Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 Progetto “EU.praxis – percorsi per la diffusione della cultura della legalità”. Seminario sul tema “Modelli di integrazione accoglienza cittadini extracomunitari”

 
Coordinato da questa Prefettura, si è svolto nel pomeriggio odierno, presso la Scuola Allievi Carabinieri di questa città, il preannunciato Seminario sul tema “Modelli di integrazione accoglienza cittadini extracomunitari”. L’incontro ha avuto come relatori il Dirigente dell’Area Diritti Civili, Cittadinanza, Condizione Giuridica dello Straniero, Immigrazione e Diritti d’Asilo della Prefettura, il referente della Caritas diocesana e Responsabile Internazionale Immigrazione per la Comunità “Papa Giovanni XXIII” e il Responsabile dell’Ufficio Affari Generali del Comune di Condofuri, responsabile del Progetto S.P.R.A.R.. Tra il pubblico rappresentanti delle Associazioni di volontariato, del mondo scolastico e gli allievi della Scuola Allievi Carabinieri.

L’iniziativa  si è tenuta nell’ambito del Progetto denominato  “EU.praxis - percorsi per la diffusione della cultura della legalità” che  sta attuando la Prefettura in collaborazione con l’Istituto Tagliacarne, l’Associazione Libera – Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie e l’Università Telematica “Universitas Mercatorum”.
Pubblicato il :

 Concluse nella tarda mattinata di oggi nel porto di Reggio Calabria le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo della nave “Bourbon Argos”

 
Si sono concluse nella tarda mattinata di oggi nel porto di Reggio Calabria le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo della nave “Bourbon Argos”.

I 718 migranti, di  nazionalità prevalentemente eritrea, all’arrivo in porto sono stati accolti dal dispositivo di accoglienza coordinato dalla Prefettura di Reggio Calabria, visitati e rifocillati.

Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.

Al momento dello sbarco i migranti  sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. 

E’ in corso il trasferimento dei migranti presso le strutture della Toscana, Campania e del Veneto in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
Pubblicato il :

 Progetto EU.Praxis – percorsi per la diffusione della cultura della legalità. Seminario sul tema “Modelli di integrazione e accoglienza cittadini extracomunitari”

 
La Prefettura di Reggio Calabria, nell’ambito del PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007/2013, sta attuando un Progetto denominato  “EU.praxis - percorsi per la diffusione della cultura della legalità”, che prevede, tra le altre iniziative, lo svolgimento di Seminari informativi su tematiche di particolare interesse (beni confiscati, immigrazione e modelli di integrazione, attività di prevenzione e contrasto ai fenomeni del racket e dell'usura).

Il prossimo 30 luglio  si terrà presso la  Scuola Allievi Carabinieri in via PIO XI, Reggio Calabria, con inizio alle ore 16.00, il Seminario sul Tema  “Modelli di integrazione  accoglienza cittadini extracomunitari” L’incontro si propone come un’occasione di informazione e confronto su esperienze e buone pratiche in materia di accoglienza e integrazione dei cittadini extracomunitari. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito istituzionale di questa Prefettura ( www.prefettura.it/reggiocalabria )   sulla sezione EU. praxis ( www.progettoeupraxis.it ) dal quale è possibile scaricare la scheda di partecipazione.

Pubblicato il 28/07/2015 ultima modifica il 29/07/2015 alle 13:12:51

 Arrivo in giornata odierna nel Porto di RC di pattugliatore della Guardia di Finanza con a bordo 53 migranti

 
Nella tarda serata di ieri si è appreso dell’arrivo per la giornata di  oggi nel Porto di Reggio Calabria di un pattugliatore della Guardia di Finanza con  a bordo 53 migranti di asserita nazionalità siriana e palestinese.

 I predetti migranti (di cui14 uomini, 25 donne e 14 minori), non appena sbarcati sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. 

Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.
Pubblicato il :

 Pianificazione di emergenza in caso di eccessivo afflusso di automezzi agli imbarchi di Villa San Giovanni - Esodo Estivo

Convocato dal Prefetto Claudio Sammartino, si è riunito, nella giornata di ieri, il Comitato Operativo per la Viabilità per verificare e aggiornare le Linee operative per la gestione del traffico veicolare in transito per Villa San Giovanni diretto in Sicilia, in caso di criticità determinatasi per afflusso di veicoli eccedente le normali possibilità di imbarco e per pianificare le attività necessarie a garantire la sicurezza della circolazione stradale, in occasione dell’esodo estivo.

All’incontro, che segue una precedente riunione tenutasi lunedì scorso, hanno partecipato i Rappresentati del Capoluogo, dei Comuni di Villa San Giovanni e di Campo Calabro, della Provincia, della Direzione Marittima della Calabria e della Basilicata, della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, del Compartimento della Polizia Stradale, del Reparto Volo della Polizia di Stato, dei Vigili del Fuoco, dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro, dell’Anas, del 118 SUEM, delle Società di navigazione “Bluferries” e “Caronte & Tourist”.

Nel corso della riunione sono state verificate e aggiornate le succitate  Linee operative tenendo conto anche dell’ammodernamento del tracciato  dell’autostrada A3.

La Pianificazion e è articolata in tre fasi codificate: fase 1 emergenza,  fase 2  emergenza grave, fase 3   emergenza gravissima.

La fase di emergenza  (1) si verifica  quando il flusso veicolare per la Sicilia viene alterato per il formarsi di file di automezzi che, superato l’ambito urbano di Villa San Giovanni, interessano l’inizio del raccordo autostradale.

Nella fase 1, per far defluire i veicoli in attesa di imbarcarsi, una pattuglia della Polizia stradale indirizzerà i veicoli provenienti dall’autostrada sulla corsia di pertinenza secondo la destinazione (imbarchi o centro urbano). Nel contempo  una pattuglia delle Forze dell’Ordine, posizionata all’ingresso di Villa San Giovanni,  controllerà  che i veicoli in attesa di imbarco si incolonnino nei piazzali di “RFI” e della “Caronte & Tourist”, mentre  altre pattuglie poste agli incroci strategici di quel Centro regoleranno la circolazione tra i veicoli diretti all’imbarco e quelli in transito per il Centro cittadino o zone limitrofe. Inoltre, verrà impedito a tutti gli automezzi di accedere alla zona portuale dal sottopasso del ponte per via Riviera, in modo che i veicoli per imbarcarsi debbano seguire un percorso obbligato, indicato dalle pattuglie delle Forze dell’Ordine. 

La fase di emergenza grave (2) si verifica quando, dopo il riempimento dei piazzali di sosta delle Ferrovie dello Stato e delle Società di navigazione, gli automezzi raggiungono il punto di confluenza dei raccordi autostradali, ubicati a circa 1 km dai suddetti piazzali. In questa fase, oltre le procedure individuate per la fase 1, sarà consentito il deflusso dei veicoli provenienti dalla Sicilia e diretti verso l’autostrada attraverso il varco d’accesso posto a margine del piazzale di RFI e verrà chiuso lo svincolo autostradale di Villa San Giovanni nord. Di conseguenza il traffico proveniente da Reggio Calabria e diretto in quel Centro dovrà utilizzare lo svincolo di Campo Calabro nord, mentre i veicoli che devono traghettare devono proseguire fino allo svincolo di Santa Trada.

La fase di emergenza gravissima (3) si verifica quando la lunghezza della colonna in sosta sull’autostrada raggiunge la lunghezza di 1,5 Km dal nuovo svincolo per Villa San Giovanni sud e  si prevede un ulteriore incremento della stessa. Questa è la fase più grave che potrebbe comportare l’utilizzo dell’area ASI di Campo Calabro. Infatti  per far defluire i veicoli  in sosta sull’autostrada, una pattuglia della Polizia stradale indirizzerà i veicoli in sosta sull’autostrada che devono imbarcarsi verso lo svincolo di Campo calabro sud da dove, attraverso la strada dell’ASI saranno riammessi sull’autostrada per raggiungere Villa San Giovanni  utilizzando la corsia di accelerazione di Campo Calabro.

I Comuni di Villa San Giovanni e di Campo Calabro provvederanno a fornire assistenza ai passeggeri dei mezzi in attesa di imbarco con propri dipendenti o con Associazioni di volontariato anche fornendo acqua potabile e generi di conforto.

In questa fase, i Vigili del Fuoco potranno intervenire con un’autobotte per alleviare i disagi dei viaggiatori in sosta irrorando con getti d’acqua le strade.

Le misure sopra descritte sono commisurate alla fase di emergenza da affrontare che, di volta in volta, sarà attivata dalla Prefettura, previa segnalazione sullo stato del traffico veicolare da parte della Polizia stradale.

Il coordinamento delle componenti impegnate nelle tre fasi di emergenza (Polizia di Stato, Carabinieri,  Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Capitaneria di Porto di Villa San Giovanni, Polizia provinciale, Polizie Municipali di Villa San Giovanni e di Campo Calabro, Anas,  Società di navigazione Bluferries e Caronte & Tourist) sarà assunto dal Comandante della Polizia stradale che curerà le comunicazioni  tra i diversi soggetti coinvolti nella gestione dell’emergenza.

 Nel contempo, tramite il Comitato Operativo per la Viabilità, attivo presso la Prefettura, verrà costantemente monitorata, con l’ausilio delle varie sale operative delle Forze dell’Ordine e dell’Anas, la situazione viaria al fine di garantire una tempestiva informazione  agli automobilisti.

L’informazione all’utenza sarà assicurata attraverso i pannelli a messaggio variabile posti sull’autostrada lungo la carreggiata sud che devono essere aggiornati in tempo reale sulle condizioni della viabilità, partendo dal pannello a messaggio variabile all’altezza di Rosarno, lo stesso messaggio potrà essere riportato anche sui pannelli posti all’ingresso delle gallerie lungo la carreggiata sud fino a Villa San Giovanni, con idonea segnaletica mobile posizionata sulla carreggiata sud a partire da Scilla fino a Villa San Giovanni e sulla carreggiata nord a partire da Reggio Calabria fino a Villa San Giovanni, con il servizio web viabilità e traffico, con l’utilizzo del portale televideo Rai e i collegamenti in diretta con i notiziari Ondaverde, nonché tramite le emittenti televisive e radiofoniche nazionali e locali.

Nel corso della riunione del Comitato Operativo per la Viabilità è stata, altresì, prevista la predisposizione di attente misure per la massima tutela della sicurezza degli automobilisti, soprattutto nelle giornate considerate a rischio dal “Piano di Esodo Estivo”.

Gli Enti e le Istituzioni interessate programmeranno, anche attraverso turni di reperibilità, la maggiore presenza in servizio di personale nelle giornate contrassegnate da “ bollino rosso”  allo scopo di garantire interventi urgenti di soccorso e ripristino della transitabilità in sicurezza.

Nell’occasione sono stati verificati i percorsi stradali alternativi da utilizzare in caso di necessità.

Le predette Linee operative sono immediatamente esecutive e avranno un periodo di sperimentazione di 3 mesi , al termine dei quali sarà convocata un’apposita riunione con tutte le componenti del sistema per testarne l’efficacia e la rispondenza alle esigenze.       

Le Linee operative in argomento saranno pubblicate sul sito della Prefettura e degli altri siti istituzionali degli Enti interessati.
 
Pubblicato il 24/07/2015 ultima modifica il 24/07/2015 alle 14:36:38

 Vertenza Società autoservizi Lirosi - riunione presso la Prefettura

 
Nella mattinata di oggi si è tenuta, presso la Prefettura, una riunione volta a definire le questioni che nei giorni scorsi hanno spinto le Organizzazioni Sindacali, Confederali e RSA, della FILT CGIL, FIT CISL, UIL TRASPOSRTI e SUL, a proclamare lo stato di agitazione di dipendenti della Società AUTOSERVIZI LIROSI di Gioia Tauro.

Presenti, per la parte datoriale, il Direttore Generale dell’Azienda e, per la parte sindacale, i rappresentanti della FILT CGIL, UIL TRASPORTI e SUL.

Oggetto della vertenza erano, fra le altre rivendicazioni, l’organizzazione del lavoro e l’utilizzo, nel periodo estivo, del personale della Società in altri servizi. 

La mediazione è valsa a ricomporre i rapporti tra le parti e riannodare il dialogo tra Sindacati e Azienda a vantaggio dei lavoratori e dell’utenza di un servizio di particolare rilievo quale il trasporto pubblico.
Pubblicato il :

 Concluse le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo del rimorchiatore “Poseidon”

 
Si sono concluse nella tarda mattinata di oggi nel porto di Reggio Calabria le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo del rimorchiatore “Poseidon”.
I 328 migranti, di cui 226 uomini, 64 donne (di cui 2 in stato di gravidanza) e 38 minori, di varie etnie africane, all’arrivo in porto sono stati accolti dal dispositivo di accoglienza coordinato dalla Prefettura di Reggio Calabria, visitati e rifocillati.
Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.
Al momento dello sbarco i migranti  sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. 
E’ in corso il trasferimento dei migranti presso le strutture del Veneto, Lombardia e Piemonte, in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.  
Pubblicato il :

 Messaggio di apprezzamento per l'operazione di polizia giudiziaria denominata "Gambling"

 
Con una brillante operazione di polizia giudiziaria, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Dia e la Polizia di Stato, coordinati dalla locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, hanno eseguito 47 provvedimenti di applicazione di misure cautelari, disarticolando una delle più importanti organizzazioni di ‘ndrangheta attive nel settore del gioco legale e illegale ed eseguendo sequestri preventivi per un valore di 2 miliardi di euro circa.
Il gruppo criminale, che gravitava nell’orbita delle più pericolose cosche di ‘ndrangheta,  gestiva in maniera diretta e indiretta concessioni governative, licenze e autorizzazioni per l’esercizio di sale scommesse su tutto il territorio provinciale e nazionale monopolizzando la diffusione dei siti web per il gioco del poker on line mediante una tipica strategia criminale a livello imprenditoriale, ma anche con strumenti di pressione e intimidazione tipici del metodo mafioso.
La struttura criminale reinvestiva i proventi illeciti in società operanti nel gioco on line nazionali ed internazionali ubicate a Malta, nelle Antille olandesi, a Panama e in Romania.
L’attività giudiziaria nel settore del gioco legale e illegale si inserisce, fra l’altro, nel contesto più ampio dei controlli del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione del gioco illegale, della sicurezza del gioco legale e della tutela dei minori e dei soggetti vulnerabili.
Il Prefetto rivolge un messaggio di sincero compiacimento e vivo apprezzamento agli esponenti della Magistratura, alle donne e agli uomini del Comando Provinciale dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Dia e della Polizia di Stato che, con determinazione e professionalità, hanno inferto un ulteriore duro colpo alle cosche di ‘ndrangheta in un settore, dagli intuibili risvolti sociali.
Il risultato giudiziario conseguito contribuisce a rafforzare la fiducia dei cittadini calabresi nelle Istituzioni dello Stato impegnate, in un costante rapporto sinergico, a prevenire, contrastare e reprimere la pervasività della ‘ndrangheta nel tessuto sociale, civile ed economico della provincia contrastando ogni forma di illegalità che inquini il sistema dell’economia legale e della libera concorrenza.
Pubblicato il :

 Messaggio di apprezzamento per l'operato dei Vigili del Fuoco

 
Il Prefetto Claudio Sammartino manifesta convinto apprezzamento per l’ulteriore prova di infaticabile attività messa in atto dai Vigili del Fuoco di Reggio Calabria in occasione della carenza idrica determinatasi nei giorni scorsi nella zona sud della Città.
I Vigili del Fuoco, pur costantemente impegnati nell’azione di prevenzione e contrasto al fenomeno degli incendi e, peraltro, attivi in alcune zone della provincia nelle stesse ore, hanno dato il loro decisivo contributo all’Amministrazione comunale per alleviare i disagi della popolazione dei quartieri di Sbarre e Gebbione dove si è registrato un disservizio negli impianti  idrici.
I Vigili, con un servizio continuo di autobotti, hanno fornito ai cittadini di quei quartieri ben 30.000 litri d’acqua per uso domestico.
In tal modo è stato ulteriormente confermata la costante attenzione degli Organi dello Stato nei confronti delle criticità di questa provincia e delle problematiche de cittadini e delle famiglie di questo Capoluogo.
Pubblicato il :

 Concluse le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo della nave “Bourbon Argos”

Si sono concluse nella tarda mattinata di oggi nel porto di Reggio Calabria le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo della nave “Bourbon Argos”.
I 666 migranti, di cui 551 uomini, 110 donne ( 14 in stato di gravidanza) e 5 minori, di nazionalità di varie etnie africane, all’arrivo in porto sono stati accolti dal dispositivo di accoglienza coordinato dalla Prefettura di Reggio Calabria, visitati e rifocillati.
Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.
Al momento dello sbarco i migranti  sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto.
E’ in corso il trasferimento dei migranti presso le strutture del Veneto, Lombardia, Piemonte, Toscana, Campania, Liguria in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
 
Pubblicato il :

 In arrivo la nave "Bourbon Argos” con a bordo 661 migranti

 
Nella prima mattinata di domani è previsto l’arrivo nel Porto di Reggio Calabria della nave “Bourbon Argos” con a bordo 661 migranti, di cui 551 uomini, 110 donne e 5 minori, di varie etnie africane.

Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, saranno prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.

Al momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto.  I migranti saranno trasferiti in strutture del Veneto, Lombardia, Piemonte, Toscana, Campania, Liguria in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
Pubblicato il :

 Riunione di coordinamento della campagna antincendi boschivi e di interfaccia per la stagione estiva 2015

 
Convocata dal Prefetto Claudio Sammartino, si è svolta in data odierna  presso questo Palazzo del Governo una riunione operativa diretta al coordinamento della campagna antincendi boschivi e di interfaccia per la stagione estiva 2015, anche alla luce degli indirizzi operativi diramati dal Dipartimento Nazionale della Protezione civile e dal Ministero dell’Interno.

All’incontro erano presenti i Rappresentanti delle Forze dell'Ordine, del Corpo Forestale dello Stato, dei Vigili del Fuoco, i Dirigenti del Settore della Protezione Civile  della Regione, del Comune di Reggio Calabria e della Provincia, il Dirigente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, i Rappresentanti della Direzione Marittima della Calabria e della Lucania,  della Polizia Provinciale e dell’ANAS.

Nel corso della riunione è stato evidenziato che il Prefetto, nei giorni scorsi, ha richiamato l’attenzione di tutte le componenti istituzionali che concorrono nell’attività di prevenzione e di contrasto all’annosa e delicata  problematica degli incendi boschivi e di interfaccia.

In particolare ha ricordato alle Amministrazioni comunali l’importanza della predisposizione e del costante aggiornamento delle Pianificazioni comunali d’emergenza anche nella parte relativa agli incendi di interfaccia, nelle quali sono previsti, tra gli altri, gli interventi di competenza degli Enti locali sia in fase operativa, sia per quel che concerne l’informazione alla popolazione, sia per quanto attiene alle modalità di raccordo informativo con le Strutture regionali, con la Prefettura, con le Forze dell’Ordine e gli altri Organi d’intervento.

In tale contesto, peraltro,  particolare rilevanza assume la collaborazione offerta dalle componenti del Volontariato, che possono operare  secondo le modalità stabilite dalla Regione Calabria.

Nel contempo, il Prefetto ha invitato i predetti Amministratori all’aggiornamento del catasto delle aree percorse dal fuoco, con la conseguente applicazione dei vincoli previsti dalla legge, nonché  a porre in essere ogni azione a carattere preventivo per la ulteriore riduzione del rischio, anche solo potenziale, di innesco e di propagazione degli incendi boschivi, in particolare nelle fasce perimetrali delle zone antropizzate, delle infrastrutture strategiche, della rete viaria e nelle aree di pregio ambientale e naturalistico.

Un particolare invito è stato, quindi,  rivolto dal Prefetto anche agli Enti proprietari delle reti stradali e ferroviarie, ognuno dei quali, per quanto di competenza, dovrà procedere, con la massima urgenza, alla rimozione della vegetazione erbacea lungo i percorsi della rete stradale e ferroviaria.                             

Tale coordinamento deve ricomprendere non solo  la fase dello spegnimento degli incendi, ma anche e soprattutto quella di prevenzione accompagnata  da un capillare controllo del territorio, reso più efficace dal modello operativo ispirato alla  sicurezza partecipata.

 Nel corso dell’incontro, è stato ribadito l’impegno a collaborare nell’azione di prevenzione e contrasto al fenomeno degli incendi, con mirati servizi resi più efficaci dalla circolarità e tempestività delle informazioni tra le Sale Operative degli Enti e delle Istituzioni coinvolte e dall’attività di avvistamento sia a terra, che a mare, svolta dalle diverse componenti del sistema sicurezza nell’ambito delle specifiche attività di istituto.

Dal prossimo 20 luglio sarà, inoltre,  pienamente operativa la SOUP regionale che opererà in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, essendo stata sottoscritta lo sorso 2 luglio la convenzione con Calabria Verde ai fini del  coordinamento tecnico  delle attività di  rilevazione e spegnimento degli incendi boschivi.

Il Rappresentante dei Vigili del Fuoco ha confermato l’impegno fattivo dei propri uomini sul fronte degli incendi, con particolare riferimento alle zone antropizzate. 

L’Ente Parco ha comunicato l’attivazione del Piano Anti Incendi Boschivi.
Pubblicato il :

 Concluso arrivo migranti giunti a bordo di nave inglese

Si sono concluse nella tarda serata di ieri nel porto di Reggio Calabria le operazioni di sbarco dei migranti giunti a bordo di una nave inglese.
I 190 migranti (183 uomini e 6 donne delle quali una  incinta), temporaneamente ospitati per la notte decorsa in strutture del Capoluogo, verranno trasferiti secondo il piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
Tutti i migranti all’arrivo in porto sono stati accolti dal dispositivo di accoglienza coordinato dalla Prefettura di Reggio Calabria, visitati e rifocillati.
Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.

 
Pubblicato il :

 Osservatorio provinciale per la sicurezza stradale.

 
Interventi di miglioramento delle strade da parte degli Enti proprietari e iniziative di prevenzione e di repressione. 
Riunione, questa mattina, presso il Palazzo del Governo, dell’Osservatorio provinciale sulla sicurezza stradale, di recente costituito dal Prefetto Claudio Sammartino  nell’ambito della Conferenza Provinciale Permanente, con l’obiettivo di effettuare un monitoraggio dei sinistri stradali e di avviare una connessa attività di analisi e di approfondimento delle principali cause degli stessi, al fine di  indirizzare prioritariamente le iniziative degli Enti proprietari delle strade, anche con l’ausilio della georeferenziazione degli incidenti nell’ambito provinciale.
In una prospettiva di governance finalizzata ad incrementare i livelli di sicurezza stradale e ad incentivare il rispetto delle norme che regolano la circolazione veicolare, l’aggiornamento costante di una mappa degli incidenti stradali costituisce, infatti, un importante  strumento conoscitivo per orientare in maniera mirata i servizi di prevenzione delle Forze dell’Ordine e. nel contempo, utile indicatore per gli interventi, soprattutto di carattere manutentivo e di miglioramento del tracciato e della segnaletica, da realizzare sulle arterie maggiormente “a rischio”.
Nell’introdurre la riunione è stato, innanzitutto,  evidenziato che, a seguito delle richieste del Prefetto, in sede sia di Conferenza provinciale permanente, svoltasi lo scorso 15 dicembre 2014,  sia di Riunioni di Coordinamento delle Forze dell’Ordine, sono state già avviate diverse iniziative da parte dell’Anas.
In particolare,  la detta Società  ha svolto diversi interventi sulla SS 682 (Jonio – Tirreno):
  • lavori di rifacimento di 12 chilometri di pavimentazione per un investimento complessivo di 2,26 mln di euro;
  • sostituzione di barriere stradali per un investimento di 1,246 mln di euro;
  • installazione di 6 postazioni fisse per l’alloggiamento  di altrettanti strumenti per il controllo elettronico della velocità, come richiesto dallo stesso Prefetto nel corso della summenzionata riunione della Conferenza provinciale permanente;
  • interventi di efficientamento dell’impianto di illuminazione e di quello ventilazione nella galleria “Limina” per un investimento complessivo di 4,9 mln di euro;
  • redatto il progetto dell’impianto antincendio della detta galleria  il cui finanziamento dell’importo di 1,45 mln di euro è in fase di approvazione;
Durante la riunione, inoltre, è stato evidenziato che le Forze dell’Ordine hanno incrementato, su direttiva del Prefetto, anche i servizi di vigilanza stradale, con particolare riguardo alla S.S. 682 e alla S.S.106 Jonica: sono in corso, infatti, dai primi giorni di luglio, mirati servizi lungo i predetti assi viari, nei giorni e nelle ore di maggiore criticità.
Nell’occasione sono stati esaminati i dati raccolti su tutti gli incidenti stradali accaduti in questo territorio nel primo semestre del 2015. Detti dati saranno oggetto, nelle prossime settimane, di  confronto con quelli del 2013 e del 2014 già inseriti nella banca dati e costituiranno la base per la predisposizione di una mappa dei punti stradali più critici, anche con riferimento alle  specifiche cause dei sinistri verificatisi.
E ciò per indirizzare le Forze dell’Ordine negli interventi di prevenzione e repressione delle condotte pericolose e gli Enti proprietari sulle iniziative di miglioramento strutturale degli impianti stradali.
Alla riunione sono intervenuti, su invito, i Rappresentanti delle Associazioni di “Basta vittime sulla S.S. 106”, “Stefania Sità” e “Basta vittime della strada e sulla strada”. Questi ultimi, nel ringraziare per l’attenzione che viene riservata alla sicurezza stradale, anche mediante il coinvolgimento diretto della società civile, hanno ribadito l’esigenza che siano costantemente monitorate le cause che incidono sulla sinistrosità nell’obiettivo di sensibilizzare gli Enti proprietari delle strade ad avviare incisivi interventi, anche strutturali.
All’incontro hanno partecipato i Rappresentanti delle Forze dell’Ordine e degli Enti proprietari delle strade, statali e provinciali.
L’Osservatorio Provinciale sulla Sicurezza Stradale si riunirà periodicamente.
 
Pubblicato il :

 Controlli nella Locride e Sicurezza Partecipata

 
Convocata dal Prefetto si è tenuta in data odierna una riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per aggiornare lo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica nel territorio della Locride, anche con riferimento ai recenti episodi verificatosi in quel territorio e, in particolare nel Comune di Ardore.
All’incontro hanno partecipato i Responsabili provinciali delle Forze di Polizia, il Procuratore Distrettuale della Repubblica, titolare della D.D.A.,  il Procuratore della Repubblica di Locri e il Vice Sindaco di Ardore.
E’ stato preso atto che in relazione agli eventi criminosi sono state tempestivamente  avviate investigazioni ed indagini da parte delle Forze dell’Ordine. E’ stato rilevato che tali accertamenti potrebbero essere fortemente agevolati dalla collaborazione dei cittadini, soprattutto per le modalità di tempo e di luogo in cui sono avvenuti i fatti criminosi.
Sotto il profilo della sicurezza e delle attività di prevenzione, si evidenzia che il territorio della Locride è costantemente monitorato da parte delle Forze dell’Ordine con mirati servizi di prevenzione e controllo, improntati alla massima visibilità, con un significativo impegno di uomini, risorse e mezzi.
Nella prima settimana di luglio quell’area è stato interessata, ancora una volta da straordinari servizi interforze estesi anche nel Comune di Bovalino, organizzati nell’ambito del Piano di Azione Nazionale e Transnazionale “Focus ‘ndrangheta, le cui linee strategiche sono state pianificate in Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.
Il Prefetto ha sottolineato che nella settimana in esame e nel comprensorio sono state controllate 993 persone, 697 autoveicoli ed effettuate 29 perquisizioni personali, 43 perquisizioni domiciliari, 28 controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari, nonché denunciate 2 persone per inosservanza alle prescrizioni contenute nel foglio di via obbligatorio, elevati 8 verbali per violazioni al Codice della Strada e controllati 7 esercizi commerciali.
Il Vice Sindaco di Ardore ha, da parte sua, confermato la costante attenzione da parte dello Stato nella zona.
Tale incisiva e massiccia attività di prevenzione e controllo verrà ulteriormente riproposta e incrementata nei prossimi periodi.
Peraltro, in un'ottica di sicurezza partecipata ciascuno ( Enti Locali e cittadini) nell’ambito delle proprie competenze può fornire il proprio contributo alla tutela del bene comune, rappresentato dalla sicurezza, in primo luogo contrastando ogni forma di illegalità e invitando alla collaborazione.
In tale prospettiva ognuno è protagonista (Enti locali e cittadini) della salvaguardia della convivenza civile.
In tale contesto è stato invitato il Sindaco a promuovere e favorire anche l'utilizzo dei dispositivi di prevenzione passiva, anche attraverso il rafforzamento dei sistemi tecnologici di videosorveglianza, come segnalato dalla stessa Amministrazione.
Pertanto, è stato invitato il Comune di Ardore a predisporre la progettazione per la videosorveglianza del territorio comunale (d’intesa con le locali Forze dell’Ordine per l’individuazione dei punti critici dello stesso territorio), impianto che dovrà essere interconnesso con le Sale operative delle Forze di Polizia.
Tale progettazione dovrà essere sottoposta, come prescritto, alla preventiva valutazione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.
L’Amministrazione di Ardore è stata, inoltre, invitata a rendersi promotrice di iniziative per favorire e incrementare la collaborazione attiva della cittadinanza nei confronti delle Forze dell’Ordine, incoraggiando a superare e abbattere le barriere di omertà che talora si frappongono e non agevolano l’operato delle Forze di Polizia.
Pubblicato il :

 In arrivo la nave Phoenix con a bordo 267 migranti di varie nazionalità.

 
Nella mattinata di domani 10 luglio, nel Porto di questo Capoluogo, attraccherà la nave Phoenix con a bordo 267 migranti, di varie nazionalità.
Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, saranno prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.
Al momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. 
Pubblicato il :

 Progetto “EU.praxis – percorsi per la diffusione della cultura della legalità”. Seminario sul tema “Azioni di contrasto al racket e all’usura”

Coordinato da questa Prefettura, si è svolto nel pomeriggio dello scorso 2 luglio, presso la Scuola Allievi Carabinieri di questa città, il preannunciato Seminario sul tema “Azioni di contrasto al racket e all’usura”. L’incontro, coordinato da questa Prefettura, ha avuto come relatori il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, il Dirigente della Area Ordine e Sicurezza Pubblica della Prefettura,  Viceprefetto Francesco Campolo, don Marcello Cozzi di Libera e Giuseppe Baldessarro, giornalista di Repubblica.

Tra il pubblico, i vertici delle Forze di Polizia e della D.I.A., i rappresentanti delle Associazioni di categoria e delle Associazioni antiracket e antiusura.

L’iniziativa  si è tenuta nell’ambito del Progetto denominato  “EU.praxis - percorsi per la diffusione della cultura della legalità” che  sta attuando la Prefettura in collaborazione con l’Istituto Tagliacarne, l’Associazione Libera – Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie e l’Università Telematica “Universitas Mercatorum”.
 
  
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Arrivata nel Porto di Reggio Calabria la nave “Dattilo” con a bordo 904 migranti

Nella prima mattinata di oggi è arrivata nel Porto di Reggio Calabria la nave “Dattilo” con a bordo 904 migranti, di cui 697 uomini, 147 donne ( 3 in stato di gravidanza) e 60 minori. La nazionalità dei migranti: Marocco, Libia, Nigeria, Sudan, Eritrea, Somalia, Costa d’Avorio, Togo, Guinea, Siria, Palestina, Tunisia, Pakistan.
Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono state prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana. Al momento dello sbarco i migranti sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto.  Sono stati registrati diversi casi di scabbia e la presenza di minori non accompagnati ( n. 27 di cui 22 maschi). I migranti saranno trasferiti in strutture del Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Campania, Abruzzo, Marche, Liguria ed alle Province autonome di Trento e Bolzano, in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.     
 
Pubblicato il :

 Costituzione della Commissione Censuaria locale di Reggio Calabria.

 
Richiesta designazione dei componenti ai sensi degli artt. 3 e 4 del decreto legislativo 17 dicembre 2014, n. 198.
 
In attuazione della legge delega per la riforma fiscale, il Governo ha approvato il Decreto Legislativo 17 dicembre 2014, n. 198. Il decreto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 9 del 13/01/2015, ridefinisce la composizione, le attribuzioni ed il funzionamento delle commissioni  censuarie locali che sono articolate in sezioni; tali sezioni sono competenti:
  • una in materia di catasto dei terreni; 
  • una in materia di catasto urbano; 
  • una, in fase di prima attuazione, specializzata in materia di revisione del sistema estimativo del  catasto dei fabbricati.
La normativa prevede che la nomina dei componenti - di cui 6 effettivi e 6 supplenti, oltre al Presidente - venga effettuata dal Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione ha sede la commissione, sulla base della designazione dell’Agenzia delle Entrate, dell’ANCI e del Prefetto competente per territorio.
In particolare, per quanto riguarda i componenti designati dal Prefetto, sarà compito del rappresentante del Governo designare tre componenti effettivi e tre supplenti, di cui “due effettivi e due supplenti su indicazione degli ordini e collegi professionali ed uno effettivo ed uno supplente su indicazione delle associazioni di categoria operanti nel settore immobiliare, tra gli ingegneri, gli architetti, i geometri, i periti edili, i dottori agronomi, i periti agrari e gli agrotecnici iscritti nel relativi albi, i docenti qualificati in materia di economia e di estimo urbano e in materia di economia ed estimo rurale e tra gli esperti in materia di statistica di econometria” (art. 3, comma 3, lett. c) del D. Lgs. n. 198/2014).
La commissione dovrà insediarsi entro un anno dall’entrata in vigore del citato decreto (28/01/2015) ed i suoi componenti dureranno in carica cinque anni, non rinnovabili.
In relazione al disposto normativo gli ordini e collegi professionali della Provincia di Reggio Calabria nonché le associazioni di categoria che operano nel settore immobiliare sono invitati a far pervenire le proprie candidature alla Prefettura di Reggio Calabria, entro il prossimo 20 luglio alla seguente casella di Posta Elettronica Certificata: protocollo.prefrc(at)pec.interno.it
Le proposte  dovranno essere corredate da una dichiarazione dei singoli candidati, ai sensi del D.P.R.  445/2000, nella quale siano riportate: 
  • dati anagrafici,
  • l’attuale residenza, 
  • il recapito telefonico 
  • l’indirizzo di posta elettronica
  • l’autodichiarazione (ai sensi degli artt.  46 e 47 del 1 del D.P.R.  445/2000), di essere in possesso dei requisiti previsti all’art  10  del citato decreto legislativo, e che non sussistono le incompatibilità citate all’art. 11 del citato decreto;
  • un dettagliato curriculum vitae.
Requisiti per la nomina a componente delle Commissioni Censuarie
 
I componenti delle commissioni censuarie devono possedere i seguenti requisiti:
  • essere cittadini italiani;
  • avere l’esercizio dei diritti civili e politici;
  • non aver riportato condanne per delitti non colposi o per contravvenzioni punite con pena detentiva o per reati tributari e non essere stati sottoposti a misure di prevenzione o di sicurezza;
  • non aver superato al momento della nomina 70 anni di età.
Incompatibilità per la nomina a Componente delle Commissioni Censuarie
 
Non possono essere componenti delle commissioni censuarie, finché permangono in attività di servizio o nell’esercizio delle rispettive funzioni o attività professionali:
  • i membri del Parlamento nazionale e del Parlamento europeo;
  • i consiglieri regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali e i componenti del Governo e delle giunte regionali e comunali;
  • coloro che ricoprono incarichi direttivi o esecutivi nei partiti o movimenti politici;
  • i Prefetti;
  • gli appartenenti al Corpo della Guardia di Finanza;
  • gli appartenenti alle Forze armate ed i funzionari civili dei Corpi di
    polizia;
  • coloro che esercitano abitualmente l’assistenza o la rappresentanza di
    contribuenti nei rapporti con l’Amministrazione finanziaria o con i Comuni, nell’ambito di controversie di natura tributaria o tecnico estimativa;
  • il componente di una commissione censuaria non può far parte di altre commissioni censuarie;
  • non possono essere contemporaneamente componenti della stessa sezione i coniugi, i parenti e gli affini entro il secondo grado.
Procedimento relativo alla nomina dei componenti effettivi e supplenti della Commistione locale di Reggio Calabria
 
In data 10 giugno 2015 la Direzione Regionale della Calabria dell’Agenzia delle Entrate, ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 17 dicembre 2014, n. 198, ha ufficialmente avviato il procedimento relativo alla nomina dei componenti -effettivi e supplenti – della commissione censuaria locale di Reggio Calabria.
In considerazione del fatto che la data ultima entro la quale il Prefetto di Reggio Calabria  dovrà comunicare al Presidente del Tribunale l'elenco dei nominativi designati è fissata al giorno 11  agosto 2015 e che, in via preliminare, questa Prefettura dovrà effettuare l'istruttoria delle domande presentate, gli ordini e collegi professionali della Provincia di Reggio Calabria nonché le associazioni di categoria che operano nel settore immobiliare sono invitati a far pervenire le proprie candidature alla Prefettura di Reggio Calabria, entro il prossimo 20 luglio alla seguente casella di Posta Elettronica Certificata: protocollo.prefrc(at)pec.interno.it
 
Contatti
 
Per ogni ulteriore informazione si forniscono i seguenti contatti:

dott.ssa Michela Fabio
Tel 0965/411424
 
dott.ssa Caterina Morello
Tel 0965/411456
 
dott. Stefano Iorfida
Tel 0965/411423
 
Riferimenti normativi
 
Dlgs. 17 dicembre n. 198 del 2014
Circolare dell’Agenzia dell’Entrate n. 3/E del 18 febbraio 2015
Pubblicato il 01/07/2015 ultima modifica il 01/07/2015 alle 10:15:58

 In arrivo una nave con a bordo 904 migranti

 
In arrivo nella prima mattinata di domani nel Porto di Reggio Calabria, la nave con a bordo 904 migranti, di  varia nazionalità, di cui 697 uomini, 147 donne ( 3 in stato di gravidanza) e 60 minori. La nazionalità dei migranti: Marocco, Libia, Nigeria, Sudan, Eritrea, Somalia, Costa d’Avorio, Siria, Palestina e altri paesi del centro Africa.

Le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, saranno prestate dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune Capoluogo, dalla Provincia, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dal coordinamento ecclesiale e dalla Croce Rossa italiana.

Al momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto.  I migranti saranno trasferiti in strutture del Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Campania, Abruzzo, Marche, Liguria ed alle Province autonome di Trento e Bolzano, in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
Pubblicato il :

 
Torna su