Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Prato

Convegno Presentazione del rapporto "L'Economia della Toscana"

 
Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Prato
Comunicato stampa post evento
25 giugno 2014
 
 
         Nel pomeriggio di mercoledì 25 giugno presso si è svolto presso questa Prefettura il convegno per la presentazione del rapporto sull’economia della Toscana e della Provincia di Prato organizzato d’intesa con la Direzione della Banca d’Italia di Firenze.
 
         Il Prefetto Maria Laura Simonetti ed il Direttore di Banca d’Italia Vincenzo Umbrella, hanno dato inizio ai lavori del convegno con un saluto introduttivo ove è stato da parte del Prefetto auspicato che ”l’economia pratese sappia cogliere ogni spunto positivo di ripresa che comincia ad affacciarsi nel panorama europeo ed internazionale” , a seguire il Direttore della Banca D’Italia ha fatto presente che “nonostante l'ancora difficile fase congiunturale, il sistema finanziario può contribuire alla ripresa dell'economia soprattutto attraverso il finanziamento degli investimenti e dei progetti imprenditoriali più meritevoli".
 
         Si sono avvicendati vari relatori, esperti di settore, che hanno esposto il rapporto ed affrontate varie tematiche riguardanti l’andamento dell’economia toscana.
 
         In particolare, il dott. Luca Cherubini ha illustrato” gli aspetti salienti della fase ciclica che ha interessato il complesso del Paese nel corso del 2013, caratterizzata dal graduale attenuamento e infine dall’arresto della contrazione dell’attività economica, mettendo in luce soprattutto la divergenza tra la dinamica della domanda interna, fortemente contrattasi durante la crisi, e di quella proveniente dall’estero, che invece ha contribuito a sostenere il prodotto nazionale. Si è poi soffermato sul rapporto tra sistema produttivo e industria bancaria, sottolineandone le peculiarità italiane in una prospettiva europea. Ha concluso indicando alcuni dei nodi strutturali su cui è prioritaria l’azione coordinata di tutti gli attori economici e politici”.
 
         Quindi hanno riferito anche con un focus specifico sull’economia pratese il dott. Emanuele Ciani ed il dott. Marco Gallo.
         In particolare, il dott. Ciani ha “tratteggiato l’andamento della congiuntura regionale, risultata meno negativa di quella nazionale, cercando di metterne in risalto differenze e similitudini. E’ stato confermato come, anche in Toscana, abbiano sofferto soprattutto i settori maggiormente dipendenti dalla domanda interna, primo tra tutti quello delle costruzioni, mentre sono cresciute le esportazioni, grazie anche alla capacità delle imprese di diversificare i mercati di sbocco. Nella provincia di Prato gli indicatori dell’industria manifatturiera mostrano una contrazione più ampia rispetto a quella toscana; le esportazioni di prodotti del tessile e abbigliamento, a differenza del resto della regione, hanno registrato un leggero calo. Gravi preoccupazioni permangono sulla tenuta del mercato del lavoro regionale, che – all’interno di una complessiva stabilità dei livelli occupazionali – mostra alcune criticità, come l’impiego ancora elevato di ammortizzatori sociali e squilibri a sfavore delle giovani generazioni.”;
 
         Il dott . Gallo ” trattando il tema del finanziamento dell’economia toscana, ha poi mostrato che la flessione del credito bancario, sia alle imprese sia alle famiglie consumatrici, si è intensificata nel corso del 2013, attenuandosi poi nei primi mesi dell’anno, e come a ciò abbiano contribuito fattori di domanda e di offerta. Ha infine evidenziato l’ulteriore peggioramento della qualità del credito, che ha visto la quota di nuove sofferenze in rapporto ai prestiti superare il quadruplo dei livelli pre-crisi e un aumento anche dell’incidenza dei prestiti caratterizzati da un minor grado di deterioramento. Gli indicatori creditizi provinciali confermano un quadro congiunturale peggiore rispetto alla media regionale: i finanziamenti bancari si sono ridotti in misura più marcata e, soprattutto, il tasso di default sia delle famiglie che delle imprese è risultato più elevato”.
 
         Prima del dibattito con i numerosi intervenuti si è tenuta una comunicazione del Vicario del Prefetto dr.ssa Livia Benelli in merito a due istituti pensati dal legislatore in funzione anticrisi: il “rating di legalità” e la Segnalazione all’Arbitro Bancario Finanziario per il tramite del Prefetto.
 
         Per il “rating di legalità” che costituisce un nuovo strumento di promozione di principi etici nei comportamenti aziendali diretto a favorire l’accesso delle imprese che ne hanno conseguito il riconoscimento al credito bancario ed ai finanziamenti erogati dalle pubbliche amministrazioni, si è richiamata l’attenzione sulla prossima scadenza, i primi di agosto, di taluni adempimenti da porre in essere da parte delle amministrazioni pubbliche per la sua attuazione.
 
         Maggiori informazioni sui due istituti: il “rating di legalità” e la Segnalazione all’Arbitro Bancario Finanziario per il tramite del Prefetto, sono visionabili sul sito della Prefettura di prato sia come news della home page del sito, sia sotto la sezione Area Economica, accessibili al seguente link: http://www.prefettura.it/prato
 
         A conclusione del convegno si è tenuto l’intervento della prof.ssa Monika Poettinger, docente del Dipartimento Analisi delle politiche e management pubblico dell’Università Bocconi. La relatrice ha “inserito i dati del Rapporto sulla Toscana della Banca d'Italia nel quadro di sviluppo economico di lungo periodo della regione in generale e della città di Prato in particolare, evidenziando i cambiamenti occorsi da una parte nella struttura produttiva e corrispondentemente nella capacità competitiva del territorio. Questo al fine di chiarire la situazione economica attuale e tratteggiarne possibili linee evolutive.”
 
         Il dibattito con i presenti, - sono infatti intervenuti, oltre alle autorità civili, ai rappresentanti degli enti ed organismi economici, alle organizzazioni di settore ed ai sindacati datoriali e dei lavoratori anche istituzioni bancarie e imprenditori delle province di Prato e Pistoia, - ha dimostrato che l’iniziativa è stata ricca di spunti, per l’ampio parterre di specialisti del settore, per approfondire e confrontarsi sulle tendenze e le prospettive di sviluppo dell’economia pratese.
 
 
  Convegno Banca Italia Prefetto
 
Convegno Banca Italia Direttore
 
Convegno Banca Italia Platea
 
Convegno Banca Italia Relatori
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ultima modifica il 26/06/2014 alle 16:19

 
Torna su