Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Reggio Calabria

NOTIZIE

 

 Tendopoli di San Ferdinando: resta alta l'attenzione della Prefettura. 'Non partiamo da zero"

 
All'indomani della morte del giovane migrante maliano Soumaila Socko, avvenuta nella serata del 2 giugno scorso, resta alta l'attenzione della Prefettura di Reggio Calabria sull'area della vecchia tendopoli di San Ferdinando.

Nello scorso pomeriggio, il Prefetto di Reggio Calabria - insieme al Sindaco di San Ferdinando ed alla presenza del Questore, del Comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri e del Comandante provinciale della Guardia di Finanza - ha incontrato, presso il Comune di San Ferdinando, una delegazione di lavoratori stagionali, ospiti della tendopoli, che nella mattinata di ieri avevano organizzato un corteo di protesta per le vie della cittadina.

Il Prefetto, dopo aver espresso il proprio cordoglio nei confronti dei familiari del giovane maliano ucciso e aver stigmatizzato ogni forma di violenza, " che non porta a nulla se non ad allontanare la risoluzione dei problemi ", ha ascoltato i numerosi cittadini extracomunitari presenti in quei territori, per il tramite del rappresentante sindacale dell'USB.

A tal proposito, il Prefetto ha ricordato come, già negli scorsi mesi, la problematica relativa alla sistemazione alloggiativa dei migranti dell'area di San Ferdinando sia stata oggetto di numerosi incontri presso il Palazzo del Governo, per l'individuazione di soluzioni alternative da destinare ai migranti presenti in quel territorio.

Numerose sono state, inoltre, le riunioni del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica che si sono susseguite in Prefettura per analizzare in modo congiunto le problematiche emerse e predisporre un piano di azione, coordinato e condiviso, volto a realizzare soluzioni idonee ad assicurare condizioni di vita dignitose ed offrire ai migranti una adeguata sistemazione.

Nel corso di tali incontri, è stato illustrato dal Commissario straordinario del Governo per l'Area di San Ferdinando, Prefetto Andrea Polichetti, un articolato piano di interventi, discusso con il Presidente della Regione Calabria e il Sindaco di San Ferdinando, volto ad assicurare un miglioramento delle condizioni di vita dei migranti, attraverso la creazione di nuove strutture di ospitalità diffusa.

Nel fermo convincimento che l'accoglienza debba andare di pari passo con il rispetto della legalità, il Prefetto ha ricordato che, mentre viene perseguito l'obiettivo di smantellare la vecchia tendopoli, 750 persone sono state già messe in sicurezza in una nuova struttura, allestita in modo da garantire una adeguata sistemazione ai migranti.

" Mai come adesso il territorio è presidiato dallo Stato ", ha affermato di Bari, ribadendo come la complessa situazione nella Piana di Gioia Tauro sia "attentamente seguita dalla Prefettura, sia con riferimento ai profili di ordine e sicurezza pubblica, sia a quelli afferenti all'integrazione e all'ospitalità ".

Nel consueto clima collaborativo, il Prefetto ha, quindi, rassicurato gli interlocutori in ordine " all'elevato e costante impegno delle Istituzioni nel cercare di assicurare le migliori condizioni di accoglienza ed ospitalità, nel quadro di un più vasto progetto di integrazione, condiviso dalle comunità presenti e gestito in sinergia con l'associazionismo locale ".

Al termine dell'incontro, dopo aver ringraziato quanti in questi mesi hanno lavorato per alleviare il disagio e le sofferenze dei migranti, il Prefetto ha annunciato che martedì prossimo si terrà una nuova riunione del tavolo permanente sulle condizioni dei lavoratori extracomunitari.

Pubblicato il :

 Inaugurato il presidio temporaneo dei Carabinieri a Polsi

E' stato inaugurato, nella mattinata di oggi, il presidio temporaneo dei Carabinieri a Polsi.

Numerose le Autorità intervenute:  il Prefetto, il Presidente della Giunta regionale, on.le  Mario Oliverio, il Comandante provinciale dei Carabinieri, Col Giuseppe Battaglia, il Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, Mons. Francesco Oliva, il Presidente del Tribunale di Locri, dott. Rodolfo Palermo, il Questore, dott. Raffaele Grassi, del Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Col. Flavio Urbani, del Presidente dell'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte, prof. Giuseppe Bombino, il Commissario prefettizio, dr. Salvatore Gullì, il Rettore del Santuario, don Tonino Saraco oltre a numerosi fedeli intervenuti.

Il presidio dell'Arma è stato istituito in una delle aree di grande valore storico, religioso e paesaggistico del territorio metropolitano, conosciuto soprattutto per lo stigma negativo impressogli dalle organizzazioni della 'ndrangheta che lo ha eletto,  in modo blasfemo, a luogo privilegiato per le sue intermediazioni.

E' un importante successo conseguito in brevissimo tempo grazie all'iniziativa del Prefetto Michele di Bari che, in più occasioni, aveva dimostrato la sua attenzione verso il Santuario.

L'istituzione della postazione dei Carabinieri, a garanzia della sicurezza dei cittadini, darà un incentivo alla crescita del territorio.

" L'inaugurazione del presidio dei Carabinieri al Santuario di Polsi è la sintesi di un percorso iniziato da oltre un anno nei confronti di questo luogo emblematico e dimostra  quanto lo Stato stia operando in questo territorio per riaffermare la legalità e la crescita della società civile, a testimonianza dell'importanza che la comunità di San Luca ha per  lo Stato" così il Prefetto di Bari ha commentato l'evento.

 


 

Pubblicato il :

 
Torna su