Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Rovigo

Biografia

  Prefetto Dr. Clemente Di Nuzzo
Foto Prefetto Dott. Clemente Di Nuzzo  
 
 
DOTT. CLEMENTE DI NUZZO
 
CURRICULUM VITAE
 
Nato a Napoli l'11 maggio 1963, il dott. Clemente Di Nuzzo ha conseguito la maturità nel 1982 al Liceo Classico G. Carducci di Nola (NA) - città dove ha risieduto con i genitori ed il fratello.
Si è laureato il 24 marzo 1987 in Scienze Politiche, indirizzo politico-internazionale, con 110 e lode  presso l'Università Orientale di Napoli con tesi di laurea sugli "Accordi misti nella Comunità Economica Europea".
E' sposato con Lucia Addeo, anch'essa di Nola - laureata in Legge, Istruttore amministrativo presso il Comune di Rimini. Loro figlio è Michele, 23 anni, studente presso l'Università di Urbino.
L'8 aprile 1991 è stato assunto nella carriera prefettizia, con destinazione alla Prefettura di Belluno.
Trasferito presso la neoistituita Prefettura di Rimini nel febbraio 1996, ha ricoperto in tale sede prima l'incarico di Vicecapo di Gabinetto e poi di Capo di Gabinetto dal 2001 fino al 2008.
Promosso alla qualifica di Viceprefetto con decorrenza 1.1.2007, ha ricoperto gli incarichi di Capo di Gabinetto nelle Sedi di Pesaro-Urbino (2009-2011) e Bergamo (2011-2012).
Dal dicembre 2012 è ritornato a Rimini - dove tuttora risiede la famiglia - come Viceprefetto Vicario. Dal maggio 2017 ha svolto le funzioni di Viceprefetto Vicario di Ancona, fino alla nomina a Prefetto nel luglio 2021.
Il dott. Di Nuzzo è altresì  in possesso del titolo di "Responsabile ufficio stampa e ufficio relazioni con il pubblico" conseguito per esame presso la Scuola Superiore dell'Amministrazione dell'Interno.
Nel corso della sua carriera il dott. Di Nuzzo ha svolto le funzioni di Commissario straordinario presso i Comuni di Zoldo Alto (BL), di Santarcangelo di Romagna (RN) e Montescudo-Monte Colombo (RN).
Ha presieduto la Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo di Rimini ed Ancona, nonché la Commissione elettorale circondariale nei predetti capoluoghi.
Nel 2017 ha espletato attività istruttorie necessarie all'accertamento di danno erariale, su delega della Procura regionale presso la Sezione giurisdizionale delle Marche della Corte dei Conti.

Data pubblicazione il 01/01/2001
Ultima modifica il 12/08/2021 alle 08:27

 
Torna su