Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Perugia

Comunicati Stampa

 

 Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale di Firenze. Istituzione della Sezione staccata di Perugia

Come è noto, si sono recentemente verificati nel nostro paese imponenti flussi migratori di cittadini provenienti da regioni nelle quali sono in corso conflitti che coinvolgono anche le popolazioni civili e che hanno prodotto un eccezionale incremento delle domande d’asilo.

Al fine di rendere più celere l’esame delle predette istanze sono state istituite ulteriori sezioni della Commissioni Territoriali per il riconoscimento dello Status di rifugiato, tra cui  - con  decreto del Ministro dell’Interno del 26 gennaio 2015 -  quella di Perugia, sezione staccata della Commissione Territoriale per il Riconoscimento della Protezione Internazionale di Firenze. L’organismo, competente sulle istanze inoltrate alle Questure di Perugia, Terni ed Arezzo, sarà presieduto da un Dirigente della Carriera Prefettizia, assistito da un Dirigente della Polizia di Stato, da un  rappresentante del sistema delle autonomie e dall’ACNUR e svolgerà le previste audizioni dei richiedenti asilo per la concessione dello status di rifugiato.

I lavori della Sezione, che riguarderanno l’esame di oltre 1.000 istanze, prenderanno avvio nel prossimo mese di marzo e si svolgeranno nella sede distaccata della Prefettura di Perugia di Via Colomba n. 2, dove è stato allestito un ufficio appositamente dedicato sia all’attività di back office, sia alle sessioni di intervista dei soggetti richiedenti asilo.

 

Perugia, 27 febbraio 2015
Pubblicato il 27/02/2015
Ultima modifica il 27/02/2015 alle 14:42:26

 Protocollo d’intesa tra Prefettura di Perugia e l’Università per Stranieri per corsi di formazione civica a 630 studenti cinesi

E’ stato sottoscritto ieri in Prefettura, tra il Prefetto di Perugia Antonella De Miro ed il Rettore della Università per Stranieri Giovanni Paciullo, un protocollo d’intesa per consentire agli studenti cinesi iscritti all’Ateneo di fruire dei corsi di formazione civica, previsti dalla Direttiva del Ministero dell’Interno di concerto con il Ministero per la cooperazione internazionale e l’immigrazione per gli stranieri che stipulano l’accordo di integrazione. L’intesa, che nasce dalla esigenza manifestata dalla Università per Stranieri di poter offrire presso la propria struttura,  un corso di formazione civica agli studenti cinesi anche al fine di agevolarne la  speditezza dei percorsi, prevede in particolare, la messa a disposizione su supporto informatico, da parte della Prefettura, del pacchetto formativo multimediale predisposto dal Ministero dell’Interno, articolato in 5 moduli d’apprendimento tradotti in ciascuna della lingue previste dall’accordo di integrazione nonché la diffusione di ogni utile informazione al riguardo attraverso i Consigli territoriali per l’Immigrazione ed i mezzi istituzionali a disposizione ivi compreso il Web. L’Università per Stranieri, da parte sua, si impegna ad individuare le strutture universitarie dotate  di attrezzature idonee alla fruizione del pacchetto multimediale in cui si sostanzia il corso, a predisporre d’intesa con la Prefettura il calendario delle lezioni e ad assicurare, presso le strutture individuate, lo svolgimento delle sessioni ed a trasmettere tempestivamente alla Prefettura le attestazioni di presenza degli stranieri alle lezioni.

 
Perugia 19 febbraio 2015
 
 
IL CAPO DI GABINETTO
           (Grillo)
Pubblicato il :

 Perugia, fronte unito contro la droga

Protocollo interistituzionale in materia di dipendenze, giornata di lavori per fare il punto sulle iniziative già avviate e su quelle di prossima realizzazione
 
Un fronte comune per una sempre più efficace azione di prevenzione e contrasto dei fenomeni collegati al consumo di sostanze stupefacenti: è il messaggio della giornata sul tema “Comunicare, condividere, partecipare”, svoltasi a Palazzo Donini a Perugia nel quadro di un progetto di cooperazione interistituzionale in materia di dipendenze portato avanti dalla Prefettura insieme ad un’ampia platea di partners istituzionali.
 
Qui sotto il testo completo del comunicato stampa
Pubblicato il 17/02/2015
Ultima modifica il 18/02/2015 alle 11:00:51

 Sottoscritta stamattina in Prefettura un’intesa tra le due Prefetture dell’Umbria e la Regione per lo svolgimento delle prossime elezioni regionali.

E’ stato sottoscritto stamattina in Prefettura, con il Prefetto di Perugia Antonella De Miro, in qualità di Rappresentante dello Stato per i rapporti con il sistema delle autonomie in Umbria, e la Presidente della Regione Catiuscia Marini, il protocollo d’intesa con il quale le Prefetture di Perugia e Terni forniranno, sulla base del principio della leale collaborazione tra Stato e Regione, consulenza tecnico-giuridica in materia elettorale in vista delle prossime elezioni regionali.

Gli uffici regionali, in particolare, potranno avvalersi della attività di consulenza delle Prefetture per quanto riguarda la legislazione elettorale nazionale, ferma restando la competenza interpretativa della Regione per la legislazione elettorale regionale nonchè per l’apposizione da parte degli uffici regionali del “ Visto si stampi” sulle schede di votazione e sui manifesti delle candidature ammesse. 

Presso la Prefettura di Perugia sarà inoltre istituito  un organismo di raccordo composto da rappresentanti della Regione Umbria e delle Prefetture, cui spetterà il compito di risolvere eventuali dubbi interpretativi delle procedure.

Alla Regione Umbria, cui comunque compete in via esclusiva la gestione giuridico-amministrativa del procedimento elettorale, spetterà il compito di svolgere tutti gli adempimenti non espressamente affidati alle Prefetture, oltre che garantite la copertura finanziaria per lo svolgimento delle elezioni regionali, ivi comprese quelle derivanti dall’applicazione dell’intesa.

 

Perugia 17 febbraio 2015
Pubblicato il 17/02/2015
Ultima modifica il 18/02/2015 alle 11:04:52

 COMUNICATO STAMPA - 10 Febbraio 2015 "giorno del Ricordo", iniziativa in Prefettura

COMUNICATO STAMPA

10 febbraio 2015 – “Giorno del Ricordo”, iniziativa in Prefettura

 Si è tenuta questa mattina in Prefettura, alla presenza dell’Assessore regionale Fabrizio Bracco e dell’Assessore  del Comune di Perugia Anna Maria Severini un’iniziativa per celebrare il “Giorno del Ricordo”, istituito con legge 30 marzo 2004, n. 92, per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.”Il Prefetto ,nel suo breve intervento introduttivo ha sottolineato l’importanza della conoscenza di una pagina triste e drammatica della nostra storia contemporanea per una piena comprensione  di quegli eventi tragici, sinora purtroppo trascurati dalla memoria collettiva.” Occorre fare memoria per conoscere- ha proseguito il Prefetto-  e liberare i popoli dalla spirale della violenza e dell’intolleranza non può che venire dalla consapevolezza della storia e trovare piena cittadinanza tra le nuove generazioni.

E’ questa la direzione lungo la quale muoverci. Il cammino che ci aspetta come cittadini europei dopo le lotte e le divisioni del passato non può che essere quello di una sempre più forte alleanza per costruire un futuro di pace. Ogni parola ed ogni azione di memoria non può che tendere alla riconciliazione.”

Nel salone Bruschi, ospiti gli studenti del Liceo Scientifico G. Alessi e dell’Istituto Tecnico Tecnologico A. Volta di Perugia, il Prof. Gabriele Rigano, docente di storia dell’Europa contemporanea presso l’Università per Stranieri di Perugia, ha svolto una interessante e molto apprezzata lectio sul tema, ricostruendo la complessa vicenda del confine orientale che, partendo dalla annessione, in età napoleonica, della Repubblica di Venezia all’Impero Austro-Ungarico, esplode in maniera dirompente agli inizi del novecento con l’affermarsi delle ideologie nazionaliste e la cui tragedia si consuma alla fine del secondo conflitto mondiale .Il Prof. Rigano, infine,  sottolinea ai giovani l’importanza di vivere oggi loro nella dimensione dell’Europa unita.

La Prof.ssa Giuliana Grego Bolli, docente di Language Testing presso l’Università per Stranieri di Perugia, figlia del prof. Marcello Grego, profugo istriano, perugino di adozione, scomparso nel 2004, autore di un manoscritto sulla storia dell’Istria dal titolo “Memorie e Riflessioni sull’Esodo Istriano”, pubblicato dal Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, ha dato voce attraverso la lettura di alcuni passi del libro alle memorie del padre, testimone diretto e protagonista della amara, tragica diaspora dei profughi istriani.

La cerimonia si è conclusa con la consegna al Maestro Lorenzo Fonda, noto artista perugino, della medaglia commemorativa conferita, con decreto del Capo dello Stato, al nonno, sig. Giusto Matani, vittima delle Foibe.

 Per l’occasione, l’artista ha realizzato un  grande dipinto su tela, esposto nel Salone Bruschi durante la cerimonia, con il quale ha inteso rappresentare la ferita e la lacerazione dell’anima che, inespressa per lungo tempo, trova ora sfogo.

Il Maestro Fonda, nel suo intervento, ha esposto il pensiero dei profughi istriani per i quali “il giorno del ricordo è il giorno del non ricordo, del desiderio di dimenticare, tanta è oppressiva e dilaniante  la memoria di quei tragici giorni, ma non per questo bisogna nascondere, soprattutto ai più giovani, verità storiche che hanno riguardato dolorosamente centinaia di migliaia di persone, tra cui anziani e bambini.”

 

Perugia, 10 febbraio 2015,

Il Capo di Gabinetto

(Grillo)

 

Pubblicato il 11/02/2015
Ultima modifica il 11/02/2015 alle 10:07:06

 COMUNICATO STAMPA - 10 febbraio 2015 – “Giorno del Ricordo”, iniziativa in Prefettura

COMUNICATO STAMPA

10 febbraio 2015 – “Giorno del Ricordo”, iniziativa in Prefettura

Il prossimo 10 febbraio si celebrerà in Italia il “Giorno del Ricordo”, istituito con legge 30 marzo 2004, n. 92, per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

In tale ricorrenza, nell’ambito delle iniziative volte a favorire, soprattutto tra i giovani, la conoscenza della vicenda storica in questione, alle ore 10.30, presso il Salone “ Bruschi” della Prefettura, studenti del Liceo Scientifico G. Alessi e dell’Istituto Tecnico Tecnologico A. Volta di Perugia assisteranno ad una lectio del prof. Valerio De Cesaris, docente di storia contemporanea presso l’Università per Stranieri di Perugia. Sarà altresì presente, per una testimonianza, la prof.ssa Giuliana Grego Bolli, docente di Language Testing presso l’Università per Stranieri di Perugia, figlia del prof. Marcello Grego, profugo istriano, perugino di adozione, scomparso nel 2004, autore di un manoscritto sulla storia dell’Istria dal titolo “Memorie e Riflessioni sull’Esodo Istriano”, pubblicato dal Centro di Ricerche Storiche di Rovigno.

Nel corso della mattinata, verrà consegnata al Maestro Lorenzo Fonda, noto artista perugino, la medaglia commemorativa conferita, con decreto del Capo dello Stato, al nonno, sig. Giusto Matani, vittima delle Foibe.

E’ gradita la presenza degli organi di informazione.

 Perugia, 7 febbraio 2015

L’Addetto Stampa

Baldoni

Pubblicato il 09/02/2015
Ultima modifica il 09/02/2015 alle 08:58:56

 Comunicato stampa 31 gennaio 2015

COMUNICATO STAMPA

 

 

Incontro di serie D di calcio Foligno-Bastia, disposto l’obbligo di vendita dei biglietti ai soli residenti nel Comune di Foligno

 

            In occasione dell’incontro di calcio di serie D Foligno-Bastia, in programma domenica 8 febbraio 2015, la società Foligno Calcio s.r.l. avrà l’obbligo di vendere i biglietti di ingresso allo stadio ai soli residenti nel Comune di Foligno.

E’ quanto disposto oggi dal Prefetto di Perugia, sentito il Questore, a fini di tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico. Il provvedimento accoglie le indicazioni in tal senso formulate dal Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive con delibera del 29 gennaio u.s., che ha individuato il predetto incontro fra quelli connotati da elevati profili di rischio per i quali non vige il programma “tessera del tifoso”.

 

Perugia, 31 gennaio 2015

f.to   L’ADDETTO STAMPA

                                                                                                           

 

Pubblicato il 02/02/2015
Ultima modifica il 04/02/2015 alle 10:11:42

 
Torna su