Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Roma

Sospensione

 

Sospensione della patente in caso di incidente stradale con lesioni
ai sensi degli artt.222 e 223 C.d.S.
 
In caso di incidente stradale con lesioni , il Prefetto dispone la sospensione provvisoria della patente di guida ai sensi degli artt.222 e 223 del Codice della Strada quando vi siano:
 
1)      evidenti elementi di responsabilità (risultanti dal rapporto dell'organo accertatore e da un verbale contestazione di una violazione del Codice della Strada)
 
2)      lesioni alle presone (evidenziate da una certificazione medica)

La sospensione è graduata in base al tipo di violazione contestata e alla gravità della prognosi del soggetto leso, con una durata compresa tra un minimo di 15 giorni ed un massimo di tre anni (art.222/2 e 223/2 C.d.S.)
 
Nel caso di incidente stradale , ai sensi dell'art.218 C.d.S., non è possibile rilasciare il permesso orario di guida.

Avverso l' ordinanza prefettizia di sospensione è ammessa opposizione al Giudice di pace entro 30 giorni dalla notifica .
 
E' ammesso invece ricorso al Prefetto avverso le violazioni del Codice della Strada di tipo amministrativo contestate in occasione dell'incidente ( all'Ufficio della Prefettura competente per quell'articolo : Area III ter o Area III quater )
 
  S ospensione provvisoria della validità della patente di guida ai sensi dell ' art.223 C.d.S.
(ipotesi di reato)
 
1.  Procedimento di sospensione della patente di guida ai sensi dell'art.223 C.d.S.
Il Codice della Strada prevede che il Prefetto, nelle ipotesi di reato per le quali è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione o della revoca della patente, disponga la sospensione provvisoria della validità della patente di guida ai sensi dell' art.223 del Codice della Strada .
 
a) Le ipotesi di reato per cui questo avviene sono:
 
  • Guida in stato di ebbrezza (186 C.d.S.) (tranne l'art.186/2 a) C.d.S. che è violazione di tipo amministrativo)
  • Guida sotto effetto di sostanze stupefacenti (187 C.d.S.)
  • Gare di velocità (9 ter C.d.S.)
  • Omissione di soccorso (189/6 e 7 C.d.S.)
 
b)  La Prefettura, ricevuti gli atti da parte dell'organo accertatore, emana l'ordinanza di sospensione , secondo i parametri di durata previsti dal legislatore, fino ad un massimo di due anni.
c) Il provvedimento prefettizio, adottato a seguito di ritiro della patente su strada o in " esecuzione e notifica " (con l'ordine, cioè, di ritirare successivamente la patente di guida), viene inoltrato dalla Prefettura all'organo di polizia competente, al fine della notifica all'interessato.
L'interessato riceverà una comunicazione al proprio indirizzo con l' invito a recarsi presso l'organo di polizia incaricato per la notifica del provvedimento.
In ogni caso, può rivolgersi all'ufficio Patenti secondo le modalità indicate nella pagina "Contatti" per ogni informazione.
 
d) Avverso l'ordinanza prefettizia di sospensione della patente di guida è ammessa opposizione al Giudice di Pace competente (secondo il luogo della commessa violazione) entro 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza . Non è ammesso ricorso al Prefetto nel caso di ipotesi di reato.
 
e) Per l'esibizione dei provvedimenti giurisdizionali e le conseguenti valutazioni/attività dell'Ufficio, è necessario produrre in copia conforme i medesimi provvedimenti negli orari di ricevimento
 
f)       Nelle ipotesi di reato:
  • non è possibile il rilascio di permesso orario di guida
  • non si applica l'art.218 C.d.S. , con i suoi termini,bensì l' art.223
 
2. Provvedimenti dell'Autorità giudiziaria e sospensione ai sensi dell'art.224 C.d.S.
 
Nel momento in cui l'Autorità Giudiziaria Ordinaria (Giudice penale) emana sentenza penale o decreto penale di condanna e questi sono divenuti irrevocabili, la Prefettura dispone, ai sensi dell' art.224 C.d.S., la sospensione o la revoca della patente di guida quale sanzione amministrativa accessoria, secondo quanto disposto dal Giudice.  
Ove l'interessato abbia già scontato un periodo di sospensione in via provvisoria, il provvedimento prefettizio disporrà la sospensione solo per la parte residua.
L'interessato che voglia esibire un provvedimento del Giudice penale deve fornire all' ufficio una copia conforme , dotata della clausola di irrevocabilità apposta dalla competente cancelleria.
 
3. Sottoposizione a visita medica
 
Nei soli casi di violazione degli articoli 186 e 187 C.d.S. , il Prefetto, contestualmente alla sospensione della patente, dispone l' obbligo di sottoposizione a visita medica ai sensi dell'art.128 del Codice della Strada , per la verifica dei requisiti psico-fisici alla guida. La patente, ai sensi dell'art.128, rimane sospesa a tempo indeterminato sino all'esibizione della certificazione medica.   
Competenti per gli accertamenti sanitari sono le Commissioni Mediche Locali .
Le informazioni di base circa le modalità per effettuare la visita medica e indicazioni sulla documentazione da presentare in Prefettura e/o presso gli Uffici della Motorizzazione sono contenute nell'ordinanza di sospensione.
L' Ufficio è a disposizione per ulteriori informazioni.  
In base alle disposizioni del Ministero dei Trasporti, i certificati medici hanno una validità di sei mesi dal rilascio.
 
Si consiglia pertanto di prenotare gli appuntamenti in modo da detenere una valida certificazione nel momento in cui il periodo di sospensione comminato ha avuto termine.  
I competenti Uffici della Motorizzazione, acquisita la certificazione medica di idoneità, provvederanno al rilascio di una nuova patente, con la scadenza di validità stabilita dalla Commissione medica locale.  
L'interessato dovrà poi sottoporsi ai controlli per rinnovo secondo la periodicità stabilita dalle Commissioni mediche locali.
 
Avverso il provvedimento di sottoposizione a visita medica ex art.128 è proponibile ricorso al TAR entro 60 giorni dalla notifica.
 

Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 14/03/2016 alle 13:23

 
Torna su