Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Piacenza

Nuovo Regolamento - Istituti di Vigilanza ed Investigativi -d.m. 269/2010

#ALLEGATI# 
E' entrata  in vigore il 15 marzo 2011 la nuova disciplina sugli istituti di vigilanza privata ed investigativi e sui requisiti professionali per la direzione degli istituti stessi, fissata con il " Regolamento recante disciplina delle caratteristiche minime del progetto organizzativo e dei requisiti minimi di qualità degli istituti e dei servizi di cui agli articoli 256-bis e 257-bis del Regolamento di esecuzione del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, nonché dei requisiti professionali e di capacità tecnica richiesti per la direzione dei medesimi istituti e per lo svolgimento di incarichi organizzativi nell'ambito degli stessi istituti " (Decreto del Ministro dell'Interno n.269 del 01-12-2011 pubblicato sul Supplemento ordinario n.37/L alla Gazzetta Ufficiale  n.36 del 14.2.2011).

Il Decreto Ministeriale, che dà esecuzione a quanto disposto dal comma 4 dell'art. 257 del D.P.R. 4 Agosto 2008, n. 153, si pone come obiettivo quello di favorire la qualificazione delle imprese e la qualità dei servizi di vigilanza.

Il Decreto consta di 8 articoli e 10 allegati, e si occupa in particolare della funzionalità e controllabilità degli istituti di vigilanza ed investigazione; del superamento del limite provinciale della licenza; del perseguimento di una elevata qualità organizzativa ed operativa dei servizi e della sicurezza delle guardie giurate.

Il Regolamento disciplina:

- Caratteristiche e requisiti organizzativi e professionali degli istituti di vigilanza privata;

- Requisiti e qualità dei servizi;

- Caratteristiche e requisiti organizzativi e professionali degli istituti di investigazione privata e di informazioni commerciali;

- Qualità dei servizi di investigazione privata e di informazione commerciale;

- Requisiti professionali e formativi delle guardie particolari giurate;

- Aggiornamento dei requisiti tecnico-professionali. 

Gli istituti autorizzati devono, entro diciotto mesi dal 15 marzo 2011 , adeguare le caratteristiche ed i requisiti organizzativi, professionali e di qualità dei servizi alle disposizioni del decreto e dei relativi allegati.

Per i requisiti formativi minimi ad indirizzo giuridico e professionale degli investigatori privati e degli informatori commerciali autorizzati, la fase transitoria è fissata in trentasei mesi .

Dovranno invece da subito essere in possesso dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalle nuove disposizioni i soggetti che chiederanno nuove licenze o estensioni di licenze già operative.

            Il Ministero dell'Interno, con circolare del 24 marzo 2011, ha diramato un Vademecum operativo ai fini di una omogenea attuazione sul territorio nazionale del d.m. 1.12.2010.


Data pubblicazione il 08/04/2011
Ultima modifica il 11/04/2011 alle 10:29

 
Torna su