Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Prato

Comunicati stampa

 

 GLI STUDENTI DEL CONSERVATORIO SAN. NICCOLO' DI PRATO PARTECIPANO AL CAMPIONATO DI GIORNALISMO CON DEGLI ARTICOLI DEDICATI ALLA FIGURA DEL PREFETTO

Martedì 25 febbraio Il Prefetto Maria Laura Simonetti si è recata alla scuola secondaria di primo grado del Conservatorio San Niccolò di Prato, per parlare agli studenti di "Rappresentanza delle istituzioni sul territorio locale", accompagnata dall'Assessore all'Istruzione, Rita Pieri. Erano presenti anche il Segretario generale della Fondazione Conservatorio San Niccolò Gerardo Gelardi, la Preside Alessandra Bardazzi ed alcuni insegnanti.

L'incontro è il primo di una serie, che vedrà coinvolte varie scuole pratesi, dedicata alla conoscenza dell'istituto prefettizio.
L'iniziativa è nata con l'intento di consentire agli studenti una conoscenza diretta delle istituzioni, nella consapevolezza che la scuola deve formare non solo l'uomo ma anche il cittadino.

Insieme all'Assessore Pieri, sono stati affrontati importanti argomenti attinenti le competenze prefettizie, in rapporto a quelle delle altre istituzioni nazionali e territoriali, con particolare riferimento alla materia elettorale, all'ordine pubblico, alla protezione civile, ai commissariamenti degli enti ed alle attribuzioni prefettizie in materia di controllo delle armi e degli esplosivi.

I ragazzi hanno mostrato curiosità ed attenzione ed hanno posto agli intervenuti domande di approfondimento delle tematiche affrontate, a testimonianza che la presenza, anche fisica, delle autorità locali nelle scuole è un momento che avvicina i cittadini di domani alle istituzioni.

Gli studenti coinvolti sono stati così interessati dalle questioni affrontate ed approfondite durante la visita, che nei giorni scorsi, essendosi candidati a partecipare al campionato di giornalismo organizzato dal quotidiano “LA NAZIONE”, che ogni anno coinvolge molti istituti scolastici toscani, hanno deciso di dedicare alla figura del Prefetto tre articoli, che sono stati pubblicati nell’odierna edizione del giornale.

In uno degli articoli “ Prefetto, una figura mille funzioni ” si evidenziano in modo efficace i compiti svolti dal Prefetto ed il suo ruolo, con riferimenti alla particolare situazione di Prato, al “Patto per Prato sicura 2013” e al “Tavolo Nazionale per Prato”, mentre negli altri si forniscono utili informazioni per chi voglia accedere alla carriera prefettizia e sull’esperienza professionale dell’attuale Prefetto di Prato.
 
 
INCONTRO CON GLI STUDENTI DEL CONSERVATIO SAN NICCOLO'
 
Pubblicato il :

 Comitato Provincia per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 18 febbraio 2014

Il 18 febbraio 2014 si è tenuta una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica nella quale sono state affrontate le tematiche della prevenzione, contrasto e repressione della illegalità, e sono stati analizzati l’attività svolta dalle Forze dell’Ordine e dai Vigili del Fuoco nell’ultimo bimestre ed i risultati conseguiti.
 
Al Tavolo, presieduto dal Prefetto Maria Laura Simonetti, , hanno partecipato il Presidente della Provincia Lamberto Gestri, il Capo di Gabinetto del Sindaco Donatella Palmieri, il Questore Filippo Cerulo, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Gabriele Stifanelli, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Gino Reolon, il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Alberto Bronzi ed il Comandante della Polizia Municipale di Prato Andrea Pasquinelli.
Nella parte della seduta dedicata al rafforzamento del sistema di videosorveglianza è intervenuto il Dr. Vinicio Biagi, in rappresentanza della Regione Toscana, il quale, anche in considerazione degli impegni assunti con il “Patto per Prato Sicura 2013”, ha annunciato un finanziamento di 120.000 euro per l’implementazione della videosorveglianza.
Nel 2013, utilizzando un analogo finanziamento regionale di 100.000 euro, sono state installate 10 nuove telecamere ed il numero dei dispositivi che monitorano il Capoluogo è passato da 63 a 73.
Per la collocazione delle nuove telecamere il Comitato ha individuato le seguenti aree della città: zone a rischio già mappate dalla Questura, giardini pubblici, Macrolotto e zona del Soccorso.   L’esatto posizionamento dei dispositivi sarà deciso nelle prossime settimane, tenendo conto delle direttive del Comitato, da un Gruppo Tecnico presieduto dal Questore, di cui faranno parte i vertici delle Forze dell’Ordine e della Polizia Municipale.
Per quanto riguarda l’attività svolta dalle Forze di Polizia nei primi due mesi dell’anno, il Questore ha reso noto di avere predisposto, oltre alle ordinarie attività d’istituto, 4 interventi interforze per il controllo delle attività produttive e 16 servizi straordinari di controllo del territorio, anche avvalendosi di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze; per queste ultime operazioni sono state complessivamente impiegate 88 pattuglie.  Nelle stesso periodo di tempo sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria 154 persone, arrestate 54 persone ed accompagnati 8 stranieri irregolari alla frontiera o ad un Centro per l’Identificazione e l’Espulsione (CIE).
Il T. Col. Stifanelli ha informato che durante i fine settimana, ed in alcuni giorni feriali, è stata posizionata una stazione mobile dell’Arma dei Carabinieri in piazza Mercatale. Il Nucleo Carabinieri in forza all’Ispettorato del Lavoro, che è stato potenziato con l’assegnazione, fino al 31 marzo p.v., di 6 militari inviati da Roma, ha ispezionato 28 aziende.
Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza ha registrato un incremento dell’attività ispettiva, con 300 interventi in aziende dallo scorso 1° gennaio. Complessivamente è stata accertata un’evasione per 25 milioni di euro di imposte dirette e 7 milioni di euro di IVA. Su 300 aziende controllate circa un terzo erano gestite da cittadini cinesi.
Il Corpo Forestale dello Stato, che opera a Prato con un organico di 11 uomini, in collaborazione con la Polizia Provinciale ha accertato sette casi di violazioni alla normativa in materia di rifiuti. Inoltre., con cadenza settimanale, ha effettuato servizi di controllo sui trasporti di rifiuti e di liquami, oltre alle attività di indagine sui delega della Procura della Repubblica ed a quelle finalizzate a verificare la regolarità della detenzione di specie di flora e fauna minacciate di estinzione.   Nel medesimo periodo, il Comando Stazione di Prato e Vernio ha effettuato altri 15 controlli in materia di vigilanza ambientale generica (rifiuti, inquinamento idrico, ecc.) conseguenti sia ad esposti che ad attività d’iniziativa derivante dal controllo del territorio.
L’ing. Bennardo – Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco – ha reso noti i dati dell’attività svolta nei mesi di dicembre 2013 e gennaio 2014. In tale lasso di tempo sono stati effettuati 653 interventi di soccorso tecnico urgente, che in 15 casi hanno portato a redigere una comunicazione di notizia di reato all’Autorità Giudiziaria.   Sono stati eseguiti anche 9 sopralluoghi per la verifica del rispetto delle disposizioni poste a tutela della sicurezza sul lavoro ed ulteriori 13 sopralluoghi congiunti insieme alle Forze di Polizia.
L’attività delle Forze dell’Ordine verrà monitorata con cadenza bimestrale, oltre che per le finalità proprie di analisi degli obbiettivi e dei risultati, a fini informativi della popolazione.
Pubblicato il :

 13 FBBRAIO IL PREFETTO DI PRATO VISITA IL COMUNE DI VERNIO

In data odierna, il Prefetto di Prato Maria Laura Simonetti si è recata, su invito del Sindaco Paolo Cecconi, in visita ufficiale al Comune di Vernio.
La visita è stata un’utile occasione per approfondire in loco la conoscenza di un’importante realtà locale attraverso un contatto diretto con le Autorità, ma anche per ammirare di persona le ricchezze naturali ed artistiche del suo territorio, che vanta punti di interesse tra i più importanti della provincia di Prato.
La giornata si è aperta in mattinata presso il Municipio, ospitato nel bel Palazzo del XVII secolo fatto costruire dai Conti Bardi in località San Quirico, dove il Sindaco, insieme alla Giunta Comunale e ad alcuni consiglieri, ha accolto il Prefetto. All’incontro erano presenti anche il Segretario Comunale Dr.sa Ascantini, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Prato Cap. Alfieri, Elisabetta Gualtieri, Comandante del Corpo Unico di Polizia Municipale della Val di Bisenzio, ed il Mar. Breschi, Comandante della locale Stazione dei Carabinieri.
Nel saluto al Prefetto il Sindaco ha evidenziato come le recenti emergenze di protezione civile che hanno interessato la provincia abbiano innescati gravi fenomeni di dissesto idrogeologico. Nei primi quaranta giorni dell’anno è caduta al suolo la stessa quantità di pioggia che negli scorsi anni si registrava in sei mesi. Per la particolare conformazione del territorio, collinare e montuoso, attraversato da diversi corsi d’acqua a carattere torrentizio, si sono verificate delle frane che hanno interessato immobili e strade, e che nei giorni scorsi hanno temporaneamente isolato quaranta famiglie.   In un momento in cui le risorse finanziarie disponibili sono sempre più limitate, la comunità di Vernio può comunque contare sulla presenza capillare del volontariato: i numerosi cittadini che generosamente si dedicano ad attività di volontariato, aiutano le Istituzioni ad affrontare in modo più efficace i problemi.
In tema di ordine pubblico si è convenuto che, grazie al senso civico dei suoi abitanti ed all’ottimo lavoro svolto dall’Arma dei Carabinieri, la situazione non desta preoccupazioni.     Successivamente il Prefetto, che si è potuto personalmente rendere conto delle conseguenze delle piogge delle ultime settimane, ha poi toccato il tema della protezione civile e del dissesto del territorio, informando che la Prefettura sta lavorando per migliorare i collegamenti di emergenza tra le diverse sale operative e con l’Unione dei Comuni della Val di Bisenzio, ed assicurando l’interessamento dei propri uffici in merito alle problematiche rappresentate.
Successivamente le Autorità locali hanno accompagnato il Prefetto a visitare alcuni tra i più importanti e noti tesori d’arte che vanta il territorio del Comune. Per cominciare l’Abbazia di Santa Maria, monastero vallombrosano, fondato nel 1096, ragguardevole esempio di architettura romanica, con bassorilievi figurati nell'architrave e nella lunetta del portale e nell'interno alcuni gruppi di pregevoli affreschi del Duecento e del Trecento, situato a Montepiano, nota località di villeggiatura circondata da boschi di castagni e pini.
Prima di rientrare a Prato, nella frazione S. Ippolito, il Prefetto ha visitato la biblioteca comunale, in funzione grazie all’attività di alcuni giovani volontari, e la Pieve, di origine romanica (XII secolo) ma già documentata dall’anno 998, dove ha potuto ammirare pregevoli opere del ‘500 e del ‘600 tra cui la bellissima tavola con l’Adorazione dei pastori (1503) del pratese Girolamo Ristori.
 
Visita al Comune di Vernio
 
Pubblicato il :

 RIUNIONE TAVOLO PERMANENTE SULL'IMMIGRAZIONE

In data odierna si è tenuta presso la sala conferenze della Prefettura di Prato una riunione del Tavolo permanente sull’Immigrazione presieduto dal Prefetto di Prato Maria Laura Simonetti.
 
Il Tavolo Permanente per l'Immigrazione, organismo istituito dal Patto per Prato Sicura, ha il compito di analizzare ed approfondire i diversi aspetti del fenomeno migratorio a Prato al fine di aumentare l'efficacia degli interventi posti in essere a diverso titolo da tutti i soggetti competenti e ad accrescere il livello di legalità e coesione sociale sul territorio.
 
Alla riunione hanno partecipato il dott. Giovanni Lattarulo della Regione Toscana, il Procuratore della Repubblica Piero Tony, l’Assessore alle Politiche d’Integrazione del Comune di Prato Giorgio Silli, Sonia Soldani della Provincia, i vertici delle Forze dell'Ordine, i dirigenti e i rappresentanti delle amministrazioni periferiche dello Stato, della Direzione Territoriale del Lavoro, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Agenzia delle Entrate, dell’Agenzia delle Dogane, dell’I.N.P.S. e dell’I.N.A.I.L., nonché i rappresentanti delle Organizzazioni di Categoria, degli ordini professionali e delle organizzazioni sindacali C.G.I.L., C.I.S.L. e U.I.L.
 
Nel corso della riunione, è stata svolta un’approfondita valutazione dell’attuale situazione in particolare degli uffici pubblici periferici dello Stato e sono state avanzate delle proposte per arricchire e per migliorare la qualità dell’azione condotta dalle istituzioni sul territorio.
 
E’ stato fatto innanzitutto un riepilogo degli impulsi e delle direttive che gli uffici pubblici periferici dello Stato operanti nella provincia hanno ricevuto dai rispettivi Uffici Centrali dopo la riunione del Tavolo Nazionale per Prato, organismo anch’esso istituito dal Patto Prato Sicura, tenutasi a Roma lo scorso mese di dicembre.
 
In tale ambito è stata registrata la recente nomina, con efficacia dal 1° gennaio, del dott. Roberto Sarti nell’esclusivo incarico di direttore dell’Ufficio del Lavoro di Prato, che potrà consentire la ricostituzione del CLES - Comitato per il Lavoro e l’Emersione del Sommerso.
 
Il Direttore ha informato inoltre che il Ministero del Lavoro ha disposto per l’anno 2014 un programma straordinario di vigilanza sul lavoro nero su tutto il territorio nazionale con la previsione di circa 50.000 ispezioni da effettuare a livello nazionale tra le quali 850 per la sola provincia di Prato.
 
Inoltre un recente D.L., ha previsto una sostanziale implementazione della dotazione organica del personale ispettivo da destinare alle regioni del centro-nord che potrebbe interessare in tempi brevi anche la sede di Prato. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri, da parte sua, ha confermato un ulteriore apporto del Nucleo Carabinieri presso l’Ispettorato del lavoro di Prato.
 
Previste 15 prossime assunzioni anche presso l’Agenzia delle Entrate di Prato, in proposito è stato sottolineato, dai rappresentanti dell’Agenzia, nell’ambito della lotta all’illegalità diffusa, l’importanza di intervenire con investigazioni di polizia economico - finanziaria sull’intera filiera produttiva, che ricomprende non solo la singola azienda manifatturiera, ma anche i fornitori di questa e il committente, con particolare riguardo sia ai flussi delle merci che a quelli del denaro. Ed in riferimento a ciò è stato riferita l’adozione di importanti strumenti deterrenti, di contrasto all’illegalità, quali la revoca della partita IVA e del VIES (40 revoche VIES e 50 revoche di partite IVA).
 
Le Direzioni Regionali di I.N.P.S. e I.N.A.I.L. hanno provveduto al potenziamento del personale ispettivo in servizio presso le sedi provinciali, attraverso la destinazione di personale di altre sedi della Regione.
 
Il rappresentante dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha messo al corrente che la Direzione Centrale antifrode ha costituito presso il proprio Ufficio Intelligence un apposito gruppo dedicato a Prato.
 
Tale disponibilità del patrimonio informativo dell’Agenzia è assai importante per l’attività ispettiva istituzionale, in quanto essa è in grado di processare in tempo reale i dati di tutte le dichiarazioni doganali presentate sul territorio nazionale che possono essere elaborate sulla base di criteri di analisi rispondenti alle diverse esigenze investigative.
 
Grande attenzione è stata altresì posta dai convenuti alle problematiche dell’integrazione degli immigrati stranieri, soprattutto cinesi, e alla formazione scolastica delle generazioni più giovani di immigrati per cui sono stati ampiamente illustrati i numerosi impegni e progetti istituzionali in corso nella provincia.
 
Sull’argomento, il rappresentante dell’Ufficio Scolastico Provinciale ha soprattutto evidenziato la necessità di poter disporre a livello locale di una deroga alla vigente normativa in merito alla formazione delle classi per far fronte ai continui arrivi di alunni stranieri ad anno scolastico iniziato, arrivi che comporterebbero una difficile collocazione dei nuovi studenti se non venisse permesso di formare le classi con un numero di alunni non superiori alle 20 unità. Da parte del Prefetto pieno appoggio per richiedere tale modifica presso gli Uffici Centrali.
 
Nel corso della riunione il Prefetto, che ha più volte ribadito e incoraggiato l’esigenza di un maggiore coordinamento delle attività messe in atto a livello periferico dagli uffici dello Stato, che sarà oggetto di successive separate riunioni anche al fine di meglio organizzare le maggiori risorse destinate per l’attività ispettiva, ha anche registrato una elevata attenzione al fenomeno dell’illegalità straniera anche da parte delle associazioni di categoria e dei sindacati (Confindustria, Rete Imprese, CNA, Confartigianato, CGIL, CISL, UIL) che hanno preannunciato un progetto per una più capillare diffusione attraverso gli associati del principio di legalità nel mondo imprenditoriale.
 
RIUNIONE 7 FEBBRAIO 2014
 
RIUNIONE 7 FEBBRAIO 2014
Pubblicato il :

 31 GENNAIO 2014 IL PREFETTO DI PRATO INCONTRA IL CONSOLE GENERALE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA IN FIRENZE - SARAH MORRISON

Venerdì 31 gennaio 2014 il Prefetto di Prato – Maria Laura Simonetti – ha incontrato il Console Generale degli Stati Uniti d’America in Firenze – Sarah Morrison, giunta in Toscana nell’autunno del 2011.
                Il Prefetto Simonetti si è intrattenuta con il Console in un cordiale colloquio che, oltre a toccare i vari profili di interesse relativi alla presenza, seppur modesta, della comunità statunitense in provincia e alla sua integrazione nel contesto sociale pratese, ha anche approfondito alcuni aspetti dell'economia e del mondo del lavoro nel distretto.
                Nel corso del colloquio è stata anche ricordata la figura di Filippo Mazzei, nato a Poggio a Caiano nel 1730 da una nobile famiglia di viticoltori, mercante illuminista e promulgatore delle libertà individuali.
Nel 1775, durante un suo soggiorno a Londra, conobbe Benjamin Franklin e Thomas Adams e successivamente visitò più volte gli Stati Uniti, dove ebbe occasione di incontrare Thomas Jefferson, III Presidente Americano.   Secondo quanto riportato in un libro scritto da John F. Kennedy nel 1959 (Una Nazione di immigrati) il Mazzei sarebbe stato uno degli ispiratori del preambolo della Dichiarazione d’Indipendenza Americana (4 luglio 1776), che dichiara solennemente che tutti gli uomini sono per natura liberi ed indipendenti.
                Agli esiti dell’incontro il Prefetto ed il Console Generale, hanno reciprocamente manifestato l’intenzione di continuare ad approfondire possibili forme di collaborazione, anche sul piano operativo.
 

 

 
 
Pubblicato il :

 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONFERISCE UNA MEDAGLIA ALLA 4^ EDIZIONE DEL PREMIO "STEFANINO D'ORO"

Il 1° febbraio u.s., presso l’Auditorium della Camera di Commercio di Prato, si è tenuta la cerimonia di premiazione della 4^ edizione dello “Stefanino d’Oro”, alla presenza delle massime autorità provinciali.
Particolarmente apprezzata è stata la medaglia destinata alla manifestazione in argomento, quale suo premio di rappresentanza, dal Presidente della Repubblica, che il Prefetto Maria Laura Simonetti ha consegnato a Monsignor Franco Agostinelli, Vescovo di Prato. Il riconoscimento del Capo dello Stato è stato percepito come un segno di vicinanza alla città ed al mondo del lavoro, che sottolinea l’audacia dell’imprenditoria e degli operai che lottano ogni giorno contro la crisi, per conservare il lavoro.
Il Comitato Promotore per lo “Stefanino d’Oro”, così denominato in riferimento al Santo Patrono della città, di cui fanno parte Comune, Provincia e Camera di Commercio di Prato, Fondazione Cariprato e Diocesi di Prato, è stato costituito nel 2010 allo scopo di rispondere alla sentita esigenza di porre in evidenza i problemi del lavoro e dell’occupazione in un’area segnata, come e più di altre, dagli effetti della grave crisi economica e finanziaria che ha colpito il Paese.   Ogni anno vengono premiate imprese del territorio che si sono distinte per l’assoluto rispetto dei valori etici e delle leggi vigenti, ispirando la loro condotta ai principi fondamentali enunciati dalla Costituzione Italiana, per quanto riguarda l’eguaglianza dei cittadini, la libera iniziativa ed il rispetto delle leggi, ed ai principi etici e morali sanciti dalle varie Encicliche sociali emanate dalla Chiesa Cattolica.
Quest’anno l’ambito riconoscimento è stato conferito a tre imprenditori molto noti: Marco Cavallaro, General Manager di APOLLO S.p.A. – società che produce rivestimenti interni per autoveicoli, treni, aerei e navi, Fabrizio Campaioli di CAMPAIOLI S.r.l. – azienda che opera nel settore dell’import export di macchinari ed accessori tessili e Riccardo Bruschi di TT TECNOSTISTEMI, che realizza avanzate soluzioni informatiche.
Il Ministro per la Coesione Territoriale Carlo Trigilia, assente per impegni istituzionali, ha inviato un saluto registrato in un videomessaggio che è stato mostrato nel corso della manifestazione.
 
medaglia premio stefanino d'oro
Pubblicato il :

 
Torna su