Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Piacenza

Osservatorio sul credito

Terminata l'attività degli Speciali Osservatori
 
   La direttiva congiunta dei Ministri dell'Interno e dell'Economia firmata il 30 luglio 2010, ha disposto la cessazione dell'attività degli Osservatori sul credito che, istituiti presso le prefetture dei capoluoghi di regione, erano stati creati a partire dall'aprile del 2009, per fronteggiare una prima fase emergenziale dovuta alla crisi economica.
    Il lavoro svolto si è dimostrato utile come momento di confronto tra intermediari creditizi e famiglie ed imprese, ma anche per favorire la diffusione degli strumenti messi a disposizione dall'ordinamento per agevolare il credito e la liquidità.
   Nella direttiva è stato richiesto agli Osservatori di redigere un rapporto conclusivo dell'attività svolta entro il 15 settembre 2010.

   Presso la Prefettura di Bologna , l'incontro conclusivo dello Speciale Osservatorio sul credito della regione Emilia-Romagna si è tenuto il 14 settembre 2010.
   Nel corso dell'incontro, oltre all'analisi dell'andamento del credito nel primo semestre dell'anno, è stata data una valutazione conclusiva dell'attività svolta e dei risultati raggiunti, nonché delle iniziative avviate e della loro eventuale prosecuzione.
   Per i prestiti alle imprese nei primi mesi del 2010 perdura un calo, a tassi medi del 4%, che però da aprile sembra attenuarsi, mentre i prestiti alle famiglie non sono invece mai diminuiti: in rallentamento già dal 2006, fino a settembre 2009 hanno continuato ad aumentare, sia pure a tassi sempre più contenuti, per riprendere poi la crescita, e ciò in modo omogeneo a livello regionale.
   La disamina dell'attività svolta ha consentito di richiamare le problematiche più significative trattate e le iniziative promosse, quali ad esempio la lamentata sostituzione della commissione di massimo scoperto con clausole, quale la "commissione disponibilità fondi", che di fatto rendevano ancora più oneroso il credito, l'estensione della moratoria sul credito alle aziende che usufruiscono di contributi pubblici, come la gran parte di quelle agricole, l'anticipazione ai lavoratori, da parte delle banche, delle somme previste dalla Cassa integrazione, in attesa della definizione delle procedure previste. 

   La direttiva interministeriale dà, comunque, la facoltà ai Prefetti di continuare a livello locale l'attività di monitoraggio ed analisi della situazione economica e dei suoi risvolti sociali, per predisporre eventuali interventi a garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni sui diritti civili e sociali.         
                                Il Prefetto Silvana Riccio ha infatti inviato a tutte le componenti interessate una lettera con cui viene garantita la disponibilità a proseguire l'attività nell'ambito della Conferenza Permanente.



 

Osservatorio sul credito per le famiglie e le imprese

E' stata emanata, il 31 marzo scorso, la direttiva del Ministro dell'Interno Maroni e del Ministro dell'Economia Tremonti che dà avvio agli Speciali Osservatori presso le Prefetture, istituiti dal decreto legge 185/2008 per monitorare l'andamento del credito a famiglie e imprese.

Gli Osservatori saranno il luogo privilegiato per l'analisi delle condizioni di finanziamento all'economia, con il compito di individuare eventuali problematiche e proporre idee e soluzioni.
I Prefetti riceveranno le istanze provenienti dalle famiglie e dalle imprese che si ritengono danneggiate nell'erogazione di credito da parte delle banche.

I moduli per le istanze sono scaricabili, oltre che tramite gli allegati riportati in fondo a questa pagina, anche dai siti internet http:www.interno.gov.it/ e http://www.tesoro.it/ dai quali sarà anche possibile reperire la direttiva.
Al riguardo, si comunica che è stata attivata, presso questa Prefettura, la casella di posta elettronica istituzionale: specialiosservatori.pref_piacenza(at)interno.it con la quale i cittadini e le imprese potranno inviare i modelli.
Nel caso in cui i moduli vengano spediti per posta ordinaria, dovranno contenere la firma del mittente ed essere indirizzati a: Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo - Speciale Osservatorio sul Credito - Via San Giovanni n. 17 - 29121 Piacenza

Allegati:




Regione e Prefettura di Bologna firmano un accordo per un nuovo database on line

Bologna - Un database informatizzato disponibile su internet per cittadini e imprese per conoscere tutte le misure di agevolazione al credito poste in essere da istituzioni pubbliche e associazioni imprenditoriali e sindacali.
E' l'oggetto di un Protocollo d'intesa firmato il 30.6.2010 dal presidente della Regione Vasco Errani e dal prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia e che ha l'obiettivo di semplificare l'accesso a tutte le informazioni sulle iniziative e gli strumenti per sostenere le necessità di accesso al credito per famiglie e imprenditori, con il coinvolgimento delle amministrazioni pubbliche, del sistema camerale, delle rappresentanze imprenditoriali e sindacali.

L'iniziativa nasce nell'ambito delle attività dell'Osservatorio sul credito che, coordinato dal prefetto di Bologna, riunisce tutte le Prefetture dell'Emilia-Romagna e vigila sulla continuità dell'erogazione del credito a imprese e cittadini.

Per la raccolta delle informazioni necessarie alla formazione del database, il protocollo prevede che sarà utilizzato un questionario elettronico collocato all'interno del Portale web Si-impresa della Regione Emilia-Romagna ( http://emiliaromagna.si-impresa.it/ ). Il data base sarà accessibile attraverso l'apposito sito web della Prefettura e anche tramite link dal portale regionale Si-impresa, e consentirà la ricerca puntuale dei contenuti in ragione del profilo dell'utente.

Il questionario sarà compilato da tutti i soggetti che in Emilia-Romagna hanno attivato misure di agevolazione al credito e costantemente aggiornato, per far sì che il nuovo database possa contenere sempre l'elenco delle nuove iniziative promosse sul territorio della regione.





 



Data pubblicazione il 19/10/2009
Ultima modifica il 04/04/2014 alle 09:04

 
Torna su