Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 'Focus 'ndrangheta ... Piano d'azione nazionale e transnazionale": i risultati del mese di settembre 2016.

 
Continuano incessanti le attività di prevenzione e controllo in attuazione della Direttiva del Ministro dell'Interno del 23 aprile 2014 denominata Focus "ndrangheta, implementate in sede di Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica sulla base delle indicazioni del Prefetto di Reggio Calabria, dott. Michele di Bari.

Nel mese di settembre i servizi coordinati interforze si sono tradotti in questa provincia in 21.532 persone controllate, in 33 soggetti deferiti all'Autorità Giudiziaria,  in 13 soggetti arrestati in flagranza, in 16 sequestri penali, in 50 sequestri amministrativi, in 1 fermo di indiziato di delitto, in 275 sanzioni amministrative elevate, in 1.571 controlli domiciliari e in 183 perquisizioni sul posto.

Sul fronte della prevenzione e contrasto alle condotte di guida pericolose sono stati controllati 6.154 veicoli e contestate 4.555 violazioni al codice della strada.

Oltre ai controlli sui territori ad alta sensibilità criminale e nei confronti di soggetti a rischio, le pianificazioni hanno riguardato in particolare i settori del commercio e del gioco illegale, i fenomeni di abusivismo, le attività di estrazione e movimento terra, di rottamazione e di raccolta del ferro e del rame e, ancora, i settori ambientale ed ecologico, quello della forestazione e dei tagli dei boschi. Le occupazioni abusive di alloggi popolari, gli allacci abusivi alle reti idriche ed elettriche.

Hanno concorso ai servizi di vigilanza e controllo la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Strato, unità della Polizia Provinciale e della Direzione Provinciale del Lavoro per gli aspetti di competenza.

Altrettanto intensi nel mese in argomento i risultati conseguiti dalle Prefetture a livello regionale: 29.985 sono state le persone controllate, 194 i soggetti deferiti all'A.G. in stato di libertà, 46 i soggetti arrestati in flagranza di reato, 61 i sequestri penali, 117 quelli amministrativi, 4 i fermi indiziati di delitti 488 le sanzioni amministrative elevate 20.290 i veicoli controllati, 6.272 le violazioni al codice della strada,e, infine, 6.272 i controlli domiciliari e 759 le perquisizioni sul posto.

Si tratta, dunque, di un considerevole impegno, aggiuntivo rispetto alla complessa attività istituzionale ordinaria, che vede protagoniste le Prefetture della regione e le Forze di polizia, teso ad arginare e contrastare la 'ndrangheta in quella che appare essere la chiave di volta del suo potere illecito, ovvero il controllo criminale del territorio.

Dal 1° giugno 2014, giorno di avvio delle pianificazioni operative, nella provincia di Reggio Calabria, sono stati 640.491 le persone controllate, 4.372 i soggetti deferiti all'A.G., 910 gli arresti in flagranza, 1.148 i sequestri penali, 3.340 quelli amministrativi, ed ancora 830 i fermi indiziati di delitto, 4.489 le sanzioni amministrative, 415.445 i veicoli controllati, 98.954 le contestazioni elevate per violazioni del codice della strada, 127.990 i controlli domiciliari effettuati, 17.982, infine, le perquisizioni sul posto eseguite.

A livello regionale i risultati sono stati altrettanti significativi: 1.051.194 sono state le persone controllate a partire dal mese di giugno 2014, e sempre da quella data, 12.250 i soggetti deferiti all'A.G., 1.902 i soggetti tratti in arresto in flagranza di reato, 3.361 i sequestri penali, 5.099 i sequestri amministrativi, 1.078 i fermi indiziati di delitto, 11.909 le sanzioni amministrative elevate, 717.611 i veicoli controllati, 141.611 le contestate elevate per violazioni del codice della strada, 212.060 i controlli domiciliari effettuati, 31.259, infine, le perquisizioni sul posto.

Un bilancio di attività, dunque, rilevante, segno di uno Stato sempre più presente sul territorio, proiettato in un'azione di contrasto alla criminalità organizzata intensa e costante a servizio dell'ineludibile bene primario rappresentato dalla sicurezza dei cittadini.

Pubblicato il :

 Attivato Piano provinciale per la ricerca di persone scomparse

 
La Prefettura rende noto che nella giornata odierna è stato attivato il Piano provinciale per la ricerca di persone scomparse per la ricerca di una persona dispersa in montagna nel territorio di San Luca mentre era impegnato nella raccolta di funghi.

Pubblicato il :

 Riunione urgente per affrontare la problematica dell'accoglienza dei migranti

 
Nella mattinata di ieri, convocata urgentemente nel tardo pomeriggio di venerdì 28 ottobre dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta una riunione per la problematica relativa all'accoglienza dei numerosi migranti che giungono in questo territorio.

Alla riunione     erano presenti i Sindaci della provincia, il Presidente dell'Ente Parco dell'Aspromonte, i Rappresentanti, delle Caritas diocesane di Reggio Calabria -Bova e di Oppido Mamertina-Palmi, del Coordinamento diocesano, della Parrocchia di Sant'Agostino e dell'Associazione Casa Reghellin.

L'incontro si è reso necessario per fronteggiare il crescente numero di migranti assegnati a questa provincia in base alle quote regionali.

Questa Prefettura ha dovuto, infatti, in due giorni organizzare contemporaneamente lo sbarco dello scorso 27 ottobre, complesso e difficile anche per la presenza di 12 salme  e dei familiari  degli stessi  che sono stati assistiti da un'equipe di medici psicologi e  l'arrivo da altre regioni di oltre 350 migranti da assistere ed alloggiare in strutture di prima accoglienza.

Pertanto, già dalla serata del decorso 28 ottobre, sono stati reperiti diversi posti in strutture ricettive di Melito di Porto Salvo, Villa San Giovanni e  sono stati richiesti aumenti di posti anche presso i Centri con cui sono in atto convenzioni per la prima accoglienza ( Camini, Varapodio, Caritas Diocesana di Oppido Mamertina per Gambarie) .

Sempre nella tarda serata di venerdì è stata data  accoglienza anche  a 25 minori stranieri non accompagnati giunti con il citato  sbarco del 27 ottobre.

Nella giornata di sabato 29 si è dovuto provvedere alla collocazione di altri 140 migranti arrivati da Crotone e da Trapani e, a tale riguardo, il Prefetto nella  predetta riunione ha richiesto  ai Rappresentanti degli Enti locali di reperire con la massima urgenza delle strutture recettive ed ha soprattutto ribadito la necessità di costituire una rete di accoglienza per fronteggiare in maniera adeguata l'arrivo massiccio dei migranti  che non  è più un fenomeno emergenziale.

In tale direzione sono state individuate disponibilità immediate nei Comuni di Caulonia, Bagnara, Palizzi, Benestare  e in una struttura ubicata all'interno dell'Ente Parco dell'Aspromonte nel territorio di Oppido Mamertina.

Altri Sindaci hanno assicurato il loro impegno a ricercare strutture sia per i richiedenti asilo che per i minori stranieri non accompagnati, la gestione dei quali in questa fase è ricaduta quasi completamente sul Comune Capoluogo.

Il Prefetto ha  sottolineato che l'accoglienza e la solidarietà sono caratteristiche proprie delle popolazioni di questo territorio, elementi indispensabili   per supportare la Prefettura nella complessa gestione del fenomeno migratorio.

Pubblicato il :

 Scioglimento del Consiglio Comunale di Rizziconi

 
Su proposta del Ministro dell'Interno, a seguito della relazione predisposta dal Prefetto di Reggio Calabria, il Consiglio dei Ministri nella seduta di ieri 27 ottobre, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio Comunale di Rizziconi (RC), nel quale sono state accertate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte di infiltrazioni criminali.

Per la gestione provvisoria dell'Ente, nelle more del perfezionamento della procedura di scioglimento, il Prefetto Michele di Bari, con proprio provvedimento in data odierna, ha sospeso il predetto Consesso, ai sensi dell'art. 143, comma 12 del decreto legislativo 18 agosto 267, per prevenire situazioni che potrebbero ulteriormente compromettere la libertà di determinazione ed il buon andamento o l'imparzialità dell'amministrazione ed ha incaricato una Commissione Straordinaria composta dal dott. Aldo Lombardo, Viceprefetto,  dal dott. Roberto Micucci, Viceprefetto Aggiunto e dal dott. Francesco Giacobbe, Funzionario economico finanziario.

Presso quel Comune, era stata inviata una Commissione d'indagine in data 28 dicembre 2015, nominata dal Prefetto della Provincia di Reggio Calabria, su delega dello stesso Ministro dell'Interno, al fine di compiere accertamenti per verificare l'eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso o similare.   

Detta Commissione, aveva presentato la propria relazione che era stata esaminata in una riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, con la partecipazione del Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia.

La decisione da parte del Consiglio dei Ministri, di scioglimento del Consiglio Comunale comporta la cessazione della carica di Consigliere, di Sindaco, di componente della Giunta e di ogni altro incarico comunque connesso alle cariche ricoperte. 

Pubblicato il :

 ELEZIONI COMUNALI DEL 13 NOVEMBRE 2016: MODALITA' DI SVOLGIMENTO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE

 
Convocata dal Prefetto Michele di Bari, si è svolta nella mattinata odierna, presso questo Palazzo del Governo, una riunione concernente l'ulteriore regolamentazione delle modalità di svolgimento della campagna elettorale in vista del turno straordinario di domenica 13 novembre 2016 per l'elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale dei Comuni di Africo e di San Ferdinando.

All'incontro, hanno partecipato le Forze dell'Ordine ed i rappresentanti dei due Comuni interessati al voto.

Nell'occasione sono stati illustrati i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale e sono state regolamentate, in particolare, le modalità di svolgimento delle manifestazioni di propaganda con pubblici comizi, ai fini della scrupolosa osservanza dei partecipanti alla competizione per il prossimo turno elettorale.

In tale contesto, è stato rivolto invito alle Commissioni Straordinarie dei due Comuni affinchè richiamino l'attenzione dei candidati alle elezioni comunali sull'esigenza che il confronto politico si svolga nell'assoluto rispetto di tutte le regole che disciplinano l'attività di propaganda elettorale, in un clima di serena e civile dialettica democratica.

Le risultanze dell'incontro odierno potranno essere consultate sul sito istituzionale di questa Prefettura alla voce "Circolari pubblicazioni e notizie elettorali".
Pubblicato il :

 Procede l'attività della Stazione Unica Appaltante istituita presso la Prefettura per l'espletamento delle gare relative agli interventi del c.d. Progetto Locride

 
Continua l'attività della Prefettura di Reggio Calabria nel contesto delle iniziative relative al " Progetto Locride ", consistente nella costruzione e/o ristrutturazione, attraverso fondi P.A.G., di piccoli impianti sportivi e altre strutture finalizzate all'aggregazione dei giovani nel territorio dei Comuni della Locride, attuata attraverso la Convenzione Quadro stipulata in data 8 giugno 2011, a Gerace, tra l'Autorità di Gestione del PON Sicurezza Obiettivo Convergenza 2007/2013, la Prefettura, l'Associazione Comuni della Locride e la Diocesi di Locri-Gerace.

Come noto, nell'ambito di detta iniziativa sono stati approvati 8 progetti per la realizzazione di Centri di aggregazione e 11 progetti per la realizzazione di piccoli impianti sportivi per un totale di 19 interventi in 16 Comuni e per un importo complessivo finanziato che ammonta a € 6.582.556,81. I tempi per la realizzazione delle opere, inizialmente fissati al 31 dicembre 2016, sono stati prorogati al 31 marzo 2017.

Il Prefetto Michele di Bari, da ultimo nel corso della riunione del 19 ottobre scorso con i 42 Sindaci dei Comuni della Locride, ha sollecitato i predetti Amministratori per una celere prosecuzione delle attività connesse agli interventi ammessi.

Dopo la pubblicazione del bando relativo al progetto per la realizzazione di una struttura sportiva con campo di calcio e relativi spogliatoi all'interno del Centro Salesiano San Giovanni Bosco" di Locri, secondo le normative di legge vigenti, in data 26 ottobre scorso si è proceduto all'aggiudicazione provvisoria dei lavori. La Ditta rimasta provvisoriamente aggiudicataria dell'appalto indicato è la Società "Edilmillenium srl", con sede ad Ardore (RC) che ha offerto una percentuale di ribasso pari al 27, 290%.

La procedura andrà avanti anche per il progetto di realizzazione dell'impianto sportivo " Gianluca Congiusta " in località Mirto di Siderno, già pubblicato lo scorso 18 ottobre, e altri interventi saranno a breve pubblicati dalla Stazione Unica Appaltante per l'espletamento delle relative gare.

Il Prefetto di Bari sottolinea l'importanza della concreta realizzazione dei progetti in questione atteso il valore anche sociale che gli stessi rappresentano per il territorio della locride.
Pubblicato il :

 Vertenza sindacale in Prefettura per i dipendenti del Comune di Gioia Tauro: soddisfatte le parti.

 
Si è concluso positivamente il tentativo di conciliazione tenutosi nel pomeriggio odierno, presso questo Palazzo del Governo, per il personale del comparto non dirigenziale del Comune di Gioia Tauro.

La riunione è stata convocata dal Prefetto Michele di Bari su richiesta delle Rappresentanze Sindacali Unitarie.

All'incontro, coordinato dalla Prefettura, erano presenti il Vice Sindaco - Assessore con delega alle risorse umane, il Segretario generale del Comune, le Rappresentanze Sindacali Unitarie delle sigle FP CGIL, CISL FP e  CSA. 

Nel corso di un'ampia e articolata discussione le parti, nel ringraziare il Prefetto per aver celermente avviato le procedure di raffreddamento del conflitto, hanno espresso le proprie ragioni: i Sindacati hanno rappresentato le motivazioni che hanno indotto a proclamare lo stato di agitazione, in particolare il mancato pagamento delle retribuzioni accessorie degli anni compresi tra il 2012 ed il 2015 nonché la mancata costituzione della delegazione trattante; i Rappresentanti del Comune hanno illustrato le cause dei rallentamenti nella costituzione della delegazione trattante di parte pubblica e della quantificazione del fondo delle risorse decentrate per gli anni pregressi.

La procedura di conciliazione si è risolta positivamente: è stato fissato un preciso e stringente cronoprogramma da parte dell'Amministrazione Comunale, che si è impegnata a nominare la delegazione trattante di parte pubblica e quantificare le risorse finanziarie da destinare al fondo per le risorse decentrate per l'anno 2016, al fine di procedere alla sottoscrizione del relativo  contratto integrativo decentrato. Nel contempo si è preso atto che la stessa Amministrazione ha provveduto a rideterminare il fondo 2012.

Entrambe le parti si sono dette soddisfatte per il produttivo incontro.

Pubblicato il :

 In arrivo 239 migranti

 
Dopo l'ultimo sbarco del 22 ottobre scorso con 815 migranti, attraccherà domani 27 ottobre 2016, alle ore 11.00, nel Porto di Reggio Calabria, la nave " Bourbon Argos ", con a bordo 239 migranti, di cui 157 uomini, 79 donne e 3 minori, e 12 salme, provenienti da vari Paesi Africani.

Si è trattato di un salvataggio complesso, che ha visto impegnati in prima linea i volontari di Medici senza Frontiere, che hanno recuperato in mare i corpi dei migranti deceduti e hanno assistito i 239 salvati dalle acque.

Il Prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari ha convocato nel pomeriggio odierno una riunione con le Forze di Polizia e il Comune di Reggio Calabria al fine di organizzare le attività di polizia giudiziaria e assicurare il trasporto e il seppellimento delle salme.

Le operazioni di primo soccorso e assistenza, coordinate dalla Prefettura, saranno prestate dal personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Comune Capoluogo, della Polizia Provinciale, della Capitaneria di Porto, dell'USMAF, del SUEM 118 e dell'Azienda Ospedaliera, della Croce Rossa Italiana, dai Cavalieri dell'Ordine di Malta, dal Coordinamento Migranti della Caritas, da varie altre  Associazioni di volontariato.

Al momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle Associazioni di volontariato.

Nell'occasione sarà allestita, a cura della Regione Calabria, la tenda per il trattamento igienico - sanitario dei migranti con patologie cutanee.

I migranti, in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell'Interno, saranno trasferiti nelle regioni della Basilicata, del Lazio, delle Marche, della Puglia e della Toscana.

Con quello di domani, sono 29 le navi approdate nell'anno in corso in questa provincia, con oltre 13.400 migranti di cui 1.450 minori non accompagnati.

Il Prefetto di Reggio Calabria ringrazia per il lavoro eccezionale che svolgono, in silenzio, ma con impegno e professionalità, le componenti del sistema di soccorso, che assistono i migranti non solo al momento dello sbarco ma anche nei momenti successivi dell'accoglienza.

Pubblicato il :

 Ricevuta una delegazione dei lavoratori ex LSU della provincia

 
Nella mattinata odierna, a margine del sit-in di protesta promosso dall'organizzazione sindacale Filcams CGIL per il mancato pagamento della retribuzione del mese di settembre ai  lavoratori ex LSU adibiti alla pulizia e decoro delle scuole della provincia di Reggio Calabria, una delegazione di manifestanti accompagnata dalla segretaria del suddetto Sindacato è stata ricevuta in Prefettura.

Nel corso dell'incontro la  sindacalista ha prodotto un documento nel quale sono state rappresentate le  problematiche dei predetti lavoratori che verrà trasmesso agli Organi competenti.
Pubblicato il :

 Il Prefetto Michele di Bari interviene alla cerimonia di consegna di un bene confiscato ad Africo: risultato di sinergia istituzionale e prospettiva per i giovani

Il Prefetto della provincia di Reggio Calabria Michele di Bari si è recato, nella mattina odierna, ad Africo per partecipare alla cerimonia di consegna da parte della Commissione straordinaria per la gestione del Comune di Africo di un bene confiscato alla criminalità organizzata al Vescovo della Diocesi di Locri Gerace, Mons. Francesco Oliva.

All'iniziativa, che ha registrato una numerosa partecipazione della collettività locale, erano presenti, tra gli altri, il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, il Questore di Reggio Calabria Raffaele Grassi, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Alessandro Barbera, il Comandante del Gruppo Carabinieri di Locri Pasqualino Toscani, il Procuratore Generale della Repubblica della Corte d'Appello di Reggio Calabria Salvatore Di Landro, il Presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria Ornella Pastore, il Direttore Marittimo della Calabria e della Basilicata Tirrenica, il Presidente dell'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte, Giuseppe Bombino nonchè rappresentanti della società civile.

L'immobile, una villetta situata in pieno centro abitato circondata da giardino di circa 300 mq, ospiterà un centro di aggregazione per i giovani di tutte le età e per le loro famiglie con l'obiettivo di farne punto di riferimento per lo svolgimento di attività ricreative e sociali, formative, di accoglienza e di solidarietà.

Il progetto per la ristrutturazione, messo a punto dalla citata Diocesi per farne un oratorio, è stato finanziato dalla Regione Calabria con fondi del POR-FESR 2007/2013 (circa 600.000,00 euro).

Il Prefetto Michele di Bari, nel suo intervento, ha sottolineato l'importanza di questa cerimonia come espressione della riaffermazione della legalità in un territorio che 18 mesi fa è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. A tale riguardo, il Prefetto ha ricordato che il bene è stato confiscato al pregiudicato Domenico Antonio Mollica, elemento contiguo alla cosca "Morabito-Bruzzaniti-Palamara" e assegnato dall'Agenzia del Demanio di Reggio Calabria al Comune, che ne ha individuato la destinazione a " Centro giovanile- previa assegnazione alla Chiesa Cattolica".

" La realizzazione e attivazione del centro giovanile ad Africo - ha sottolineato di Bari - rappresenta il risultato della fattiva sinergia istituzionale fra Ministero dell'Interno, Regione Calabria, il Comune di Africo e la Diocesi di Locri Gerace non solo nella lotta alla criminalità organizzata 'ndranghetista ma anche per guardare ai giovani di Africo e al loro futuro. Lo Stato - ha aggiunto il Prefetto - è presente in ogni parte del territorio, poi tocca a ciascuno, Istituzioni e cittadini, svolgere il proprio ruolo nella affermazione e nel rispetto dei diritti ".

Al termine degli interventi è stata visitata la mostra fotografica che il Comune ha allestito sugli altri beni confiscati (due terreni e due fabbricati), recuperati nei due anni di gestione commissariale e a tale riguardo si fa presente che oggi scade il termine di presentazione per le domande per l'assegnazione di un fabbricato confiscato al latitante Morabito, mentre i due terreni sono amministrati direttamente dal Comune essendo andate deserte le gare per l'assegnazione.




Pubblicato il :

 Completate nella giornata di ieri le operazioni di fotosegnalamento degli 814 migranti

 
Completate  nella giornata di ieri le operazioni di fotosegnalamento degli 814 migranti provenienti da vari Paesi Africani tra cui Senegal, Nigeria, Guinea, Congo e Siria,  giunti il 22 ottobre  nel Porto di Reggio Calabria con la nave "Bourbon Argos".

Grande impegno e dedizione per prestare soccorso ed assistenza da parte delle Forze di Polizia, del Comune, dell'USMAF, dell'ASP, del SUEM 118, dei Vigili del Fuoco, della Provincia, della Capitaneria di Porto, dell'Azienda Ospedaliera oltre che delle Associazioni di volontariato, Medici del Mondo, Pantere Verdi, Cavalieri di Malta, Associazione dei Carabinieri, del Coordinamento ecclesiale che fa capo all'Arcidiocesi di Reggio Calabria e alla Caritas e dalla Croce Rossa italiana.

I migranti sono stati immediatamente sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle Associazioni di volontariato che hanno operato ininterrottamente per oltre due giorni consecutivi.

I migranti con patologie cutanee o con pediculosi sono stati prontamente curati presso un'unità mobile di "decontaminazione" fornita anche in occasione di questo sbarco dalla Regione Calabria su richiesta di questa Prefettura.

In proposito, il Prefetto Michele di Bari esprime il proprio plauso per l'organizzazione e l'efficienza dei servizi connessi al trasferimento dei migranti e la gratitudine per l'impegno profuso.

Nel contempo, prosegue l'impegno della Prefettura anche per individuare soluzioni a riguardo della struttura di Archi, nella quale sono ospitati numerosi minori non accompagnati.

Già da ieri tutti i migranti  richiedenti asilo sono stati trasferiti ed è stato disposto che nessun adulto sia ospitato in quel centro, mentre è al vaglio della Prefettura la proposta formulata dal Sindaco di Reggio Calabria che ha individuato una struttura ricettiva per l'ospitalità dei minori stranieri non accompagnati.

Pubblicato il :

 Arrivo della nave "Bourbon Argos" con a bordo 814 migranti

 
E' previsto per domani  22 ottobre 2016  nelle prime ore della  mattinata  nel Porto di Reggio Calabria l'arrivo della nave "Bourbon Argos"   con a bordo 814 migranti di cui 716 uomini, 81 donne, 17 minori

Provengono da vari Paesi Africani tra cui: Senegal, Nigeria, Guinea, Congo e Siria.

Le operazioni di primo soccorso e assistenza, coordinate dalla Prefettura, saranno prestate dal personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Comune Capoluogo, della Polizia Provinciale, della Capitaneria di Porto, dell'USMAF, del SUEM 118 e dell'Azienda Ospedaliera, della Croce Rossa Italiana, dai Cavalieri dell'Ordine di Malta, dal Coordinamento Migranti della Caritas, da varie altre  Associazioni di volontariato.

Al momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle Associazioni di volontariato.

Nell'occasione sarà allestita, a cura della Regione Calabria, la tenda per il trattamento igienico - sanitario dei migranti con patologie cutanee.

I migranti saranno trasferiti in altre province base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell'Interno.  

Pubblicato il :

 Manifestazione nazionale 'La Calabria dice no alla violenza contro le donne" ... Missione Delegazione della Commissione Antimafia.

 
Si è svolto, nella mattinata odierna, presso questo Palazzo del Governo, alla presenza della Presidente della Camera dei Deputati, un incontro che ha avuto come argomento l'importante tema della violenza sulle donne , balzato tristemente, negli ultimi mesi, all'attenzione della cronaca locale e nazionale.

La riunione tenuta con il Prefetto, ha visto, inoltre, la partecipazione, del Presidente della Regione Calabria, del Presidente della Provincia, del Sindaco della Città Metropolitana, del Presidente e del Procuratore Generale della Corte d'Appello, del Presidente del Tribunale di Reggio Calabria e del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia, del Presidente e del Procuratore della Repubblica presso del Tribunale per i Minorenni, il Questore, i Comandanti Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato.

Ha fatto seguito, la manifestazione nazionale " La Calabria dice no alla violenza contro le donne " promossa dalla Regione Calabria che ha registrato la presenza di importanti Autorità nazionali, la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, la Ministra per le Riforme Costituzionali e Rapporti con il Parlamento con delega alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi, la Presidente della Commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, Rosy Bindi e la sottosegretaria di Stato ai Beni e alle attivita' culturali,
Dorina Bianchi.

Durante il Corteo, composto anche da Autorità regionali e locali e che ha visto l'adesione degli Amministratori locali, delle Organizzazioni Sindacali, delle Associazioni di volontariato, dei Centri antiviolenza, delle espressioni del mondo cattolico e dell'associazionismo, oltre che una corposa componente di giovani, studenti e cittadini provenienti dalle diverse provincie, è stata percorsa la città dal Lungomare Falcomatà sino all'Arena dello Stretto.

La manifestazione ha avuto l'intento di sostenere la ferma condanna contro ogni forma di violenza di genere ed in particolare la violenza contro le donne e di richiamare l'attenzione su valori fondamentali, quali il rispetto della persona, della sua centralità, della dignità e della libertà umana.

Il Prefetto ha, inoltre, evidenziato la presenza dello Stato, della Magistratura e delle Forze dell'Ordine, uniti per esprimere il contrasto alla criminalità organizzata e alla violenza.

Dall'iniziativa è emersa la volontà di intensificare gli sforzi per arginare e contrastare ogni forma di violenza e di creare rete per incoraggiare alla denuncia e dare sostegno alle vittime di tale fenomeno criminoso.

Al termine della manifestazione, con inizio alle ore 15.00, una delegazione della Commissione Antimafia guidata dall' On. Rosy Bindi, Presidente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, ha tenuto una Tavola Rotonda , alla quale hanno partecipato il Prefetto, il Questore, i Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Vice Capo Centro della Direzione Investigativa Antimafia, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia, il Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, Dott. Gaetano Calogero Paci, il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, Dott. Francesco Ponzetta, il Presidente del Tribunale e il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni.

Tale incontro, è stato fortemente voluto per approfondire importanti argomentazioni quali i minori, le donne e i rapporti con la criminalità organizzata nel territorio.

Pubblicato il :

 Comune di Africo - Cerimonia di consegna di un bene confiscato

 
La Prefettura rende noto che il prossimo 25 ottobre alle ore 11.00 la Commissione straordinaria del Comune di Africo consegnerà al Vescovo della Diocesi di Locri Gerace, Mons. Francesco Oliva, un immobile confiscato alla criminalita' organizzata.

Nell'occasione, il Comune ha  allestito una mostra fotografica  sugli altri beni confiscati e recuperati nei due anni di gestione commissariale.

Alla cerimonia parteciperanno' il Prefetto  Michele di Bari, il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio,  i Vertici delle Forze dell'Ordine e della Magistratura, la Dirigente dell'Agenzia dei beni confiscati  nonche' rappresentanti della società civile.

L'immobile, una villetta circondata da giardino confiscata al pregiudicato Domenico Antonio Mollica, è  stato assegnato all'Ente dall'Agenzia del Demanio di Reggio Calabria in totale stato di degrado ed e' stato ristrutturato grazie alle risorse finanziarie erogate dalla Regione Calabria nell'ambito dei por-fesr 2007/2013.

L'edificio ospitera' un centro di aggregazione per i giovani di tutte le età e per le loro  famiglie con l'obiettivo di farne punto di riferimento per lo svolgimento di attività ricreative e sociali, formative, di accoglienza e di solidarietà.

L'iniziativa ha un grande valore simbolico come segno di riscatto per la comunità locale  e di rifiuto di ogni forma di delitto e di sopraffazione 'ndranghetista.

Pubblicato il :

 Riunione con le OO.SS. per affrontare le problematiche dell'Aeroporto di Reggio Calabria

 
Convocata dal Prefetto Michele di Bari, si è svolta questa mattina in Prefettura, una riunione richiesta dalle OO.SS., che nei giorni scorsi avevano rappresentato le loro preoccupazione per le ricadute occupazionali connesse all' attuale situazione dello scalo aeroportuale "Tito Minniti".

All'incontro hanno partecipato per la Regione Calabria, il Dr. Sebi Romeo, il Presidente della Provincia, Dr. Giuseppe Raffa, il Sindaco Dr. Giuseppe Falcomatà, il Direttore Aeroportuale ENAC Calabria, Dr. Carlo Marfisi, il Commissario Liquidatore Sogas S.p.A., Dr. Bernardo Femia, per la Direzione Territoriale del Lavoro, la dr.ssa Antonia Quattrone, i Segretari territoriali delle OO.SS. e una delegazione di rappresentanti dei lavoratori di Sogas S.p.A. e di Sogas Service s.r.l.

Nel corso della riunione, i Sindacati hanno posto l'accento sia sull'importanza del futuro dell'Aeroporto dello Stretto, sia sulla necessità,da parte degli Enti pubblici territoriali, Soci della Sogas S.p.A., che siano intraprese tutte le necessarie iniziative per salvaguardare il futuro occupazionale degli oltre 100 lavoratori interessati dalla problematica.

Il liquidatore della Sogas, Dr. Femia, ha confermato che è pendente dinanzi al  Tribunale del capoluogo istanza di fallimento nei confronti della Sogas,ma che è stata, altresì, presentata al Giudice Delegato richiesta per l'autorizzazione all'esercizio provvisorio dello scalo, circostanza che potrà favorire anche la possibilità di adire il Ministero del Lavoro per il riconoscimento della Cassa Integrazione a favore dei lavoratori. Ha, altresì, sottolineato che,  in tale direzione,  è essenziale l'impegno e il sostegno economico da parte delle Istituzioni e, in particolare, della Regione, della Provincia e del Comune.

I rappresentanti istituzionali hanno, al riguardo, sottolineato l'importanza per la Città Metropolitana della presenza dell'Aeroporto, quale infrastruttura strategica per la mobilità della provincia ed hanno espresso l'impegno che dovrà, tuttavia, essere formalizzato in atti amministrativi, a sostenere l'istanza di esercizio provvisorio. In proposito faranno pervenire, nella serata odierna,  una lettera al liquidatore per confermare tale impegno.

Pubblicato il :

 Consegna dei Lavori per la realizzazione del nuovo Palazzo di Giustizia di Locri

 
Il Prefetto Michele di Bari si è recato a Locri, nella mattina odierna, per partecipare alla consegna ufficiale da parte del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche Sicilia e Calabria alla società costruttrice dei lavori per la realizzazione del nuovo Palazzo di Giustizia di Locri.

Alla cerimonia, organizzata dal Presidente del Tribunale di Locri, erano presenti, fra gli altri, il Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, che ha benedetto il sito, il Presidente e l'Avvocato Generale della Corte d'Appello di Reggio Calabria, il Provveditore Interregionale per le Opere Pubbliche Sicilia e Calabria, il Sindaco di Locri, i rappresentanti delle Forze dell'Ordine e il Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Locri.

L'opera rappresenta un presidio strategico di legalità in un territorio difficile come quello della Locride e, pertanto, l'avvio dei lavori è un primo, importante traguardo poiché - come noto - giunge all'esito di un annoso e travagliato iter procedurale.

 

Pubblicato il :

 Nuovo Ospedale di Gioia Tauro: stipulato in Prefettura il Protocollo di Legalità

 
Alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sen. Marco Minniti, è stato stipulato oggi pomeriggio in Prefettura il Protocollo di Legalità per la prevenzione di eventuali tentativi di infiltrazione della 'ndrangheta nei lavori di realizzazione del Nuovo Ospedale della Piana di Gioia Tauro.

L'Atto pattizio è stato sottoscritto dal Prefetto, Michele di Bari, dal Presidente della Regione Calabria, on. Mario Oliverio, dal Commissario Straordinario dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, dott. Giacomino Brancati, dall'Amministratore straordinario giudiziale dell'impresa aggiudicataria dell'Opera, la "Ospedale della Piana di Gioa tauro Srl" e per la parte relativa all'art 12 " monitoraggio dei flussi di manodopera" dai Sindacati di categoria della CGIL CISL e UIL  e dal Direttore provinciale del lavoro.

L'Intesa prevede misure volte a rendere più stringenti gli adempimenti previsti dalla normativa antimafia anche mediante forme di controllo durante l'esecuzione dei lavori e la gestione dell'opera.

L'art. 1 prevede che il concessionario e gli altri soggetti affidatari e sub affidatari  dovranno  chiedere le informazioni  antimafia per tutti i settori di intervento comprese ovviamente le attività sensibili  o procedere tramite le white list.

L'art.2 dispone che il Concessionario deve chiedere le credenziali per accedere alla Banca Dati Nazionale Unica della Documentazione Antimafia per  l'acquisizione di informazioni antimafia prima della stipula di affidamenti sub affidamenti.

Nella filiera dei lavori è previsto che i contratti di affidamento e sub affidamento  rechino clausole tutorie da infiltrazioni mafiose, come la clausola risolutoria nel caso di interdittiva,  con applicazione di penale pari al 10% del valore del contratto salvo il diritto del committente del maggior danno . Le somme rinvenienti da tali penali saranno date  in custodia al concessionario e destinate a misure incrementali della sicurezza antimafia dell'intervento secondo le indicazioni del prefetto di Reggio Calabria  (art.4).

Il concessionario e gli affidatari e sub affidatari si impegnano a dare notizia alla Prefettura di richieste di denaro o altre forme estorsive (art7), tale comunicazione non esime dall'obbligo di denuncia alle Forze dell'Ordine.

Trovano inoltre applicazione le procedure per la tracciabilità delle transazioni finanziarie nell'ambito di tutta la  filiera (tracciabilità flussi finanziari art. 10).

L'art. 12 prevede la costituzione di un tavolo per monitoraggio dei flussi di  manodopera per il controllo della modalità di assunzione delle maestranze al fine di assicurare la massima trasparenza nelle citate procedure di assunzione.

Nel caso in cui la Prefettura o la Direzione del lavoro dovessero segnalare forme illegittime di intermediazione per il reclutamento della manodopera il Concessionario si impegna a risolvere il contratto di affidamento  o sub affidamento e tale clausola sarà prevista nei contratti stipulati.

Il Prefetto ha sottolineato l'importanza del Protocollo con il quale si attua una sinergia istituzionale per contrastare efficacemente le infiltrazioni criminali  con un controllo a raggiera di tutte le imprese interessate alla realizzazione dell'opera.

Il presidente Oliverio ha ringraziato il Prefetto per aver dato impulso alla sottoscrizione del Protocollo odierno che consente di evitare fenomeni distorsivi  e dare una nuova immagine della Calabria.

Ha concluso l'incontro il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sen. Minniti  che ha evidenziato come l'opera in questione sia particolarmente significativa per l'intera regione e ha, altresì, rilevato l'importanza del Protocollo che si pone quale sperimentazione di un sistema che potrà essere replicato per gli altri interventi che saranno realizzati con i  fondi pubblici  di cui la Calabria, come noto, sarà destinataria.

Pubblicato il :

 Incontro in Prefettura con i Sindaci della Locride - Pubblicati i primi bandi di gara per gli interventi da realizzare nell'ambito del Progetto Locride

Il Prefetto Michele di Bari, ha presieduto, nella mattinata odierna, presso il Palazzo del Governo, una riunione afferente al Tavolo della Locride , alla quale hanno partecipato i Sindaci del comprensorio locrideo.

           L'incontro ha avuto come obiettivo quello di richiamare l'attenzione sui settori nevralgici dell'apparato comunale che presentano profili di maggiore debolezza strutturale e più nel dettaglio:

  1. la formazione del personale e la selezione di nuove risorse professionali di alta qualificazione al fine di migliorare l'efficienza dei servizi comunali;
  2. l'implementazione dei servizi offerti dalla Stazione Unica Appaltante Provinciale;
  3. la riqualificazione dei beni confiscati e il loro utilizzo per fini istituzionali, quali - per esempio - i centri per donne vittime di violenza;
  4. l'efficienza e la trasparenza dei procedimenti amministrativi.           Il Prefetto ha colto, altresì, l'occasione per richiamare l'attenzione dei Sindaci beneficiari degli interventi dell'iniziativa quadro " Progetto Locride " sulla necessità di accelerare i tempi per il completamento delle opere consistenti nella costruzione e/o ristrutturazione, finanziate con fondi del PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013, di piccoli impianti sportivi e altre strutture finalizzate all'aggregazione dei giovani nel territorio dei Comuni della Locride.           Al termine della odierna riunione, i Sindaci, nel manifestare il loro apprezzamento per l'iniziativa a vantaggio del comprensorio locrideo, hanno espresso all'unanimità la loro volontà di aderire al Protocollo operativo .
  5.            L'odierna riunione è il prosieguo dei precedenti incontri che si sono tenuti, su iniziativa del Vice Ministro dell'Interno Bubbico, a Roma nel dicembre 2015 e nel maggio 2016 presso il Comune di Roccella Jonica, dove già erano state esaminate e affrontate le questioni afferenti le varie debolezze e fragilità degli apparati amministrativi locali.
  6.            Come noto, invero, detti interventi, dovevano completarsi entro il 31 dicembre 2016. A seguito dell'attività di sensibilizzazione posta in essere anche da questa Prefettura nei mesi scorsi, con l'auspicio di evitare il definanziamento e consentire la realizzazione di opere in un territorio che necessita di strutture dedicate soprattutto ai giovani, il termine è stato prorogato dall'Autorità di Gestione del P.A.G . al 31 marzo 2017. Già lo scorso 18 ottobre la Stazione Unica Appaltante istituita presso la Prefettura di Reggio Calabria per l'espletamento della gare ha provveduto a pubblicare sul sito istituzionale della Prefettura il bando di gara relativo alla realizzazione di un impianto sportivo nel Comune di Locri per un importo di € 250.000,00; nella data di ieri è stato pubblicato anche il bando per la realizzazione di altro impianto sportivo , in località Mirto del Comune di Siderno, per un budget finanziato pari ad € 280.500,00.
  7.            Il Rappresentante del Governo ha fatto presente che tali iniziative potranno essere finanziate con i fondi del PON che prevedono, tra l'altro, la costituzione, presso la Prefettura, di task force di esperti con il compito di fornire servizi specialistici in tema di appalti, trasparenza e anticorruzione, rafforzando il ruolo di supporto che l'Ufficio Territoriale del Governo, quale presidio di legalità, potrà fornire agli enti locali per contrastare i fenomeni di corruzione o di infiltrazione della criminalità nel tessuto amministrativo.

Tavolo Locride

Pubblicato il :

 Riunione concernente le tematiche di protezione civile con particolare riferimento alla problematica della vulnerabilità sismica degli edifici pubblici e strategici

 
In data odierna si è tenuta, presso il "Salone degli stemmi" di questa Prefettura, una riunione, presieduta dal Prefetto Michele di Bari concernente le tematiche di protezione civile.

Alla riunione hanno partecipato il Presidente della Provincia, il Dirigente del Dipartimento regionale della Protezione Civile., nonché gli Amministratori ed i referenti tecnici dei Comuni nei quali hanno sede i 19 Centri Operativi Misti (COM) di questa provincia.

In particolare, il Prefetto ha inteso sensibilizzare gli Amministratori locali sulla problematica della vulnerabilità sismica degli edifici pubblici e strategici (scuole, ospedali, strutture di protezione civile) e sulla necessità di promuovere iniziative volte ad effettuare un aggiornamento del censimento dei medesimi edifici edito nel 1998: A tale riguardo la Regione sta elaborando apposite linee guida.

Il Prefetto ha altresì richiamato i presenti sull'esigenza che siano predisposte o aggiornate le pianificazioni comunali di protezione civile, quali strumento necessario per la gestione dell'emergenza.

Il rappresentante della Regione Calabria ha partecipato le nuove strategie che saranno poste in essere per completare il quadro delle pianificazioni d'emergenza di livello comunale, supportando i Comuni con l'impiego di gruppi di lavoro, appositamente costituiti, nonché con una serie di interventi per attrezzare le aree di emergenza di pertinenza dei COM.
Pubblicato il :

 Riunione per il monitoraggio delle procedure volte alla realizzazione di nuovi presidi di Polizia ubicati in beni immobili confiscati alla criminalità

 
Nella mattinata odierna, convocata dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta una riunione con il Provveditore alle Opere Pubbliche di Sicilia- Calabria con i Vertici dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale per il monitoraggio delle procedure volte alla realizzazione di nuovi presidi di Polizia, da allocare in beni immobili confiscati alla criminalità organizzata e finanziati con i fondi del Piano Straordinario per la Giustizia in Calabria di cui il Prefetto è Autorità di gestione.

Il citato Programma Straordinario, infatti , consentirà di ristrutturare 13 immobili confiscati alla criminalità organizzata dislocati nel territorio regionale.

In particolare, nella provincia di Reggio Calabria, sarà recuperato un complesso immobiliare appartenente alla cosca Aquino a Marina di Gioiosa Jonica, un immobile della cosca Latella a Rosario Valanidi, un immobile della cosca Auddino a Melicucco, un immobile della cosca Cordì a Locri ed un immobile della cosca Iamonte.

Questi interventi di ristrutturazione destinati ai Presidi delle Forze di Polizia non solo consentiranno un contenimento della spesa pubblica ma avranno anche una ricaduta positiva sul livello di percezione della sicurezza nella collettività reggina e calabrese che vedrà restituiti al patrimonio generale i proventi della criminalità organizzata, nonché sul contenimento delle spese.

Il Piano Straordinario per la Giustizia in Calabria si prefigge il miglioramento qualitativo delle attività delle strutture territoriali giudiziarie e di polizia da perseguire attraverso due linee di azione e segnatamente attraverso il potenziamento dei servizi tecnologici e strumentali a fini investigativi e di polizia giudiziaria e il rafforzamento dell'azione di contrasto alla criminalità organizzata da attuarsi mediante la realizzazione di nuovi e più efficienti presidi di polizia nel territorio ubicati in beni immobili confiscati alla criminalità, nonchè una più efficiente dotazione di automezzi.

Tra gli Enti Beneficiari vi sono le Questure della regione, i Comandi Regionali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato, deputati alla gestione degli interventi nell'ambito delle rispettive province, le Procure Generali della Repubblica presso le Corti d'Appello di Reggio Calabria e Catanzaro, le Procure della Repubblica presso i Tribunali delle province calabresi e, infine, la Capitaneria di Porto di Vibo Valentia, il Provveditorato per l'Amministrazione Penitenziaria di Catanzaro e le Case Circondariali di Vibo Valentia e Crotone.
Pubblicato il :

 Pubblicati i primi bandi di gara per gli interventi da realizzare nell'ambito del Progetto Locride

 
Continua l'attività della Stazione Unica Appaltante istituita presso la Prefettura di Reggio Calabria per l'espletamento della gare relative agli interventi dell'iniziativa quadro " Progetto Locride ", consistente nella costruzione e/o ristrutturazione, attraverso fondi del PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013, di piccoli impianti sportivi e altre strutture finalizzate all'aggregazione dei giovani nel territorio dei Comuni della Locride.

Già lo scorso 3 ottobre era stato pubblicato sul sito istituzionale della Prefettura il bando di gara relativo alla realizzazione di un impianto sportivo nel Comune di Locri per un importo di € 250.000,00.

In data odierna è stato pubblicato altresì il bando per la realizzazione di altro impianto sportivo , in località Mirto del Comune di Siderno, per un budget di finanziamento pari ad € 280.500,00.

Come noto, gli interventi previsti nell'ambito del Progetto Locride dovevano completarsi entro il 31 dicembre 2016. A seguito dell'attività di sensibilizzazione posta in essere anche da questa Prefettura il termine è stato prorogato al 31 marzo 2017.

I Comuni stanno provvedendo a trasmettere alla Stazione Unica Appaltante i progetti e la documentazione richiesta ai fini dell'espletamento delle procedure di gara secondo le normative di legge vigenti.

L'auspicio è quello di evitare il definanziamento e consentire la realizzazione di opere in un territorio che necessita di strutture dedicate soprattutto ai giovani.
Pubblicato il :

 Protocollo di legalità - Nuovo Ospedale della Piana di Gioia Tauro

 
Il prossimo 20 ottobre, presso la Prefettura di Reggio Calabria, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sen. Marco Minniti, sarà stipulato  il  Protocollo di Legalità per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata in relazione all'affidamento in concessione di costruzione e gestione dei lavori di realizzazione del Nuovo Ospedale della Piana di Gioia Tauro.  

Il Protocollo, che si inquadra fra le strategie di attuazione degli strumenti utili per la verifica ed il controllo antimafia, sarà sottoscritto dal Prefetto di Reggio Calabria, dott. Michele di Bari, dal Presidente della Regione Calabria, on. Mario Oliverio, dal Commissario Straordinario dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, dott. Giacomino Brancati e dall'Amministratore straordinario giudiziale dell'impresa aggiudicataria dell'Opera, la "Ospedale della Piana di Gioia Tauro Srl", Prof. Saverio Ruperto.

Nell'Atto pattizio, all'art. 12, è prevista altresì, la costituzione di un Tavolo di monitoraggio dei flussi di manodopera e, a tal fine, interverranno per la sottoscrizione le OO.SS. di categoria CGIL, CISL e UIL e il Rappresentante della Direzione Territoriale del Lavoro.

Pubblicato il :

 Riunione Cerimonia celebrativa del 4 novembre, Giorno dell'Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

 
Si è tenuta in data odierna presso la Prefettura di Reggio Calabria una riunione per l'organizzazione della Cerimonia celebrativa del 4 novembre, Giorno dell'Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate.

Hanno partecipato i rappresentanti del Comune di Reggio Calabria, del Comando della Direzione Marittima, del Comando Militare Esercito "Calabria", del Questore, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Comando del Corpo Forestale dello Stato, della Casa Circondariale, del Comando della Scuola Allievi Carabinieri e dell'Ufficio IX Ambito Territoriale per la Provincia di Reggio Calabria.

Nel corso dell'incontro si è dato avvio all'attività di programmazione per le modalità di svolgimento delle celebrazioni del 4 novembre 2016.

Pubblicato il :

 Intensificati i controlli al Codice della Strada

 
Nell'ambito dell'attività di competenza, l'Area III della Prefettura di Reggio Calabria ha svolto, dall'inizio dell'anno ad oggi, un'intensa attività attraverso l'applicazione di un elevato numero di sanzioni amministrative in materia di sicurezza stradale, sulla base dei controlli effettuati dagli organi di polizia.

A fronte di oltre mille ricorsi amministrativi, presentati su verbali elevati dagli organi di polizia statale e dalle polizie locali, l'Ufficio ha emesso un numero consistente di ordinanze-ingiunzioni di pagamento con cui è stato esaminato e rigettato il ricorso, oltre ad ordinanze di archiviazione e di inammissibilità.

Numerosi sono stati i ricorsi giurisdizionali (circa 520) avverso i verbali emessi dalle forze dell'ordine o avverso le ordinanze ingiunzioni, per i quali viene puntualmente avviata l'istruttoria con richiesta di controdeduzioni e successivo deposito della comparsa per la difesa in giudizio.

Per le ordinanze-ingiunzioni di pagamento non oblate, è stato emesso un ruolo esattoriale per l' importo di Euro 243.883,28.

A tali attività, si aggiungono gli oltre 700 provvedimenti emessi, con una prevalenza di sanzioni ai sensi dell'art. 186 del C.d.S. concernente la sospensione della patente per "guida in stato di ebbrezza". Tale dato conferma l'importanza delle strategie di prevenzione e delle campagne informative mirate, dirette a sensibilizzare soprattutto la popolazione giovanile, categoria particolarmente esposta a rischio per l'incolumità personale e pubblica.

Le sanzioni in questa materia sono state, peraltro, inasprite con una serie di modifiche legislative (la legge n. 125 del 24 luglio 2008 e la legge n. 120 del 29 luglio 2010) proprio per far fronte all'enorme numero di incidenti stradali causati dall' alcol .

Dai dati statistici di settore emerge che un incidente su quattro può essere, direttamente o indirettamente, causato dall'abuso di sostanze alcoliche.

Altra fattispecie ricorrente di infrazione, che comporta la sospensione della patente di guida è quella del sorpasso (art. 148 del C.d.S.): per tale violazione risultano emessi quasi 200 provvedimenti di sospensione.

L'Ufficio, infine, svolge una costante azione di controllo e monitoraggio delle autorizzazioni alla guida, specie in caso di ritiro del documento scaduto di validità (da gennaio ad oggi circa 646).

Pubblicato il :

 Insediata la Commissione d'indagine presso il Comune di Canolo (RC)

 
Su delega del Ministro dell'Interno, il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ha disposto un accesso ispettivo antimafia presso il Comune di Canolo al fine di compiere accertamenti ed approfondimenti per verificare l'eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso.

La Commissione d'indagine, insediatasi in data odierna, è composta dal Viceprefetto aggiunto dr.ssa Eugenia Salvo, dal dr. Eugenio Barillà, Funzionario amministrativo e dal dr. Pietro Maldonato, Funzionario economico finanziario, tutti in servizio presso la Prefettura di Reggio Calabria.

L'accesso ispettivo dovrà essere perfezionato entro tre mesi, prorogabili di ulteriori tre qualora necessario.

Pubblicato il :

 Tendopoli di San Ferdinando: prosegue l'attività di governance della Prefettura

 
Si è tenuta nel pomeriggio di oggi presso questa Prefettura una riunione per la definizione operativa delle fasi tecniche volte allo smantellamento della tendopoli di San Ferdinando e alla contestuale realizzazione della nuova struttura di accoglienza per i lavoratori stagionali immigrati, nelle more dell'attuazione delle iniziative volte a favorire l'integrazione abitativa dei predetti migranti.

È alta, infatti,  l'attenzione che, ormai da mesi, viene riservata al campo di San Ferdinando da parte della Prefettura, la cui attività di governance, finalizzata alla ricerca e concretizzazione di soluzioni definitive ha portato alla sottoscrizione del Protocollo operativo in materia di accoglienza ed integrazione degli immigrati nella Piana di Gioia Tauro siglato presso questo Palazzo del governo il 19 febbraio scorso, il cui obiettivo finale è il graduale superamento e smantellamento della tendopoli e la diffusione e integrazione abitativa degli immigrati nei Comuni della Piana.

L' incontro è stato organizzato per verificare lo stato di avanzamento dei lavori  avviati dalla Regione e dal Comune di San Ferdinando per la realizzazione del nuovo campo tende funzionale a migliorare le condizioni di vivibilità degli immigrati nella Piana di Gioia Tauro, in attuazione del suddetto Protocollo operativo.

Durante l'odierna riunione, cui hanno partecipato i Commissari straordinari di San Ferdinando, il Dirigente regionale della Protezione Civile, il Presidente Regionale della Croce Rossa,  il Parroco della frazione Bosco di Rosarno e i Rappresentanti di Emergency sono stati definiti  anche i tempi per la costituzione di una Associazione costituita dagli Organismi sottoscrittori del Protocollo operativo e i rappresentanti degli immigrati residenti nell'attendamento.

In particolare, questa Prefettura ha sollecitato la costituzione della predetta Associazione ai fini della necessaria gestione del nuovo campo tende  affinchè  i migranti medesimi possano diventare protagonisti della convivenza e dell'organizzazione dell'attendamento.

Appare assai rilevante il mosaico collaborativo che si è da tempo consolidato intorno alla programmazione e realizzazione di interventi urgenti a favore degli extracomunitari in un'ottica di tempestivo superamento delle gravi criticità abitative e igienico sanitarie del campo.

Tale mosaico collaborativo continua a registrare, con la regia della Prefettura, l'adesione della Protezione Civile regionale, dei Comuni di Rosarno e di San Ferdinando, delle Associazioni di volontariato e delle Organizzazioni umanitarie ( Medu, Libera, Emergency) della Caritas e della Croce Rossa Italiana.

Pubblicato il :

 Parere favorevole per agibilità Stadio "Granillo"

 
La Prefettura di Reggio Calabria rende noto che la Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, lo scorso 7 ottobre, ha concluso il sopralluogo presso lo stadio comunale "O.Granillo" di Reggio Calabria finalizzato alla verifica delle condizioni di solidità, di sicurezza e di igiene.

Detta Commissione, pertanto, ha espresso, ai sensi dell'art.80 del R.D. 18/6/1931 n.773, il parere favorevole  in ordine alla sussistenza delle precitate condizioni ai fini del rilascio, per l'impianto sportivo in argomento, della  licenza di agibilità e di esercizio da parte del Comune di Reggio Calabria, per complessivi 20.470 posti a sedere, così distinti: tribuna ovest n.5.1236, tribuna est n.8.964, tribuna sud n. 5.248 e tribuna nord - settore ospiti n.1.122.

Pubblicato il :

 REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 4 DICEMBRE 2016 PROPAGANDA ELETTORALE E COMUNICAZIONE POLITICA

 
In vista del referendum costituzionale di domenica 4 dicembre 2016, questa Prefettura ha diramato a tutti i Comuni una circolare nella quale sono indicate le scadenze e i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale e comunicazione politica, che si illustrano sinteticamente di seguito. 
 
1) Divieto per le Pubbliche Amministrazioni di svolgere attività di comunicazione
Dal 28 settembre 2016, giorno di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto del Presidente della Repubblica di indizione del referendum , e fino alla conclusione delle operazioni di voto é fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni.
 
L'espressione "pubbliche amministrazioni" deve essere intesa in senso istituzionale riguardando gli Organi che rappresentano le singole amministrazioni e non con riferimento ai singoli soggetti titolari di cariche pubbliche, i quali possono compiere, da cittadini, attività di propaganda al di fuori dell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, sempre che, a tal fine, non vengano utilizzati mezzi, risorse, personale e strutture assegnati alle pubbliche amministrazioni per lo svolgimento delle loro competenze.
 
2)     Delimitazione ed assegnazione di spazi per le affissioni di propaganda diretta
 
I partiti o gruppi politici rappresentati in Parlamento nonchè i promotori del R eferendum , che intendono eseguire affissioni di propaganda elettorale diretta, devono presentare istanza al Comune, tramite posta ordinaria, posta elettronica certificata o via fax o anche consegna a mano, entro lunedì 31 ottobre 2016, per ottenere l'assegnazione di appositi spazi per l'affissione di manifesti di propaganda referendaria.  
 
3) Inizio della propaganda; divieto di alcune forme di propaganda; propaganda elettorale fonica su mezzi mobili
 
Da venerdì 4 novembre 2016, sono vietati il lancio o getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico, la propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, nonché la propaganda luminosa mobile.
 
Durante detto periodo, l'uso di altoparlanti su mezzi mobili è consentito solo per preannunciare orario e luogo in cui si terranno comizi e riunioni di propaganda elettorale, e solo nel giorno in cui si svolgerà la manifestazione e in quello precedente.
 
Tale forma di propaganda elettorale è subordinata alla preventiva autorizzazione del Sindaco o, nel caso in cui si svolga sul territorio di più Comuni, del Prefetto della provincia in cui ricadono i Comuni stessi. 
 
4 Concomitanza delle manifestazioni di propaganda elettorale con la ricorrenza del 4 novembre
 
Le manifestazioni, indette per la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate del 4 novembre 2016, ricadente nel periodo di campagna elettorale per la consultazione referendaria, purché attinenti esclusivamente ai temi inerenti la ricorrenza medesima, non costituiscono forma di propaganda elettorale. Conseguentemente, i relativi manifesti vanno affissi in luoghi diversi dagli appositi spazi destinati alla propaganda referendaria.  
 
5) Parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale.
 
Dalla data di indizione del Referendum e per tutto l'arco della campagna elettorale, si applicano le disposizioni della legge 22 febbraio 2000, n. 28 in materia di parità di accesso ai mezzi d'informazione e di comunicazione politica.
 
La delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, concernente il regolamento par condicio per il referendum, è consultabile online sul sito www.agcom.it .
 
6)  Diffusione di sondaggi demoscopici
 
A partire da sabato 19 novembre 2016 e sino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull'esito delle elezioni e sugli orientamenti politici degli elettori, anche se tali sondaggi siano stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto.
 
7)  Inizio del divieto di propaganda
 
Da sabato 3 dicembre 2016 e fino alla chiusura delle operazioni di voto, sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, le nuove affissioni di stampati, giornali murali e manifesti.
 
Inoltre, nel giorno destinato alla votazione, è vietata ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di metri 200 dall'ingresso delle sezioni elettorali.
 
* * *
 
Nell'area elettorale del sito internet della Prefettura, all'indirizzo www.prefettura.it/reggiocalabria/, è consultabile la circolare n. 68/2016 del 12 ottobre 2016 che illustra più ampiamente tutti gli adempimenti in materia di propaganda elettorale in vista del referendum costituzionale di domenica 4 dicembre 2016.
 
Pubblicato il 12/10/2016 ultima modifica il 14/10/2016 alle 07:40:41

 Riunione tecnica di Coordinamento a Gioiosa Jonica

 
Nella mattinata odierna, presieduta dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta presso i locali dell'Istituto scolastico comprensivo "D. Cento" di Gioiosa Jonica, una Riunione tecnica di Coordinamento dei vertici provinciali delle Forze di Polizia, con la partecipazione del Procuratore della Repubblica titolare della DDA  di Reggio Calabria, del Presidente e del Procuratore della Repubblica del Tribunale di Locri.

La riunione è stata convocata per la disamina della situazione dell'ordine e sicurezza pubblica del territorio della locride e di Gioiosa Jonica in particolare, anche a seguito del recente incendio della casa già in uso ad un collaboratore di giustizia ed in procinto di essere assegnata al Comune e, quindi, alla locale Parrocchia.

Nel corso dell'incontro sono stati anche ascoltati il Sindaco di Gioiosa Jonica ed il Dirigente scolastico del predetto Istituto.

Al termine, i Rappresentanti delle Istituzioni hanno incontrato gli studenti  e hanno risposto alle loro domande. Il dialogo si è sviluppato sui temi della legalità e del rispetto delle regole ed ha riguardato vari aspetti dell'attività amministrativa e giudiziaria.

Fra gli argomenti affrontati sono risultati particolarmente apprezzati dagli studenti, che al riguardo hanno posto interessanti quesiti, quelli relativi agli scioglimenti delle Amministrazioni comunali per mafia e dei poteri dei Commissari prefettizi, alle insidie derivanti dal c.d. dark (o deep) web e dei pericoli della rete internet in specie per gli adolescenti e quello attinente alla fiducia dei cittadini nelle Istituzioni.

Pubblicato il :

 Revocata la misura dell'accoglienza per 22 richiedenti asilo

 
Disposta dalla Prefettura di Reggio Calabria la revoca della misura dell'accoglienza nei confronti di 22 richiedenti asilo ospitati nella struttura di prima accoglienza sita in Gambarie di S. Stefano D'Aspromonte.
Il provvedimento prefettizio si è reso necessario dopo la segnalazione pervenuta anche dalla Caritas Diocesana di Oppido Mamertina Palmi, la quale ha rappresentato che i predetti, nei giorni scorsi, si erano resi protagonisti di diversi episodi di violenza e intemperanza all'interno della struttura sopracitata.
Nella circostanza sono intervenuti responsabili delle Forze dell'Ordine per riportare la calma tra gli ospiti del centro.
Il provvedimento adottato, su conforme avviso della Questura, ai sensi dell'art. art. 23, comma 1 lettera e), del D. Lgs. n. 142 del 18 agosto 2015, sarà eseguito a cura delle Forze di Polizia.
Pubblicato il :

 ELEZIONI COMUNALI DEL 13 NOVEMBRE 2016 PRESENTAZIONE LISTE E CANDIDATURE

 
La Prefettura di Reggio Calabria rende noto che per l'elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale di Africo e di San Ferdinando di domenica 13 novembre 2016, la presentazione delle candidature alla carica di Sindaco e delle liste dei candidati alla carica di Consigliere comunale dovrà essere effettuata dalle ore 8,00 alle ore 20,00 di venerdì 14 ottobre 2016 e dalle ore 8,00 alle ore 12,00 di sabato 15 ottobre 2016.

La presentazione delle liste con i relativi allegati deve essere fatta alla segreteria del Comune per il quale le candidature vengono proposte.

In entrambi i Comuni, le liste devono comprendere, oltre al candidato Sindaco, un numero di candidati a Consigliere comunale non superiore a 12 e non inferiore a 9 e devono essere sottoscritte da non meno di 30 e da non più di 60 elettori del Comune.

Le liste presentate saranno immediatamente trasmesse, a cura del Segretario comunale, alla competente Commissione Elettorale Circondariale che adotterà le proprie decisioni in ordine all'ammissione delle stesse entro domenica 16 ottobre 2016.

Allo scopo di garantire l'immediato rilascio delle certificazioni e l'espletamento degli adempimenti connessi alla presentazione delle liste, gli uffici dei Comuni di Africo e di San Ferdinando rimarranno aperti ininterrottamente nei giorni di venerdì 14 e sabato 15 ottobre 2016, negli orari previsti per la presentazione delle candidature, nonché nei giorni immediatamente precedenti, ossia martedì 11, mercoledì 12 e giovedì 13 ottobre 2016, anche nelle ore pomeridiane.

Per tutti gli aspetti di maggior dettaglio relativi alla presentazione delle liste di candidati, è consultabile sui siti istituzionali del Ministero dell'Interno (www.interno.gov.it/it) e di questa Prefettura (www.prefettura.it/reggiocalabria/) la Pubblicazione n. 5 contenente le " Istruzioni per la presentazione e l'ammissione delle candidature", predisposta dal Ministero dell'Interno.

Pubblicato il :

 Censimento di vulnerabilità degli edifici pubblici strategici e speciali

 
Prosegue l'azione del Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, sulle tematiche di protezione civile, più che mai attuali a seguito dei recenti eventi sismici del centro Italia. In detta occasione è emersa, fra l'altro, l'estrema vulnerabilità degli edifici pubblici strategici, imprevedibilmente coinvolti dagli effetti del sisma, alla stregua di qualsiasi fabbricato ad ordinaria destinazione.

E', pertanto, intenzione del Prefetto promuovere iniziative volte ad aggiornare i dati relativi ad un "Censimento di vulnerabilità degli edifici pubblici strategici e speciali" (scuole, ospedali, strutture di protezione civile, caserme ....) già effettuato, per l'Italia meridionale, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (pubblicato nell'anno 1998 dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile).

Al fine di affrontare dette problematiche è stata indetta una riunione presso questa Prefettura, alle ore 17.00 del prossimo 19 ottobre, alla quale sono invitati a partecipare l'Assessore Regionale alla Pianificazione Territoriale ed Urbanistica, il Presidente della Provincia, il Dirigente del Dipartimento Regionale della Protezione Civile e i Sindaci dei 19 Comuni sede di Centro Operativo Misto (COM), presso i quali, in caso di calamità sono coordinati i soccorsi d'emergenza, in raccordo con gli Organismi centrali.

Pubblicato il :

 Indetta procedura per l'affidamento del servizio di accoglienza e assistenza a stranieri minori non accompagnati

 
Il Prefetto della provincia di Reggio Calabria ha indetto una procedura aperta ai sensi degli artt. 35 e 60 D. Lgs. n. 50/2016 per l'affidamento del servizio di accoglienza e assistenza a cittadini stranieri minori non accompagnati secondo quanto prescritto dall'art. 19, comma 3 bis del D. Lgs. del 18 agosto 2015, n. 142 e ss. mm. ii., presso strutture temporanee da individuarsi nell'ambito della città di Reggio Calabria e provincia.

Nel bando di gara viene indicato un fabbisogno stimato in 250 posti destinati all'accoglienza di minori stranieri non accompagnati di età non inferiore ai 14 anni.

I centri di accoglienza, dovranno garantire - fra l'altro - servizi di assistenza generica alla persona, psico-socio-sanitaria, di pulizia e igiene ambientale, oltre che di erogazione pasti e di integrazione.

Il periodo di validità dell'affidamento della gestione dei minori stranieri non accompagnati è fissato dalla data di sottoscrizione delle convenzioni fino al 31 dicembre 2016, mentre il termine ultimo per richieste di informazioni di chiarimenti e/o informazioni è fissato per il 24 ottobre 2016 ore 11.00.

La presentazione delle offerta dovrà pervenire entro le ore 11.00 del 27 ottobre 2016.

Il predetto bando, con i relativi allegati, è consultabile sul sito di questa Prefettura alla voce "Procedura affidamento gestione minori stranieri non accompagnati".

Pubblicato il :

 VERTENZE SINDACALI IN PREFETTURA PER I DIPENDENTI DELLA DITTA SGS SRL

 
Nella mattinata odierna si sono tenuti presso questo il Palazzo del Governo due separati tentativi di conciliazione per il personale dipendente della società S.G.S srl.

Le riunioni sono state convocate dal Prefetto della provincia di Reggio Calabria, Michele di Bari, su richiesta dei rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali di categoria - CGIL FILCAMS per gli Uffici della D.I.A., CGIL FILCAMS, FISASCAT CISL E UILTRASPORTI per l'Università Mediterranea - che hanno proclamato lo stato di agitazione per protestare contro la mancata erogazione degli emolumenti del mese di agosto 2016 ed i continui e reiterati ritardi nell'erogazione degli stipendi dei lavoratori.

Agli incontri, coordinati dalla Prefettura, erano presenti il rappresentante della ditta SGS ed i delegati delle rispettive Organizzazioni Sindacali.

Il rappresentante della parte datoriale ha assunto l'impegno di erogare la mensilità oggetto della procedura entro il prossimo 13 ottobre per tutti i lavoratori.

Pubblicato il :

 Il Prefetto di Bari interviene alla Cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico presso l' Istituto Comprensivo a San Luca

Il Prefetto di Bari è intervenuto nella mattinata odierna alla cerimonia di Inaugurazione dell'anno scolastico 2016-2017 che si è svolta a San Luca presso l'Istituto Comprensivo Statale San Luca - Bovalino.

Alla manifestazione erano presenti il Presidente della Regione Mario Oliverio, il Presidente della Provincia Giuseppe Raffa, l'Assessore regionale alla Scuola, lavoro, welfare e politiche giovanili Federica Roccisano, il Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale Diego Bouchè, il Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Locri Salvatore Cosentino, il Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace Mons. Francesco Oliva il Dirigente Scolastico Carmela Rita Serafini e il Commissario prefettizio del Comune di San Luca Salvatore Gullì.

Anche in platea numerosi erano i Rappresentanti dello Stato e Amministratori locali a testimonianza della vicinanza dello Stato al territorio.

La cerimonia ha avuto inizio con l'esecuzione dell'Inno Nazionale da parte dei ragazzi dell'Istituto Comprensivo alla quale hanno fatto seguito gli interventi della Consulta provinciale degli studenti, dei bambini della scuola primaria di San Luca e delle Autorità.

Il Prefetto, nel suo intervento, ha evidenziato il valore simbolico della scelta di San Luca per la cerimonia di inaugurazione, paese ricco di storia e di tradizioni, ma afflitto da tante debolezze strutturali che ne comprometto la crescita sociale e civile.

Di Bari ha fatto, quindi, appello al senso dello Stato e di responsabilità dei cittadini di San Luca affinchè la Comunità locale torni democraticamente a amministrarsi attraverso il ritorno agli Organi elettivi.

In ultimo, il Prefetto ha voluto sottolineare il ruolo centrale che la scuola svolge nel campo dell'educazione dei giovani e della formazione delle coscienze per indirizzarli verso la legalità e il rispetto delle regole e per farsi artefici della crescita della propria terra.
 
 
Cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico presso l' Istituto Comprensivo a San Luca - Foto1
 
 
Cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico presso l' Istituto Comprensivo a San Luca - Foto2
 
 
Cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico presso l' Istituto Comprensivo a San Luca - Foto3
Pubblicato il :

 ELEZIONI COMUNALI DEL 13 NOVEMBRE 2016 - PROPAGANDA ELETTORALE

 
In vista dello svolgimento del turno elettorale straordinario di domenica 13 novembre 2016 per l'elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale di Africo e di San Ferdinando, questa Prefettura ha diramato ai Comuni interessati al voto una circolare nella quale sono indicate le scadenze e i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale, che si illustrano sinteticamente di seguito.

 

1) Assegnazione degli spazi per le affissioni di propaganda elettorale

L'affissione di stampati, giornali o manifesti di propaganda elettorale deve avvenire esclusivamente negli appositi spazi a ciò destinati dal Comune.

Pertanto, al fine di consentire alle liste dei candidati che parteciperanno alle elezioni di eseguire le affissioni, le Commissioni Straordinarie di Africo e di San Ferdinando, entro due giorni dalla ricezione delle comunicazioni sull'ammissione delle candidature, provvederanno ad assegnare appositi spazi da destinare alle affissioni elettorali.

 

2) Inizio della propaganda; divieto di alcune forme di propaganda; propaganda elettorale fonica su mezzi mobili

Dal trentesimo giorno antecedente quello della votazione, quindi da venerdì 14 ottobre 2016, sono vietati il lancio o getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico, la propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, nonché la propaganda luminosa mobile.

Durante detto periodo, l'uso di altoparlanti su mezzi mobili è consentito solo per preannunciare orario e luogo in cui si terranno comizi e riunioni di propaganda elettorale, e solo nel giorno in cui si svolgerà la manifestazione e in quello precedente.

 

3 ) Uso di locali comunali

A decorrere dal giorno di indizione dei comizi elettorali, i Comuni, sulla base di proprie norme regolamentari e senza oneri a proprio carico, sono tenuti a mettere a disposizione dei partiti e dei movimenti partecipanti alla competizione elettorale, in misura eguale fra loro, i locali di proprietà comunale già predisposti per conferenze e dibattiti.

 

4) Agevolazioni postali e fiscali

Sono previste agevolazioni fiscali (aliquota IVA al 4 per cento) per il materiale tipografico, l'acquisto di spazi d'affissione, di comunicazione politica radiotelevisiva, di messaggi politici ed elettorali su quotidiani, periodici e siti web, per l'affitto di locali e per gli allestimenti e i servizi connessi a manifestazioni, commissionati dai partiti e dai movimenti, dalle liste e dai candidati.

Le tariffe postali agevolate risultano invece soppresse a decorrere dal 1° giugno 2014.

 

5) Parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale.

Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e per tutto l'arco della campagna elettorale, si applicano le disposizioni della legge 22 febbraio 2000, n. 28 in materia di parità di accesso ai mezzi d'informazione e di comunicazione politica nonchè quelle contenute nella delibera n. 137/16/CONS in data 19 aprile 2016 (G. U. n. 93 del 21 aprile 2016) dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni .

 

6) Diffusione di sondaggi demoscopici
 
Nei 15 giorni antecedenti la data di votazione e quindi a partire da sabato 29 ottobre 2016 sino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull'esito delle elezioni e sugli orientamenti politici degli elettori, anche se tali sondaggi siano stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto.

 

7) Inizio del divieto di propaganda
 
Dal giorno antecedente quello della votazione, e quindi da sabato 12 novembre 2016 e fino alla chiusura delle operazioni di voto, sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, le nuove affissioni di stampati, giornali murali e manifesti.

Inoltre, nel giorno destinato alla votazione, è vietata ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di metri 200 dall'ingresso delle sezioni elettorali.
Pubblicato il :

 VERTENZA SINDACALE IN PREFETTURA PER I DIPENDENTI DELLA DITTA RADI SRL

 
Nella mattinata odierna si è tenuto presso questo il Palazzo del Governo il tentativo di conciliazione per il personale dipendente della società Ra.DI srl.

La riunione è stata convocata dal Prefetto Michele di Bari su richiesta dell'Organizzazione sindacale CGIL FILCAMS -GIOIA TAURO che ha proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti per protestare contro il ritardo nei pagamenti delle spettanze

All'incontro, coordinato dalla Prefettura, erano presenti i custodi giudiziari della Ra.DI. srl i ed il Segretario generale del CGIL FILCAMS -GIOIA TAURO.

Durante l'incontro è stato assicurato il pagamento delle mensilità di luglio e la corresponsione di un acconto per quella di agosto.

Tuttavia la curatela ha rappresentato che la mancanza di liquidità non consente di procedere nell'immediato ad ulteriori pagamenti.

Il segretario FILCAMS CGIL,  preso atto dei parziali pagamenti e della situazione rappresentata, ha mantenuto lo stato di agitazione, ma si è impegnato a non proclamare lo sciopero chiedendo il rinvio dell'incontro per consentire ai custodi giudiziari della Ra.DI. srl di effettuare accertamenti e verificare la possibilità di procedere ad ulteriori corresponsioni nei confronti dei dipendenti.
Pubblicato il :

 Un atto di conciliazione stipulato in Prefettura chiude il lungo contenzioso tra il Comune di Reggio Calabria e la Leonia Spa in Liquidazione.

 
Firmato oggi in Prefettura un atto di conciliazione tra il Comune Capoluogo, Leonia Spa, società partecipata comunale oggi in liquidazione ( della qual eil comune detiene il 51% delle quote sociali e Calabria Agenda Ambientale Srl, socio privato detiene il restante 49%)

L'Atto conciliativo sottoscritto pone così fine ad una complessa trattativa avviata da lungo tempo tra le parti e che aveva determinato già a maggio scorso il pignoramento da parte della Leonia di consistenti risorse finanziarie dell'Ente comunale, successivamente superato da un'intesa firmata nel mese di maggio.

Tuttavia, nelle scorse settimane un nuovo pignoramento disposto dalla Leonia Spa aveva determinato il blocco di tutte le somme necessarie all'Amministrazione comunale per far fronte ad importanti funzioni istituzionali ed attività di parte corrente, giungendo a mettere a rischio il pagamento degli stipendi dei dipendenti comunali e la possibilità di erogazione di servizi pubblici essenziali.

Gli incontri preliminari svolti in Prefettura sono valsi ad avvicinare le parti, favorendo positive intese conciliative.

Il nuovo atto di conciliazione consente all'Amministrazione comunale di  corrispondere secondo modalità sostenibili e tempi concordati  le  somme dovute per il pignoramento in corso, in modo che  la Leonia Spa possa rinunciare alla procedura monitoria avviata.

Le Parti, inoltre, hanno assunto l'impegno di istituire immediatamente un ulteriore tavolo di conciliazione al fine di definire un accordo transattivo definitivo, da concludersi entro il 30 marzo 2017, concernente tutti i giudizi pendenti nel quadro di chiari e reciproci rapporti di responsabilità.

L'Atto di conciliazione è stato sottoscritto dal Sindaco, dall'Assessore alle Finanze nonché da parte del Collegio dei Liquidatori di Leonia Spa in Liquidazione.

Ha aderito all'intesa anche il socio privato di Leonia Spa, Calabria Agenda Ambientale Arl.

Pubblicato il :

 Sbarco migranti

 
Come preannunciato, nella prime ore della  mattinata di oggi è attraccata nel Porto di Reggio Calabria la motonave "DIGNITY I "  con a bordo 425 migranti di cui 287 uomini, 67 donne, 71 minori (62 non accompagnati) ed il cadavere di una donna in gravidanza.

Alle operazioni di prima accoglienza e soccorso, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, hanno partecipato il personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri della Guardia di Finanza, del Comune Capoluogo, della Provincia, della Capitaneria di Porto, della Protezione civile regionale, dell'Azienda Ospedaliera, dell'USMAF, del SUEM 118 ed i volontari delle diverse Associazioni di volontariato presenti tra cui la Caritas, il Coordinamento Ecclesiale e la Croce Rossa Italiana, Medici del Mondo.

Al momento dello sbarco i migranti sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle Associazioni di volontariato. Sono stati forniti anche Kit igienico-sanitari, capi di abbigliamento e generi di primo conforto.

Nell'occasione è stata allestita a cura della Regione Calabria la tenda per il trattamento igienico - sanitario dei migranti con patologie cutanee.

I migranti sono stati trasferiti come da Piano di riparto predisposto dal Ministero dell'Interno nelle Regioni : Lombardia , Veneto, Emilia Romagna e Puglia.

I minori non accompagnati saranno collocati in idonee strutture individuate nell'ambito di questo territorio provinciale.

In questi momenti di particolare impegno e sacrificio il Prefetto, Michele di Bari, ha espresso parole di particolare apprezzamento e considerazione per coloro che senza tregua sono impiegati a prestare assistenza e soccorso ai migranti che arrivano in questo Porto.

Nel ricordare il significativo rapporto di collaborazione tra istituzioni, ormai da tempo sperimentato in questo Capoluogo, lo stesso Prefetto ha sottolineato la generosità e la grande professionalità delle donne e degli uomini della Prefettura, delle Forze dell'Ordine, degli Organismi e delle Associazioni umanitarie e del volontariato, del Comune, della Provincia, della Regione e dell'Azienda Sanitaria Provinciale.

Pubblicato il :

 Insediato dal Prefetto Michele di Bari il Comitato di coordinamento per prevenire i reati di truffa, in particolare di natura finanziaria nei confronti della popolazione di età più avanzata.

 
Il Prefetto Michele di Bari ha presieduto oggi, presso il Palazzo del Governo, la riunione di insediamento del Comitato di coordinamento per prevenire i reati di truffa, in particolare di natura finanziaria nei confronti della popolazione di età più avanzata.

L'Organismo, di cui fanno parte il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza e il Segretario della Commissione Regionale ABI Calabria, in rappresentanza dell'A.B.I., è previsto dal Protocollo d'intesa per la prevenzione delle truffe, in particolare di natura finanziaria agli anziani e alle persone dotate di bassa educazione finanziaria sottoscritto lo scorso 3 maggio tra il Ministero dell'Interno e l'Associazione Bancaria Italiana.

La riunione si è svolta in un clima di grande disponibilità e impegno a collaborare per mettere a punto una serie di iniziative di rilevanza sociale per il territorio provinciale.

In particolare si è convenuto di adottare un Vademecum, sulla scorta di linee guida già delineate dall'A.B.I., rivolto soprattutto alle fasce di popolazione più esposte al rischio di truffa, che, con un linguaggio semplice e diretto, fornirà suggerimenti e consigli generali per rafforzare la sicurezza riducendo i fattori di vulnerabilità e i comportamenti economicamente rischiosi. Al Vademecum sarà data la massima diffusione ai fini di una informazione capillare della cittadinanza.

Si è convenuto, inoltre, di effettuare un costante monitoraggio del reato di truffa sul territorio provinciale grazie al quale il Comitato potrà avere a disposizione una mappa sempre aggiornata di tutti gli eventuali nuovi fattori di rischio che possano tradursi in eventi criminosi e di tutte le buone pratiche da mettere a sistema sul territorio provinciale.

A conclusione dei lavori il Prefetto di Bari ha sottolineato l'importanza dell'iniziativa che suggella ulteriormente la collaborazione tra le Istituzioni, le Forze dell'Ordine e le banche nella strategia di prevenzione  e di contrasto a fenomeni criminali quali le frodi finanziarie i furti e le rapine a tutela delle fasce sociali più a rischio.

Condivisione degli obiettivi da perseguire per garantire i soggetti più deboli e più esposti a truffe finanziarie è stata espressa  dalle Forze dell'Ordine e dal Segretario della Commissione dell'ABI Calabria che hanno garantito il proprio contributo nelle iniziative che saranno intraprese.

Pubblicato il :

 Ricevuto stamane dal Prefetto Michele di Bari l'Ambasciatore U.S.A. Sig. John Phillips

Il Prefetto Michele di Bari ha ricevuto nella mattinata odierna, presso il Palazzo del Governo, l'Ambasciatore U.S.A. in Italia, Sig.John R. Phillips, in visita istituzionale in Calabria, accompagnato dal Console generale degli Stati Uniti d'America per il Sud Italia, Sig.ra Mary Ellen Countryman.

Durante l'incontro, caratterizzato da un clima di viva cordialità, sono stati affrontati i temi della sicurezza e dello sviluppo socio-economico della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Il Prefetto ha sottolineato i positivi risultati conseguiti dalla Magistratura e dalle Forze di Polizia nell'azione di contrasto alla criminalità organizzata. Ha, altresì, evidenziato l'impegno di tutte le Agenzie educative e della Scuola a cui è affidato il delicato compito di formare le giovani coscienze indirizzandole lungo il cammino della legalità e del rispetto delle regole. Infine il Prefetto ha posto l'accento sull'importante contributo che il ricco e variegato mondo dell'associazionismo e del volontariato di questa provincia dà alla crescita culturale e civile del territorio.

Particolare interesse è stato manifestato da parte dell'Ambasciatore alla realtà di questa Città Metropolitana e alle sue potenzialità e, più puntualmente, al porto di Gioia Tauro, infrastruttura ritenuta di importanza strategica nel contesto degli scambi commerciali.


Visita Ambasciatore U.S.A. Sig. John Phillips - Foto1

 


Visita Ambasciatore U.S.A. Sig. John Phillips - Foto2

 


Visita Ambasciatore U.S.A. Sig. John Phillips - Foto3
 
 
Pubblicato il :

 In arrivo nel Porto di Reggio Calabria la nave Supply Vessel 'Dignity I" con a bordo 417 migranti

 
E' previsto per domani l'arrivo nel Porto di Reggio Calabria della nave Supply Vessel "Dignity I" con a bordo 417 migranti, di cui 267 uomini, 58 donne e 92 minori, di cui 84 non accompagnati, appartenenti a varie nazionalità più un cadavere.

Le operazioni di primo soccorso e assistenza, coordinate dalla Prefettura, saranno prestate dal personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Comune Capoluogo, della Polizia Provinciale, della Capitaneria di Porto, dei Vigili del Fuoco, dell'USMAF, del SUEM 118 e dell'Azienda Ospedaliera, della Croce Rossa Italiana, dai Cavalieri dell'Ordine di Malta, dal Coordinamento Migranti della Caritas e da altre Associazioni di volontariato che con grande spirito di sacrificio e generosità si dedicano senza sosta all'accoglienza dei migranti.

Al momento dello sbarco i cittadini extracomunitari verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle Associazioni di volontariato.

Secondo il Piano di riparto predisposto dal Ministero dell'Interno i migranti saranno trasferiti presso strutture ubicate nelle Regioni Puglia, Veneto, Lombardia e Emilia Romagna.

I restanti saranno accolti presso Centri della regione Calabria.
Pubblicato il :

 Vertenza sindacale in prefettura per i dipendenti della ditta SGS impiegato presso l'ospedale di Polistena

 
Si è concluso positivamente il tentativo di conciliazione tenutosi in mattinata presso questo Palazzo del Governo  per il personale dipendente della ditta SGS impiegato presso l'ospedale di Polistena.

La riunione odierna è stata convocata dal Prefetto Michele di Bari  su richiesta dell'Organizzazione sindacale CGIL FILCAMS -GIOIA TAURO  che contestava il mancato pagamento della mensilità di agosto e asserite inadempienze contrattuali.

All'incontro, coordinato dalla Prefettura, erano presenti il responsabile dell'Ufficio del personale della SGS srl ed  il Segretario generale del CGIL FILCAMS -GIOIA TAURO.

A seguito di ampio confronto fra le parti la  procedura di conciliazione si è risolta positivamente con l'assunzione dell'impegno da parte del datore di lavoro di liquidare, entro questa settimana  la mensilità arretrata.

Lo stesso si è contestualmente impegnato ad  erogare  regolarmente la mensilità di settembre e, in ordine presunte inadempienze contrattuali a rivalutare, unitamente alle OO.SS. firmatarie del contratto, le prestazioni lavorative dei dipendenti.
Pubblicato il :

 Tempestivo intervento del Prefetto: prime partenze di minori stranieri non accompagnati dallo 'Scatolone"

 
E' tempestivo l'intervento del Prefetto Michele di Bari per mantenere gli impegni assunti lo scorso 27 settembre con le Associazioni sportive nel corso di una riunione tenutasi presso questo Palazzo del Governo.

In quella circostanza le predette Associazioni hanno ribadito la necessità che il Comune Capoluogo procedesse a trasferire i minori stranieri non accompagnati ospitati nella Palestra Viola (Scatolone), situata accanto allo Stadio Granillo ad altro luogo, per  garantire lo svolgimento della stagione sportiva.

Oggi un numero consistente di ragazzi è partito per il Centro di accoglienza di S.Fele, in provincia di Potenza, mentre un altro gruppo è  diretto alla volta di Torino.

Continuerà l'attività della Prefettura per il trasferimento dei minori migranti presso gli appositi Centri in altre province.

Pubblicato il :

 
Torna su