Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 Osservatorio Provinciale per la sicurezza stradale

 
Nella mattinata odierna, convocata dal Prefetto, si è svolta la prima riunione dell’Osservatorio Provinciale sulla Sicurezza Stradale alla quale hanno partecipato i rappresentanti della Provincia, del Capoluogo, della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, del Compartimento della Polizia Stradale, dell’Anas e della Motorizzazione Civile.

Nell’occasione si è delineato il programma di lavoro che l’Osservatorio svolgerà con l’obiettivo di creare una banca dati finalizzata all’individuazione delle cause più rilevanti dell’accadimento dei sinistri sul territorio anche mediante la georeferenziazione degli incidenti stradali.

Il predetto Osservatorio, coordinato da questo Ufficio, raccoglierà i dati, analizzerà le cause degli incidenti, i luoghi dove più frequentemente gli stessi si registrano e formulerà agli Enti competenti le proposte più idonee per l’implementazione dei sistemi di controllo della velocità o delle condotte di guida pericolose, nonché per gli interventi strutturali per migliorare la messa in sicurezza dei tratti di strada “a rischio”.
Pubblicato il :

 Attivazione Comitato Operativo per la Viabilità

 
Nella mattinata odierna, convocato dal Prefetto, si è riunito il Comitato Operativo per la Viabilità (COV) allo scopo di definire le misure da attuare in relazione all’evoluzione della situazione meteorologica e della viabilità in considerazione dell’allerta meteo diramata dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile che prevede, anche in Calabria, dalla mattinata di oggi e per le prossime 18-24 ore precipitazioni a carattere temporalesco e nevicate fino a 500-700 m di quota.

Alla riunione hanno partecipato i Rappresentati della Provincia, del Capoluogo, della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, del Compartimento della Polizia Stradale e  dell’Anas.

Nell’occasione è stato effettuato un monitoraggio delle condizioni della transitabilità di tutte le principali arterie.

Il Comune e la Provincia, in caso di criticità sulle strade di loro competenza, attiveranno tempestivamente la propria rete di intervento.

Per quanto riguarda le arterie autostradali e statali è stato ribadito che, in base all’evolversi delle condizioni meteo e ai possibili rischi per la circolazione, verrà attivato il codice di allerta (bianco, verde, giallo, rosso, nero) e gli Enti interessati dovranno avviare tempestivamente le azioni concordate in relazione alle codificate cinque fasi di emergenza.

La situazione nella provincia è monitorata costantemente dalle pattuglie delle Forze dell’Ordine e dai tecnici dell’Anas.
Pubblicato il :

 Uno Stato che funziona sottrae terreno alla ‘ndrangheta e conferma la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni

Nella giornata di martedì 27 gennaio alle ore 12,30  presso il Palazzo del Governo si è proceduto alla sottoscrizione di un’intesa procedimentale tra il Prefetto, il Procuratore della Repubblica, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia, il Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate, il Direttore Regionale di Equitalia Sud, tesa ad ottimizzare la circolarità delle informazioni tra i predetti uffici, con riferimento ai benefici previsti dal legislatore per i cittadini vittime di usura ed estorsione, che abbiano sporto denuncia.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito degli interventi previsti dall’Ordinamento in favore di coloro che, sottoposti ad usura ed estorsione, abbiano sporto denuncia e inoltrato domanda per l’elargizione dei benefici di cui alla legge 23 febbraio 1999 n. 44 recante “Disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura”.

In particolare la tempestività delle comunicazioni tra Prefettura   e la Procura della Repubblica con gli Uffici Finanziari mira a rendere tempestivamente efficaci i provvedimenti ex art. 20 della legge 23 febbraio 1999 n. 44 di sospensione dei termini delle procedure esecutive nonché di eventuali carichi tributari emessi nei confronti  dei cittadini che abbiano chiesto di accedere ai benefici di cui alla citata legge 44/99.

L’iniziativa frutto dell’intesa  interistituzionale rappresenta un ulteriore strumento per contrastare la ‘ndrangheta e rafforzare la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni.

Il Prefetto nell’occasione ha esaltato il ruolo dell’attività di prevenzione della collaborazione tra Istituzioni: Uno Stato che funziona sottrae terreno alla ‘ndrangheta. Oggi inneschiamo un procedimento virtuoso, di circolarità delle informazioni tra Prefetto, Procura della Repubblica, Agenzia delle Entrate ed Equitalia a sostegno dei cittadini che vittime di usura ed estorsione abbiano denunciato   i reati e chiesto di accedere ai benefici previsti dal legislatore.

In questo senso anche il Procuratore della Repubblica, titolare della Direzione Distrettuale Antimafia, ha affermato che con la sottoscrizione dell’intesa ci rendiamo disponibili nei confronti dei cittadini che denunciano e che alzano un muro di fronte alla ‘ndrangheta. Si tratta del tipo di cittadino che vorremmo e che, oggi, rappresenta una piccola minoranza.

I Direttori Regionali dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia Sud hanno espresso apprezzamento per l’iniziativa, che per la sua valenza, potrebbe essere mutuata a livello nazionale come buona prassi.
 
Pubblicato il :

 Cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore

Ha avuto luogo oggi, nel salone di rappresentanza della Prefettura, la cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore, doveroso riconoscimento ai cittadini italiani, prigionieri durante la II guerra mondiale.

Il Prefetto, nel commemorare le vittime dell’Olocausto e la tragedia del popolo ebraico e nel ricordare che si celebra oggi il 70° anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau e degli altri campi di concentramento, si è soffermato sul valore e sul significato della memoria affermando “ Non vogliamo dimenticare, non possiamo e non dobbiamo dimenticare. La memoria è il cardine della democrazia. Sulla memoria si costruisce l’oggi e il domani di ciascuno di noi.”

Nel consegnare  le Medaglie d’onore ai familiari di tre concittadini deportati e internati, il Prefetto ha esaltato il senso del dovere e di abnegazione dei militari italiani che in quegli anni, accanto agli Ebrei, erano internati in campi di concentramento per motivi politici o perché si erano rifiutati di aderire al regime.

Sono stati insigniti della Medaglia d’Onore alla memoria i signori: Giuseppe Furfaro, deportato dal 1° ottobre 1943 al 1° maggio  1945  presso  il campo di  internamento  di   Arbeitsant,  August Bilstein Altenwerde,  Michele  Ocello deportato in un campo di concentramento dal 12 settembre 1943 al 5 luglio 1945 e  Francesco Vilasi internato da giorno 8 settembre 1943 a giorno 8 maggio 1945.

Alla sobria cerimonia hanno preso parte il Procuratore Generale della Repubblica, il Presidente del Tribunale di Reggio Calabria, il Procuratore della Repubblica presso il  Tribunale di Reggio Calabria, il Presidente del TAR di Reggio Calabria, il Sindaco del Capoluogo, il Presidente della Provincia, il Direttore Marittimo Interregionale della Calabria e della Basilicata Tirrenica, il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale del Corpo  Forestale  dello  Stato, il Comandante  Provinciale   dei Vigili del Fuoco, il Comandante della Scuola Allievi Carabinieri, il Rappresentante  dell’Arcivescovo Metropolita della Diocesi di Reggio Calabria-Bova, nonché i Presidenti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma  della Provincia.
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Sottoscrizione di un’intesa procedimentale relativa alla legge 23.02.1999 n. 44 recante “Disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura”

 
Martedì 27 gennaio alle ore 12,30  nel Salone degli Stemmi del Palazzo del Governo, con il coordinamento del Prefetto, si procederà alla sottoscrizione di un’intesa procedimentale tesa ad ottimizzare la circolarità delle informazioni tra questa Prefettura, l’Autorità Giudiziaria, l’Agenzia dell’Entrate ed Equitalia, con particolare riguardo ai procedimenti ex art. 20 della legge 23 febbraio 1999 n. 44 di sospensione dei termini delle procedure esecutive nonché di eventuali carichi tributari a favore di coloro che, sottoposti ad usura ed estorsione, abbiano sporto denuncia e inoltrato domanda per l’elargizione dei benefici di cui alla legge 23.02.1999 n. 44 recante “Disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura”.
L’intesa, frutto di una sinergica attività di confronto interistituzionale, sarà sottoscritta dal Prefetto, dal Procuratore della Repubblica, dal Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate e dal Direttore Regionale di Equitalia Sud e consentirà di accelerare ed armonizzare le notizie relative alla presenza delle suddette procedure e gravami.
Pubblicato il :

 Convocato Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per aggiornare lo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica nel territorio della Locride

 
Convocata dal Prefetto si terrà una riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per aggiornare lo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica nel territorio della Locride, anche con riferimento all’episodio verificatosi lo scorso 21 gennaio a Siderno nei confronti del dott. Pier Domenico Mammì, candidato Sindaco alle primarie del P. D.
Il dott. Mammì è stato ricevuto nei giorni scorsi dal Prefetto e nei suoi confronti sono state tempestivamente attivate urgenti misure e interventi.
Alla riunione del predetto Comitato parteciperanno i Responsabili provinciali delle Forze di Polizia, il Procuratore Distrettuale della Repubblica, titolare della D.D.A., il Procuratore della Repubblica di Locri e lo stesso dott. Mammì.
In quella sede verranno aggiornate le valutazioni già svolte nella precedente riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza  Pubblica dello scorso 13 gennaio alla quale ha partecipato il Sindaco di Brancaleone, Avv. Francesco Moio, destinatario, come noto, di un atto intimidatorio.
Pubblicato il :

 Cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore

 
Il prossimo 27 gennaio, alle ore 11,30, presso la Prefettura si terrà la cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore concesse  ai cittadini che nell’ultimo conflitto mondiale sono stati  deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di  guerra.
Nella circostanza saranno consegnate le distinzioni onorifiche alla memoria  dei signori  FURFARO GIUSEPPE, OCELLO MICHELE e VILASI FRANCESCO internati in diversi campi di prigionia.
Le medaglie d’onore, istituite  con la Legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono coniate dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e recano, al dritto, lo stemma della Repubblica e al rovescio il nome dell’internato in un cerchio di filo spinato che ricorda il lager.
Alla sobria cerimonia prenderanno parte il  Presidente   della Corte di Appello, il Procuratore Generale della Repubblica, il Presidente del Tribunale di Reggio Calabria, il Procuratore  della Repubblica presso il  Tribunale di Reggio Calabria, il Presidente del TAR di Reggio Calabria, il Sindaco del Capoluogo, il Presidente della Provincia, l’Arcivescovo Metropolita della Diocesi di Reggio Calabria-Bova, il Direttore Marittimo Interregionale della Calabria e della Basilicata Tirrenica, il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale del Corpo  Forestale  dello  Stato, il Comandante  Provinciale    dei Vigili del Fuoco, il Comandante della Scuola Allievi Carabinieri, nonché i Presidenti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma  della Provincia.
Pubblicato il :

 Messaggio di apprezzamento per l'operazione che ha assicurato l'arresto di un pericoloso latitante

 
Il Prefetto ha rivolto un messaggio di sincero compiacimento e vivo apprezzamento al comandante Provinciale dei Carabinieri, alle donne e agli uomini dell’Arma che hanno operato con determinazione e professionalità e hanno conseguito un ulteriore significativo obiettivo traendo in arresto Natale Trimboli , pluripregiudicato appartenente a una cosca di ‘ndrangheta, da anni ricercato ed inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi.

Tale risultato perseguito, nell’ambito delle attività di controllo del territorio, contribuisce a rafforzare la fiducia dei cittadini calabresi nelle istituzioni dello stato impegnate, in un costante  rapporto di collaborazione, a prevenire, contrastare e reprimere le forme di dominio della ‘ndrangheta nel tessuto sociale, civile ed economico della provincia.
Pubblicato il :

 Porto di Reggio Calabria - approdano 417 migranti

Nella prima mattinata di domenica 18 gennaio, nel Porto di questo Capoluogo, è giunta la motovedetta militare Sirio con a bordo di 417 migranti, di cui uno deceduto per asfissia.

Le attività di primo soccorso ed assistenza sono state pianificate nel corso di una riunione convocata dal Prefetto, dr. Claudio Sammartino e svoltosi la sera del sabato 17 gennaio presso il Palazzo del Governo.

Coordinati dalla Prefettura hanno fornito un efficace contributo la Polizia di Stato con i Carabinieri e la Guardia di Finanza, il Comune Capoluogo, la Provincia, la Capitaneria di Porto, l’Azienda Ospedaliera, il SUEM 118, le Associazioni di volontariato, il coordinamento ecclesiale, la Croce Rossa italiana.

A bordo della predetta nave erano presenti 104 uomini e 2 donne del Gambia, 171 uomini e 2 donne del Mali, 90 uomini del Senegal, 23 uomini della Guinea e 24 uomini provenienti dalla Costa d’Avorio e dalle regioni del sud africa.

Al momento dello sbarco i migranti sono stati sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. Dei predetti migranti, n. 124 sono ospitati presso strutture del  Capoluogo reperite al momento.

I restanti migranti sono stati trasferiti in strutture in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Riunione per affrontare le Criticità del servizio di trasporto locale

 
Il Prefetto, Claudio Sammartino ha convocato per oggi alle ore 11.00 il Sindaco del Capoluogo e l’Amministratore unico dell’azienda pubblico di trasporto locale (ATAM) per riferire in merito alle criticità del servizio di trasporto pubblico.
Pubblicato il :

 Consiglio Territoriale per l’Immigrazione: strategia unitaria per l'integrazione degli immigrati

 
Convocata dal Prefetto, si è tenuta nell’odierno pomeriggio presso questo Palazzo del Governo la preannunciata riunione del Consiglio Territoriale per l’Immigrazione, dedicata all’approfondimento della situazione degli immigrati presenti in provincia e segnatamente nella Piana di Gioia Tauro.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, il neo Presidente della Regione Calabria, il Presidente della Provincia di Reggio Calabria, i Sindaci di Reggio Calabria,  di Monasterace, di Riace, di Roccella Jonica, di Rosarno, i Commissari Straordinari di Gioia Tauro e San Ferdinando, i Responsabili provinciali delle Forze di Polizia, i Responsabili della Direzione Territoriale del Lavoro, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Azienda Sanitaria Provinciale e dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria, il Presidente della Camera di Commercio, il Rettore dell’Università per Stranieri “Dante Alighieri”, nonché il Vescovo della Diocesi di Locri e i rappresentanti delle Diocesi di Reggio Calabria e Oppido-Palmi e di Organizzazioni sociali e di volontariato impegnate nel settore.

La riunione, di preminente carattere strategico, ha avuto quale obiettivo prioritario quello di individuare idonea metodologia di intervento improntata allo sviluppo di politiche attive di accoglienza e di integrazione da parte degli Enti competenti, con l’intento di sottrarre la problematica degli immigrati sul territorio ai caratteri dell’emergenza.

Si è convenuto di procedere ad una circostanziata mappatura delle esigenze e situazioni che richiedono interventi e di istituire un Tavolo Regionale di approfondimento operativo delle situazioni di più rilevante problematicità presenti nei territori, nel convincimento che la questione dell’integrazione e dell’accoglienza agli immigrati deve privilegiare la risposta più adeguata in termini di collaborazione e intese tra Istituzioni, Enti competenti, Associazioni ed Organismi associativi e di volontariato.

Pertanto è stata subito avviata la predetta mappatura in preparazione del Tavolo Regionale che sarà convocato quanto prima.

Nella riunione sono stati approfonditi anche ulteriori aspetti  connessi alla tematica in esame.
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Convocato, il giorno 12 gennaio 2015, con inizio dalle ore 16,30, il Consiglio Territoriale per l’Immigrazione.

 
Convocata dal Prefetto, si terrà il giorno 12 gennaio 2015, con inizio dalle ore 16,30, il Consiglio Territoriale per l’Immigrazione.

Diversi i punti all’ordine del giorno dell’incontro.

In particolare, la seduta sarà dedicata all’approfondimento della situazione degli immigrati presenti in provincia, anche con riferimento a quelli dimoranti nella Piana di Gioia Tauro.

L’incontro, al quale parteciperà il neo Presidente della Regione, servirà a tracciare le linee strategiche per un affronto delle molteplici problematiche e criticità, già rilevate anche da Associazioni e Organismi operanti nel settore e avrà lo scopo di ricondurre le predette problematiche nell’ambito della programmazione e definizione di politiche attive di assistenza e integrazione degli immigrati sottraendole gli aspetti emergenziali che da tempo vengono evidenziati.

Alla riunione sono stati invitati a partecipare  i componenti del Consiglio territoriale per l’Immigrazione e, in particolare, il Presidente della Provincia, i Sindaci di Reggio Calabria, Monasterace, Riace, Roccella Jonica e Rosarno, i Commissari Straordinari di Gioia Tauro e San Ferdinando, il Direttore Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato della Regione Calabria, il Questore, i Comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Direttore Territoriale del Lavoro, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, nonché le Associazioni di volontariato di settore e le Organizzazioni sindacali e datoriali.
Pubblicato il :

 
Torna su