Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pisa

NOTIZIE

 

 Cantieri di Pisa. Incontro in Prefettura.

Ancora una volta all’attenzione delle Istituzioni, Prefettura, Regione Toscana e Comune di Pisa, la vertenza dei lavoratori dei Cantieri di Pisa che dall’1 gennaio di quest’anno non percepiscono alcuna forma di reddito.
Stamani al Palazzo del Governo il Viceprefetto reggente Valerio Massimo Romeo ha tenuto un incontro a cui hanno preso parte l’Assessore del Comune di Pisa David Gay, il Direttore della Direzione Territoriale del Lavoro Anna Maria Venezia, la responsabile della Segreteria dell’Assessore regionale Gianfranco Simoncini, Rosa Dello Sbarba, il funzionario del Settore Lavoro della Regione Toscana, Michele Beud˛, e il segretario provinciale della CGIL Gianfranco Francese.
Preliminarmente Ŕ stata stigmatizzata l’assenza all’incontro del liquidatore Federico Galantini e dei commissari giudiziali, nonostante le numerose sollecitazioni a prendere parte alla riunione poste in essere nei giorni scorsi dalla Prefettura.
╚ stata unanimemente condivisa la necessitÓ di fare chiarezza sulle reali intenzioni del liquidatore, con particolare riferimento alla richiesta di CIGS per i 92 lavoratori pisani che a tutt’oggi rischia di non essere concessa a causa delle carenti procedure avviate dal liquidatore, che si discosta sostanzialmente dagli impegni assunti a gennaio presso il Ministero del Lavoro e da quelli presi in Prefettura il 4 agosto scorso.
In particolare, elementi di forte contraddittorietÓ sono stati valutati nella documentazione fatta pervenire dal Galantini, laddove non appare chiaro neanche il percorso e i tempi di formazione per la riqualificazione dei lavoratori.
Nel ribadire che l’impegno delle Istituzioni pisane e della CGIL sarÓ determinato al fine di scongiurare ulteriori situazioni di criticitÓ per i lavoratori, Prefettura, Regione e Comune invieranno nei prossimi giorni una lettera congiunta al Giudice delegato di La Spezia, dott. Alessandro Farina, per segnalare, nel rispetto dell’attivitÓ giudiziaria, la forte preoccupazione per il futuro deli Cantieri di Pisa e la necessitÓ di fare chiarezza sull’operato del commissario liquidatore.

Pubblicato il :

 
Torna su