Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio nell'Emilia

NOTIZIE

 

 COMUNICATO STAMPA - Ufficio Cittadinanza/Sportello Unico per l'Immigrazione

 
 
L'Ufficio CITTADINANZA aprirà al pubblico a far data dal 29 giugno 2020.

 

In ottemperanza alle disposizioni per il contenimento dell'emergenza epidemiologica, l'Ufficio riceverà esclusivamente su appuntamento , contingentando gli ingressi presso la struttura.

 

Per le convocazioni, gli interessati saranno contattati dai nostri uffici.

 

Per informazioni o per fissare un appuntamento è possibile scrivere a:

e-mail: info.prefettura.re(at)caleidos.mo.it ovvero whatsapp: 345-9735560 .

 

Si invitano gli interessati a monitorare la casella di posta elettronica (e-mail) inserita nella domanda, per possibili comunicazioni da parte dei nostri uffici. 

Sarà inoltre disponibile un servizio di mediazione linguistica a supporto dell'utenza per le seguenti lingue: francese, arabo ed inglese. 

**********  

Lo SPORTELLO UNICO PER L'IMMIGRAZIONE aprirà al pubblico a far data dal 29 giugno 2020.

 
In ottemperanza alle disposizioni per il contenimento dell'emergenza epidemiologica, l'Ufficio riceverà esclusivamente su appuntamento , contingentando gli ingressi presso la struttura.
 

Per le convocazioni, gli interessati saranno contattati dai nostri uffici.
 

Per avere informazioni o per fissare un appuntamento è possibile scrivere a:

e-mail: info.prefettura.re(at)caleidos.mo.it   ovvero whatsapp: 345-9735560
 

Si invitano gli interessati a monitorare la casella di posta elettronica (e-mail) inserita nella domanda, per possibili comunicazioni da parte dei nostri uffici. 

Sarà inoltre disponibile un servizio di mediazione linguistica a supporto dell'utenza per le seguenti lingue: francese, arabo ed inglese.
 

Ufficio Legalizzazione
 

In ottemperanza alle disposizioni per il contenimento dell'emergenza epidemiologica, l'Ufficio riceverà esclusivamente su appuntamento contingentando gli ingressi presso la struttura, nei seguenti giorni:
 

- martedì e giovedì dalle ore 9.30 alle ore 12.00,
 

Gli appuntamenti potranno essere fissati contattando l'operatore telefonicamente al numero 0522/458463 o via mail, all'indirizzo rosalba.bilotta(at)interno.it  
 

Gli stessi recapiti potranno essere utilizzati per la richiesta di informazioni.
 
Pubblicato il
:

 comunicato stampa

COMUNICATO STAMPA

Si è svolta in data odierna presso la Prefettura di Reggio Emilia, una riunione in videoconferenza di aggiornamento del tavolo tecnico di coordinamento e monitoraggio costituito in virtù di quanto disposto dall'art. 9 del D.P.C.M. 26 aprile 2020, che demanda al Prefetto l'esecuzione ed il monitoraggio delle misure di contenimento con specifico riferimento anche alla salute ed alla sicurezza nei luoghi di lavoro.

L'incontro, a cui hanno partecipato le Forze di Polizia, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Direttore del Dipartimento Sanità Pubblica dell'Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia, la Prefettura ha avuto l'obiettivo di aggiornare il quadro conoscitivo sui controlli sulla sicurezza sanitaria effettuati presso le attività di ristorazione, dei servizi alla persona, presso le attività produttive ove il rischio di assembramenti è maggiore, infine presso i cantieri riavviati nell'edilizia.

L'analisi dei dati ha rivelato un quadro rassicurante, in ragione del rispetto delle specifiche prescrizioni e degli adempimenti. E' stato quindi deciso di estendere i controlli in questione presso i centri commerciali, le cui verifiche verteranno sia sul rispetto delle norme contenute nel D. Lgs. 81/2008 sulla sicurezza dei lavoratori e degli ambienti di lavoro, che sul rispetto delle norme Covid-19.

Detti sopralluoghi saranno sempre svolti congiuntamente dall'Ausl, dall'Ispettorato del Lavoro, dall'Arma dei Carabinieri, dai Nas di Parma, dal Nucleo Ispettivo del Lavoro, dalla Guardia di Finanza e dai Vigili del Fuoco. Gli esiti saranno illustrati negli incontri periodici che si terranno presso questa Prefettura al fine di monitorare costantemente la situazione.

 Reggio Emilia, 17 giugno 2020

 

Pubblicato il
:

 comunicato stampa

COMUNICATO STAMPA

 

Decreto 27 maggio 2020 del Ministro dell'Interno di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, sulle modalità di presentazione dell'istanza di emersione di rapporti di lavoro.

 

Venerdì 29 maggio 2020, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto 27 maggio 2020, adottato dal Ministro dell'Interno, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, al fine di regolamentare le modalità di presentazione dell'istanza di emersione dei rapporti di lavoro, introdotta dall'art. 103 del Decreto Legge 19 maggio 2020, n.34.

Il citato Decreto, in particolare, all'art. 1 prevede che i datori di lavoro italiani o cittadini di uno stato membro dell'Unione Europea, ovvero i datori di lavoro stranieri in possesso di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, possono presentare istanza per concludere un contratto di lavoro con cittadini stranieri presenti nel territorio nazionale o dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare in corso con cittadini italiani o con cittadini stranieri presenti nel territorio nazionale.

Con riferimento ai cittadini stranieri interessati, la predetta procedura risulta accessibile unicamente ai soggetti presenti nel territorio nazionale da una data anteriore all'8 marzo 2020.

L'art. 3 del citato Decreto regolamenta, invece, la possibilità riconosciuta ai cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale alla data dell'8 marzo 2020, con permesso di soggiorno non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno, di richiedere un permesso di soggiorno temporaneo, della durata di sei mesi, valido solo nel territorio nazionale.

Le predette disposizioni trovano applicazione esclusivamente nei settori dell'agricoltura, dell'assistenza alla persona e del lavoro domestico.

Le istanze possono essere presentate dal 1 giugno al 15 luglio 2020 presso:

  • lo Sportello Unico per l'Immigrazione, per quanto riguarda i lavoratori stranieri,
  • l'I.N.P.S. per i lavoratori italiani o per cittadini di uno stato membro dell'Unione Europea,
  • la Questura per il rilascio di permesso di soggiorno temporaneo.Nel medesimo decreto sono definite altresì le modalità di presentazione delle istanze, i limiti di reddito del datore di lavoro richiesti per la conclusione del contratto di lavoro, la documentazione idonea a comprovare lo svolgimento della prestazione lavorativa nei settori previsti, le modalità di svolgimento delle procedure e per il pagamento del contributo forfettario.
  • Ai fini dell'accesso alla procedura, è inoltre previsto il pagamento di un contributo forfettario, pari ad euro 500 per ciascun lavoratore nel caso di emersione di rapporto di lavoro irregolare ed euro 130 per l'istanza di permesso di soggiorno temporaneo.
Pubblicato il
:

 
Torna su