a punto e realizzare nei prossimi mesi sul territorio di Terni.

Nel segno di una campagna di sensibilizzazione corale, verrà elaborato un vademecum contenente suggerimenti di autoprotezione; una brochure con la descrizione delle truffe più frequenti avvenute in provincia di Terni, con tutte le buone prassi e i consigli utili per prevenire le attività illecite ai danni, soprattutto dei soggetti che hanno scarsa educazione finanziaria, al fine di rafforzarne la sicurezza riducendo i fattori di vulnerabilità e i comportamenti economicamente rischiosi.

Il programma delle iniziative prevede la diffusione capillare del vademecum presso i luoghi di maggiore aggregazione degli anziani quali Banche, studi medici, ambulatori, sale d'attesa e l'organizzazione, nei diversi Comuni della provincia, di incontri di formazione e informazione da mettere a punto con i rappresentanti di Prefettura, Abi-Umbria e Forze dell'ordine, anche in collaborazione con l'Università della terza età.

Terni, 23 settembre 2016
                                                             Il VICEPREFETTO
                                                          (Lucia Raffaela Palma)
Pubblicato il :

 Rinnovato in Prefettura il Protocollo d'intesa per il coinvolgimento dei migranti in attività di volontariato

Superare la condizione di passività del migrante e favorirne l'integrazione: questo l'importante obiettivo che ha mosso la Prefettura a promuovere il rinnovo del protocollo d'intesa sull'attività di volontariato dei cittadini stranieri giunti in provincia con l'emergenza-sbarchi, sottoscritto in Prefettura il 31 luglio 2015.

Il documento, sottoscritto oggi dal Prefetto della Provincia di Terni, Angela Pagliuca, dal Presidente dell'Anci e Sindaco di Narni, Francesco De Rebotti, dal Vice Sindaco del Comune di Terni, Francesca Malafoglia, dall'Assessore al sociale del Comune di Orvieto, Cristina Croce, dai Sindaci dei Comuni di Amelia, Laura Pernazza, Ferentillo, Paolo Silveri, Lugnano in Teverina, Gianluca Filiberti, Montefranco, Rachele Taccalozzi, e San Venanzo, Marsilio Marinelli, nonché dai rappresentanti di I.N.A.I.L., Direzione Territoriale del Lavoro, enti gestori e sindacati, mira a costruire percorsi di accoglienza ed integrazione a favore dei migranti ospitati in provincia in attesa della definizione della domanda di riconoscimento della protezione internazionale. Per il richiedente asilo, l'attività di volontariato diventa così un'occasione per conoscere il contesto sociale nel quale si trova ed anche di inserimento nella comunità che lo accoglie.

Per raggiungere tali obiettivi, il protocollo definisce gli impegni assunti dal cittadino straniero, dal Comune che lo ospita e dall'ente gestore della struttura dove è accolto; il tutto nel rispetto di ogni necessaria garanzia per la dignità e la sicurezza del migrante, ivi compresa la copertura assicurativa per eventuali infortuni.

Il Prefetto della Provincia di Terni, Angela Pagliuca, ha espresso soddisfazione e compiacimento per l'ampia adesione all'iniziativa, ritenendo che la firma del protocollo d'intesa rappresenti un esempio molto positivo di cooperazione tra soggetti istituzionali e privati attivi nel terzo settore, e che il volontariato possa essere lo strumento per aiutare il migrante a sentirsi utile nella comunità che lo accoglie e allo stesso tempo  tradursi in un vantaggio per la collettività.

Il Sindaco di Narni, Francesco De Rebotti, in qualità di Presidente dell'Anci-Umbria, ha illustrato le linee guida del prossimo "Piano nazionale di ripartizione dei richiedenti asilo e rifugiati" il cui obiettivo è strutturare un sistema di accoglienza diffuso sull'intero territorio nazionale, che garantisca una ripartizione equilibrata dei posti per l'ospitalità dei migranti, sia per i livelli regionale e provinciale che per quello comunale . I pilastri del nuovo sistema di accoglienza saranno l'adesione volontaria dei Comuni allo SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifiugiati) e una modalità di accreditamento "continuo" allo stesso che superi così l'attuale complessità imposta dalla periodicità di pubblicazione dei bandi di adesione e che si caratterizzi per una gestione "a liste sempre aperte" per accogliere le domande degli Enti locali, senza più vincoli temporali, ma solo in base alla disponibilità delle risorse.

Molto significative le testimonianze illustrate dal Vice sindaco del Comune di Terni, Francesca Malafoglia, dall'Assessore alle politiche sociali del Comune di Arrone, Marsilio Francucci, dai Sindaci dei Comuni di Amelia, Laura Pernazza, Lugnano in Teverina, Gianluca Filiberti, e Montefranco, Rachele Taccalozzi, che hanno già avviato attività di volontariato a favore dei migranti ospitati nei rispettivi territori, contribuendo ad integrare i cittadini stranieri nel tessuto sociale.

Presenti anche i Sindaci dei Comuni di Castel Viscardo, Daniele Longaroni, e Polino, Remigio Venanzi, oltre al Vice Sindaco del Comune di Attigliano, Fazio Leonardo, e all'Assessore Marsilio Francucci del Comune di Arrone che hanno manifestato la volontà di aderire, in tempi brevissimi, al Protocollo in argomento.

Alla luce di quanto previsto dall'art. 7 del Protocollo d'intesa, è stato immediatamente costituito un tavolo tecnico, composto dai rappresentanti dei soggetti firmatari e coordinato dalla Prefettura di Terni, che si riunirà periodicamente già dal prossimo mese di ottobre per svolgere un'azione di raccordo tra i Comuni ospitanti, i soggetti gestori dell'accoglienza, le associazioni e/o organizzazioni di volontariato, le organizzazioni sindacali, la Direzione territoriale del lavoro e l'I.N.A.I.L., curando, altresì, la realizzazione di report periodici sulle attività svolte dai migranti e sulle ricadute delle medesime a livello sociale.

Ad oggi, i migranti accolti in provincia di Terni nelle strutture di accoglienza temporanea attivate nell'ambito dell'emergenza-sbarchi sono 545, distribuiti in 61 strutture temporanee, dislocate in sedici Comuni. L'inattività di molti di loro costituisce un elemento di disagio sia per gli stessi migranti, sia per le collettività che li ospitano.

Terni, 14 settembre 2016                     

                                                                               L'ADDETTO STAMPA
                                                                                     (D'Amico)
 
  foto 2
 
 
foto 2  
 
 
 
 
 
Pubblicato il 14/09/2016
Ultima modifica il 14/09/2016 alle 17:03:47

 
Torna su