Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pesaro-Urbino

NOTIZIE

 

 il Prefetto Carla Cincarilli incontra l'Ambasciatore dello Stato della Georgia Karlo Sikharulidze

Nella mattinata odierna il Prefetto, Dr.ssa Carla Cincarilli, ha incontrato l' Ambasciatore a Roma dello Stato della Georgia, Dr. Karlo Sikharulidze , in  visita a Pesaro in occasione della "Settimana georgiana", organizzata dall'Associazione culturale Accademia Internazionale di Canto Città di Pesaro e dedicata al 150° anniversario della morte di Gioacchino Rossini.

All'incontro con il predetto diplomatico erano presenti anche l'Assessore Luca Bartolucci, in rappresentanza del Sindaco,  ed i vertici provinciali delle Forze di Polizia,  dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto.

Nel dare il benvenuto all'Ambasciatore, il Prefetto ha sottolineato quanto sia importante rafforzare i legami tra i due Paesi nei settori quale la Cultura e l'Imprenditoria che sicuramente potranno costituire favorevoli occasioni per forme di collaborazione sempre più intense.

L'Ambasciatore si è complimentato con tutti i presenti  e si è dichiarato molto soddisfatto della calorosa accoglienza riservata dalla Città di Pesaro, in particolare del  modo con cui la cittadinanza ha risposto positivamente  alle varie iniziative in corso proposte dall'Associazione, auspicando  che questo sia l'inizio di un cammino da percorrere insieme.

 


il Prefetto Carla Cincarilli incontra l'Ambasciatore dello Stato della Georgia


Pubblicato il :

 Domanda di indennizzo per le vittime di reati violenti

Il 12 aprile 2018 è il termine previsto dall'art. 6 della legge 20 novembre 2017, n. 167, c.d. legge europea 2017, per presentare la domanda di indennizzo anche per i reati intenzionali violenti commessi dal 30 giugno 2005 al 23 luglio 2016 (in origine non previsti).

L'Ufficio per le attività del Commissario per il Coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti ha diffuso un comunicato stampa, in cui è stato sottolineato che per agevolare le vittime, qualora alla scadenza del termine di 120 giorni non sia ancora disponibile la documentazione richiesta (atti esecutivi, passaggio in giudicato della sentenza), le domande potranno comunque essere presentate nel termine generale di 60 giorni dall'ultimo atto esecutivo o dal passaggio in giudicato della sentenza.

Gli importi, fissati dal decreto interministeriale del 31agosto 2017, pubblicato sulla G.U. 10 ottobre 2017, che ha reso operativa la legge saranno a breve rideterminati in aumento grazie alle nuove e maggiori risorse stanziate con la legge europea del 2017 e la legge di bilancio del 2018.  

 

Per maggiori informazioni si consulti il comunicato stampa del Ministero dell'Interno .

 

pubblicazione effettuata su richiesta dal Dirigente dell'area I - ordine pubblico e sicurezza

Pubblicato il :

 
Torna su