Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 Messaggio del Prefetto per i danneggiamenti dei presepi

 
I recenti danneggiamenti di due presepi - uno dei simboli più amati della tradizione natalizia - nella Città di Reggio Calabria non possono e non devono essere derubricati a gesti di ordinaria follia.Sono fatti che impongono una profonda riflessione. 
L'asticella del controllo sociale e di quella rete che prima delle norme lega i comportamenti degli uomini al rispetto di ciò che è patrimonio comune deve essere molto alta. 
Ci si affida continuamente alle forze di polizia ed alla magistratura ed è un buon segnale, ma non è bastevole come dimostra questa duplice deprecabile ed insensata azione.
Non sfugge la poderosa attività dello Stato che quotidianamente scoperchia illegalità ed individua i suoi responsabili.
E anche per i presepi danneggiati, le forze di polizia non faranno mancare il loro indispensabile contributo perché lo Stato sia sempre più vicino ai cittadini.
È necessario uno straordinario impegno per innalzare sempre più quell'asticella, affrontando  con incisiva determinazione il crinale di stereotipati atteggiamenti capaci di incrinare la serena e civica convivenza.
Nessuno può chiamarsi fuori da questa sfida in cui la responsabilità collettiva ne costituisce un indefettibile riferimento.
Tutte le agenzie educative sono chiamate ad un ulteriore sforzo per pianificare percorsi culturali in grado di valorizzare il senso di appartenenza, il legame alla propria comunità, la riscoperta di una storia fascinosa e coinvolgente. 
Nel radicamento ben piantato alle proprie origini ed alle forze sane può essere individuato un aggiuntivo orizzonte che sia davvero energia dissuasiva di illegalità. 
Una realtà che accresce la valenza e l'attualità del controllo sociale per prevenire anche i gesti di ordinaria follia.
Michele di Bari,prefetto di Reggio Calabria
 
Pubblicato il :

 Incidente a Villa San Giovanni: un pullman di linea si ribalta sulla A2 Autostrada Mediterranea.

 
Nella mattinata odierna, un pullman di linea con a bordo 45 persone si è ribaltato sull'A2 Autostrada Mediterranea, nei pressi dello svincolo di Villa San Giovanni, direzione nord/sud.

Immediatamente soccorsi, i passeggeri sono stati trasportati nella locale struttura ospedaliera, ove è stato attivato un apposito piano di emergenza straordinario con messa a disposizione di posti supplementari.

Dai primi accertamenti sanitari è emerso che sono rimasti feriti dieci viaggiatori, di cui uno in modo grave.

Il Grande Ospedale Metropolitano sta provvedendo ad attivare una linea telefonica dedicata per garantire tempestive informazioni ai familiari.

Si è provveduto a far pervenire apposito mezzo per i viaggiatori che saranno dimessi.

Dopo la rimozione del veicolo incidentato, gli svincoli autostradali sono stati riaperti ed è stato ripristinato il traffico veicolare, che è ripreso con regolarità.

La Prefettura segue con attenzione l'evolversi della situazione.

Si fa riserva di ulteriori aggiornamenti.

 

Pubblicato il :

 Riunione straordinaria del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica: rafforzati i dispositivi di controllo del territorio.

 
Si è tenuta nel pomeriggio odierno, presso il Palazzo del Governo, una riunione straordinaria del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per un ulteriore approfondimento sullo stato dell'ordine e della sicurezza pubblica nel Capoluogo e nella provincia, anche in relazione ai recenti eventi criminosi verificatisi nel territorio metropolitano. Oggetto di disamina è stato altresì l'incidente occorso, oggi, sull'A2 Autostrada Mediterranea, presso lo svincolo di Villa San Giovanni, in cui è rimasto coinvolto un autobus di linea con a bordo 45 passeggeri.

All'incontro hanno partecipato oltre ai Rappresentanti provinciali delle Forze di Polizia e al Comandante della locale Sezione della Polizia Stradale, il Vice Sindaco del Comune di Reggio Calabria, il Procuratore della Repubblica Vicario presso il Tribunale di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia, Gaetano Paci, e il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, Ottavio Sferlazza.

Nel corso della seduta sono stati accuratamente analizzati, in particolare, il tentato omicidio di un cittadino di Caraffa del Bianco e il decesso di altro soggetto, per cause in corso di accertamento, all'interno della propria abitazione a Sant'Eufemia d'Aspromonte. Sono state esaminate, inoltre, le dinamiche criminali degli atti delittuosi perpetrati nei confronti di esercizi commerciali del territorio, della Villa comunale ad Anoia e di una struttura per il recupero e la cura delle tartarughe marine nel Comune di Brancaleone, nonché degli episodi incendiari compiuti in danno del presepe allestito all'interno di un Istituto scolastico a Caulonia e di quello nella piazza Municipio di Catona.

Al riguardo, allo scopo di assicurare la più incisiva ed efficace attività di vigilanza e di repressione, sono state disposte straordinarie misure di controllo e di pattugliamento del territorio e rafforzati i dispositivi per la tutela della sicurezza e dell'ordine pubblico.

Pubblicato il :

 Incidente a Villa San Giovanni: il Prefetto plaude all'efficienza dei soccorsi.

 
Si fa seguito alla notizia relativa all'incidente occorso questa mattina nei pressi dello svincolo dell'Autostrada A2 di Villa San Giovanni (RC).

L'attività dei soccorsi è stata coordinata dalla Prefettura di Reggio Calabria, che ha assicurato la propria presenza presso l'area di emergenza e ha mantenuto costanti contatti con l'unità di crisi, lavorando in sinergia con la Direzione Generale del Grande Ospedale Metropolitano.  

Grazie alla collaborazione con Telecom Italia Mobile è stata attivata, al     n. 0965/397323, una linea telefonica dedicata ai parenti dei feriti: sono circa una decina i passeggeri ricoverati, mentre i restanti viaggiatori, dimessi, hanno potuto proseguire il loro viaggio con mezzi appositamente predisposti.

Nell'occasione il Prefetto di Reggio Calabria Michele Di Bari ha constatato la professionalità del servizio offerto dal Direttore Generale del Grande Ospedale Metropolitano e dal personale medico ed infermieristico del Pronto Soccorso che, anche avvalendosi del volontario supporto di personale, in riposo e di altre Unità Operative Complesse, ha reso possibile l'allestimento di postazioni supplementari per assicurare la necessaria assistenza ai feriti, consentendo di gestire celermente ed efficacemente l'emergenza.     

Le dinamiche dell'incidente sono state analizzate nel corso del Comitato Provinciale di Ordine e Sicurezza Pubblica tenutosi questo pomeriggio, in via d'urgenza, in Prefettura, al quale hanno partecipato, oltre ai Rappresentanti provinciali delle Forze di Polizia e al Comandante della locale Sezione della Polizia Stradale, il Vice Sindaco del Comune di Reggio Calabria, il Procuratore della Repubblica Vicario presso il Tribunale di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia Gaetano Paci e il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palmi Ottavio Sferlazza.

 

Pubblicato il :

 Il corridoio umanitario passa anche da Reggio Calabria

 
Una bella storia che passa anche da Reggio Calabria, storia di accoglienza di migranti arrivati dalla Libia non su barconi di fortuna ma su un volo dell'Aeronautica Militare Italiana grazie al corridoio umanitario attivato dal Ministro dell'Interno Marco Minniti, d'intesa con la CEI: uomini, donne e bambini, ai quali è stato riconosciuto lo status di profughi, saranno ospitati presso centri SPRAR e Cas e in strutture messe a disposizione dalla Chiesa italiana e, fra queste, dalla Diocesi di Reggio Calabria.  
 
Ancora una volta gli abitanti di Reggio Calabria - che in questi anni hanno dimostrato calore e amore per il prossimo nell'accoglienza alle migliaia di migranti che sono giunti in questa provincia - fanno la loro parte ospitando-alcuni dei minori non accompagnati arrivati con il volo umanitario. 
 
Ancora una volta si mettono a disposizione dell'accoglienza risorse umane per compiere piccoli, importanti gesti umanitari. 
 
Gesti che il Prefetto di Reggio Calabria ha ribadito lo scorso 21 dicembre nel corso del rinnovato appuntamento dello scambio di auguri, voluto dallo stesso- di Bari, con il personale degli Enti e degli Uffici impegnati nelle operazioni di accoglienza dei migranti e i volontari delle Associazioni che offrono il loro prezioso contributo in tali circostanze, lavorando fianco a fianco con le Istituzioni. 
 
Il momento è stato organizzato presso la tenda sociale situata sulla banchina del porto di questo Capoluogo -luogo simbolo della incessante e efficace attività prestata dai presenti - ed è stato preceduto dalla Santa Messa officiata da S.E.R. Monsignor Fiorini Morosini, Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria-Bova, il quale ha ringraziato di Bari per la sensibilità dimostrata nel riunire tutte le componenti del sistema dell'accoglienza.
 
Il Prefetto ha rinnovato il plauso e l'apprezzamento per le capacità di soccorso e di accoglienza che puntualmente vengono dimostrate durante gli sbarchi nella nostra Città, sottolineando il senso del dovere, l'abnegazione e la profonda umanità di tutte le componenti del "sistema di soccorso".
 
"La "rete della solidarietà" di questo territorio è stata quel quid pluris che ha valorizzato il lavoro dello Stato, della Chiesa e delle Associazioni impegnate sul territorio per assicurare sostegno agli immigrati e per garantire loro un'adeguata dignità, non solo nell'immediatezza dello sbarco ma anche nei successivi periodi di permanenza su questo territorio.  
 
L'attività, prestata in silenzio, con grande professionalità e nello spirito evangelico dell'amore per il prossimo,merita il più sentito ringraziamento".
 
La condivisione del momento di gioia in occasione del Santo Natale è stata suggellata dall'imminente accoglienza dei profughi dalla Libia, a testimonianza della continua attività prestata dalle Istituzioni locali e dagli abitanti della Città metropolitana di Reggio Calabria.  
Pubblicato il :

 Centri dialisi nella Città metropolitana: nuovo incontro in Prefettura

 
Nella mattinata di ieri, convocata dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta, presso il Palazzo del Governo, una ulteriore riunione per la problematica relativa alla carenza di posti di dialisi nel territorio della Città metropolitana e in particolare nel Capoluogo. All'incontro hanno partecipato l'On.le Federica Dieni, il Sindaco del Capoluogo e della Città Metropolitana, il Direttore Generale del Grande Ospedale Metropolitano "Bianchi Melacrino Morelli", il Direttore generale dell'Azienda Sanitaria Provinciale, il Rappresentante del Dipartimento alla Salute della Regione Calabria e il Segretario regionale del Comitato ANED.

Dopo anni di disagi, disservizi operativi e costose migrazioni extraregionali, per gli utenti dializzati sembra finalmente profilarsi una definitiva soluzione, con la decisione di istituire un Centro di dialisi cittadino da realizzare, entro i prossimi 18 mesi, presso il Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli.

Nell'attesa che la nuova struttura sia operativa, è stato predisposto un piano capace di assicurare la necessaria assistenza a tutti i pazienti: il Direttore Generale della Azienda Ospedaliera ha comunicato infatti l'imminente attivazione di un terzo turno di servizio dialitico, reso possibile grazie al positivo esito degli incontri con il Commissario Regionale alla Salute, che entro la prima settimana di gennaio dovrebbe firmare il decreto per l'assunzione di nuovo personale ospedaliero.

Nello stesso senso, ulteriori impegni sono stati assunti dalla Direzione Generale dell'Azienda Sanitaria Provinciale, che ha previsto l'attivazione, rispettivamente entro i mesi di maggio e novembre prossimi, di tre nuovi "posti rene" presso la Struttura Ospedaliera di Melito Porto Salvo e di ulteriori cinque presso la Casa della Salute di Scilla.

In tal modo gli utenti dializzati potranno, in tempi rapidi, beneficiare di un sensibile miglioramento dei servizi sanitari loro dedicati, evitando di dover affrontare difficoltose trasferte fuori sede.

Il Rappresentante del Dipartimento della Salute della Regione Calabria, inoltre, ha comunicato che la rete dialitica sarà oggetto di revisione, sia ai fini del potenziamento dei c.d. "posti rene", sia ai fini di un efficientamento dei servizi di trasporto dei pazienti.

Si è infine convenuto che, nell'attesa che il Centro di dialisi cittadino sia operativo, il Tavolo istituzionale resti attivo per assicurare il rispetto degli impegni assunti, conducendo periodiche verifiche finalizzate a garantire l'erogazione delle necessarie prestazioni salvavita.

Il Tavolo è stato quindi aggiornato alla prossima metà di gennaio.

Pubblicato il :

 Messaggio del Prefetto Michele di Bari

 
Natale 2017

Capodanno 2018

 

Nel segno della comune appartenenza, i credenti e i non credenti si ritrovano per vivere l'importante festività del Natale.

Una ricorrenza mai identica perché condizionata dalla situazione economica e sociale e dal contesto spesso mutevole e cangiante .

Bisogna quindi chiedersi se è in atto un processo capace di unire , di fortificare la speranza , di provocare uno spirito identitario.

Si tratta cioè di affrontare le innegabili sfide per indirizzare i giovani a restare nei luoghi di nascita, soprattutto nei tanti, meravigliosi borghi;  di costruire con i sani gesti della quotidianità un'onda di piena della legalità; di scuotere e sconfiggere con la forza della ragione la bieca violenza.

Il Natale è tempo non di consuntivi, pur importanti, ma di rilancio di ogni azione carica di aspettative per un futuro in cui si continui senza sosta  ad animare le vaste progettualità delle comunità .

È certamente l'ora della solidarietà e della responsabilità per essere attori e protagonisti di scelte che possano proficuamente incidere nei  rapporti e nelle relazioni sociali.

Allora la gioia di questo tempo sia caratterizzato dallo sforzo collettivo per superare le difficoltà ed il disagio ancora presenti.

Auguri. 

 

                                                                                         Michele di Bari

Pubblicato il :

 Un Concerto di Natale per la cittadinanza nella cornice della Cattedrale Santuario 'Maria Santissima Annunziata" a Oppido Mamertina (RC).

 
Un Concerto di Natale per la cittadinanza nella cornice della Cattedrale Santuario " Maria Santissima Annunziata" a Oppido Mamertina (RC). Il Prefetto Michele di Bari: le istituzioni compatte per valorizzare le bellezze e le potenzialità del territorio .
 
Sinergia, collaborazione e valorizzazione della bellezza: questo il contenuto del messaggio trasmesso in occasione del tradizionale scambio di auguri con le Autorità politiche, civili, militari e religiose della Città metropolitana.

La cornice della splendida Cattedrale di Maria Santissima Annunziata di Oppido Mamertina ha fatto da sfondo al Concerto di Natale, organizzato dalla Prefettura di Reggio Calabria insieme alla Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, con la collaborazione dell'Ente Parco Nazionale di Aspromonte, tenutosi ieri, con inizio alle ore 20.30.

L'evento, che ha visto protagonisti il Coro Polifonico " Maria Santissima Annunziata " diretto dal Maestro Domenica Verduci, accompagnato dall'Orchestra Giovanile della Calabria, diretta dal Maestro Ferruccio Messinese, si è sviluppato secondo un programma articolato in due parti: nella prima, l'Orchestra ha eseguito il Primo tempo della Sinfonia n. 25 di W. A. Mozart, la Sarabanda e l' Alla Hornpipe di G.F. Haendel e l' Ave Maria di Caccini, quest'ultima con l'esibizione del tenore solista; nella seconda, il Coro, accompagnato dall'Orchestra, ha eseguito, tra gli altri, il Canticorum Jubilo di G.F. Haendel, il Tollite Hostias di C. Saint-Saens, l' Ave Verum Corpus di W. A. Mozart, per concludere con l'esecuzione di alcuni tra i più celebri brani natalizi, quali Venite fedeli , Astro del ciel , In notte placida e Tu scendi dalle stelle .

Nei loro interventi il Prefetto Michele di Bari e S.E. Reverendissima Monsignor Francesco Milito hanno sottolineato che la presenza delle Istituzioni a Oppido, in un momento di festa, è testimonianza della volontà dello Stato di essere presente, forte e coeso, in un territorio martoriato dall'arroganza criminale, a favore del quale le Istituzioni lavorano in sinergia non solo nello svolgimento di attività di prevenzione e repressione del crimine, ma anche per la valorizzazione delle bellezze e delle potenzialità del territorio.

Grande soddisfazione è stata espressa per l'esecuzione dei coristi e dei giovani musicisti che, con il loro entusiasmo, hanno emozionato il pubblico, coinvolgendolo nell'atmosfera natalizia.
Pubblicato il :

 Quando le Istituzioni dialogano insieme...

 
Anche questo accade nella nostra realtà.

Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia, rischiano di perdere l'anno scolastico.

Le linee guida operative obbligano, infatti, all'adozione di rigide misure di sicurezza.

La segnalazione di un sacerdote, tuttavia, mette in movimento le istituzioni, che pongono in essere ogni tentativo volto a garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione.

Istituto scolastico reggino ed Ufficio Scolastico Provinciale, Servizio Centrale di Protezione del Ministero dell'Interno, Procura della Repubblica e Prefettura di Reggio Calabria dialogano fittamente per individuare le più idonee soluzioni.

Viene predisposto, con tutte le cautele del caso, un programma mirato di formazione, che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza, in sinergia tra Uffici scolastici, Prefettura, Servizio Centrale di Protezione - NOP, d'intesa con la locale Procura della Repubblica.

Si è trattato di un percorso innovativo, mai sperimentato prima, che ha consentito ai due giovani, affiancati con discrezione e professionalità dal Gruppo speciale del Servizio Protezione, di poter fruire di un modulo didattico "straordinario", conseguendo proficuamente il diploma.

Un esempio di "buone prassi" delle pubbliche amministrazioni, in favore di una famiglia a rischio, frutto di un proficuo, intelligente e responsabile dialogo istituzionale.
Pubblicato il :

 Brillante operazione delle Forze di Polizia in Taurianova.

 
Accurate indagini di polizia, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e sviluppate da Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, quest'ultima per gli aspetti di natura patrimoniale, si sono concluse con l'emissione di 4 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 48 persone ritenute responsabili di vari delitti e segnatamente di associazione mafiosa.

Tali provvedimenti cautelari, emessi dal GIP presso il Tribunale di Reggio Calabria, costituiscono l'esito di 5 segmenti investigativi, complementari e convergenti, sviluppati tra il 2012 ed il 2016 dalle citate Forze di Polizia e focalizzati sulle dinamiche criminali delle cosche di 'ndrangheta, "Zagari, Fazzalari e Viola", "Sposato e Tallarida" e, infine, "Maio e Cianci", attive nell'area tirrenica della provincia e in particolare nel territorio di Taurianova.

Tra gli arrestati anche l'ex Sindaco di quel Comune, Domenico Romeo, e un ex Assessore, Francesco Sposato.

Osservazioni ambientali, controlli e verifiche documentali, intuizioni, approfondimenti e scrupolose attività di riscontro ne hanno costellato lo svolgimento, attingendo al patrimonio di intelligenza operativa e competenza tecnica degli investigatori.

Gli esiti, al di là degli importanti aspetti di bonifica in un territorio vessato e oppresso dalla prevaricazione e dalla violenza, sono emblematici del modus operandi delle organizzazioni criminali, nonché di condotte criminali che fagocitano interi settori economici, spingendosi fino a infiltrare l'amministrazione comunale per attingere a impropri e illeciti benefici.

"Esprimo tutto il mio compiacimento alle Forze di Polizia ed alla Magistratura, dichiara il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, per la brillante operazione sfociata nell'arresto di pericolosi esponenti della criminalità organizzata della Piana di Gioia Tauro. Un plauso particolare esprimo al Procuratore della Repubblica Vicario, Gaetano Paci, ed al Sostituto Procuratore Giulia Pantano, per l'efficace opera di coordinamento. Il pensiero va anche agli uomini e alle donne in divisa, che hanno con senso del dovere e spirito di sacrificio speso le loro migliori energie, sotto la guida sapiente e magistrale del Questore di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, del Comandante Provinciale dei Carabinieri, Giuseppe Battaglia, e del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Flavio Urbani. I cittadini di quel comprensorio possono sentirsi rinfrancati dall'azione di uno Stato presente e attivo.".
Pubblicato il :

 Palazzo del Governo rinviato il Convegno 'La legalità come modello sociale di impresa alla luce della legge di riforma del Codice Antimafia"

 
Si informa che il convegno " La legalità come modello sociale di impresa alla luce della legge di riforma del Codice Antimafia ", fissato per la giornata di domani 12 dicembre presso il Palazzo del Governo è rinviato al prossimo mese di gennaio.

Un improvviso stato influenzale che ha colpito la Presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno delle mafie, on. Rosi Bindi, ne ha impedito la partecipazione.

La nuova data sarà resa nota appena possibile.

Pubblicato il :

 Rafforzamento misure di vigilanza al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

 
Il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ha presieduto nella mattinata di ieri una riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia nel corso della quale è stata disposta una intensificazione delle misure di vigilanza al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, in considerazione del maggior afflusso di visitatori che si potrà verificare in occasione delle prossime festività natalizie.

Come noto il Museo, che ospita i Bronzi di Riace, costituisce un'importante attrattiva del territorio e, settimanalmente, registra la presenza di migliaia di visitatori.

Alla riunione hanno partecipato il dott. Bernardo Petralia, Procuratore Generale della Corte di Appello, dott. Gaetano Paci, Procuratore Vicario della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, il dott. Raffaele Grassi, Questore, il col. Giuseppe Battaglia, Comandante provinciale dei Carabinieri, il col Flavio Urbani, Comandante provinciale della Guardia di Finanza e il dott. Carmelo Melacrino, Direttore del MArRC.

Pubblicato il :

 Firma della Convenzione di Tirocinio Curriculare tra la Prefettura di Reggio Calabria e l'Università degli Studi Mediterranea: 6 dicembre - Palazzo del Governo.

 
Il 6 dicembre prossimo, alle ore 10.00, presso il Palazzo del Governo, il Prefetto Michele di Bari e il Rettore dell'Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, Prof. Pasquale Catanoso, sottoscriveranno una Convenzione di tirocinio curriculare per lo svolgimento di tirocini di formazione e di orientamento, in Prefettura, in favore degli studenti dell'Ateneo reggino.

I percorsi formativi, previsti dalla legge n. 196 del 24 giugno 1997, sono finalizzati ad agevolare le scelte professionali dei giovani mediante l'approccio diretto al mondo del lavoro e a realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro.
Pubblicato il :

 ' La mia firma contro la 'ndrangheta" istituzione del 'Registro di cittadinanza consapevole"

 
La Prefettura di Reggio Calabria e la locale Procura della Repubblica comunicano che verrà istituito il "Registro di cittadinanza consapevole", sul quale i cittadini potranno apporre la loro firma a testimonianza del rifiuto di ogni logica e interesse 'ndranghetistico, in favore dello sviluppo sociale, economico e culturale di questo territorio.

Il Registro, che verrà tenuto presso questa Prefettura, sarà presentato il 5 dicembre prossimo, nel corso di una manifestazione, denominata " La mia firma contro la 'ndrangheta," che avrà inizio alle ore 9.30, al Teatro Cilea di questa Città, per poi proseguire nel Palazzo del Governo, dove i Rappresentanti delle Istituzioni deporranno, per primi, la firma, a suggello dell'impegno dello Stato contro ogni forma di condizionamento criminale e mafioso.

Pubblicato il :

 Il Comitato Operativo per la Viabilità (COV) ha verificato il 'Piano neve 2016-2017"

 
Nella mattinata odierna, convocato dal Prefetto Michele di Bari, si è riunito presso questo Palazzo del Governo il Comitato Operativo per la Viabilità (COV) per verificare il " Piano neve 2016-2017 " predisposto dall'ANAS relativo all'autostrada del Mediterraneo A2,  al fine di predisporre le attività necessarie a garantire una gestione coordinata di eventuali emergenze connesse a possibili fenomeni nevosi.

Alla riunione hanno partecipato i Rappresentati della Questura, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Metropolitana, dei Comuni di Reggio Calabria e Palmi, dell'Anas Autostrade e Viabilità, dell'Azienda Sanitaria Provinciale, del Grande Ospedale Metropolitano Bianchi Melacrino Morelli e del SUEM 118.

Nel corso dell'incontro sono state individuate le arterie stradali della provincia a rischio neve, in particolare la S.S. 682 e alcuni tratti dell'autostrada A3 da Bagnara a Sant'Elia e sono stati definiti gli interventi delle varie componenti del sistema in relazione alle soglie di allerta.

La Pianificazione è articolata in cinque fasi di emergenza: codice Zero , previsione di possibili nevicate; codice Verde , evento nevoso ormai imminente, interventi preventivi di salatura; codice Giallo nevicate in atto con intensità non critica e senza effetti sul deflusso del traffico (obbligo di catene a bordo); codice Rosso precipitazione nevosa intensa con primi segnali di innevamento della strada e possibili blocchi momentanei del traffico e, infine, codice Nero, precipitazione nevosa persistente che determina il blocco del traffico in una delle carreggiate nonostante le misure di prevenzione adottate.

Ad ogni codice (bianco, verde, giallo, rosso, nero) corrisponde una diversa tipologia di intervento: dagli automezzi spargisale per evitare il formarsi del ghiaccio sulla strada, all'obbligo di utilizzo di mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali, all'intervento degli spalaneve e all'eventuale coinvolgimento di forze esterne per il superamento delle fasi di emergenza.

Tute le componenti del sistema devono attuare, inoltre, le misure commisurate alla fase di emergenza da affrontare predisponendo i propri servizi in relazione alle direttive impartite.

Durante la riunione è stato sottolineato che obiettivo del piano è far funzionare l'attività di prevenzione e in tal senso è stata posta l'attenzione sulla centralità del ruolo dell'informazione in una duplice direzione: nei confronti dell'utenza e nei confronti di chi interviene per risolvere e arginare l'emergenza.

A tale riguardo, le comunicazioni tra i diversi soggetti coinvolti nella gestione dell'emergenza saranno garantite con modalità che consentono la tempestiva conoscenza e il costante monitoraggio del livello di rischio.

L'informazione all'utenza sarà assicurata da pannelli a messaggio variabile posizionati in autostrada, aggiornati in tempo reale sulle condizioni della viabilità, dal servizio web viabilità e traffico, dal portale televideo Rai e dai collegamenti in diretta con i notiziari Ondaverde nonché tramite le emittenti televisive e radiofoniche nazionali e locali.

Sotto altro profilo, quello di chi deve intervenire, è stato dato spazio a modalità concrete di comunicazione che favoriscano la tempestiva massima circolarità delle informazioni.

Il Piano neve è consultabile, ai fini di una più completa informazione, sul sito istituzionale di questa Prefettura (www.prefettura.it/rc).

Pubblicato il :

 
Torna su