Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Teramo

avviso pubblico per l'inclusione nell' elenco prefettizio

AVVISO PUBBLICO
 PER L'INCLUSIONE NELL' ELENCO PREFETTIZIO PREVISTO DALL'ART. 8 DEL D.P.R. N. 571/1982
ANNO 2021
 
Come è noto, la normativa di cui al D.P.R. n. 571/1982, all'art. 8,  attribuisce ai Prefetti il compito di predisporre annualmente un elenco delle depositerie cui affidare la custodia dei veicoli rimossi o comunque prelevati per i casi diversi da quelli previsti dagli artt. 213, 214 e 214 bis del  C.d.S.
Sebbene gli artt. 213 e segg. del decreto legislativo n. 285/1992 prevedano che il servizio di custodia dei veicoli sottoposto a sequestro, fermo e confisca amministrativi per violazioni al codice della strada, debba essere affidato al custode acquirente, restano comunque in vigore le disposizioni del citato d. P.R. n. 571/82 e del D.P.R. n. 495/1992, ragion per cui,  presso questa Prefettura - U.T.G., è in corso la ricognizione annuale per la revisione e l'aggiornamento dell'elenco delle depositerie per il servizio di custodia cui affidare veicoli nei casi residuali e diversi da quelli sopra citati (vedasi circolari Ministero dell'Interno n. 64 prot . M/6326/1/C del 16 settembre 1998, n. 50/2006 prot. M/6326/50-1 del 13 dicembre 2006; n. 9096 del 18 maggio 2015; n. 5886 del 10 aprile 2019 e n. 14924 del 10 ottobre 2019)
         Gli operatori interessati all' inclusione in detto elenco potranno, entro trenta giorni dalla pubblicazione del presente avviso, presentare istanza,  indirizzata a questa Prefettura-U.T.G. - Area III,  Corso San Giorgio n. 17 Teramo, mediante trasmissione  via posta elettronica certificata all'indirizzo protocollo.prefte(at)pec.interno.it . L'iscrizione nel citato elenco sarà subordinata al possesso dei requisiti oggettivi e soggettivi richiesti, la cui sussistenza verrà valutata da un'apposita Commissione.
        L'istanza dovrà essere proposta sul modello allegato A), che contiene anche l'autocertificazione relativa al possesso dei requisiti soggettivi necessari per l'inclusione. Dovranno, comunque, essere prodotti:
  • 1) un elenco dei dipendenti e collaboratori, anche se familiari, che - a qualunque titolo - prestino lavoro nella depositeria con le indicazioni relative al rapporto di lavoro e alle rispettive mansioni;
  • 2) autocertificazioni dei dipendenti che attestino il possesso del requisito di buona condotta, di non essere sottoposti a misure di prevenzione e a misura di sicurezza personale;
  • 3) copia fronte/retro delle patenti di guida del personale impiegato, in qualità di conducenti, sui veicoli adibiti al soccorso stradale;
  • 4) estremi della S.C.I.A. o della licenza comunale per l'esercizio dell'attività di rimessa veicoli;
  • 5) documentazione attestante il rispetto della normativa vigente in materia di tutela ambientale.
 
         Per quanto riguarda invece i requisiti oggettivi, ossia l'idoneità della struttura a conservare correttamente i veicoli sotto il profilo delle condizioni di sicurezza, dovrà essere compilato e trasmesso l'allegato B).
         Dovranno essere inoltre prodotte:
  1. a) una relazione di un tecnico qualificato, iscritto all'albo professionale, corredata da planimetria in scala, da cui risultino i requisiti indicati nelle linee guida, approvate dalla Commissione preposta e che pure vengono pubblicate ;
  2. b) una relazione giurata rilasciata da un tecnico iscritto all'albo professionale da cui risulti che la superficie destinata alla custodia dei veicoli incidentati è munita delle autorizzazioni/certificazioni richieste dalla vigente normativa nazionale - ivi compreso il decreto legislativo n. 152/2006 - e regionale in materia di tutela ambientale.
 
 
      
  PRESCRIZIONI DI ESERCIZIO
 
   I veicoli depositati dovranno essere custoditi con la massima diligenza al fine di impedire illecite rimozioni o asportazioni di parte di essi, nel pieno rispetto della normativa vigente in materia, anche per i profili ambientali e di prevenzione incendi.
 
   Il custode dovrà garantire la reperibilità telefonica 24 ore su 24, assicurando l'intervento su richiesta degli organi accertatori.
 
  Nel deposito dovrà essere assicurata la vigilanza ininterrotta anche attraverso la predisposizione di strumenti di videosorveglianza.
 
  Dovrà essere predisposto e costantemente aggiornato un registro dove dovranno essere separatamente elencati i veicoli sottoposti a sequestro, fermo o custoditi ad altro titolo. Tale registro dovrà essere sempre disponibile per controlli degli organi di polizia o della Prefettura, anche ai fini di quanto previsto dall'art. 215 bis del c.d.s, come introdotto dalla legge 1° dicembre 2018 n. 132.
 
   I requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti dovranno restare invariati per tutta la durata di validità dell'elenco predisposto a seguito del presente avviso (l'accertata violazione delle prescrizioni imposte o la perdita dei requisiti richiesti comporteranno l'immediata cancellazione dall'elenco).
 
 
Teramo, 3 marzo 2021                                                                  l Dirigente dell'Area
                                                                                                  Viceprefetto Agg.to
                                                                                                   Francesco Baiocco

Data pubblicazione il 04/03/2021
Ultima modifica il 28/06/2021 alle 17:06

 
Torna su