Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pisa

NOTIZIE

 

 PRESSO LA PREFETTURA DI PISA E' STATO PRESENTATO ALLA STAMPA IL CONCORSO "1948 -2018, 70 ANNI DI COSTITUZIONE REPUBBLICANA" PER LE CLASSI TERZE DELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

Conferenza Stampa Presentazione Concorso 70esimo Costituzione
Quest'anno si celebra il settantesimo anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana firmata il 27 dicembre del 1947 ed entrata in vigore il 1° gennaio 1948.
La Prefettura di Pisa e l'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana -Ambito Territoriale di Pisa hanno istituito un concorso sul tema "70 anni di Costituzione Repubblicana", rivolto agli studenti delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado della provincia di Pisa.
Ciò consentirà loro spunti di riflessione e confronto allo scopo di acquisire conoscenze qualificanti sulla nascita della Repubblica e sull'importanza che la Carta Costituzionale ha assunto per la crescita democratica.
Il Prefetto di Pisa Angela Pagliuca e il dirigente dell'Ufficio Scolastico provinciale, dottor Giacomo Tizzanini, hanno presentato il concorso realizzato con il contributo della "Fondazione Pisa" nel corso di una conferenza stampa tenutasi stamani in Prefettura.
Gli studenti dovranno sviluppare la tematica presentando un elaborato scritto inedito, un video o produzioni artistiche.
I premi saranno resi disponibili dalla "Fondazione Pisa" e consistono in:

  1. un buono acquisto libri per ciascun alunno che partecipa al gruppo/classe vincitore;
  2. un videoproiettore per ciascuna scuola di appartenenza del gruppo/classe vincitore.
Le domande di partecipazione dovranno essere presentate, entro il 30 maggio 2018, secondo le modalità indicate nel Bando allegato alla presente pagina web.

 
Pubblicato il 06/04/2018
Ultima modifica il 06/04/2018 alle 13:38:23

 Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica del 4 aprile 2018 - Intensificazione delle attività di controllo del territorio a Pisa ed a Pontedera

Il Prefetto di Pisa Angela Pagliuca Il tema della sicurezza dei territori della Provincia, in particolare dei Comuni di Pisa e Pontedera è stato oggetto di un rinnovato, approfondito esame svolto dal Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica che ieri il Prefetto Pagliuca ha presieduto alla presenza dei Sindaci Marco Filippeschi e Simone Millozzi e dei vertici provinciali delle Forze di Polizia.
I Rappresentanti delle Forze di Polizia hanno illustrato i risultati conseguiti nelle speciali azioni di prevenzione poste in essere nelle zone del centro storico di Pisa e Pontedera a seguito delle decisioni assunte nelle riunioni di Comitato specificatamente dedicate alla questione e che hanno determinato un aumento dei controlli, delle denunce e degli arresti.
Particolare attenzione è stata rivolta ai servizi straordinari di controllo attivati e tuttora operativi ai quali hanno partecipato anche le Polizie Locali alla luce di opportune forme collaborative previste dalle recenti normative e dal " Patto Pisa Sicura".
L'azione investigativa condotta dalle Forze dell'Ordine e i servizi straordinari di controllo del territorio hanno consentito il raggiungimento di importanti risultati nell'attività di prevenzione e repressione dei reati.
A Pisa, recentemente, sono stati tratti in arresto gli autori di danneggiamenti (cd. spaccate) di negozi e attività commerciali e a Pontedera, nel corso di controlli sono state identificate numerose persone, alcune delle quali segnalate all'Autorità Giudiziaria, quali presunti autori di reati contro il patrimonio.
Sul piano dell'azione preventiva è stato assicurato, da parte dei Sindaci, il rafforzamento dei sistemi di videosorveglianza con l'impegno, anche di carattere finanziario, da parte del Sindaco di Pontedera di intensificare l'illuminazione pubblica in quelle zone della città ritenute maggiormente vulnerabili.
Il Prefetto Pagliuca ha, inoltre, sottoposto all'attenzione del Comitato il problema dei " parcheggiatori abusivi" in relazione anche a recenti esposti pervenuti in Prefettura da parte di cittadini ed Organizzazioni di Categoria.
Sul punto il Prefetto ha disposto apposite riunioni tecniche - operative in Questura, nel corso delle quali verranno calendarizzati gli interventi che le Forze dell'Ordine, unitamente alle Polizie Locali effettueranno nei due Comuni.
Le strategie operative prevedono un significativo impegno da parte degli operatori di polizia per contrastare il suddetto fenomeno e consentire, secondo la disponibilità dei posti presenti nei Centri esistenti sul territorio nazionale l'espulsione con accompagnamento alla frontiera degli extracomunitari che nel corso dei controlli fossero sprovvisti di titolo di soggiorno.
L'azione condivisa con i Sindaci verrà effettuata in un contesto di interventi dinamici e improvvisi da parte delle Forze di Polizia nei luoghi ove notoriamente si registra il fenomeno.
Nei prossimi giorni il Questore convocherà un tavolo tecnico in Questura per disporre i servizi straordinari, fermo restando che nell'ambito dell'ordinario controllo del territorio le pattuglie delle Forze di Polizia assicureranno frequenti passaggi, anche in funzione di deterrenza, nei luoghi dove si registra la presenza dei parcheggiatori abusivi.
Pubblicato il :

 VITTIME DI REATI VIOLENTI : SCADE IL 12 APRIRE IL TERMINE PER LA DOMANDA DI INDENNIZZO

 
Scade venerdì prossimo, 12 aprile , il termine per presentare la domanda di indennizzo , a favore delle vittime di un reato doloso commesso con violenza, anche  per i reati commessi dal 30 giugno 2005 al 23 luglio 2016, nelle ipotesi in cui la vittima, o gli aventi causa in caso di omicidio, non abbiano conseguito il risarcimento del danno dall'autore del reato.

Per agevolare le vittime, qualora alla scadenza del termine di 120 giorni non sia ancora disponibile la documentazione richiesta (atti esecutivi, passaggio in giudicato della sentenza), le domande potranno comunque essere presentate nel termine generale di 60 giorni dall'ultimo atto esecutivo o dal passaggio in giudicato della sentenza.

L'indennizzo è elargito per la rifusione delle spese mediche e assistenziali documentate, salvo che per i fatti di violenza sessuale e di omicidio, nei quali casi l'indennizzo è comunque elargito anche in assenza di spese mediche e assistenziali. 

Gli importi, fissati dal decreto interministeriale del 31 agosto 2017, pubblicato sulla G.U. del 10 ottobre 2017, che ha reso operativa la legge, saranno a breve rideterminati in aumento, grazie alle nuove e maggiori risorse stanziate con la legge europea del 2017 e la legge di bilancio 2018.

Il decreto è consultabile sul sito internet del Ministero dell'Interno- Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti, al link:

http://www.interno.gov.it/it/ministero/commissario-vittime-reati-mafiosi-e-intenzionali-violenti/presupposti-e-requisiti-laccesso-fondo-vittime-dei-reati-intenzionali-violenti

in cui sono indicate le condizioni e presupposti per accedere al Fondo, nonché le informazioni sul procedimento.

 
Pubblicato il :

 
Torna su