Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Piacenza

NOTIZIE

 

 Protocollo tra il Ministero dell'Interno ed ENEL riguardante i procedimenti dello sportello unico per l'immigrazione

Nella sezione "Speciale Immigrazione" , "Sportello unico immigrazione SUI", "Circolari SUI" è stata pubblicata la circolare riguardante protocollo tra il Ministero dell'Interno ed ENEL riguardante i procedimenti dello sportello unico per l'immigrazione

Per una rapida consultazione la circolare è allegata anche alla presente notizia.

Pubblicato il 23/02/2017 ultima modifica il 03/03/2017 alle 12:02:09

 Test di italiano - Elenco dei risultati per la sede di Via Michelangelo 4

Si comunica che sul presente sito alla sezione "Speciale Immigrazione" sottosezione "Test di lingua italiana per permessi di soggiorno di lungo periodo" "Risultati test di italiano" sono stati pubblicati i risultati dei test d'italiano del 21 febbraio 2017 relativi alla sede di via Michelangelo n. 4.
Per comodità si allega l'elenco.
Pubblicato il 23/02/2017 ultima modifica il 03/03/2017 alle 11:56:25

 White list - modifiche normative introdotte dal D.P.C.M. 24 novembre 2016.

Nella sezione amministrazione trasparente, attività e procedimenti, White list, sono state introdotte le modifiche normative come da D.P.C.M. 24 novembre 2016.

Le modifiche sopracitate vengono riportate di seguito:

 

Nella Gazzetta Ufficiale n. 25 del 31 gennaio 2017 è stato pubblicato il D.P.C.M. 24 novembre 2016 recante "modifiche al D.P.C.M del 18 marzo 2013 per l'istituzione e l'aggiornamento degli elenchi dei fornitori prestatori di servizi ed esecutori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, di cui all'art. 1 comma 52, della legge 6 novembre 2012, n. 190".

Il provvedimento è volto ad adeguare la struttura del precedente D.P.C.M. 18 aprile 2013 alle novità introdotte in materia dall'articolo 29 del decreto-legge n. 90 del 2014, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114.

In particolare

  • l'articolo 1, comma 1, lett. a) del nuovo D.P.C.M. chiarisce che, nei settori individuati dal comma 53 dell'art. 1 della legge n. 190/2012, la stipula, l'approvazione o l'autorizzazione di contatti e subcontratti relativi a lavori, servizi e forniture pubblici sono subordinati, ai fini dell'acquisizione della documentazione antimafia liberatoria, all'iscrizione dell'impresa nella white list;
  • l'articolo 1, comma 1, lett. b) introduce un nuovo art. 3-bis, con il quale viene previsto che:
  1. a) l'iscrizione nelle white list costituisce la modalità obbligatoria attraverso la quale le stazioni appaltanti acquisiscono la documentazione antimafia nei confronti delle imprese operanti nei settori "a rischio";
  2. b) per i soggetti che risultano non censiti nella Banca dati nazionale unica e che hanno tuttavia presentato domanda di iscrizione nell'elenco, si osservano le disposizioni di cui all'articolo 92, commi 2 e 3, del Codice antimafia. A tal fine, le stazioni appaltanti consultano la Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia. Dal momento della consultazione della Banca dati decorreranno i termini, previsti dall'articolo 92, commi 2 e 3, del Codice antimafia, alla scadenza dei quali la stessa stazione appaltante sarà legittimata a procedere alla conclusione o approvazione degli strumenti contrattuali, fatte salve le clausole di legge previste in caso di successivo diniego dell'iscrizione;
  3. c) ai sensi dell'articolo 1, comma 52-bis, della legge n. 190/2012, le stazioni appaltanti acquisiscono, tramite la consultazione delle white list, la documentazione antimafia anche in relazione ad attività diverse da quelle per le quali è stata disposta, sempreché permangano le condizioni relative ai soggetti ed alla composizione del capitale sociale;
  4. d) le stazioni appaltanti devono comunicare alla Prefettura, solo con modalità telematica, in ossequio al disposto del Codice dell'Amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive modificazioni, le ditte, ovvero le denominazioni o le ragioni sociali delle imprese in relazione alle quali hanno acquisito la documentazione antimafia tramite consultazione dell'elenco;
  • l'articolo 1, comma 1, lett. c) sostituisce, infine, il comma 1 dell'art. 7 del precedente D.P.C.M., chiarendo, alla luce della nuova disciplina degli effetti di equipollenza dell'iscrizione nelle white list, introdotta dall'art. 29 del decreto-legge n. 90/2014, che l'iscrizione nell'elenco tiene luogo della documentazione antimafia, non solo — come già era previsto — per l'esercizio delle attività per cui l'impresa ha conseguito l'iscrizione, ma anche per la stipula, approvazione o autorizzazione di contratti o subcontratti relativi ad attività diverse da quella per la quale è stata conseguita l'iscrizione in elenco.
Pubblicato il :

 Attuazione della direttiva 2014/66/UE sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti lavoratori specializzati, lavoratori in formazione di paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intra-societ

Nella sezione "Speciale Immigrazione" , "Sportello unico immigrazione SUI", "Circolari SUI" è stata pubblicata la circolare riguardante il D.L. 29-12-2016 n. 253 relativo all' attuazione della direttiva 2014/66/UE sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti lavoratori specializzati, lavoratori in formazione di paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intra-societari.
Per una rapida consultazione la circolare è allegata anche alla presente notizia.
Pubblicato il 15/02/2017 ultima modifica il 23/02/2017 alle 16:00:19

 Presentazione progetto 'Back to the Future" riguardante il Rimpatrio Volontario Assistito e Reintegrazione (RVAR) dei cittadini stranieri di Paesi Terzi.

Lunedì 6 febbraio 2017 è stato presentato, alla presenza del Prefetto di Piacenza, il Progetto "Back to the Future" riguardante il Rimpatrio Volontario Assistito e Reintegrazione (RVAR) dei cittadini stranieri di Paesi Terzi.

Il progetto, finanziato dal FAMI - Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014 - 2020 - vede come Ente capofila il GUS - Gruppo Umana Solidarietà  "Guido Puletti", impegnato, anche nella provincia di Piacenza, in interventi di accoglienza integrata sia per richiedenti che per titolari di protezione internazionale.

"Back to the Future" intende sostenere i cittadini di Paesi Terzi che desiderano rientrare in patria offrendo servizi di accompagnamento alla partenza e nel Paese di ritorno per realizzare, sulla base di piani individuali o familiari, un reinserimento socio economico.

Tale progetto, come del resto tutti gli altri progetti di rimpatrio volontario assistito finanziati dal FAMI vede il diretto coinvolgimento della Prefettura nella gestione delle richieste di adesione.

La presentazione del Progetto è stata finalizzata ad informare gli attori territoriali della provincia di Piacenza e dell'area che abbraccia tutto il Nord - Est, che operano nel settore dell'accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri, migranti e rifugiati, circa le opportunità offerte dal progetto stesso.

Alla presentazione, alla quale hanno partecipato alcuni rappresentanti del GUS, hanno assistito molti gestori delle strutture temporanee di accoglienza in cui vengono ospitati i richiedenti protezione internazionale, persone impegnate nel sociale nel territorio piacentino e alcuni rappresentanti delle comunità straniere di Piacenza.

 

Pubblicato il :

 Modalità prentazione istanze di iscrizione nell'Anagrafe antimafia degli esecutori interventi di ricostruzione pubblica e privata nei comuni del c.d. 'cratere", ossia colpite dal sisma.

Nella Sezione Amministrazione Trasparente sono state pubblicate le modalità di inoltro al Ministero dell'Interno delle istanze di iscrizione nell'Anagrafe antimafia degli esecutori.

Link per consultazione diretta:

Pubblicato il :

 Risultati dei test d'italiano del 31 gennaio 2017 relativi alla sede di via Michelangelo n. 4.

Si comunica che sul presente sito alla sezione "Speciale Immigrazione" sottosezione "Test di lingua italiana per permessi di soggiorno di lungo periodo" "Risultati test di italiano" sono stati pubblicati i risultati dei test d'italiano del 31 gennaio 2017 relativi alla sede di via Michelangelo n. 4.
Per comodità si riporta il link di seguito:
 
Pubblicato il :

 
Torna su