Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Taranto

NOTIZIE

 

 FORMAZIONE DEI REFERENTI DEGLI UFFICI COMUNALI DI CENSIMENTO

 
Al fine di porre le Amministrazioni Comunali della provincia tarantina in grado di ben corrispondere alle esigenze connesse alle operazioni del nuovo Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni, l'Ufficio di Statistica della Prefettura di Taranto, in collaborazione con l'Istat Regionale della Puglia, ha organizzato, per lunedì 2 luglio p.v., alle ore 9.30, una giornata formativa rivolta ai responsabili e ai coordinatori dei 15 comuni interessati dalla rilevazione censuaria permanente, che prenderà l'avvio la prima domenica del prossimo mese di ottobre.

Obiettivo dell'iniziativa, oltre alla formazione, è quello di condividere le linee organizzative e metodologiche delle operazioni di censimento, nell'intento di garantire il regolare svolgimento di tutte le attività previste.

E' importante sottolineare la portata innovativa del censimento permanente; da quest'anno, infatti, l'Istat rileverà, con cadenza annuale e non più decennale, le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale.

Pubblicato il :

 ESTATE 2018 ... SINDACI, FORZE DELL'ORDINE E POLIZIE MUNICIPALI INSIEME AL TAVOLO DEL PREFETTO


Riunione, in Prefettura, del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Donato Cafagna, per definire, con l'essenziale contributo di tutte le amministrazioni comunali, le misure atte a garantire, durante il periodo estivo, un più elevato livello di sicurezza per i cittadini e i turisti attratti dalle bellezze paesaggistiche e dagli eventi che caratterizzano la provincia di Taranto.

All'incontro hanno preso parte i Sindaci, i vertici provinciali delle Forze dell'Ordine, del Comando dei Vigili del Fuoco, della Capitaneria di Porto e del Servizio 118.

Molteplici gli aspetti esaminati, primo fra tutti la modulazione delle attività di controllo del territorio, che verranno potenziate attraverso l'attuazione di servizi integrati tra Forze dell'Ordine e Polizie locali, che potranno avvalersi anche dell'implementazione di 35 militari dei Carabinieri con l'attivazione di una Stazione Stagionale a Castellaneta Marina e di una Stazione Mobile in Manduria-San Pietro in Bevagna.

Sulla base delle indicazioni emerse nel corso della riunione saranno inoltre promossi incontri presso i Commissariati di P.S. per pianificare nei diversi ambiti specifici servizi, rivolti a fronteggiare le peculiari criticità e rafforzare l'azione di prevenzione generale e controllo del territorio.

L'Operazione Mare Sicuro, pianificata dalla Capitaneria di Porto, amplia il dispositivo a garanzia della sicurezza dei bagnanti e di vigilanza della navigazione.

Un impegno particolare è stato richiesto alle amministrazioni comunali per il  contrasto del fenomeno dell'abusivismo commerciale in stretto raccordo con le iniziative per la repressione della contraffazione condotta dalla Guardia di Finanza e per la sicurezza alimentare portata avanti dal Nucleo Antisofisticazione dei Carabinieri.

Per assicurare un più ordinato e sicuro transito del flusso veicolare, che si concentra nelle giornate estive sulla insufficiente rete di viabilità costiera, l'Osservatorio Prefettizio sulla Sicurezza Stradale terrà sopralluoghi congiunti con gli enti proprietari delle strade ed i comuni interessati per individuare le misure necessarie ed urgenti in attesa degli auspicati e non più procrastinabili interventi infrastrutturali.

Il Prefetto ha ricordato le recenti direttive del Ministero dell'Interno che fissano le condizioni generali di sicurezza  da garantire in occasione di pubbliche manifestazioni, sia sotto il profilo della safety che della security , confermando la disponibilità ad offrire alle amministrazioni comunali il supporto informativo e, se necessario, in considerazione della rilevanza e della partecipazione di pubblico prevista per ogni singolo evento, il coordinamento del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica.

Rispetto al contrasto ai reati ambientali, connessi sovente all'abbandono di rifiuti in aree campestri e sui litorali, stante anche la generalizzata carenza di unità della Polizia Municipale, è stata evidenziata l'opportunità di fare ricorso al convenzionamento tra Enti per la gestione in comune di servizi e attività di controllo e, ove possibile, all'utilizzo delle associazioni di volontariato.

La tutela del patrimonio naturalistico e boschivo, oggetto della campagna antincendio promossa dalla Prefettura "Aiutaci a difendere la bellezza" richiama l'impegno di tutte le componenti secondo il documento operativo di prevenzione e lotta attiva definito il 6 giugno scorso.

"Con l'estate 2018 vogliamo mettere in  campo - ha concluso il Prefetto - un sistema di sicurezza integrato che parte da un'analisi puntuale dei fattori di criticità di ciascun area, si avvale di uno scambio informativo costante con i Sindaci e rafforza un impiego coordinato delle risorse che valorizza le specificità e viene incontro, con moduli flessibili, alle più diverse esigenze di sicurezza del territorio e dei cittadini".

Pubblicato il :

 'AIUTACI A DIFENDERE LA BELLEZZA": PROMOSSA DALLA PREFETTURA LA CAMPAGNA INFORMATIVA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO AL FENOMENO DEGLI INCENDI BOSCHIVI

 
" Aiutaci a difendere la bellezza " è la campagna informativa promossa dalla Prefettura di Taranto per prevenire e contrastare gli incendi boschivi nell'imminente stagione estiva ed incentivare nei cittadini il senso di responsabilità, evitando comportamenti che possano arrecare danno al patrimonio ambientale e paesaggistico delle pinete, dei boschi e delle gravine del territorio tarantino.

Il vademecum è stato messo a disposizione dei Comuni e di tutte le altre componenti di Protezione Civile per la massima diffusione alla cittadinanza.

L'iniziativa rientra nel quadro delle misure condivise nel corso della riunione tenutasi in Prefettura con la partecipazione della Regione Puglia, dei Vigili del Fuoco, delle Amministrazioni locali, degli Enti gestori di servizi pubblici, delle Forze dell'Ordine, della A.S.L. e delle altre componenti istituzionali e del volontariato.

Più prevenzione, un sistema tempestivo e puntuale di allertamento, formazione del volontariato ed un coordinamento efficace nella lotta attiva agli incendi sono - ha ricordato il Prefetto Donato Cafagna - insieme alla sensibilizzazione della gente, gli strumenti che possono contribuire incisivamente a determinare un miglioramento della capacità di fronteggiare un fenomeno che resta serio, anche a causa dei fattori climatici estremi che caratterizzano negli ultimi anni la stagione estiva.

 
Pubblicato il 15/06/2018
Ultima modifica il 18/06/2018 alle 13:59:52

 PIU' SICUREZZA NELLE DISCOTECHE TARANTINE

Il Prefetto Donato Cafagna e il Presidente provinciale dell'Associazione Italiana Imprese di Intrattenimenti di Ballo e Spettacolo, Gianluca Piotti, questa mattina, in Prefettura, nell'ambito del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, hanno firmato il "Protocollo d'Intesa in materia di sicurezza delle discoteche".


L'accordo ha dichiarato il Prefetto rende più stretta la collaborazione tra gli operatori del settore e le Forze dell'Ordine ed ha l'obiettivo di favorire la diffusione della cultura della legalità tra i clienti delle discoteche ed elevare i livelli di sicurezza all'interno e in prossimità dei locali di intrattenimento musicale, con particolare attenzione al contrasto di ogni forma di violenza, all'uso di sostanze stupefacenti e psicotrope e all'abuso di alcol.

Da parte dei gestori c'è l'impegno a promuovere corsi di formazione degli addetti alla somministrazione di bevande e percorsi di preparazione al primo intervento sanitario, al fine di garantire un primo presidio per la tutela della salute degli avventori, oltre che campagne informative rivolte alla clientela soprattutto quella giovanile.

In ciascun locale da ballo verrà individuato un referente per la sicurezza, che segnalerà tempestivamente alle Forze dell'Ordine situazioni di illegalità e coordinerà i controlli all'interno effettuati dal personale addetto alla sicurezza, specificamente autorizzato e formato. Vi è anche l'impegno da parte dei gestori a installare e implementare gli impianti di videosorveglianza all'interno e all'esterno dei locali.

Le Forze dell'ordine garantiranno il rafforzamento dei servizi di vigilanza nei locali, nelle aree circostanti e lungo le direttrici di afflusso e di deflusso dei frequentatori, nonché l'intensificazione della vigilanza sull'organizzazione illegale di spettacoli, anche su segnalazione delle associazioni e dei gestori.

All'incontro con i vertici provinciali delle Forze dell'Ordine è intervenuto in rappresentanza della Confcommercio di Taranto il Direttore provinciale Angelo Colella.

Pubblicato il :

 LA SICUREZZA INTEGRATA URBANA AL PRIMO POSTO NEI DIECI PATTI STIPULATI CON I SINDACI TARANTINI

Il Prefetto Donato Cafagna, il Sindaco di Taranto ed i Sindaci di altri nove Comuni della provincia (Avetrana, Fragagnano, Ginosa, Grottaglie, Leporano, Monteparano, Palagiano, Sava e Torricella) hanno sottoscritto stamane i Patti per l'attuazione della sicurezza urbana e installazione dei sistemi di videosorveglianza.

Le intese, stipulate nel corso del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, individuano strumenti e misure tese a realizzare nelle aree urbane un sistema di sicurezza integrata, in cui la lotta al degrado ed all'abusivismo, il miglioramento della fruizione degli spazi pubblici, la tutela dei diritti dei cittadini costituiscono una priorità che si affianca a quella della prevenzione e del contrasto alla criminalità.

Nei patti sono individuati i luoghi e i fenomeni verso i quali orientare le iniziative delle Polizie locali e delle Forze dell'ordine, anche attraverso l'attivazione di sistemi di videosorveglianza per i quali saranno avanzate da parte dei Comuni richieste di finanziamento al Ministero dell'Interno a valere sui "Fondi di riserva e speciali" del Ministero dell'Economia.

A partire da oggi - ha dichiarato il Prefetto - diventa ordinaria una modalità di lavoro del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, che ci vedrà incontrare presso i Comuni individuati come capimaglia, i Sindaci per monitorare costantemente e aggiornare, anche con l'eventuale contributo degli esponenti delle organizzazioni produttive e delle formazioni sociali, lo stato della sicurezza e definire obiettivi ed interventi.

Alla riunione è intervenuto il Procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Capristo, che ha voluto condividere un momento così importante nella costruzione di un percorso di crescita della legalità sul territorio ed ha sottolineato l'utilità, anche alla luce dei recenti episodi delittuosi, del supporto offerto dai sistemi di tele-controllo e videosorveglianza per l'attività di polizia giudiziaria.

 

Pubblicato il :

 2 Giugno 2018 ... 72° Anniversario della Fondazione della Repubblica

Pubblicato il :

 1 GIUGNO 2018 CERIMONIA DI CONSEGNA DELLE ONORIFICENZA DELL'ORDINE 'AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA"

Pubblicato il :

 2 giugno 2018, il saluto del Prefetto Donato Cafagna, in occasione del 72° Anniversario della Fondazione della Repubblica

Cittadini di Taranto e della provincia, Sindaci, Parlamentari, rappresentanti delle istituzioni civili, militari e religiose, esponenti delle formazioni politiche, sociali e delle associazioni di volontariato e combattentistiche, rappresentanti degli organi di informazione, a Voi tutti un grazie per essere qui a condividere la celebrazione dell'Anniversario della Fondazione della Repubblica.

Oggi è la festa di tutti gli italiani e di tutti i tarantini perciò la celebriamo in questa piazza della Vittoria, ricca di storia e di memorie, luogo simbolo di questa bella Città, dopo aver innalzato il Tricolore.

A 72 anni dal 2 giugno 1946, quando il popolo italiano scelse liberamente la Repubblica, possiamo con giusta consapevolezza e con sentimenti di orgoglio guardare innanzi a noi, forti dei valori democratici sui quali si fonda il nostro Paese, orientati a garantire lo sviluppo, il progresso e la pace.

Ed è nei passaggi delicati che emerge tutta l'energia morale e intellettuale ed il forte spirito di solidarietà umana e sociale che hanno sempre caratterizzato la vita di questa Nazione.

L'esempio dei padri che per la Repubblica hanno combattuto e sofferto e si sono sacrificati, non resti una pagina dei libri di storia, ma sia un riferimento continuo, la bussola che indica la direzione del nostro percorso che non può prescindere dai valori di dignità, uguaglianza, lavoro, tolleranza che essi ci hanno affidato.  

Il 2 giugno 1946 nacque la Repubblica, ma come atto coevo si votò per l'Assemblea Costituente, cui spettò l'importante compito di redigere quella Costituzione, di cui quest'anno celebriamo il settantesimo anniversario, che è la premessa e la base su cui si è sviluppata e si sviluppa ancora oggi la nostra storia democratica e repubblicana.

Valori e principi che costituiscono la migliore narrazione della storia civile e politica del nostro Paese e custodiscono i diritti e i doveri di cittadinanza, il cui esercizio siamo chiamati a garantire per la realizzazione, oltre ogni distinzione, del pieno sviluppo della persona umana e dell'effettiva partecipazione all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

La Repubblica è la nostra casa comune.

Lo è soprattutto in momenti, come quello attuale, in cui la difficile uscita da una lunga crisi economica con l'incertezza per il futuro e l'amplificarsi delle differenze sociali, richiede il massimo sforzo da parte di tutti - dei rappresentanti della politica e delle istituzioni in primo luogo, ma anche di ogni cittadino - per ritrovare insieme il senso dell'interesse generale, il sentimento di unione, la volontà di cambiamento indispensabili per dare futuro ai giovani e rendere più giusta la nostra società.

La giustizia sociale pone immediatamente in primo piano lo sviluppo del Sud e dell'inserimento dei nostri giovani nel mondo del lavoro. Una nuova stagione di emigrazione giovanile rischia di impoverire questa parte determinante del Paese, che ha bisogno delle energie, delle speranze, dei progetti dei giovani per trovare la strada della crescita economica e dello sviluppo.  

Nuove sfide ci attendono in questo nostro territorio tarantino che è un emblematico coacervo di bellezza e sofferenza, dove le situazioni di disagio e talora i drammi ci impongono di essere ancora più impegnati con convinzione e determinazione.

La questione sociale e quella del lavoro siano al centro di un'azione impegnata a dare risposte tempestive, efficaci, coraggiose che individuino i bisogni e indirizzino verso soluzioni innovative, concrete, compatibili con la qualità della vita, la tutela della salute e dell'ambiente.

La celebrazione di quest'anno cade a pochi giorni dal grave incidente in cui ha perso la vita il nostro concittadino Angelo. Alla moglie, ai suoi bambini, ai genitori, a tutti i caduti sul lavoro e nell'adempimento del dovere e ai loro familiari va il nostro pensiero e un abbraccio ideale.

Nonostante le leggi, il progresso, il perfezionamento tecnologico degli impianti, la sicurezza sul lavoro  - soprattutto nelle attività ad elevato rischio - rappresenta ancora un problema vivo da affrontare con decisione.

L'azioni avviata e potenziata in questi mesi dalle istituzioni, dagli enti locali, dalle organizzazioni sindacali e imprenditoriali deve proseguire senza sosta in vista di un sensibile incremento delle misure e degli interventi finalizzati ad elevare ancora i livelli di controllo e di prevenzione attraverso la formazione continua degli operatori e il miglioramento degli standard di qualità dei luoghi e degli strumenti di lavoro.

Cittadini di Taranto, la Festa della Repubblica sia per tutti l'occasione per rinnovare i sentimenti di profonda riconoscenza e vicinanza agli uomini e alle donne delle Forze                               Armate, delle Forze dell'Ordine, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, dei volontari, impegnati a garantire la pace, la sicurezza, il soccorso con una capacità ed uno spirito di sacrificio che sono quotidianamente sotto gli occhi di tutti.

Consentitemi infine un grazie speciale ai più piccoli tra coloro che hanno sfilato in corteo e cantato, rendendo omaggio, in un giorno festivo, alla Patria e contribuendo a dare una nota di grande freschezza ed entusiasmo alla manifestazione.

Oggi nei vostri occhi pieni di gioia possiamo guardare, con rinnovata fiducia, al futuro della nostra Repubblica e della nostra Città.

W la Repubblica, W l'Italia

                                                                               Donato Cafagna
Pubblicato il :

 
Torna su