Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Teramo

Comunicati Stampa

 

 'Manifestazione Palermo chiama Italia, Teramo risponde!"

Si è tenuta in data odierna anche a Teramo la "Manifestazione Palermo chiama Italia, Teramo risponde! " nel giorno del 25° Anniversario della strage di Capaci, in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ma anche di tante altre vittime della mafia.

Nell'ambito delle celebrazioni è stata prevista la premiazione presso l'Università degli Studi di Teramo del concorso promosso dalla Fondazione Falcone e dal MIUR dal titolo "Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi - Ricordare per crescere".

Nel corso del pomeriggio, un corteo a cui hanno partecipato Autorità locali e molti giovani studenti, ha attraversato le vie del centro storico ed alla fine del percorso hanno preso la parola il Sindaco, il Procuratore della Repubblica, il Questore ed il Prefetto, ricordando il sacrificio delle vittime della mafia ma soprattutto l'importanza del messaggio, che le giovani generazioni devono recepire, della rilevanza della scuola e della cultura per una completa affermazione del principio di legalità.

Il Prefetto Graziella Patrizi, in chiusura, ha dato lettura dei nomi delle vittime delle stragi di Capaci e di Via D'Amelio.

Pubblicato il :

 Bando di gara accoglienza cittadini stranieri.

Al fine di assicurarne la massima diffusione, si rende nota l'indizione di una procedura di gara aperta per la conclusione di un accordo quadro volto all'affidamento del servizio di accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, con gestori in grado di mettere a disposizione strutture site in Provincia di Teramo (CIG 7068708260 ). Il bando è stato trasmesso per la pubblicazione in GUUE in data 18 maggio 2017. Le offerte dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.30 del giorno 22.6.2017. Tutta la documentazione di gara è resa disponibile sul sito istituzionale di questa Prefettura, nella sezione "Amministrazione Trasparente - Bandi di gara e contratti".
Pubblicato il :

 Protocollo d'Intesa per la prevenzione della criminalità in banca.

Sottoscritto oggi, in Prefettura, il nuovo Protocollo d'Intesa per la prevenzione della criminalità in banca. Incrementate le misure di sicurezza passiva presso gli sportelli delle banche aderenti e rinnovata, all'insegna di una sempre maggiore efficacia operativa, la collaborazione tra le FF.OO. e gli Istituti di credito. Ampia soddisfazione del Prefetto Patrizi e dell'A.B.I. per i risultati conseguiti dal 2013 ad oggi.

E' stato formalmente sottoscritto questa mattina, in Prefettura, il nuovo Protocollo d'Intesa per la prevenzione della criminalità in banca e, con esso, è stata rinnovata la stretta collaborazione tra le Forze di Polizia, l'A.B.I. e gli Istituti di Credito, che ha consentito, dalla data di prima adozione del protocollo (8 marzo 2013), di ridurre sensibilmente in provincia il numero delle rapine.

Il nuovo documento pattizio impegna i firmatari, il Prefetto Graziella Patrizi in rappresentanza delle Forze di Polizia, il dott. Marco Iaconis per l'A.B.I. ed i rappresentanti di 15 Istituti bancari operanti in provincia, a realizzare iniziative di prevenzione per contenere la criminalità in banca, implementando la sinergia operativa già in essere ed integrando adeguatamente le misure di sicurezza passiva poste a tutela delle filiali e delle apparecchiature ATM (bancomat).

Presenti alla cerimonia: il Questore E. De Simone, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. P.V. Romano ed il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Col. P. Balzano, che hanno fornito nella circostanza il rispettivo, qualificato contributo tecnico-operativo.

Teramo, 3 maggio 2017 

                                                                                           L'ADDETTO STAMPA

                                                                                                  Di Lorenzo

Protocollo d'Intesa per la prevenzione della criminalità in banca. Firma
Pubblicato il :

 
Torna su