Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 Assunzioni a tempo determinato di LSU-LPU - Indicazioni operative del Ministero del Lavoro

 
Sono consultabili sul sito di questa Prefettura (www.prefettura.it/reggiocalabria) le indicazioni operative elaborate dal Ministero del Lavoro per l’attuazione del decreto interministeriale dello scorso 8 ottobre 2014, pubblicato in G.U. n. 263 del 12 novembre 2014 concernenti modalità e criteri di assegnazione delle risorse destinate, per l’anno 2014, agli Enti pubblici della Calabria per assunzioni a tempo determinato di LSU-LPU.
Il documento, che si prefigge di fornire chiarimenti e indicazioni sulla base dei quesiti formulati, era stato preannunciato nel corso dell’incontro del 26 novembre presso questo Palazzo del Governo, tra i Rappresentanti del Ministero del  Lavoro, del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Dipartimento per gli Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport e i Sindaci, i Commissari straordinari dei Comuni, i Rappresentanti degli Enti pubblici interessati alle procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU e LPU e i Segretari regionali, provinciali e di categoria delle Organizzazioni Sindacali, con lo scopo di fornire supporto agli Enti  che devono presentare le domande di stabilizzazione degli LSU e LPU entro il termine del 2 dicembre prossimo.
Pubblicato il 28/11/2014
Ultima modifica il 28/11/2014 alle 19:19:17

 Svoltasi riunione presso il Palazzo del Governo per esaminare la tematica attinente le procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU –LPU

 
Nella mattinata odierna, presso questo Palazzo del Governo, ha avuto luogo il preannunciato incontro tra i Rappresentanti del Ministero del  Lavoro, del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Dipartimento per gli Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport e i Sindaci, i Commissari straordinari dei Comuni, i Rappresentanti degli Enti pubblici interessati alle procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU e LPU e i Segretari regionali, provinciali e di categoria delle Organizzazioni Sindacali.
Nell’introdurre la riunione il Prefetto ha sottolineato la vicinanza dello Stato, nelle sue articolazioni, alle esigenze degli Enti locali in questo periodo di crisi economica e sociale, con particolare riguardo alla delicata fase procedurale tesa alla stabilizzazione dei lavoratori LSU e LPU.
L’iniziativa  ha  lo scopo di fornire supporto agli Enti pubblici  che devono presentare le domande di stabilizzazione degli LSU e LPU entro il termine del 2 dicembre prossimo.
In tal senso, in un’ottica di collaborazione i Dirigenti ministeriali, incaricati dai rispettivi Ministeri, hanno avuto il compito di spiegare agli Amministratori le modalità corrette per la compilazione dei documenti da trasmettere. 
I presenti  hanno posto numerosi quesiti sui criteri stabiliti dal Decreto interministeriale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale lo scorso 12 novembre, adottato dal Ministro del lavoro e delle Politiche sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze e con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, per l’assegnazione delle risorse destinate alla stabilizzazione per l’anno 2014, con contratto a tempo determinato, a favore dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità, impegnati presso gli Enti pubblici della regione Calabria. 
La riunione ha visto una significativa partecipazione di Amministratori di Enti locali  che hanno potuto interloquire direttamente con i Rappresentanti dei Ministeri competenti.
Pubblicato il :

 Riunione presso il Palazzo del Governo per esaminare la tematica attinente le procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU –LPU

 
Il giorno 26 novembre 2014 alle ore 11.00  presso questo Palazzo del Governo si terrà una riunione per esaminare la tematica  attinente le procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU –LPU.
All’incontro, al fine di fornire agli Enti locali interessati  chiarimenti sulla problematica in questione, saranno presenti i Rappresentanti del Ministero del  Lavoro,  del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Dipartimento per gli Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport.

Pubblicato il :

 ELEZIONI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

 
Quando si vota

Domenica 23 novembre 2014, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le operazioni di voto per l’elezione del Presidente della Giunta e del Consiglio regionale della Calabria.
 
Le operazioni di scrutinio
 
Le operazioni di scrutinio dei voti avranno inizio a partire dalle ore 23.00 di domenica 23 novembre, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti.
 
Come si vota
 
Sui siti internet www.regione.calabria.it e www.rai.it  è possibile consultare le modalità di voto per le elezioni del Presidente della Giunta e del Consiglio regionale della Calabria.
 
Corpo elettorale
 
Le elezioni regionali interesseranno, nell’intera provincia di Reggio Calabria, un corpo elettorale complessivo di 512.478 elettori, di cui 247.366 di sesso maschile e  265.112 di sesso femminile.
 
Gli elettori nel Comune capoluogo sono 150.257, di cui 71.235 maschi e 79.022 femmine.
 
Le sezioni elettorali complessive che saranno istituite nella Provincia sono 699; nel Comune capoluogo sono 218.
 
Tessera elettorale
 
Si ricorda che gli elettori, per poter esercitare il diritto di voto presso gli uffici elettorali di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente, che ha sostituito il certificato elettorale.
Al fine di agevolare il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati, gli uffici comunali, saranno aperti anche venerdì 21 e sabato 22 novembre 2014, dalle ore 9 alle ore 18, e domenica 23 novembre per tutta la durata delle operazioni di voto (dalle ore 7 alle ore 23).
Gli elettori sono invitati a verificare sin d’ora di essere in possesso della tessera elettorale e che sulla stessa non risultino esauriti gli spazi per la certificazione dell’esercizio del diritto di voto; ciò al fine di richiedere, ove necessario, il rilascio del duplicato al più presto, evitando di concentrare tali richieste nel giorno della votazione.
 
Sala stampa


L’Ufficio Stampa e Informazioni di questa Prefettura osserverà i seguenti orari:

Domenica 23 novembre 2014

                   - dalle ore 12 alle ore 13

                   - dalle ore 19 alle ore 20

                   - dalle ore 23 fino a cessate esigenze.
Pubblicato il :

 Comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri sul completamento del nuovo tribunale di Reggio Calabria

 
"Cabina di regia per la Calabria – Delrio: "Si completa il percorso per il Tribunale di Reggio, ora il Comune può procedere per terminare l’opera"
Un nuovo importante passaggio per la regione Calabria e la città di Reggio Calabria.
“Si completa oggi, – afferma il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio – con la delibera della Regione Calabria su fondi Pac, che vanno a sommarsi al finanziamento del Ministero della Giustizia, un'opera ferma da anni: il Tribunale di Reggio. È un risultato importante, raggiunto grazie al lavoro della Cabina interministeriale di regia della Calabria, istituita a Palazzo Chigi per accompagnare i territori calabresi nell’uscita dalla fase di crisi istituzionale, e nella cui sede la Regione ha assunto, e quindi mantenuto, l’impegno per contribuire all'ultimazione dell’opera”.
“Grazie al coordinamento del prefetto Claudio Sammartino e alla Commissione straordinaria del Comune, è stato possibile superare le articolate fasi del percorso rimasto fermo fino a poco tempo fa – continua il sottosegretario Delrio –. Ora il Comune di Reggio Calabria potrà dare il via alle procedure per l'appalto e al cantiere per terminare un'opera importante e simbolica per la vita della città, che consentirà risparmi di risorse pubbliche oltre a maggiore efficienza, logistica e amministrativa. Un risultato dovuto ad una collaborazione interistituzionale volta al bene dei cittadini calabresi”."
 
Pubblicato il :

 Accrediti sala stampa - Consultazioni elettorali per il rinnovo della carica di Presidente e del Consiglio Regionale della Calabria

 
Il prossimo 23 novembre, in occasione delle consultazioni elettorali per il rinnovo della carica di Presidente e del  Consiglio Regionale della Calabria, sarà allestita una sala stampa presso il salone degli stemmi di questo Palazzo del Governo.
Gli Organi di informazione interessati sono invitati a presentare apposita richiesta di accreditamento entro venerdì 21 novembre alle ore 11.00 alla seguente mail: protocollo.prefrc(at)pec.interno.it riportando nell’oggetto: Accredito sala stampa.
Pubblicato il :

 Ammortizzatori sociali in Calabria, incontro a Palazzo Chigi

 
Si è tenuto questa mattina a Palazzo Chigi un incontro tra il Governo, i Prefetti e le rappresentanze sindacali della Calabria sul tema degli ammortizzatori sociali. 
All'incontro, convocato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, hanno partecipato il Ministro per gli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta, Luigi Caso, Capo Gabinetto del Ministero del Lavoro e Ugo Menziani, Direttore Generale del Mercato del Lavoro presso il Ministero del Lavoro. Dalla riunione sono scaturite le seguenti decisioni. 
In primo luogo, con la collaborazione dei Prefetti, verranno concluse nei tempi previsti le procedure per la stabilizzazione a tempo determinato e indeterminato di lavoratori Lsu e Lpu in base al provvedimento pubblicato oggi in Gazzetta ufficiale e che riguarda circa cinquemila lavoratori.
In secondo luogo il Governo ha espresso l’intenzione di convocare un tavolo, a nuovo governo regionale insediato, insieme all’I.N.P.S. per una ricognizione puntuale volta a affrontare il tema degli ammortizzatori sociali in Calabria, che garantisca la chiarezza delle procedure e del bacino 2014 a fronte di una obbligazione a investire in politiche attive del lavoro per ridurre il bacino e superare una situazione diventata insostenibile.
Infine, relativamente alla questione degli ammortizzatori sociali 2013, valutata criticamente la specifica situazione di emergenza creatasi, il Governo ha dato ulteriore disponibilità a trovare una via d’uscita definitiva. Dopo alcune ore di approfondimento tecnico, il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti si è detto pronto a mettere eccezionalmente a disposizione risorse per 40 milioni di euro, dedotte dal complesso delle risorse per gli ammortizzatori sociali nazionali, a fronte di un impegno della Regione Calabria a farsi carico del residuo dovuto per la situazione verificatasi per il 2013 con proprie risorse aggiuntive.
 
Pubblicato il :

 Allerta meteo

Sulla base del quadro delle previsioni meteorologiche disponibili e in relazione al messaggio di allerta meteo per previsioni meteorologiche avverse emanato in data odierna dalla Regione Calabria, il Prefetto ha rinnovato l’invito alle Amministrazioni locali e alle componenti della Protezione ad assumere ogni iniziativa ritenuta utile a tutela della pubblica e privata incolumità.

In particolare ha sensibilizzato gli Enti locali ad attivare presidii territoriali con compiti di vigilanza ed intervento tecnico, particolarmente durante le fasi temporalesche intense e nelle zone tradizionalmente a rischio, con riferimento ai livelli di allertamento indicati per la zona di propria competenza e la conseguente messa in atto delle relative misure previste dalla propria pianificazione d’emergenza.

Il Prefetto ha ribadito la necessità che siano garantiti la  costante operatività delle strutture destinate alla ricezione   della messaggistica del sistema di allertamento per previsioni  meteorologiche  avverse sia la verifica  delle   misure  di  vigilanza,  controllo  del   territorio e  tutela  dell’incolumità  della   popolazione previste dalle proprie pianificazioni di emergenza da mettere in atto in relazione agli scenari di rischio di volta in volta segnalati dalla Sala Operativa Regionale, a salvaguardia della pubblica e privata incolumità.

A tale riguardo, il Prefetto ha invitato i Sindaci e i Commissari Straordinari e Prefettizi, quali Autorità locali di protezione civile, a svolgere inoltre un’adeguata informazione della popolazione delle aree idrografiche interessate, anche attraverso apposita segnaletica monitoria.

Le  articolazioni territoriali delle strutture operative statali assicureranno, in stretto collegamento con questa Prefettura, ogni necessario supporto ai Comuni.
 
Pubblicato il :

 Cerimonia celebrativa del 4 novembre, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Il 4 novembre si è svolta nel Capoluogo, la cerimonia del Giorno dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate, che, quest’anno, ha assunto una particolare rilevanza per la concomitanza con la ricorrenza della Grande Guerra.

Reggio Calabria è stata prescelta quale unica provincia della Calabria per le commemorazioni che si sono svolte nell’ambito delle celebrazioni a carattere militare e civile rivolte ai cittadini denominate “Caserme aperte” e “Caserme in Piazza”, che hanno avuto luogo, come noto, in altre 23 città italiane.

La cerimonia è stata scandita, nella prima fase, dalla  deposizione al Monumento dei Caduti da  parte del Prefetto, in rappresentanza del Governo, accompagnato dal Generale Comandante del Comando Militare Esercito “Calabria”, alla presenza di numerose Autorità Civili, Religiose e Militari.

La manifestazione, che è proseguita in Piazza Italia, “cuore pulsante” e luogo “simbolo” della Città, con la lettura dei messaggi del Capo dello Stato e del Ministro della Difesa, ha visto il coinvolgimento delle Istituzioni, delle Forze Armate e di Polizia, del mondo della Scuola e degli studenti.

In particolare questi ultimi hanno intonato l’Inno Nazionale e letto dei brani, da loro stessi scelti, sul tema della Grande Guerra, tratti da “Trincee, confidenze di un fante” e da “Lettere dal fronte” di autori vari.

A conclusione delle manifestazioni, si è svolta, nel centro cittadino, la sfilata delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, custodi delle tradizioni militari del Paese. La sfilata è poi confluita in Piazza Italia dove si sono tenute le dimostrazioni da parte delle Forze Armate e dei Corpi Militari.

A ricordare degnamente la Grande Guerra è stata allestita nell’androne del Palazzo del Governo una Mostra documentale dal titolo Il dovere della memoria: la Grande Guerra, curata dall’Archivio di Stato, nella quale sono stati esposti importanti documenti di carattere storico  che offrono un panorama nazionale ed internazionale degli eventi militari e politici che precedono l’entrata in guerra dell’Italia.

In particolare l’esposizione comprendeva documenti a firma del Prefetto dell’epoca che permettono di conoscere gli effetti della guerra sul nostro territorio: “l’ordine di oscuramento assoluto di ogni luce nei centri abitati che sorgono sulla costa, per difendere gli abitanti del pericolo di bombardamenti provenienti da navi nemiche che percorrono lo Stretto”; la lettera riservata inviata al Sottoprefetto di Gerace “per allertarlo sul rischio che anche da noi, come in Francia lo spionaggio tedesco possa avvalersi di inserzioni sui giornali locali per comunicare informazioni riservate”. Allegato al documento c’è anche il vocabolario segreto in uso alle spie in Francia.

E’ stato esposto il telegramma prefettizio in data 5 novembre 1918 con il quale è annunciata tra le righe la fine della Guerra e la fine dell’oscuramento nei centri abitati della costa.

Una sezione della mostra è stata dedicata all’eroe reggino tenente Antonino Panella, medaglia d’oro della Prima Guerra Mondiale.

La mostra, rimasta aperta per tutta la giornata del 4 novembre, comprendeva anche alcune pagine illustrate della Domenica del Corriere  del 1918 che raffigurano i festeggiamenti in Italia e nel mondo per la vittoriosa conclusione della Guerra.
 
Il Prefetto Sammartino, accompagnato dal Generale Comandante del Comando Militare Esercito “Calabria”, si accinge a dare inizio alle Celebrazioni del 4 Novembre
Il Prefetto depone la Corona al Monumento ai Caduti in corso Vittorio Emanuele  
 
 
Piazza Italia, Il Prefetto passa in rassegna il picchetto interforze e i reparti schierati
Piazza Italia, Rassegna delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma
Piazza Italia, Il Prefetto incontra gli studenti 
Piazza Italia, la cerimonia dell'Alzabandiera 
Palazzo del Governo: Mostra documentale dal titolo "Il dovere della memoria: la Grande Guerra" curata dall'Archivio di Stato
Altre immagini della Mostra 
 

Comunicazione per la Dimostrazione patriottica per la vittoria delle nostre armi
Ordinanza del Prefetto per l'oscuramento
Telegramma del Prefetto con cui si ordina la fine dell'oscuramento
 
Pubblicato il :

 Convocazione del Centro Coordinamento Soccorsi

 
Nel pomeriggio di oggi, convocato e presieduto dal Prefetto, si è riunito il Centro Coordinamento Soccorsi (C.C.S.), per esaminare la situazione della provincia interessata dal maltempo già dalla decorsa notte e per adottare ulteriori misure per il coordinamento degli interventi necessari, a livello comunale e sovracomunale, alla luce dei messaggi di allertamento per le condizioni meteorologiche avverse che interessano in particolare i Comuni della fascia ionica, pervenute dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione Civile e dal Settore della Protezione Civile della Regione Calabria.

Alla riunione erano presenti il Presidente della Provincia, accompagnato dai Dirigenti del settore viabilità e protezione civile e difesa idraulica, i Rappresentanti della Regione, il Questore, i Comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il Comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato e della Polizia Stradale, il Comandante della Polizia provinciale e i responsabili dell’ANAS.

Al momento, i  Comuni, maggiormente interessati dal maltempo sono quelli di  Careri, Platì e  Bovalino.

In particolare nella frazione Natile del Comune di Careri, si è verificato lo scalzamento del rilevato stradale di accesso al ponte che collega il centro abitato alla predetta frazione.  

Sono stati predisposti presidii delle Forze di Polizia, soprattutto per prevenire e contenere durante la notte possibili situazioni di emergenza e dare soccorso immediato a eventuali necessità della popolazione della frazione, il SUEM 118 ha implementato il servizio di Guardia Medica  ed è stata installata, a ridosso della zona interessata dallo smottamento, una torre faro dei Vigili del fuoco.

Nella stessa zona la Provincia ha avviato interventi di ripristino della rampa di accesso al ponte e della viabilità provinciale.

Nei Comuni di Platì e Bovalino, dove si era verificata l’esondazione rispettivamente dei torrenti Ciancio e Careri, sono intervenute le squadre dei Vigili del Fuoco e del Settore Idraulico della Provincia a supporto di quelle Amministrazioni che hanno attivato il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) per la messa in sicurezza delle aree a rischio.

Risultano essere stati  attivati altresì i C.O.C. dei Comuni di Careri e Roccella Ionica

Il Prefetto ha, altresì, disposto la prosecuzione  dell’attivazione della Sala Operativa di Protezione Civile della Prefettura fino a cessate esigenze, già attiva dalla mattinata odierna.

La Sala operativa aveva già ricevuto segnalazioni di interruzione della linea ferroviaria ionica Reggio Calabria – Metaponto nella tratta Bianco-Bovalino, successivamente ripristinata.

E’ stata effettuata una ricognizione del territorio provinciale ed è stato disposto il massimo allertamento per le prossime 24 /36 ore.

Continua l’attività di monitoraggio del territorio e delle situazioni di rischio da parte delle componenti del sistema di protezione civile nonché l’operatività dei dispositivi di emergenza per il soccorso alla popolazione che hanno il loro punto di coordinamento nel C.C.S in  Prefettura.
Pubblicato il :

 “Abbandono scolastico e bullismo: quali rischi tra i giovani?”

Progetto “Abbandono scolastico e bullismo: quali rischi tra i giovani?”, realizzato dal RTI con impresa mandataria la Fondazione Censis di Roma, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo sviluppo” Obiettivo Convergenza 2007-2013,  “Contenere gli effetti delle manifestazioni di devianza”.
 
Il Ministero dell’Interno, a seguito della stipula di apposito Protocollo d’Intesa con il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca,  ha promosso il progetto “Abbandono scolastico e bullismo: quali rischi tra i giovani?”, iniziato il 1° aprile e conclusosi in data 31 marzo 2013, promosso al fine di attuare azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni di dispersione scolastica e del bullismo, attraverso la creazione di due Centri “di ascolto” e di “recupero scolastico”, presso i nove istituti scolastici individuati dal predetto Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, prevedendo il coinvolgimento dell’istituto tecnico industriale “A. Panella” di Reggio Calabria.

I due Centri, che sono rimasti a disposizione degli Istituti scolastici coinvolti per la durata di cinque anni dal completamento del progetto, hanno comportato la realizzazione di “buone prassi” esportabili anche in altre realtà territoriali.

 Si rende noto che, a decorrere dal 18 ottobre scorso, il sito internet www.discobull.it, previsto dal medesimo progetto, ha assunto la seguente nuova denominazione: www.discobull.dlci.interno.it e potrà essere consultabile attraverso il sito istituzionale del Ministero dell’Interno.
Pubblicato il :

 Incontro con S.E. il Prefetto per esaminare la situazione dell'ATAM

 
Si è svolta nel pomeriggio odierno la preannunciata riunione convocata dal Prefetto per esaminare la situazione dell’ Azienda Municipalizzata dei Trasporti  (ATAM).
All’incontro, tenutosi presso il Salone degli Stemmi del Palazzo del Governo, hanno partecipato il Sindaco di Reggio Calabria, l’Assessore Regionale ai Trasporti, i Direttori provinciali di I.N.P.S. e di I.N.A.I.L., l’Amministratore Unico dell’ATAM, le Organizzazioni sindacali, il Questore e i Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza,
Il Prefetto, introducendo i lavori, ha richiamato tutti i partecipanti a un ulteriore sforzo di coesione e di partecipazione poiché i problemi da risolvere devono essere occasione di fattivo incontro e di cooperazione a vantaggio dei lavoratori, della cittadinanza e delle famiglie che usufruiscono dell’importante servizio pubblico.
Nel corso della riunione,  l’Assessore Regionale ha comunicato, anche a seguito dell’attività di mediazione svolta da questo Ufficio, l’adozione della delibera di Giunta Regionale, in corso di pubblicazione, di riconoscimento del debito verso ATAM di una somma pari a 10 milioni e 800 mila euro, evidenziando come tale atto dovrà essere sottoposto agli  Organismi ministeriali per l’approvazione.
Per quanto concerne le retribuzioni arretrate dei dipendenti, asseritamente connesse al rilascio del D.U.R.C., preso atto favorevolmente della disponibilità di I.N.P.S. e di I.N.A.I.L. a rilasciare il documento, previa presentazione della richiesta di dilazione dei contributi dovuti e l’esibizione dell’accoglimento della dilazione del debito contributivo da parte di Equitalia, l’Amministratore Unico dell’Azienda si è impegnato a chiedere ai predetti Istituti la rateizzazione e ad attivarsi per ottenere quanto prima da Equitalia la predetta dilazione.
Ciò consentirà all’Azienda di poter ottenere dalla Regione le somme dovute e di definire in una riunione convocata, su richiesta del Prefetto, per venerdì prossimo in sede aziendale le priorità dei pagamenti, in cima alle quali ci sono le retribuzioni dei lavoratori, secondo quanto dichiarato dall’Amministratore Unico dell’ATAM.
Pubblicato il :

 Vertenza dei lavoratori percettori di ammortizzatori sociali in deroga

 
Il Prefetto, Claudio Sammartino, nella mattinata odierna, ha convocato una riunione con i  rappresentanti sindacali regionali e provinciali della CISL e della UIL con la partecipazione del Questore per la nota vertenza dei lavoratori percettori di ammortizzatori sociali in deroga.
Nel corso dell’incontro sono state esaminate, fra l’altro, le situazioni di criticità sociali e le prospettive e gli interventi da attuare.
Il Prefetto ha, quindi, rappresentato che il Governo, in seguito ai lavori del giorno 16 ottobre scorso della Cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per il coordinamento dell’azione di Governo nelle materie economico-sociali nei confronti della Regione Calabria e del Comune di Reggio Calabria, ha  comunicato che saranno assegnate alla Regione Calabria, con decreto in corso di emanazione,  risorse finanziarie pari ad €. 22.204.459  per l’ulteriore finanziamento dei benefici sociali.
Il Ministero del Lavoro ha precisato che tali somme saranno assegnate  “… ai fini della concessione o proroga, in deroga alla normativa vigente,  dei trattamenti di cassa integrazione guadagni, ordinaria e straordinaria e di mobilità ai lavoratori subordinati”.
La predetta somma si aggiunge alle risorse finanziarie già stanziate dal Governo per le medesime finalità.

Pubblicato il :

 Cerimonia celebrativa del 4 novembre, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

 
Le manifestazioni del 4 novembre per celebrare il Giorno dell’Unità nazionale e la Giornata delle Forze armate si svolgeranno a Reggio Calabria  con la partecipazione della popolazione nei luoghi “simbolo” del Capoluogo.
Le cerimonie avranno inizio alle ore 9.30 con la Santa Messa in memoria dei Caduti celebrata dall’Arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini nella Chiesa di San Giorgio al Corso, alla presenza del Prefetto e delle altre Autorità civili e militari della provincia.
Le Associazioni combattentistiche e d’arma, accompagnate dalla banda di Mosorrofa, partendo alle ore 10.00 da Piazza Duomo sfileranno sul Corso Garibaldi per portarsi sul luogo della cerimonia in Piazza Italia.
Alle ore 11.00, dopo la benedizione della Corona di Alloro, il Prefetto in rappresentanza del Governo, deporrà la Corona al Monumento ai Caduti in corso Vittorio Emanuele.
A seguire in Piazza Italia,  “cuore” della Città nel quale si affacciano le sedi della Prefettura, del Comune e della Provincia,  si svolgeranno le manifestazioni con il coinvolgimento delle Istituzioni, delle Forze Armate e di Polizia, del mondo della Scuola e dei ragazzi, anche loro protagonisti in questa giornata.
Infatti dopo la cerimonia dell’Alzabandiera e la lettura dei messaggi del Capo dello Stato e del Ministro della Difesa, saranno due studenti  del Liceo Scientifico “Alessandro Volta”  a interpretare dei brani tratti da lettere scritte dai militari in trincea durante la Prima Guerra Mondiale. 
A ricordare degnamente la Grande Guerra sarà allestita nell’androne del Palazzo del Governo una Mostra documentale dal titolo Il dovere della memoria: la Grande Guerra, curata dall’Archivio di Stato, nella quale saranno esposti importanti documenti di carattere storico  che offrono un panorama nazionale ed internazionale degli eventi militari e politici che precedono l’entrata in guerra dell’Italia.
Nel Giornale d’Italia accanto alle notizie di politica interna è possibile leggere la tensione della Città non ancora risorta e ricostruita dalle rovine del terremoto del 1908.
L’esposizione comprende documenti a firma del Prefetto dell’epoca che permettono di conoscere gli effetti della guerra sul nostro territorio: “l’ordine di oscuramento assoluto di ogni luce nei centri abitati che sorgono sulla costa, per difendere gli abitanti del pericolo di bombardamenti provenienti da navi nemiche che percorrono lo Stretto”; la lettera riservata inviata al Sottoprefetto di Gerace “per allertarlo sul rischio che anche da noi, come in Francia lo spionaggio tedesco possa avvalersi di inserzioni sui giornali locali per comunicare informazioni riservate”. Allegato al documento c’è anche il vocabolario segreto in uso alle spie in Francia.
Una sezione della mostra è stata dedicata all’eroe reggino tenente Antonino Panella, medaglia d’oro della Prima Guerra Mondiale.
In particolare un testo didattico ripercorrerà i momenti salienti della vita del tenente Panella.
Sarà esposto il telegramma prefettizio in data 5 novembre 1918 con il quale è annunciata tra le righe la fine della Guerra e la fine dell’oscuramento nei centri abitati della costa.
La mostra, che rimarrà aperta per tutta la giornata del 4 novembre, prevede anche alcune pagine illustrate della Domenica del Corriere  del 1918 che raffigurano i festeggiamenti in Italia e nel mondo per la vittoriosa conclusione della Guerra.
In Piazza Italia, nella mattinata, avranno luogo le seguenti dimostrazioni da parte delle Forze Armate:
 - Guardia di Finanza: dimostrazione di una unità cinofila antidroga;
 - Arma dei Carabinieri: cinturazione e irruzione in un obiettivo di uomini dello
   Squadrone eliportato Cacciatori Carabinieri Calabria con coperturaaerea;
 - Esercito Italiano: dimostrazione di un check point con controllo autovettura
   in contesti di missione di pace all’estero.
Durante tutta la giornata i cittadini potranno visitare in questa provincia le seguenti caserme aperte:
 - Capitaneria di Porto di Reggio Calabria;
 - Capitaneria di Porto di Gioia Tauro;
 - Scuola Allievi Carabinieri di  Reggio Calabria;
 - Comando Compagnia Carabinieri di Bianco;
 - Comando Compagnia Carabinieri di Roccella Ionica.
 
 
 
 
Pubblicato il 01/11/2014
Ultima modifica il 04/11/2014 alle 10:19:47

 
Torna su