Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Sondrio

Violazioni diverse dal Codice della Strada


Dirigente Dell'Area:Dott. Umberto SORRENTINO
Email Dirigente Dell'Area: umberto.sorrentino(at)interno.it

Sanzioni amministrative

Responsabile del procedimento: Dott. Umberto Sorrentino
Addetto: Pansoni - Zanella - Caprari
Orari di ricevimento:
  • Lunedì dalle 09:00 alle 13:00
  • Martedì dalle 09:00 alle 13:00
  • Mercoledì dalle 09:00 alle 13:00
  • Giovedì dalle 09:00 alle 13:00 dalle 15:00 alle 17:00
  • Venerdì dalle 09:00 alle 13:00
Ubicazione dell'Ufficio: Via Mazzini n. 75 B
Email dell'ufficio:
Telefoni:
Fax:
  • 0342/516913 



Procedimento

Contro i verbali redatti dai vari organi accertatori, può essere presentato dal trasgressore scritto difensivo entro 30 giorni dalla contestazione della violazione ovvero dalla notifica del verbale, direttamente al Prefetto.
Può essere richiesta l'audizione personale. In tal caso il richiedente riceverà  al proprio domicilio lettera di invito presso l'ufficio Depenalizzazione di Sondrio, Via Mazzini n. 75 in giorno ed orario indicato, che può comunque essere modificato concordando direttamente con l'addetta al n. telefonico 0342-532449.
Può essere richiesta (e concessa) la rateizzazione delle sanzioni pecuniarie inflitte o da infliggere con l'ingiunzione su richiesta dell'interessato che si trovi in condizioni economiche disagiate (art. 26 L. 689/81) autocertificando la propria situazione economica e familiare.
Il Prefetto dopo aver esaminato il verbale, gli atti e la documentazione depositata, sia dall'interessato che dai verbalizzanti, nonché le controdeduzioni prodotte dall'organo che ha accertato la violazione, sentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiesta:
- In caso di conferma del verbale, emette ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria (dal minimo al massimo stabilito dalla normativa);
- In caso di accoglimento delle istanze del trasgressore, emette ordinanza di archiviazione degli atti.
Contro l'ordinanza-ingiunzione di pagamento, l'interessato può proporre opposizione, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento (che sono elevati a 60 se l'interessato risiede all'estero), al Giudice di Pace del luogo dove è stata commessa la violazione. DocumentazioneLo scritto difensivo in carta semplice, deve essere presentato (entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notificazione dell'infrazione) direttamente al Prefetto, corredato dall'eventuale documentazione ritenuta idonea.

Precisazioni sulla procedura

Ai sensi dell'art. 14, la violazione quando è possibile deve essere contestata immediatamente sia al trasgressore che all'obbligato in solido al pagamento dovuto per la violazione stessa; se non è avvenuta la contestazione immediata la violazione deve essere notificata entro 90 giorni dalla commessa violazione.
L'obbligazione di pagare la somma dovuta per la violazione si estingue per la persona nei cui confronti è stata omessa la notificazione nei termini prescritti.
E' ammesso il pagamento in misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista o se sia più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo, oltre alle spese del procedimento, entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione del verbale.
Qualora non sia intervenuto il pagamento in misura ridotta, il verbale viene trasmesso all'autorità  competente.

La normativa

- Il procedimento relativo alle violazioni per sanzioni amministrative diverse dal Codice della Strada, è regolato dalla Legge 24.11.1981, n. 689.


Ultima modifica il 02/10/2008 alle 09:23

 
Torna su