Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa

NOTIZIE

 

 Una delegazione del Ministero degli Affari Esteri romeno incontra il Prefetto Vardè

              Il Prefetto Annunziato Vardè ha ricevuto questa mattina una delegazione del Ministero degli Affari Esteri romeno - accompagnata dal Console Capo e dal Console del Consolato di Romania a Catania, Carmen Liliana Iacob e Ioan Iacob - composta dal  Ministro per le relazioni con la comunità romena all'estero, Angel Tilvar ,  il dirigente del Dipartimento Politiche per le Relazioni con i romeni presso il Ministero degli Affari Esteri, Alina Hagima, il consulente sui rapporti del Dipartimento Politiche per la Relazione con i romeni presso il Ministero degli Affari Esteri, Smaranda Vornicu.

             Al centro dell’incontro, le diverse problematiche connesse alla consistente presenza di cittadini  di nazionalità romena nella provincia iblea, circa 4500, in gran parte occupati in attività lavorative del settore agricolo, zootecnico ed edile.

             Il Prefetto ha illustrato le diverse iniziative intraprese per favorire l’inserimento dei cittadini romeni nel locale contesto sociale, esponendo le varie azioni finalizzate alla loro integrazione e gli interventi di contrasto al fenomeno del lavoro sommerso anche in  relazione alla problematica dello sfruttamento lavorativo e sessuale, di recente oggetto di una inchiesta giornalistica che ha avuto notevole clamore.

             In particolare, è stato evidenziato l’impegno profuso dalla Prefettura per l’adozione di misure di tutela e di sostegno in favore dei lavoratori romeni, con richiamo anche al tema delle condizioni delle donne rumene, impegnate a lavorare nelle campagne del vittoriose, nonché alle attività coordinate nel sociale finalizzate all’integrazione e al superamento delle difficoltà alloggiative, così da mitigare eventuali criticità e situazioni di isolamento.

             Il Ministro, nel ringraziare il Prefetto Vardè per la cordiale accoglienza, ha manifestato vivo apprezzamento per il lavoro sin qui svolto a tutela dei diritti dei lavoratori romeni, di cui ha voluto sottolineare la grande laboriosità e affidabilità, confermando, a riconoscimento dell’attenzione riservata ai suoi connazionali,  la più ampia disponibilità per contribuire alla individuazione di ottimali soluzioni per garantire ai cittadini romeni presenti in questa realtà territoriale le migliori condizioni di vita e di coesione sociale.

 
Pubblicato il :

 Seminario di studio sulla negoziazione assistita nei rapporti della crisi della famiglia

Questa Prefettura , unitamente all’AIAF (Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori)  e in collaborazione con l’Anusca (Associazione Nazionale Ufficiali Stato Civile e Anagrafe)  ha organizzato un seminario di studio su “Legge 162 del 10/11/2014- La negoziazione assistita nei rapporti della crisi della famiglia- Aspetti teorico pratici e valutazione del cambiamento, criticità e buone prassi“ che avrà luogo a Ragusa venerdì prossimo 13 febbraio presso l’ Auditorium CONI -Scuola dello Sport , con inizio dei lavori alle ore 15,00.

L’evento, promosso nell’ottica di un proficua collaborazione interistituzionale, è  finalizzato ad agevolare la corretta attuazione delle nuove disposizioni che, come noto, hanno  introdotto importanti novità in tema di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio  prevedendo la possibilità di concludere  “convenzioni di negoziazione assistita da uno o più avvocati per le soluzioni consensuali”.

In particolare, l’intento precipuo è quello di favorire un approfondimento della norma in esame attraverso il confronto tra i diversi “attori” chiamati ad applicarla, quali Uffici giudiziari, Avvocati e Uffici dello Stato civile dei Comuni, e fare emergere linee operative condivise nella direzione della semplificazione delle procedure nel delicato ambito dei rapporti familiari.

Al Seminario è prevista la partecipazione dei Vertici degli Uffici giudiziari della provincia e di  esponenti  dell’Ordine forense, che affronteranno le tematiche connesse ai profili giuridici della riforma, e di un qualificato rappresentante dell’ANUSCA che relazionerà sui ruoli, i compiti e le responsabilità dell’Ufficiale dello Stato Civile.
Pubblicato il 12/02/2015
Ultima modifica il 12/02/2015 alle 15:55:05

 
Torna su