Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio nell'Emilia

NOTIZIE

 

 UN EFFICACE RACCORDO TRA PREFETTURA FORZE DELL’ORDINE E SINDACI PER COMUNI STRATEGIE SULLA SICUREZZA DEL TERRITORIO

Nell’ultimo mese il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica  della Prefettura di Reggio Emilia si è riunito in diverse occasioni aderendo alle sollecitazioni di alcuni  sindaci della  pianura ed anche del comprensorio appenninico, preoccupati per una crescita nei rispettivi territori di fenomeni delittuosi e di una conseguente percezione di insicurezza da parte della cittadinanza.

Le riunioni, presiedute dal Viceprefetto Vicario Reggente Adriana Cogode alla presenza dei vertici delle Forze di Polizia e dei Sindaci, hanno riguardato i Comuni di Correggio, Toano, Castelnovo né Monti, S. Ilario d’Enza e Cadelbosco di Sopra.

Si è in particolare discusso di alcuni eventi quali furti e rapine,  del fenomeno del nomadismo e di problematiche afferenti al degrado in quei siti delle aree urbane dove più frequentemente si registrano situazioni di potenziale pericolo e di disturbo della quiete pubblica.

In relazione alle questioni prospettate dai sindaci si è in realtà chiarito attraverso la preventiva ricognizione delle Forze dell’Ordine che pur dovendo tenere alta l’attenzione si tratta comunque di fenomeni che allo stato non destano allarme.

Si è convenuto sulla opportunità di intensificare le misure di controllo del territorio anche attraverso la realizzazione di impianti di videosorveglianza i cui progetti saranno posti all’esame dello stesso Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica .
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Si rende noto che il 5 novembre 2014, si procederà alle ore 11.45, presso questa Prefettura, al II piano, stanza 49, alla estrazione a sorte, in seduta pubblica, tramite procedura informatica, del nominativo del componente dell’organo di revisione economico-finanziaria del Comune di Busana.

La presente pubblicazione ha effetto di pubblicità legale ai sensi dell’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Si rende noto che il 5 novembre 2014, si procederà alle ore 11.30, presso questa Prefettura, al II piano, stanza 49, alla estrazione a sorte, in seduta pubblica, tramite procedura informatica, del nominativo del componente dell’organo di revisione economico-finanziaria dell’Unione dei Comuni dell’Alto Appennino Reggiano.

La presente pubblicazione ha effetto di pubblicità legale ai sensi dell’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69.

Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

DAL 18 OTTOBRE 2014 IL SITO INTERNET WWW.DISCOBULL.IT, PREVISTO DAL PROGETTO “ABBANDONO SCOLASTICO E BULLISMO: QUALI RISCHI TRA I GIOVANI?”, ASSUMERA’ LA NUOVA DENOMINAZIONE: WWW.DISCOBULL.DCL.INTERNO.IT E POTRA’ ESSERE CONSULTABILE ATTRAVERSO IL SITO ISTITUZIONALE DEL MINISTERO DELL’INTERNO WWW.INTERNO.IT

Il sito internet www.discobull.it è stato realizzato nell’ambito del progetto “Abbandono scolastico e bullismo: quali rischi tra i giovani?”, iniziato il 1° aprile 2011 e conclusosi il 31 marzo 2013, promosso dal Ministero dell’Interno in seguito alla stipulazione di apposito Protocollo di intesa con il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca e realizzato dal RTI con impresa mandataria la Fondazione Censis di Roma. Il progetto rientrava nel PON “Sicurezza per lo sviluppo” Obiettivo convergenza 2007-2013, Obiettivo Operativo 2.6. “Contenere gli effetti delle manifestazioni di devianza”, il

Finalità del progetto è stata l’attuazione di azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni della dispersione scolastica e del bullismo, attraverso la creazione di due Centri di ascolto e di recupero scolastico presso nove Istituti scolastici individuati dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca.

I due Centri, che sono rimasti a disposizione degli Istituti scolastici coinvolti per la durata i cinque anni dal completamento del progetto, hanno comportato la realizzazione di “buone prassi” esportabili anche in altre realtà territoriali, che hanno rappresentato uno strumento di intervento efficace ed innovativo per contrastare i fenomeni in oggetto.

 
Pubblicato il :

 RIUNIONE IN PREFETTURA - EMERGENZE - SISTEMI ALTERNATIVI DI COMUNICAZIONE IN CASO BLACK OUT TELEFONICO

SI E’ TENUTA IN DATA 23 OTTOBRE 2014  PRESSO IL PALAZZO DEL GOVERNO, CONVOCATA DAL VICE PREFETTO VICARIO REGGENTE, DOTT.SSA ADRIANA COGODE , UNA RIUNIONE PER FARE IL PUNTO DELLA SITUAZIONE  SULLA EFFICIENZA DEI SISTEMI DI COMUNICAZIONE DI EMERGENZA DELLA PROTEZIONE CIVILE, ANCHE ALLA LUCE DEL RECENTE EVENTO ALLUVIONALE OCCORSO IL 13 OTTOBRE SCORSO IN PROVINCIA DI PARMA, CHE HA PROVOCATO L’ALLAGAMENTO DELLA CENTRALE OPERATIVA TELECOM DI PARMA, CON CONSEGUENTE “BLACK OUT” TEMPORANEO DELLA TELEFONIA MOBILE, CON RIPERCUSSIONI ANCHE SU QUESTA PROVINCIA. 

 AL TAVOLO DI LAVORO ERANO PRESENTI IL VICE SINDACO DI REGGIO EMILIA MATTEO SASSI, ACCOMPAGNATO DAL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE, DOTT. ANTONIO RUSSO, IL QUESTORE DOTT.SSA ISABELLA FUSIELLO, IL COMANDANTE PROVINCIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA COL. IPPAZIO BLEVE, IL COMANDANTE PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO ING. SALVATORE DEMMA, IL CAPITANO ALBERTO IBATTICI PER IL COMANDO PROVINCIALE DEI CARABINIERI, IL COMMISSARIO GIULIANO SAVELLI PER IL COMANDO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DELL STATO, LA RESPONSABILE DELLA  PROTEZIONE CIVILE PROVINCIALE, DOTT,SSA MANENTI, IL PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANA DI REGGIO EMILIA, MAURO COCCONCELLI, ACCOMPAGNATO DAL RESPONSABILE A.R.I. PER LE COMUNICAZIONI, CLAUDIO MAGNANI.

 PER LA TELECOM HANNO PARTECIPATO ALLA RIUNIONE IL DOTT. MASSIMILIANO DOTTI, RESPONSABILE TELECOM AREA EMILIA OVEST, IL DOTT. ANDREA VOLTOLINA, RESPONSABILE MAINTENANCE AREA NORD EST TELECOM, IL DOTT. PAOLO ANELLI E IL DOTT. DAVIDE BONORA DELLA SECURITY AREA NORD TELECOM.

 OBIETTIVO FODAMENTALE DELLA RIUNIONE, COME SOTTOLIEATO DALLA DOTT.SSA ADRIANA COGODE, INDIVIDUARE FATTIVE SOLUZIONI CHE TENENDO CONTO DELLA EVENTUALITA’ CHE POSSANO VERIFICARSI ULTERIORI EVENTI ECCEZIONALI,  CONSENTANO DI FRONTEGGIARE NELLA IMMEDIATEZZA DELL’EMERGENZA OGNI NECESSARIO INTERVENTO URGENTE DI PROTEZIONE CIVILE.

 PUR PRENDENDO ATTO CHE IN QUESTA PROVINCIA L’EVENTO NON HA FATTO REGISTRARE GRAVI CONSEGUENZE, TUTTI I PRESENTI HANNO CONDIVISO LA NECESSITA’  DI MANTENERE ALTA LA SOGLIA DI ATTENZIONE SULL’EFFICIENZA DEL SISTEMA DELLE COMUNICAZIONI DI EMERGENZA, QUALE SEGMENTO FONDAMENTALE DELLA COMPLESSA MACCHINA DEL SISTEMA OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SOCCORSI. 

 SI RIPETERANNO PERTANTO OPPORTUNE VERIFICHE VOLTE AD ACCERTARE IL FUNZIONAMENTO DELLE APPARECCHIATURE RADIO CHE NEI VARI AMBITI DELLE FORZE DELL’ORDINE, DEI VIGILI DEL FUOCO E DEL VOLONTARIATO, INSIEME ALL’ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANA, GARANTISCE ED ASSICURA LA COPERTURA DI UNA RETE SU TUTTO IL TERRITORIO PROVINCIALE ATTRAVERSO LA QUALE CONFLUISCONO LE INFORMAZIONI PRESSO LA SALA OPERATIVA DI PROTEZIONE CIVILE. 

ALTRO PUNTO ESSENZIALE TRATTATO IN RIUNIONE: GLI SCENARI DI RISCHIO E LA CONDIVISA NECESSITA’ DI OPERARE UNO SCAMBIO INFORMATIVO CON LE SOCIETA’ TELEFONICHE AFFINCHE’ POSSANO VALUTARE, ANCHE  ALLA LUCE DEI PIANI DI PREVISIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, EVENTUALI ITNERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E DI FUNZIONALITA’ DEI PROPRI IMPIANTI. A TALE SCOPO SI TERRANNO APPOSITI INCONTRI OPERATIVI PER UN PIU’ DIRETTO COINVOLGIMENTO NELLA PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DELLE STESSE SOCIETA’ E DELLE MISURE DA ATTIVARE IN EMERGENZA.
 
foto   foto
 
  foto
 
Pubblicato il :

 AVVIO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUL TEMA DELLE TRUFFE NEI CONFRONTI DEGLI ANZIANI

Il giorno 21 ottobre 2014 si è tenuta presso il Palazzo del Governo, convocata dal Viceprefetto Vicario Reggente dott.ssa Adriana Cogode, una riunione cui sono stati invitati i rappresentanti del Comune Capoluogo e delle Forze di polizia unitamente ad esponenti della LAPAM Confartigianato Imprese di Modena e Reggio Emilia, articolazione territoriale dell’ANAP (Associazione Nazionale Anziani e Pensionati) Confartigianato, al fine di discutere della possibilità di promuovere in sede territoriale iniziative di sensibilizzazione sul tema delle truffe nei confronti degli anziani, in linea con l’analoga iniziativa nazionale dal titolo “Campagna sicurezza per gli anziani”, promossa dall’ANAP in collaborazione con il Ministero dell’Interno, la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di finanza.

Nel corso dell’incontro si è ritenuta di estrema importanza l’attività di sensibilizzazione e prevenzione in questo settore in materia allo scopo, decidendo di realizzare un percorso condiviso e congiunto, ciascuno per le proprie competenze e attitudini, che possa valere da effettivo ed efficace supporto alle attività, già massimamente attenzionate dalle predette Istituzioni, di tutela e salvaguardia della categoria degli anziani e dei pensionati dal rischio di truffe e raggiri a loro danno.

Si è altresì deciso che la campagna di sensibilizzazione in oggetto si concluderà con la realizzazione di un prodotto finale, costituito da testimonianze dirette, video e materiale cartaceo che verrà ufficialmente presentato e distribuito in occasione di un evento congressuale la cui data è ancora da concordarsi, al quale sarà dato spazio alla più ampia e diffusa partecipazione degli appartenenti alla categoria di riferimento.

 

 
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Elezioni regionali del 23 novembre 2014. - Verbale di accordo sulle modalità relative allo svolgimento della propaganda elettorale nella provincia di Reggio Emilia.
 
Si rende noto che nella giornata odierna in Prefettura, in un incontro presieduto dal Viceprefetto dott. Giorgio Orrù - Dirigente dell’Ufficio Elettorale Provinciale della Prefettura, al quale hanno preso parte i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, del comune di Reggio Emilia e dei partiti e dei movimenti politici della provincia, è stato sottoscritto un accordo sulle modalità relative allo svolgimento della propaganda elettorale nella provincia di Reggio Emilia in occasione delle elezioni regionali del 23 novembre 2014.

Le intese raggiunte costituiscono norme di autoregolamentazione per il buon andamento della propaganda elettorale connessa al voto del 23 novembre 2014,  volte a preservare e a consolidare l’immagine di maturità politica tradizionalmente acquisita nel corso di tanti anni di vita democratica dalla città di Reggio Emilia e dalla intera provincia.

L’ accordo è disponibile sul sito della Prefettura di Reggio Emilia all’indirizzo www.prefettura.it/reggioemilia.
Pubblicato il :

 Presidente della Provincia - visita al Vice Prefetto Vicario Reggente

Il neo Presidente della Provincia di Reggio Emilia Dott. Gianmaria Manghi ha incontrato nel pomeriggio odierno, nella sede del Palazzo del Governo, il Vice Prefetto Vicario Reggente Dr.ssa Adriana Cogode.
 
Nel corso dell'incontro, attraverso uno scambio sulle tematiche di particolare rilievo che interessano il territorio della Provincia di Reggio Emilia, i due Rappresentanti Istituzionali si sono soffermati in particolare sulle problematiche di interesse comune quali la protezione civile, la gestione delle emergenze, la sicurezza e la legalità, riproponendosi anche di avviare, nel solco della tradizionale cooperazione istituzionale, iniziative anche di tipo informativo-formativo volte a sensibilizzare soprattutto la platea studentesca sulla cultura del senso civico e  della sicurezza.
 
Piena condivisione pertanto sulla importanza strategica di operare in stretta sinergia per garantire, nell'interesse dei cittadini, la operatività e l'efficienza della pubblica Amministrazione statale e locale.
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA - Agevolazioni per i viaggi aerei, ferroviari, via mare ed autostradali.

Si comunica che sono state previste da parte degli Enti e delle Società competenti, agevolazioni per i viaggi aerei, ferroviari, via mare ed autostradali a favore degli elettori che si recheranno a votare nel proprio comune di iscrizione elettorale per la elezioni comunali nelle Regioni a statuto ordinario di domenica 26 ottobre 2014 e nella Regione Siciliana di domenica 16 e lunedì 17 novembre 2014 per le elezioni comunali di domenica 16 novembre 2014 nella Regione Trentino-Alto Adige e per le elezioni regionali di domenica 23 novembre 2014 nelle Regioni Emilia-Romagna e Calabria.

Fermo restando che più dettagliate notizie in merito sono rinvenibili sul sito di questa Prefettura nella sezione “Elezioni Regionali” all’indirizzo www.prefettura.it/reggioemilia, ulteriori informazioni sulle modalità di fruizione delle agevolazioni potranno essere chieste direttamente agli Enti interessati.
Pubblicato il :

 Comunicato – Pericolosità e rischio di alluvioni nel bacino padano (Direttiva 2007/60/CE)

Si comunica che è stata disposta la pubblicazione, sul sito web dell’Autorità di bacino del fiume Po (http://www.pianoalluvioni.adpo.it/) e sul sito web di questa Prefettura ( http://www.prefettura.it/reggioemilia/ ) nella sezione “Protezione Civile”, delle Mappe della pericolosità e del rischio di alluvioni del Distretto idrografico Padano e di uno Schema di Progetto di gestione del Rischio Alluvioni.
Pubblicato il :

 SOTTOSCRITTO IN PREFETTURA PROTOCOLLO DI INTESA CON IL COMUNE DI CASTELNOVO NE' MONTI

 E’ stato sottoscritto questa mattina nella sede del Palazzo del Governo  dal Vice Prefetto Vicario Reggente di Reggio Emilia Adriana Cogode e dal Sindaco di Castelnovo né Monti Enrico Bini,    il Protocollo di intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore degli appalti e concessione dei lavori pubblici, tra la stessa Prefettura ed il Comune di Castelnovo ne’ Monti. Presenti all’iniziativa il Questore  Isabella Fusiello, il Col. Paolo Zito, Comandante provinciale dei Carabinieri ed il Col. Ippazio Bleve, Comandante provinciale della Guardia di Finanza. Il protocollo ha l’obiettivo “di assicurare, pur nel rispetto del principio della libertà di mercato, la realizzazione del preminente interesse pubblico alla legalità ed alla trasparenza nel settore degli appalti, esercitando appieno i poteri di monitoraggio e vigilanza attribuiti dalle leggi vigenti anche ai fini di prevenzione, controllo e contrasto dei tentativi di infiltrazione mafiosa e di verifica della sicurezza e regolarità dei cantieri”. Il documento prende atto della presenza ormai ramificata della criminalità organizzata in territori, come l’Emilia Romagna, in passato estranei a questi fenomeni, ed in pratica rappresenta il reinserimento nell’ambito di controlli approfonditi alcune operazioni che le norme di semplificazione amministrativa negli ultimi anni avevano escluso dalle verifiche antimafia: si tratta dei contratti inferiori alla soglia comunitaria, relativi a lavori, servizi e forniture. La sottoscrizione del protocollo, che fa seguito agli ulteriori 36 già siglati con altri comuni ed enti della provincia, va nella direzione delle disposizioni  adottate dal Ministero dell’Interno nel 2010, che indicava proprio questo tipo di strumento per estendere i controlli e le informazioni antimafia. Rispetto agli altri atti siglati in passato, l’attuale protocollo recepisce una ulteriore direttiva ministeriale dello scorso luglio con la quale lo stesso Ministero  sottolineava l’opportunità di estendere in via convenzionale il controllo preventivo antimafia anche ai contratti di affidamento per opere di urbanizzazione primaria e secondaria legati ai piani di iniziativa privata nell’ambito dei “Piani strutturali comunali”. Una novità quindi che renderà ancor più stringenti ed efficaci i controlli, nell’ottica di favorire la massima cautela e prevenzione antimafia nell’azione amministrativa degli enti locali.
Si tratta in particolare  delle cc.dd. convenzioni di lottizzazione (tra cui rientra il Piano di Edilizia Convenzionata-P.E.C.) mediante le quali i soggetti privati cedono al Comune le aree del territorio da destinare ad uso pubblico dopo avervi realizzato – a proprie spese – le opere di urbanizzazione primaria e secondaria ed il valore delle quali viene defalcato dagli oneri che i medesimi soggetti privati sono tenuti a corrispondere al Comune per il rilascio dei permessi di costruire (c.d. “opere a scomputo”). Quanto sopra anche nelle ipotesi che i predetti interventi di urbanizzazione siano affidati per l’esecuzione a soggetti non coincidenti con i sottoscrittori della convenzione di lottizzazione stipulata con il Comune.
Il protocollo estende inoltre i controlli all’intera filiera degli esecutori e dei fornitori, ed agli appalti cosiddetti “sottosoglia”. Nel dettaglio il Comune di Castelnovo si impegna a richiedere alla Prefettura le informazioni antimafia per gli appalti e le concessioni di lavori pubblici di importo superiore a 250 mila euro, per i contratti di forniture e servizi superiori a 50 mila euro, e per i subcontratti di lavori, forniture e servizi dello stesso importo, e in ogni caso, indipendentemente dal valore, nei confronti dei soggetti ai quali vengono affidate forniture di servizi “sensibili”, quali trasporto di materiali a discarica, trasporto e smaltimento rifiuti, fornitura o trasporto di terra ed inerti, acquisizioni dirette o indirette di materiale da cave, fornitura o trasporto di calcestruzzo, di bitume ed altri. Il Comune inoltre, anche prima delle gare di appalto acquisirà tutti i dati delle imprese chiamate in gara. Il documento è comunque piuttosto ampio ed articolato, e prende in esame una serie ampia di prescrizioni che offrono importanti garanzie rispetto all’assegnazione dei lavori. “Il protocollo –ha concluso il Vice Prefetto Reggente - richiederà una azione di ulteriori più estesi controlli da parte del Comune sui propri atti amministrativi interni, e da parte della Prefettura, cui verranno trasmesse le necessarie informazioni. Significativo l’impegno istruttorio quindi per la stessa Prefettura ed anche per le Forze dell’Ordine, Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, a cui sono demandati gli accertamenti antimafia con l’attivazione del Gruppo interforze composto dalle stesse Forze dell’ordine ed a cui si aggiungono  i rappresentanti della Direzione investigativa Antimafia e del Gruppo interforze presso la direzione centrale della Polizia Criminale del Ministero dell’Interno.  Profonda soddisfazione per la sottoscrizione del protocollo è stata espressa dal Sindaco Enrico Bini: “Voglio davvero ringraziare la Prefettura per l’ottima collaborazione: questo documento era un obiettivo che abbiamo fortemente perseguito fin dal primo giorno di insediamento dell’Amministrazione: ora ci impegneremo quotidianamente per la sua piena attuazione, e per tenerlo costantemente efficiente ed attuale”. Nell’ambito dell’incontro, al quale per il Comune di Castelnovo hanno partecipato anche l’Assessore al Bilancio Silvio Bertucci, il Segretario comunale Matteo Marziliano ed il Comandante della Polizia Municipale Sauro Fontanesi, sono state anche poste le basi per organizzare a breve termine un incontro pubblico in Appennino sui temi della legalità e della sicurezza, per illustrare il protocollo, ma anche per dare seguito e continuità ai temi posti nell’incontro svolto a Reggio lo scorso 30 settembre del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, nell’intento di esprimere la vicinanza delle istituzioni alla popolazione della montagna sul tema della sicurezza e della prevenzione dai fenomeni di  microcriminalità e dei furti nelle abitazioni e negli esercizi commerciali

Reggio Emilia 13 ottobre 2014
 
 
 
 
 
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA - Elezioni regionali in Emilia-Romagna ed in Calabria del 23 novembre 2014

Si rende noto che dalla data di convocazione dei comizi elettorali, indetti con decreti dei competenti organi di ciascuna regione, rispettivamente, in data 24 settembre per l'Emilia-Romagna e in data 15 settembre 2014 per la Calabria, e fino alla conclusione delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni, ai sensi dell'articolo 9, comma 1, della legge 22 febbraio 2000, n. 28.

Si precisa che l'espressione "pubbliche amministrazioni" deve essere intesa in senso istituzionale riguardando gli organi che rappresentano le singole amministrazioni e non con riferimento ai singoli soggetti titolari di cariche pubbliche, i quali, se candidati, possono compiere, da cittadini, attività di propaganda al di fuori dell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, sempre che, a tal fine, non vengano utilizzati mezzi, risorse, personale e strutture assegnati alle pubbliche amministrazioni per lo svolgimento delle proprie competenze.

Per quanto riguarda l'ambito oggettivo del divieto si ritiene che esso trovi applicazione per tutte le forme di comunicazione e non solo per quelle realizzate attraverso i mezzi radiotelevisivi e la stampa.

In   tale   contesto   normativo   sono   certamente   consentite   le   forme   di pubblicizzazione necessarie per l'efficacia giuridica degli atti amministrativi.
Pubblicato il :

 Comunicato - E’ stata consegnata la nuova Stazione dei Carabinieri di Casalgrande

Nella giornata di ieri 9 ottobre i Carabinieri di Casalgrande si sono definitivamente insediati nella nuova caserma sita nella Via Marx, dopo la consegna ufficiale della nuova Stazione dei Carabinieri avvenuta in data 2 ottobre 2014 alla presenza dei Funzionari delegati della Prefettura, dell’Arma dei Carabinieri, e del Comune di Casalgrande.

La realizzazione e la effettiva operatività della nuova Stazione dei Carabinieri, finanziata grazie ad un ingente investimento del Comune di Casalgrande, hanno richiesto un complesso iter amministrativo e si sono rese possibili grazie alla efficace sinergia tra Comune, Prefettura e Comando Provinciale dei Carabinieri, che hanno collaborato per il comune obiettivo di dotare l’Arma dei Carabinieri di una sede adeguata alle emergenze che il territorio richiede.

La nuova caserma, che si sviluppa su circa 500 metri quadrati di ampiezza, è fornita di pannelli fotovoltaici e solari ed è dotata di tutte le caratteristiche logistiche, funzionali e tecnologiche che si rendono necessarie per garantire una maggiore sicurezza e funzionalità all’attività dell’Arma, oltre a consentire, nel rispetto della normativa vigente, la riduzione dei consumi energetici e dei costi di gestione.
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Si rende noto che il 10 ottobre 2014, si procederà alle ore 10.00, presso questa Prefettura, al II piano, stanza 49, alla estrazione a sorte, in seduta pubblica, tramite procedura informatica, del nominativo del componente dell’organo di revisione economico-finanziaria dell’Unione “Val d’Enza”.

La presente pubblicazione ha effetto di pubblicità legale ai sensi dell’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69.
Pubblicato il :

 OPERAZIONE UMANITARIA MARE NOSTRUM

Nell’ambito dell’emergenza “Mare Nostrum” continua l’attività di coordinamento e di gestione diretta ad assicurare l’accoglienza dei migranti che numerosi continuano a sbarcare sulle coste siciliane.

Presieduto dal Viceprefetto Vicario Reggente Dr.ssa Adriana Cogode si è infatti tenuto in  Prefettura, in data  2 ottobre 2014, un ulteriore tavolo interistituzionale cui hanno partecipato il  Questore di Reggio Emilia, Dr.ssa Isabella Fusiello, il Sindaco del Comune di Reggio Emilia,  i Sindaci dei Comuni di Bibbiano e di Gattatico, ed i rappresentanti dei  Sindaci dei Comuni di  Bagnolo in Piano, di Cadelbosco di Sopra , di Castelnovo di Sotto,  di Correggio,  di Rubiera  e di S. Polo d’Enza ed il  rappresentante dell’Azienda USL di Reggio Emilia.

Erano altresì presenti  i responsabili della Cooperativa Dimora d’Abramo,  gestore  del servizio di accoglienza in seguito alla sottoscrizione di  apposita convenzione,  avvenuta alla conclusione delle relative  procedure concorsuali poste in atto da questa Prefettura in ottemperanza a direttive ministeriali.

L’emergenza,  gestita a livello nazionale dal Ministero dell’Interno, prevede lo smistamento nei  centri a livello regionale da dove, in seguito alla prima accoglienza gli extracomunitari vengono trasferiti nelle province secondo un apposito piano di riparto che assegna le quote ai vari territori.

Nel caso della provincia di Reggio Emilia la quota a suo tempo assegnata pari a circa 200 unità è stata recentemente aumentata a 300 unità.

La riunione è stata dedicata alla programmazione di ulteriori iniziative ed interventi in relazione all’attesa nuova affluenza di migranti in ambito provinciale.

Gli arrivi in questo territorio  si sono susseguiti sin dal mese di marzo del corrente anno. Quasi tutte le  persone accolte sino ad ora sono alloggiate in alberghi,   strutture  di accoglienza o appartamenti  siti prevalentemente nel territorio del Comune Capoluogo.

 Proprio nella notte tra sabato e domenica (4 e 5 ottobre) a seguito dello sbarco a Reggio Calabria di 1786 persone e la necessità di una immediata sistemazione sono stati direttamente trasferiti in Emilia Romagna 233 migranti dei quali 17 in questa provincia. 

 
Alle attività, coordinate dalla Prefettura in raccordo con la Prefettura di Bologna ed il Ministero dell’Interno, partecipano: la Questura di Reggio Emilia per le attività di identificazione dei migranti, coadiuvata, nella fase dell’accompagnamento,  dalla Croce Rossa Italiana e dalla Croce Verde;  l’Azienda USL per la profilassi sanitaria ed il gestore per la conseguente  accoglienza e sistemazione dei profughi.

Con i nuovi arrivi i migranti attualmente ospitati in provincia sono 229.
Pubblicato il :

 COMUNICATO STAMPA

Si rende noto chein data 29/09/2014, nel Burert (Bollettino Ufficiale Regione Emilia-Romagna) n. 291 (parte prima) sono stati pubblicati il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 180 del 24 settembre 2014 relativo alla convocazione dei comizi elettorali, ed il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 181 del 24 settembre 2014,  relativo alla ripartizione dei seggi tra le Circoscrizioni elettorali.
I testi completi dei decreti sono pubblicati sul sito internet di questa Prefettura e sul sito internet della Regione Emilia-Romagna.
Pubblicato il :

 RIUNITO IN PREFETTURA IL COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

                                               30 settembre 2014  
RIUNITO IN PREFETTURA IL COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL FENOMENO DELLO SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E DEI FENOMENI DI BULLISMO NELL’AMBITO SCOLASTICO .

In coerenza con analogo indirizzo del  Ministro dell'Interno sulla opportunità di programmare idonee iniziative volte  ad avviare in occasione dell'inizio dell'anno scolastico una rinnovata azione di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti ed al fenomeno del bullismo si è tenuta in data odierna una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduta dal Viceprefetto vicario reggente dott.ssa Adriana Cogode con la partecipazione del Sindaco di Reggio Emilia dott. Luca Vecchi, dell’Assessore provinciale alla scuola dott.ssa Ilenia Malavasi, del Questore dott.ssa Isabella Fusiello, del Comandante provinciale dei Carabinieri col. Paolo Zito, del Comandante provinciale della Guardia di Finanza col. Ippazio Bleve, del dott.     Giuliano Savelli del comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato nonché della dott.ssa     Silvia Menabue, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Reggio Emilia e Modena e del  dott.       Fausto Nicolini Direttore generale dell’A.USL di Reggio Emilia insieme ad alcuni suoi collaboratori. Per il Comune hanno altresì partecipato alla riunione il Comandante del Corpo di polizia Municipale dott. Antonio Russo e l’Assessore alla sicurezza dott.ssa Natalia Maramotti. 

Nel corso dell’incontro, nel prendere atto della ormai consolidata attenzione in questo territorio dei fenomeni che possano essere sintomo di disagio giovanile e del fattivo contributo da parte di tutti i soggetti istituzionali preposti in collaborazione con le istituzioni scolastiche a contribuire alla formazione civica e ad un corretto stile di vita dei giovani, nonché di una situazione generale che non desta particolari preoccupazioni o allarmi, è stata sottolineata l’esigenza di imprimere comunque maggiore impulso ad azioni costruttive ed efficaci che consentano di mettere a fuoco eventuali criticità per le conseguenti azioni di prevenzione e contrasto. 

Il Comune di Reggio Emilia da tempo ha messo in campo una serie di progetti e di attività che hanno consentito di svolgere una proficua opera di prevenzione, investendo sulla qualità della vita dei ragazzi attraverso opportunità ed iniziative dirette a favorire la socializzazione, lo sport, il rispetto delle regole.  

Altrettanto dicasi per il settore socio sanitario, impegnato da un lato attraverso le attività dei SERT in progetti di recupero e di prevenzione e dall’altro in varie iniziative di sensibilizzazione sul fenomeno della tossicodipendenza e sui danni alla salute. 

 Si è condiviso il ruolo di prima linea della scuola, snodo e  raccordo tra i ragazzi e le famiglie, evidenziandosi anche il qualificato impegno degli insegnanti ai quali viene affidato il delicato compito di monitorare e di percepire le avvisaglie di situazioni di rischio sia in relazione ad episodi di bullismo che riguardo all’uso di sostanze stupefacenti.

Ritenendosi pertanto necessario mettere  a sistema le iniziative di rilievo che riguardano i fenomeni di disagio giovanile e le possibili devianze, si è condivisa l’utilità di una adeguata sinergia, lavorando in rete per ottimizzare le conoscenze e pianificare interventi.

Si è preso atto della prossima attivazione del numero telefonico per le segnalazioni di spaccio e di bullismo via sms la cui utenza gratuita per gli utenti sarà attiva dal 15 ottobre prossimo. La linea  sarà attestata presso le centrali operative della Questura  che a sua volta terrà i collegamenti con il Comando provinciale dei Carabinieri secondo modalità attuative che saranno concordate in un prossimo incontro.

Con particolare riferimento al bullismo, si è sottolineato come i comportamenti violenti vengano diffusi anche tramite social network. Occorrerà quindi svolgere idonei progetti di sensibilizzazione nei confronti degli studenti sui rischi derivanti da un inappropriato utilizzo della rete e sugli eventuali profili di carattere penale anche attraverso il contributo di progetti formativi da parte delle Forze dell’Ordine. La stessa cosa dicasi per il mercato delle droghe, anche  sintetiche, che utilizza  internet, fenomeno sui cui anche con il contributo della Polizia postale saranno intensificati i controlli.  

 
E’ apparso quindi fondamentale il concorso di tutte le realtà interessate a favorire la prevenzione e la repressione dei fenomeni in argomento e la creazione di  una rete di sostegno e formazione per i cittadini e genitori che  aiuti ad intercettare i segnali precursori di situazioni di disagio giovanile. 

Sul delicato argomento il tavolo si riunirà periodicamente per l’aggiornamento del monitoraggio e l’attuazione dei progetti proposti dalle singole amministrazioni.
Pubblicato il :

 
Torna su