Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio nell'Emilia

NOTIZIE

 

 Sottoscritto Protocollo d'intesa per la prevenzione della criminalità in banca tra le Prefetture della Regione Emilia Romagna, l'Associazione Bancaria Italiana (ABI) e gli Istituti di Credito

Il 13 settembre u.s. i Prefetti della Regione Emilia Romagna, i Rappresentanti dell' Associazione Bancaria Italiana (ABI) e dei più importanti Istituti bancari presenti in regione hanno sottoscritto, presso la Prefettura di Bologna, il nuovo protocollo d'intesa per la prevenzione della criminalità in banca.

L'iniziativa, che fa seguito a quella sottoscritta il 16 giugno 2016, conferma il positivo contesto di collaborazione sviluppato tra le Prefetture, l'ABI, le Forze dell'Ordine e gli Istituti di Credito, per promuovere le attività di prevenzione e di contrasto delle rapine e dei furti ai danni delle sedi bancarie.

Tra le misure previste, viene favorito lo scambio di informazioni tra referenti degli Istituti di Credito e Forze di Polizia, vengono implementate le misure di sicurezza, anche in funzione della valutazione dei rischi riscontrati presso ogni singola sede, per corrispondere all'esigenza di proteggere le dipendenze bancarie, a tutela dei dipendenti e della clientela, consentendo l'operatività in condizioni ottimali.

In linea con l'accordo, la Prefettura di Reggio Emilia promuoverà Riunioni di Coordinamento delle Forze di Polizia o Comitati Provinciali per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per l'esame di problematiche inerenti la sicurezza bancaria, anche a seguito di particolari criticità segnalate dalle Forze di Polizia, dalle parti del protocollo o dalle Organizzazioni sindacali di categoria.

Le Prefetture si avvarranno dell'OSSIF, che è un centro di ricerca dell'ABI di supporto alle Banche nella scelta delle più efficaci strategie anticrimine, tramite il quale potranno acquisire - tra l'altro - l'elenco e la localizzazione delle telecamere di videosorveglianza poste a protezione delle agenzie.

Nella considerazione che l'azione della criminalità contro le sedi delle banche evolve grazie alla potenzialità delle nuove tecnologie, con attacchi multivettoriali in cui vengono usate congiuntamente tecniche di violazione fisica, informatica e di social engieering , il protocollo integra le tecniche di difesa tradizionali contro gli attacchi di tipo "fisico" con altre misure utili contro gli attacchi di tipo "informatico".

Il testo dell'accordo prevede che nelle Banche i sistemi di sicurezza a protezione degli apparati ATM siano portati da due a tre e che ciascuna sede debba dotarsi di almeno cinque misure di sicurezza, da prescegliersi, secondo esigenze locali, nell'ampio catalogo indicato dal protocollo.  

Reggio Emilia, 14 settembre 2018
Pubblicato il :

 comunicato stampa - Istituzione tavolo tecnico di coordinamento progetto "Scuole Sicure"

Oggetto: 12 settembre 2018 - Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza pubblica 1. "Scuole sicure"; 2. Occupazione arbitraria di immobili.
Con l'approssimarsi della ripresa dell'anno scolastico si è tenuta nella giornata odierna una riunione del Comitato provinciale dell'ordine e della sicurezza pubblica presieduta dal Prefetto di Reggio Emilia, Maria Forte, alla presenza dei Vertici provinciali delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco, del Presidente della Provincia e del Vice Sindaco, dell'Assessore al ramo e del Comandante della Polizia Municipale del Comune di Reggio Emilia, allargato al Dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale ed al Dirigente dell'Area Sociosanitaria della A.S.L., finalizzata a focalizzare l'attenzione su tutti quei fenomeni di devianza giovanile, quali il bullismo, il cyberbullismo e lo spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti. L'occasione si è offerta, come detto,  dalla prossima riapertura dell'anno scolastico e dalla richiesta del Ministro dell'Interno di procedere ad una rinnovata azione di prevenzione e contrasto di tali fenomeni attraverso azioni sinergiche e coordinate.

Il tavolo ha preso atto della situazione generale della provincia, nell'ambito della quale, pur non registrandosi un incremento in termini statistici dei fenomeni suddetti, si è ritenuto di dover assicurare la continuità dell'attività di contrasto da parte delle FF.PP. con il concorso anche della Polizia Locale, e per quanto riguarda la prevenzione ed il contrasto dello spaccio di stupefacenti, mediante l'intensificazione dell'azione di controllo delle aree circostanti gli istituti scolastici delle scuole superiori e medie inferiori.  L'azione di prevenzione e contrasto potrà, inoltre, svilupparsi attraverso l'utile contributo dei comuni mediante specifiche misure volte alla messa in sicurezza delle scuole e ove necessario attraverso adeguati interventi di riqualificazione delle aree limitrofe agli istituti scolastici, alla realizzazione di videosorveglianze ed al possibile ricorso al D.A.SPO. urbano.

Nell'ottica di continuare la collaborazione istituzionale su tutte le possibili forme di intervento e di sostegno alla famiglie ed al corpo docente, si è ritenuto necessario integrare l'azione di vigilanza con iniziative formative specifiche affidate a personale specializzato, mettendo a sistema le numerose iniziative già in atto, la cui pianificazione di dettaglio sarà avviata in tempi brevi presso la Prefettura di Reggio Emilia attraverso un tavolo tecnico di coordinamento di natura essenzialmente operativa.

Riguardo all'occupazione arbitraria di immobili, in considerazione delle recenti indicazioni diramate dal Ministero dell'Interno sul tema, nell'ottica del censimento delle situazioni irregolari e della realizzazione di una piattaforma orientata alla prevenzione del fenomeno, è stato svolto un focus sulla attuale situazione, che, allo stato, non presenta profili criticità. Sussistono specifici contesti presso il Comune capoluogo, relativamente ai quali l'Amministrazione comunale mantiene un costante monitoraggio. L'obiettivo condiviso dal tavolo è quello di sviluppare una linea di intervento congiunta e di avviare un percorso che conduca alla prevenzione del fenomeno ed alla tempestiva individuazione di situazioni illegali, incrementando così il senso di sicurezza e di legalità percepita dai cittadini.  

 

 

Reggio Emilia, 12 settembre 2018

L'Addetto stampa
Pubblicato il :

 
Torna su