Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Taranto

NOTIZIE

 

 Inaugurato a Taranto il 58° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia

Questa mattina, presso il Polo Universitario Jonico di Taranto, il Prefetto Donato Cafagna, su delega della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha presenziato alla cerimonia di apertura del 58° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, dedicato al tema: "La Magna Grecia nel Mediterraneo in età arcaica e classica. Forme, mobilità, interazioni".

La manifestazione si svolge ininterrottamente dal 1961 a Taranto e rappresenta uno degli appuntamenti di maggior richiamo, a livello internazionale, nel quadro delle attività archeologiche, riscontrando ampio consenso di pubblico e di critica e rappresentando un momento di vivacità culturale nella vita cittadina.

Studiosi, accademici ed esperti si danno appuntamento per approfondire, anche attraverso ricerche archeologiche ed archivistiche, gli studi sulla storia della civiltà della Magna Grecia, salvaguardando e valorizzando i rinvenimenti e le testimonianze del passato in tutti i suoi aspetti.

Nel suo intervento, il Prefetto ha sottolineato la valenza e l'attualità del ricchissimo patrimonio ideale che ci giunge dalla Magna Grecia: un serbatoio di valori e di cultura, che possono rappresentare un fattore determinante per lo sviluppo sociale ed economico della comunità tarantina.


Pubblicato il :

 VERSO IL CENSIMENTO PERMANENTE DELLA POPOLAZIONE

Si è conclusa, ieri, in Prefettura, la seconda sessione formativa dedicata ai responsabili degli Uffici comunali coinvolti nelle attività di rilevazione del primo Censimento Permanente della popolazione e delle abitazioni, che interesserà, per l'anno in corso, 15 comuni della provincia, tra cui il comune Capoluogo.

All'incontro è intervenuto il Prefetto Donato Cafagna che, dopo gli indirizzi di saluto, ha voluto sottolineare come le informazioni che si raccoglieranno saranno utili per gli enti pubblici e privati nazionali e territoriali, al fine di pianificare attività e progetti, erogare servizi ai cittadini e monitorare politiche sul territorio.

Dal 2018 l'ISTAT rileverà con cadenza annuale e non più decennale le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale.

A differenza dei censimenti decennali quelli permanenti non coinvolgono tutti i cittadini, le imprese e le istituzioni, ma di volta in volta campioni rappresentativi di essi, restituendo tuttavia dati riferibili al campo di osservazione complessivo, anche grazie all'integrazione con fonti amministrative.

Il 10 e l'11 settembre prossimi, presso il Palazzo del Governo, saranno, invece, tenuti i corsi dai formatori dell'Istat regionale Puglia per i 100 rilevatori, selezionati da ciascun comune della provincia tarantina, che si occuperanno delle operazioni censuarie demandate sul territorio.


Pubblicato il :

 
Torna su