Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa

NOTIZIE

 

 GIORNATA DI STUDIO RISERVATA AGLI OPERATORI DEI SERVIZI DEMOGRAFICI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA

Giornata di Studio riservata agli operatori dei servizi demografici dei comuni della provincia di Ragusa, promossa da questa Prefettura in collaborazione con l'Associazione Nazionale degli Ufficiali di Stato Civile ed Anagrafe (A.N.U.S.C.A.) e con il Patrocinio del Comune di Ragusa.

 

L'iniziativa prevista per domani, venerdì 15 marzo, con inizio alle ore 9,00, si terrà presso i Saloni di Rappresentanza della Prefettura e consentirà ai relatori, esperti A.N.U.S.C.A., dr. Luca Tavani e d.ssa Lina Lizzio, di approfondire tematiche particolarmente complesse, oggetto di recenti innovazioni normative, in materia anagrafica di stato civile ed elettorale, relative a:

  • La gestione anagrafica dei richiedenti asilo e titolari di protezione;
  • Filiazione e genitorialità;
  • Le elezioni europee del 2019.
Pubblicato il 14/03/2019
Ultima modifica il 14/03/2019 alle 17:59:46

 CONVENZIONE ALTERNANZA SCUOLA LAVORO TRA LA PREFETTURA E L'ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E AERONAUTICO STATALE 'FABIO BESTA" DI RAGUSA

         Alternanza scuola lavoro

 

         Sottoscritta stamani presso il Palazzo del Governo - tra il Prefetto Filippina Cocuzza ed il dirigente scolastico dell'Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico Statale "Fabio Besta" dott.ssa Antonella Rosa - una Convenzione che permetterà a quattro studenti dell'indirizzo "Amministrazione-Finanza e Marketing" dello stesso Istituto di svolgere un percorso in alternanza scuola-lavoro negli Uffici della Prefettura.

         Il progetto di "Alternanza Scuola Lavoro" descritto nella Convenzione firmata oggi, il cui contenuto - quale elemento obbligatorio del piano dell'offerta formativa degli istituti scolastici superiori - è stato concordato tra le parti nel rispetto di quanto contemplato al riguardo dalla legge c.d. della "Buona Scuola" del 2015, prevede per gli alunni coinvolti un percorso istruttivo personalizzato coerente con l'indirizzo di studi intrapreso, con l'obiettivo di far loro sperimentare una esperienza "applicata" e, al contempo, di favorire lo sviluppo di competenze da spendere poi sul mercato del lavoro.

        Presenti nella circostanza anche gli studenti interessati, nonché il Viceprefetto Vicario e i tutor scolastici e della Prefettura, ai quali è affidato il delicato compito di seguire le attività previste dal percorso formativo della durata di 80 ore complessive con un'articolazione di due presenze pomeridiane settimanali sino alla fine del prossimo mese di luglio.

        In particolare, sulla base del programma di lavoro definito, il settore interessato è quello del Servizio di Contabilità e Gestione Finanziaria della Prefettura, con particolare riferimento alle attribuzioni relative alle competenze della figura del consegnatario nella Pubblica Amministrazione, dell'economo e del referente informatico per l'implementazione di eventuali procedure informatizzate delle attività oggetto di approfondimento.

       II Prefetto, prima della sottoscrizione, ha voluto rimarcare l'importanza dell'iniziativa, definendola come grande opportunità che viene data ai giovani nell'ambito del percorso scolastico e, con richiamo al contesto istituzionale della Prefettura nonché ai compiti disimpegnati, ha infine sottolineato come - in ragione della vasta articolazione delle attribuzioni prefettizie - è possibile maturare un'ampia conoscenza di tutta la Pubblica Amministrazione.

Pubblicato il :

 ISTITUITO PRESSO LA PREFETTURA IL TAVOLO DI LAVORO PERMANENTE SULLO SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Ieri mattina presso il Palazzo del Governo, presieduto dal Prefetto Filippina Cocuzza, presenti anche il Viceprefetto Vicario ed il Dirigente dell'Area Immigrazione, si è svolto un incontro sul fenomeno dello sfruttamento lavorativo e del caporalato nella provincia iblea allo scopo di avviare un percorso virtuoso in materia attraverso l'istituzione di un "Tavolo di lavoro permanente", inizialmente indirizzato al settore agricolo ma con l'intento in seguito di estenderlo anche agli altri settori interessati dal problema.  

         Hanno partecipato all'incontro i rappresentanti degli enti locali dei territori della cd. "fascia trasformata", tra i quali il Sindaco del Comune capoluogo, il dirigente del Centro per Impiego e dell'I.N.P.S., nonché i responsabili delle Associazioni di categoria ed il Direttore della Caritas di Ragusa, i quali, nel condividere l'iniziativa, hanno confermato l'impegno a creare una rete sinergica al fine di strutturare interventi concreti di prevenzione volti al contrasto dello sfruttamento lavorativo e del caporalato nei confronti sia dei cittadini stranieri che non.

         In apertura in Prefetto, nel fare una disamina generale del fenomeno sull'intero territorio provinciale, caratterizzato come noto da una forte vocazione agricola in particolare nelle zone dei Comuni di Acate, Comiso, Ispica, Ragusa, Santa Croce Camerina e Vittoria, con una consistente presenza di lavoratori stranieri, in particolare romeni di cui in gran parte donna, ha richiamato le iniziative avviate con il progetto FAMI "Un passo avanti nella Governance e verso l'integrazione" in collaborazione con l'ASP e l'OIM, di cui la Prefettura è ente capofila.  

           In particolare, sono state illustrate le attività poste in essere nell'ambito di tael progetto che, con riferimento ai risultati sin qui conseguiti, stanno permettendo di delineare con maggiore chiarezza il fenomeno attraverso il monitoraggio dei bisogni e delle condizioni socio-abitative dei cittadini di Paesi Terzi impiegati nel settore agricolo, facendo emergere situazioni di sfruttamento lavorativo ad opera non solo dei datori di lavoro ma anche da parte degli stessi connazionali.  

           In linea con tali attività progettuali, il "Tavolo di lavoro" istituito avrà il compito non solo di monitorare il fenomeno, ma soprattutto - e questo è l'intendimento - di promuovere, attraverso la più ampia diffusione di una corretta informazione in materia di rapporto di lavoro, la regolarizzazione delle posizioni lavorative, grazie ai numerosi strumenti normativi puntualmente delineati dal Dirigente del Centro per l'Impiego che ha dimostrato i vantaggi anche economici delle assunzioni effettuate secondo le previste modalità.  

           In tale ottica, un ruolo importante e determinante sarà anche quello delle Amministrazioni locali ricadenti nei territori della c.d. "fascia trasformata" e delle Associazioni di categoria e sindacali che dovranno avviare mirate campagne di sensibilizzare e illustrare agli iscritti le opportunità offerte dalla legge per intraprendere, senza significativi oneri a carico dei datori di lavoro, un cammino di legalità.  

           Si tratta quindi di un percorso che impegna tutti i soggetti coinvolti nella individuazione di strategie operative da sviluppare in maniera sinergica all'interno del cennato Tavolo che, secondo le intese, inizierà a lavorare sin da subito.

Pubblicato il :

 
Torna su